La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Legislazione Aspetti normativi del sistema di erogazione dei servizi sanitari e sociosanitari, con particolare riferimento allassistenza residenziale e.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Legislazione Aspetti normativi del sistema di erogazione dei servizi sanitari e sociosanitari, con particolare riferimento allassistenza residenziale e."— Transcript della presentazione:

1 Legislazione Aspetti normativi del sistema di erogazione dei servizi sanitari e sociosanitari, con particolare riferimento allassistenza residenziale e semiresidenziale a disabili gravi e ad anziani non autosufficienti. INDICE: Articolo 32 della Costituzione Legge 833/78 istitutiva del Servizio Sanitario Nazionale Principi fondamentali del sistema sanitario Aziendalizzazione del sistema sanitario Decreti legislativi n. 502/92 e n. 229/99 Strumenti di programmazione sanitaria Livelli essenziali di assistenza D.PC.M. 29 novembre 2001 e s.m. e i. Soggetti erogatori Integrazione sociosanitaria

2 Lart. 32 Cost. nel sancire la tutela della salute come diritto fondamentale dellindividuo e interesse della collettività, diritto fondamentale dellindividuo e interesse della collettività, di fatto obbliga lo Stato a promuovere ogni opportuna iniziativa alla migliore tutela in termini di generalità e di globalità.

3 I tre grandi pilastri normativi: Legge , n. 833, che istituisce il Servizio Sanitario Nazionale Legge , n. 833, che istituisce il Servizio Sanitario Nazionale Decreto legislativo , n. 502 di riordino della disciplina in materia sanitaria Decreto legislativo , n. 502 di riordino della disciplina in materia sanitaria Decreto legislativo , n. 229 recante norme per la razionalizzazione del Servizio Sanitario Nazionale Decreto legislativo , n. 229 recante norme per la razionalizzazione del Servizio Sanitario Nazionale

4 Il Servizio Sanitario Nazionale Il Servizio Sanitario Nazionale E il complesso delle funzioni, delle strutture, dei servizi e delle attività destinate alla promozione, al mantenimento ed al recupero della salute fisica e psichica di tutta la popolazione senza distinzione alcuna e secondo modalità che assicurino leguaglianza dei cittadini verso il servizio.

5 Principi fondamentali del SSN responsabilità pubblica della tutela della salute responsabilità pubblica della tutela della salute universalità ed equità di accesso ai servizi sanitari universalità ed equità di accesso ai servizi sanitari globalità di copertura in base alle necessità assistenziali globalità di copertura in base alle necessità assistenziali finanziamento pubblico attraverso la fiscalità generale finanziamento pubblico attraverso la fiscalità generale portabilità dei diritti in tutto il territorio nazionale portabilità dei diritti in tutto il territorio nazionale reciprocità di assistenza con le altre regioni. reciprocità di assistenza con le altre regioni.

6 Laziendalizzazione dei soggetti erogatori dei servizi del SSN … Lazienda è divenuta la forma di gestione tipizzata dei soggetti erogatori pubblici del sistema sanitario. Lazienda è divenuta la forma di gestione tipizzata dei soggetti erogatori pubblici del sistema sanitario. Le USL e le aziende ospedaliere si sono trasformate in aziende pubbliche dotate di autonomia imprenditoriale, con organizzazione e funzionamento disciplinati da un atto aziendale di diritto privato, ma in realtà sono rimaste enti pubblici, che svolgono servizi pubblici. Le USL e le aziende ospedaliere si sono trasformate in aziende pubbliche dotate di autonomia imprenditoriale, con organizzazione e funzionamento disciplinati da un atto aziendale di diritto privato, ma in realtà sono rimaste enti pubblici, che svolgono servizi pubblici. Esse dunque hanno una gestione economico-finanziaria e patrimoniale basata sullo schema aziendalistico, informata a: Esse dunque hanno una gestione economico-finanziaria e patrimoniale basata sullo schema aziendalistico, informata a: CRITERI DI EFFICIENZA, EFFICACIA ED CRITERI DI EFFICIENZA, EFFICACIA ED ECONOMICITA ECONOMICITA

7 Decreti legislativi n. 502/92 e n. 229/99 Le aziende sanitarie locali hanno il compito di assicurare livelli di assistenza sanitaria uniformi in un contesto territoriale ben definito dalle rispettive Regioni. Le aziende sanitarie locali hanno il compito di assicurare livelli di assistenza sanitaria uniformi in un contesto territoriale ben definito dalle rispettive Regioni. Le aziende ospedaliere erogano prestazioni specialistiche, ospedaliere e di riabilitazione non in un ambito territoriale di riferimento e di utenza predeterminata. Le aziende ospedaliere erogano prestazioni specialistiche, ospedaliere e di riabilitazione non in un ambito territoriale di riferimento e di utenza predeterminata.

8 LE RISORSE … Le ASL dipendono quasi totalmente dal fondo regionale sanitario. Esse vengono assegnate dalla Regione in base a parametri quali ad es. la popolazione residente, i tassi di anzianità e di mortalità. Le ASL dipendono quasi totalmente dal fondo regionale sanitario. Esse vengono assegnate dalla Regione in base a parametri quali ad es. la popolazione residente, i tassi di anzianità e di mortalità. I deficit eventuali delle aziende sanitarie rimangono a carico della Regione che può reperire risorse nel proprio bilancio attraverso misure di fiscalità sia generale che specificatamente sanitaria (es. maggiorazione ticket ecc.) I deficit eventuali delle aziende sanitarie rimangono a carico della Regione che può reperire risorse nel proprio bilancio attraverso misure di fiscalità sia generale che specificatamente sanitaria (es. maggiorazione ticket ecc.) Legislazione

9 Strumenti di programmazione sanitaria I livelli minimi di assistenza, che devono essere garantiti a tutti i cittadini uniformemente su tutto il territorio, sono fissati dal Piano Sanitario Nazionale (PSN), adottato dal governo sulla base anche delle proposte delle regioni, in relazione alle esigenze territoriali. I livelli minimi di assistenza, che devono essere garantiti a tutti i cittadini uniformemente su tutto il territorio, sono fissati dal Piano Sanitario Nazionale (PSN), adottato dal governo sulla base anche delle proposte delle regioni, in relazione alle esigenze territoriali. Ogni regione adotta il Piano Sanitario regionale (PSR), che rappresenta il piano strategico degli interventi per gli obiettivi di salute e per il funzionamento dei servizi, in conformità di quanto stabilito con il PSN. Ogni regione adotta il Piano Sanitario regionale (PSR), che rappresenta il piano strategico degli interventi per gli obiettivi di salute e per il funzionamento dei servizi, in conformità di quanto stabilito con il PSN.

10 Livelli essenziali di assistenza D.PC.M. 29 novembre 2001 e s.m. e i. Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro: tutte le attività di prevenzione rivolte alle collettività ed ai singoli Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro: tutte le attività di prevenzione rivolte alle collettività ed ai singoli Assistenza distrettuale le attività e i servizi sanitari e sociosanitari diffusi capillarmente sul territorio Assistenza distrettuale: le attività e i servizi sanitari e sociosanitari diffusi capillarmente sul territorio Assistenza ospedaliera: garantisce il ricovero in ospedale per la diagnosi e la cura delle malattie che richiedono interventi d'urgenza o emergenza, e delle malattie acute che non possono essere affrontate in ambulatorio o a domicilio. Assistenza ospedaliera: garantisce il ricovero in ospedale per la diagnosi e la cura delle malattie che richiedono interventi d'urgenza o emergenza, e delle malattie acute che non possono essere affrontate in ambulatorio o a domicilio.

11 Soggetti erogatori Le prestazioni erogabili sono fornite sia da strutture pubbliche che da soggetti privati e privati senza scopo di lucro. La normativa prevede una articolata relazione tra soggetti erogatori privati e Servizio sanitario che individua i propri elementi costitutivi : Le prestazioni erogabili sono fornite sia da strutture pubbliche che da soggetti privati e privati senza scopo di lucro. La normativa prevede una articolata relazione tra soggetti erogatori privati e Servizio sanitario che individua i propri elementi costitutivi : nell autorizzazione nell autorizzazione nellaccreditamento istituzionale nellaccreditamento istituzionale negli accordi contrattuali La relativa disciplina è di competenza legislativa regionale La relativa disciplina è di competenza legislativa regionale

12 AUTORIZZAZIONI Le autorizzazioni costituiscono il requisito di base per lapertura e lesercizio delle attività sanitarie o sociosanitarie e vengono concesse solo laddove sussistano standard minimi di sicurezza e qualità delle prestazioni. Le autorizzazioni costituiscono il requisito di base per lapertura e lesercizio delle attività sanitarie o sociosanitarie e vengono concesse solo laddove sussistano standard minimi di sicurezza e qualità delle prestazioni. Le autorizzazioni si applicano: alla costruzione di nuove strutture alladattamento di quelle già esistenti e alla loro diversa utilizzazione allampliamento o alla trasformazione e al trasferimento in altra sede di strutture già autorizzate.

13 ACCTEDITAMENTO Laccreditamento istituzionale costituisce il presupposto per lesercizio di attività sanitarie per conto del Servizio sanitario nazionale Laccreditamento istituzionale costituisce il presupposto per lesercizio di attività sanitarie per conto del Servizio sanitario nazionale è rilasciato dalla regione al quelle strutture preventivamente autorizzate che garantiscono requisiti di qualificazione, funzionalità rispetto agli indirizzi di programmazione regionale e verifica positiva dellattività svolta e dei risultati raggiunti. è rilasciato dalla regione al quelle strutture preventivamente autorizzate che garantiscono requisiti di qualificazione, funzionalità rispetto agli indirizzi di programmazione regionale e verifica positiva dellattività svolta e dei risultati raggiunti.

14 ACCORDI CONTRATTUALI Gli accordi contrattuali consentono alle strutture, preventivamente autorizzate ed oggetto di accreditamento istituzionale, lesercizio di attività sanitarie a carico del Servizio sanitario nazionale. Gli accordi contrattuali consentono alle strutture, preventivamente autorizzate ed oggetto di accreditamento istituzionale, lesercizio di attività sanitarie a carico del Servizio sanitario nazionale. La stipula di tali accordi attribuisce ai soggetti potenziali erogatori per conto del Servizio sanitario nazionale la qualifica di concessionari del pubblico servizio sanitario. La stipula di tali accordi attribuisce ai soggetti potenziali erogatori per conto del Servizio sanitario nazionale la qualifica di concessionari del pubblico servizio sanitario.

15 Lintegrazione sociosanitaria Attività rivolte a persone che presentano bisogni di salute che richiedono prestazioni sanitarie ed azioni di protezione sociale. Attività rivolte a persone che presentano bisogni di salute che richiedono prestazioni sanitarie ed azioni di protezione sociale. La Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali (legge 328/2000) in particolare, si è posta il problema del raccordo tra distretto sanitario e zona sociale, imponendo, sul piano organizzativo, la creazione di ambiti adeguati, attraverso il coordinamento o la coincidenza delle due articolazioni territoriali, così da favorire una reale integrazione socio-sanitaria. La Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali (legge 328/2000) in particolare, si è posta il problema del raccordo tra distretto sanitario e zona sociale, imponendo, sul piano organizzativo, la creazione di ambiti adeguati, attraverso il coordinamento o la coincidenza delle due articolazioni territoriali, così da favorire una reale integrazione socio-sanitaria.

16 Lintegrazione sociosanitaria Il compito di garantire lintegrazione sociosanitaria è attribuito al distretto sanitario, articolazione organizzativa dellA.S.L. Il compito di garantire lintegrazione sociosanitaria è attribuito al distretto sanitario, articolazione organizzativa dellA.S.L. I Comuni afferenti al distretto sanitario predispongono dintesa con lAzienda sanitaria locale il Piano di zona che è un documento programmatico con il quale vengono definite le politiche sociali e socio-sanitarie individuando gli obiettivi strategici, gli strumenti realizzativi e le risorse da investire. I Comuni afferenti al distretto sanitario predispongono dintesa con lAzienda sanitaria locale il Piano di zona che è un documento programmatico con il quale vengono definite le politiche sociali e socio-sanitarie individuando gli obiettivi strategici, gli strumenti realizzativi e le risorse da investire.

17 ….. in Campania ? Con legge regionale 22 aprile 2003, n. 8, sono stati disciplinati la realizzazione, l organizzazione ed il funzionamento di strutture socio-sanitarie pubbliche e private per disabili ed anziani non autosufficienti (RSA e Centri Diurni). Con legge regionale 22 aprile 2003, n. 8, sono stati disciplinati la realizzazione, l organizzazione ed il funzionamento di strutture socio-sanitarie pubbliche e private per disabili ed anziani non autosufficienti (RSA e Centri Diurni). Con deliberazione n. 2006/2004 la Regione ha definito criteri per laccesso, la fruizione e lorganizzazione delle suddette strutture. Con deliberazione n. 2006/2004 la Regione ha definito criteri per laccesso, la fruizione e lorganizzazione delle suddette strutture. Con D.G.R.C. n del 16/07/09 e successivo decreto commissariale n. 6 del 4 febbraio 2010 sono state stabilite le tariffe relative allerogazione di assistenza residenziale e semiresidenziale. Con D.G.R.C. n del 16/07/09 e successivo decreto commissariale n. 6 del 4 febbraio 2010 sono state stabilite le tariffe relative allerogazione di assistenza residenziale e semiresidenziale. Secondo quanto previsto dal DPCM 29 novembre 2001 relativo ai Livelli essenziali di assistenza, tale tipologia di attività prevede percentuali di spesa a carico del servizio sanitario e dei comuni o dell'utente. Secondo quanto previsto dal DPCM 29 novembre 2001 relativo ai Livelli essenziali di assistenza, tale tipologia di attività prevede percentuali di spesa a carico del servizio sanitario e dei comuni o dell'utente.

18 Diarie giornaliere per le prestazioni sociosanitarie erogate dalle strutture residenziali e semiresidenziali per i cittadini non autosufficienti anziani, disabili e affetti da demenze: RSA per anziani: per alto livello assistenziale: euro 104,7 per medio livello assistenziale: 90,9 RSA per demenze 105,09 RSA per disabili: per alto livello assistenziale: 115,06 per medio livello assistenziale: 92,01 Centro diurno per anziani: 57,60 Centro diurno per demenze: 62,55 Centro diurno per disabili: 69,51

19 Secondo quanto previsto dal DPCM sui Livelli Essenziali di Assistenza per tale tipologia di attivit à sanitaria, le percentuali di spesa a carico del Comune (o dell'utente) sono le seguenti: Servizi semiresidenziali: 30% per disabili gravi; 50% per anziani non autosufficienti; Servizi residenziali: 30% per disabili gravi; 60% per disabili privi di sostegno familiare; 50% per anziani non autosufficienti.


Scaricare ppt "Legislazione Aspetti normativi del sistema di erogazione dei servizi sanitari e sociosanitari, con particolare riferimento allassistenza residenziale e."

Presentazioni simili


Annunci Google