La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Didattica del dribbling Premessa DIDATTICA: si intende parte della pedagogia che tratta degli insegnamenti e dei relativi metodi, cioè è quel percorso.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Didattica del dribbling Premessa DIDATTICA: si intende parte della pedagogia che tratta degli insegnamenti e dei relativi metodi, cioè è quel percorso."— Transcript della presentazione:

1 Didattica del dribbling Premessa DIDATTICA: si intende parte della pedagogia che tratta degli insegnamenti e dei relativi metodi, cioè è quel percorso di apprendimento facilitato e progressivo che permette anche ai meno dotati di apprendere qualcosa di non compreso o conosciuto. Sostanzialmente ci sono degli allievi che osservano un gesto e riescono a ripeterlo dopo poco tempo, altri che hanno bisogno di più tempo ed alcuni che non ci riescono affatto. Pertanto è possibile incontrare, da una parte degli allievi, difficoltà e insicurezza nello svolgere la varietà di movimenti delle complesse proposte del dribbling. Di fronte gli errori si tende a demoralizzarsi ed a perdere fiducia. Listruttore quindi, deve saper proporre dei percorsi semplificati per accompagnare lapprendimento dellallievo sempre con dei piccoli successi.

2 Apprendere parti di movimenti del gesto tecnico permette di procedere con una progressività delle difficoltà in modo da mantenere molto alti i successi rispetto gli insuccessi. Pertanto proporre percorsi facilitati può tenere alte le motivazioni ad apprendere di quei ragazzi in difficoltà, ma che possono, a piccoli passi, raggiungere ugualmente gli obiettivi. Questo metodo di procedere scomponendo le parti dei dribbling più complessi permette a molti allievi imparare. La didattica del dribbling

3 Si avvale di due fasi : 1 ) la prima fase è di approccio e di acquisizione degli schemi motori. Soprattutto necessaria per quella categoria di allievi di minori abilità coordinative e che non imparano facilmente solo attraverso limitazione del gesto tecnico. E composta dai seguenti punti : a) forme frammentate di movimenti in spazio libero (per comprendere il gesto inizialmente anche senza la palla) es. parti del gesto e di spostamenti dei piedi che richiamino il gesto da apprendere; come lo scavalcamento di una cinesino con le gambe, spostare i piedi vicino la palla. Questi movimenti inizialmente si possono eseguire lentamente per la comprensione del gesto ed in seguito effettuati sempre più rapidamente per migliorare la sincronizzazione e la fluidità delle diverse tecniche di gestire la palla. La didattica del dribbling Segue

4 b) forma libera di movimento completo senza ostacoli con variazione della misura e del peso attrezzo palla (palla: spugna, tennis, gomma, cuoio etc...). In questa fase vengono utilizzati molto gli stimoli propriocettivi riferiti alla capacità di modulare gli impulsi muscolare adeguandoli al compito motorio che cambia nel peso e nella grandezza dellattrezzo; mentre lo schema motorio del gesto si raffina e si automatizza. c) forma di maggior velocità esecutiva e di ripetizione, per lautomatizzazione del gesto tecnico. In questa fase il fondamentale deve acquisire una precisione e velocità esecutiva molto vicina a quella con cui avverrà durante la competizione in partita. Lesecuzione, in questa fase, deve acquisire una grande fluidità di movimento in tutte le sue componenti. La didattica del dribbling

5 d) forme con ostacoli statici anche di grandezze diverse: cinesini, coni, paletti. Durante questa fase addestrativa con lutilizzo di piccoli ostacoli si cerca di intervenire per stimolare i tempi di esecuzione del gesto tecnico. Lallievo deve capire quando deve eseguire quel determinato fondamentale. Di conseguenza lesecuzione del gesto tecnico non è più legata alla casualità di quando il giocatore si sente di utilizzarla liberamente, ma alla necessità di decidere il momento giusto per effettuarla leggendo i messaggi esterni della situazione di campo. La didattica del dribbling

6 e) forme di attività con ostacoli mobili, cioè che creano il quando eseguire il gesto tecnico. In questa fase nelle situazioni di 1:1, si avrà progressivamente lavversario: passivo, semi – attivo ed infine attivo come previsto nella tabella n° 1. La didattica del dribbling PROPOSTA DIDATTICA ATTA A STIMOLARE ED AFFINARE LE FINTE E DRIBBLING CON AVVERSARIO : PASSIVO - cioè disturba lazione unicamente con la presenza senza intervenire SEMI ATTIVO – cioè chiude lo spazio ed interviene parzialmente sul portatore palla ATTIVO - cioè interviene per entrare in possesso della palla Tab. 1

7 2 ) nella seconda fase, nelle proposte didattiche, si ricerca: la coordinazione spazio/temporale con i compagni in relazione agli avversari e allottimizzazione del possesso di palla Esempio: proponendo delle partitelle di 3>3, dove si richiede di liberare la fantasia sul 1>1 provando ad applicare liberamente ed in situazioni di gioco ciò che precedentemente è stato trattato a livello analitico, oppure l1>1 viene proposto magari prima di una conclusione a rete o per accedere ad una zona franca. Nelle situazioni di 1<1 con tiro in porta lavversario, di volta in volta, deve giungere di fronte, di lato, da dietro o in diagonale simulando ciò che avviene in partita. La didattica del dribbling

8 Varianti dello spazio e delle attrezzature atte a sviluppare 1<1 : SPAZI AMPI PER LATTACCANTE SPAZI AMPI PER IL DIFENSORE / PORTIERE SPAZI LIMITATI PER LATTACCANTE SPAZI LIMITATI PER IL PORTIERE PORTE PIU PICCOLE O PIU GRANDI DEL NORMALE IL PORTIERE CHE DIFENDE DUE PORTICINE A BREVE DISTANZA IL PORTIERE CHE DIFENDE UNA PORTA BILATERALE Tab. 3 La didattica del dribbling

9 Un aspetto che suscita interesse da parte dei giovani calciatori è associare la finta ed il dribbling al superamento del diretto avversario e del portiere (Tab. 4). Le proposte didattiche devono avvalersi di situazioni in cui il giocatore sviluppa questo particolare momento tecnico : La didattica del dribbling

10 SFIDA DI 1<1 SUL PORTIERE CON ATTACCANTE CHE PROVIENE: DI FRONTE - LATERALMENTE - IN DIAGONALE SFIDA DI 1<1 SUL PORTIERE CON: AZIONE CHE SI SVILUPPA PENALIZZANDO IL PORTIERE IN UN TEMPO DI GIOCO (RITARDO PER UN MOVIMENTO) PORTIERE PARTE NELLAZIONE DIFENSIVA DOPO UNA RESPINTA LATTACCANTE CHE UTILIZZA SOLO IL PIEDE PIU ABILE LATTACCANTE CHE UTILIZZA SOLO IL PIEDE MENO ABILE LATTACCANTE CHE DEVE REALIZZARE LA RETE IN UN TEMPO PRESTABILITO LATTACCANTE CHE DEVE SEGNARE SOLO IN UN SETTORE BEN DEFINITO DELLA PORTA Tab. 4

11 Difensore posto di fronte – si possono utilizzare quei dribbling con finte di corpo, di gambe o di palla che tendono a scavalcare e superare lavversario oppure a liberare il fronte di gioco per un passaggio (es. affondo, forbice a composta, il taglio di interno o di esterno, rotazione sulla palla etc…) Difensore posto di fianco – si possono utilizzare quei dribbling con finte di palla che hanno il compito di cambiare direzione per saltare lavversario oppure per effettuare una protezione della palla (es. palla dga, richiamo a V, forbice di esterno) Difensore posto alle spalle – a) da fermo – si utilizza quei dribbling con finte di corpo o di palla che permettono di lasciarlo sulle gambe per superarlo (es. forbice a rientrare, taglio di interno o palla dga) b) in movimento – si utilizza quei dribbling con finte di corpo o di palla che ti indirizzano da una parte per scappare dallaltra (es. forbice a rientrare, la forbice semplice di esterno, la palla dga) La didattica del dribbling

12 DRIBBLING NOMENCLATURA E CLASSIFICAZIONE 1.AFFONDO 2.DOPPIO AFFONDO 3.CAMBIO DIREZIONE 180° 4.DOPPIO SCAVALCAMENTO O CAFÚ 5.FORBICE DOPPIA 6.FORBICE COMPOSTA 7.FORBICE A RIENTRARE DI 180° 8.FORBICE SEMPLICE DI ESTERNO 9.FORBICE SEMPLICE DI INTERNO 10.GIRAVOLTA 11.PALLA DIETRO LA GAMBA DAPPOGGIO 12.RICHIAMO A V 13.RICHIAMO DI 180° 14.ROTAZIONE SULLA PALLA 15.SOSPENSIONE E RIPARTENZA 16.SUOLA CON FORBICE 17.TAGLIAFUORI 18.TAGLIO DI ESTERNO 19.TAGLIO DI INTERNO 20.UNO-DUE DIETRO LA GAMBA DAPPOGGIO 21.UNO-DUE ESTERNO-INTERNO (ELASTICO) - FINTA DI CORPO - FINTA CON PALLA - FINTA DI GAMBE - FINTA DI CORPO - FINTA CON PALLA - FINTA DI GAMBE - FINTA CON PALLA - FINTA DI CORPO - FINTA CON PALLA

13 Le finte di corpo : si sviluppano con un movimento anticipato del corpo per ingannare lavversario ed indurlo ad agire con un movimento e sfruttare quel tempo di gioco per liberarsi. Le finta di gambe : sono movimenti veloci degli arti inferiori (scavalcamenti della palla etc...) che servono a sorprendere lavversario facendole perdere la concentrazione dalla palla. Le finta con palla : consiste nello spostare velocemente la sfera per offrirla allavversario per poi toglierla rapidamente o coprirla con il corpo nascondendola per impedire un intervento. Nel primo caso si induce un avversario sbagliare il tempo di entrata. Nel secondo a non farlo intervenire. FINTA E DRIBBLING - CLASSIFICAZIONE

14 Le finte di corpo : si sviluppano con un movimento anticipato del corpo per ingannare lavversario ed indurlo ad agire con un movimento e sfruttare quel tempo di gioco per liberarsi cambiando rapidamente direzione. Le finte di corpo senza palla possono essere effettuate : a) prima del passaggio del compagno b) dopo il passaggio del compagno Nel primo caso con la finta si cerca di guadagnare un tempo di gioco per togliersi dalla pressione dellavversario e conquistare uno spazio, dove ricevere la palla, prima che questi possa intervenire. Nel secondo caso quando la sfera è partita ed il ricevente possiede un leggero vantaggio : - semplicemente sbilanciarlo per ritardarlo oppure fargli credere di andare in una direzione con la palla e invece cambiare rapidamente direzione ed andare in unaltra. FINTA E DRIBBLING

15 Finta di corpo : AFFONDO - DOPPIO AFFONDO - GIRAVOLTA - TAGLIO DI INTERNO - TAGLIO DI ESTERNO – TAGLIAFUORI - Finta di gambe : DOPPIO SCAVALCAMENTO O CAFÚ - FORBICE DOPPIA - FORBICE COMPOSTA - FORBICE A RIENTRARE DI 180° - FORBICE SEMPLICE DI ESTERNO - FORBICE SEMPLICE DI INTERNO - SOSPENSIONE E RIPARTENZA - Finta con palla : CAMBIO DIREZIONE 180° - PALLA DIETRO LA GAMBA DAPPOGGIO – RICHIAMO A V - RICHIAMO DI 180° - ROTAZIONE SULLA PALLA – SUOLA CON FORBICE - UNO-DUE DIETRO LA GAMBA DAPPOGGIO - UNO-DUE ESTERNO-INTERNO (ELASTICO) FINTA E DRIBBLING - CLASSIFICAZIONE

16 DRIBBLING - Affondo Descrizione del gesto tecnico: Il giocatore attua una veloce guida della palla effettuando una serie di rapidi tocchi con lesterno del piede. Nel momento in cui decide di applicare la finta; lallievo in appoggio sul piede sx., sposta il peso del corpo verso dx.; in tal modo, carica la gamba dappoggio dx. oltre la palla abbassando così il baricentro. Nel movimento successivo, il giocatore, per superare lavversari e concludere la finta, dovrà velocemente impostare la palla verso sinistra utilizzando lesterno del piede sx. Allo stesso modo si propone la finta dalla parte opposta per favorire la bilateralità e lacquisizione del gesto tecnico.

17 DRIBBLING - Doppio affondo Descrizione del gesto tecnico: Questo gesto tecnico è composto da una simmetrica e doppia azione. Nella prima fase della finta, lallievo carica il peso del corpo sul piede dx. attuando il primo affondo alla sua sx ; in seguito, spinge sulla gamba sx per effettuare il secondo affondo. Da questa posizione, in appoggio sul piede dx, il giocatore esegue una nuova spinta verso sx accompagnando, questa volta la palla, con lesterno del piede sx. Il gesto, si conclude con un semplice tocco di interno piede sx. finalizzato a conquistare spazio in avanti.


Scaricare ppt "Didattica del dribbling Premessa DIDATTICA: si intende parte della pedagogia che tratta degli insegnamenti e dei relativi metodi, cioè è quel percorso."

Presentazioni simili


Annunci Google