La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituzioni di economia1 La domanda. Istituzioni di economia2 LA DOMANDA LA DOMANDA Indica la quantità di un bene che un singolo individuo (o gruppo di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituzioni di economia1 La domanda. Istituzioni di economia2 LA DOMANDA LA DOMANDA Indica la quantità di un bene che un singolo individuo (o gruppo di."— Transcript della presentazione:

1 Istituzioni di economia1 La domanda

2 Istituzioni di economia2 LA DOMANDA LA DOMANDA Indica la quantità di un bene che un singolo individuo (o gruppo di individui) tende ad acquistare sotto lazione di determinate condizioni

3 Istituzioni di economia3 CONDIZIONI CHE INFLUENZANO LA DOMANDA A) GUSTI O PREFERENZE (PSICOLOGIA DEL CONSUMATORE) dipendono da come si compongono insieme formando quella che si definisce scheda psicologica sociale della domanda (tagli di carne, abbigliamento, arredamenti, ecc.). B ) REDDITO DEL CONSUMATORE (SUE POSSIBILITA DACQUISTO) La propensione a spendere è data da: Reddito vero Momentaneo incasso Cambiamenti di opinione Eredità Vincita Ottenimento di un prestito Dilazione di pagamento

4 Istituzioni di economia4 C) PREZZO DEL BENE (SACRIFICIO ECONOMICO) Verrà scelto nei limiti consentiti dal bilancio di ogni persona D) PREZZO DEGLI ALTRI BENI (ACQUISTABILI O GIA ACQUISTATI) INDUZIONE ECONOMICAINDUZIONE ECONOMICA SUCCEDANEI relazione diretta tra il prezzo di uno e la domanda dellaltro COMPLEMENTARI relazione inversa tra il prezzo di uno e la domanda dellaltro INDIPEDENTI nessuna relazione sistematica tra il prezzo di uno e la domanda dellaltro

5 Istituzioni di economia Q P LA CURVA DI DOMANDA D LEGGE DELLA DOMANDA A parità di altre condizioni, man mano che il prezzo diminuisce la quantità domandata aumenta o, viceversa, man mano che il prezzo aumenta la quantità domandata diminuisce.

6 Istituzioni di economia6 ELASTICITA misura della modificazione di una grandezza effetto al variare di una grandezza causa...

7 Istituzioni di economia7 Misura dellelasticità (): della domanda rispetto al prezzo della domanda rispetto al reddito della domanda dei beni succedanei e dei beni complementari (incrociata)

8 Istituzioni di economia8 Determinazione dellelasticità della domanda rispetto al prezzo da 0 a infinito…

9 Istituzioni di economia9 Elasticità della domanda rispetto al prezzo domanda perfettamente rigida (anelastica) = 0 domanda rigida (anelastica) >0 e <1 domanda con elasticità unitaria = 1 domanda elastica >1 domanda perfettamente elastica =

10 Istituzioni di economia elasticità< 1 elasticità= 1 elasticità> 1 Q P R Q Max Ricavo

11 Istituzioni di economia elasticità< 1 elasticità= 1 elasticità> 1 Q P R Q L elasticità è leffetto di una variazione di prezzo sulla spesa totale. Quando la domanda è elastica, la spesa totale varia nella direzione opposta alla variazione di prezzo.Quando la domanda è rigida, la spesa totale ed il prezzo si muovono entrambi nella medesima direzione. Nel punto di mezzo della curva di domanda M, la spesa totale è al suo valore massimo. M

12 Istituzioni di economia12 In definitiva: 1. Se lelasticità della domanda è maggiore di 1 (cioè la domanda è elastica), una diminuzione di prezzo determina un incremento della spesa totale dei consumatori, mentre un aumento di prezzo provoca una riduzione della spesa dei consumatori. 2. Se lelasticità è inferiore a 1 (domanda inelastica), una diminuzione di prezzo riduce la spesa totale mentre un aumento di prezzo la fa aumentare. 3. Se lelasticità è unitaria, laumento o la diminuzione del prezzo producono in ogni caso il medesimo effetto, e cioè lasciano invariata la spesa complessiva.

13 Istituzioni di economia13 La domanda tende ad essere più elastica: in presenza di un bene di lusso; quanto più lungo è il periodo considerato; quanto più elevato è il numero di beni sostituti.

14 Istituzioni di economia14 La domanda tende ad essere più rigida (anelastica) in presenza di un bene di prima necessità; quanto più breve è il periodo considerato; quanto più ridotto è il numero di beni sostituti;

15 Istituzioni di economia15 Lammontare complessivo pagato dai consumatori è pari allincasso ricevuto dai produttori di un bene considerato. RELAZIONE TRA REDDITO DEL CONSUMATORE E RICAVO DEL PRODUTTORE CON RIFERIMENTO AL BENE OGGETTO DI DOMANDA Spesa del consumatore S = P x Q Ricavo del produttore Rt = P x Q …pertanto S = Rt

16 Istituzioni di economia elasticità< 1 elasticità= 1 elasticità> 1 Q P R Q Max Ricavo Elasticità della domanda rispetto al prezzo in relazione al ricavo totale

17 Istituzioni di economia17 Lungo la curva di domanda, costituita da una retta, lelasticità varia da valori maggiori di 1 a valori minori di 1. Quando il prezzo diminuisce, la quantità domandata aumenta di quantità percentuali sempre più piccole. Perciò il ricavo (dato dal prodotto del prezzo per la quantità) prima aumenta e poi diminuisce.

18 Istituzioni di economia18 Domanda perfettamente rigida (anelastica) 5 4 Domanda Quantità un aumento del prezzo …non fa variare la quantità. Prezzo

19 Istituzioni di economia19 Domanda perfettamente elastica 4 Quantità 0 Prezzo Domanda Al prezzo di 4, i consumatori comprano qualsiasi quantità ? ?

20 Istituzioni di economia20 Domanda con elasticità unitaria 5 4 Domanda Quantità 1000 Prezzo …porta a una diminuzione della domanda del 22,2% 1. un aumento del 22.2% del prezzo (Calcolata con il metodo del punto medio)

21 Istituzioni di economia21 Domanda elastica 5 4 Domanda Quantità 100 Prezzo un aumento del 22.2% del prezzo 2. …porta a una diminuzione della domanda del 66,7%

22 Istituzioni di economia22 Domanda rigida (anelastica) 5 4 Quantità Domanda 1. un aumento del 22.2% del prezzo Prezzo 2. …porta a una diminuzione della domanda del 10,5%

23 Istituzioni di economia23 Il calcolo dell elasticità in entrambi i modi così procede: 5 4 Domanda Quantità 1000 Prezzo 50

24 Istituzioni di economia24 Elasticità della domanda rispetto al prezzo e ricavo totale 4 Domanda Quantità P 0 Prezzo PQ = Q

25 Istituzioni di economia25 Elasticità della domanda rispetto al prezzo (domanda elastica) se il prezzo aumenta … RT = RT = 200 Prezzo Quantità Domanda …. il ricavo diminuisce

26 Istituzioni di economia RT = RT = Elasticità della domanda rispetto al prezzo (domanda anelastica) se il prezzo aumenta ….. Prezzo Domanda Quantità …. il ricavo aumenta

27 Istituzioni di economia27

28 Istituzioni di economia28 DOMANDA DI MERCATO DI UN BENE E la somma orizzontale delle curve di domanda di tutti i consumatori individuali nel mercato solo se le decisioni di consumo sono indipendenti, altrimenti possono aversi: EFFETTO CARROZZONE acquisto di un bene per essere alla moda e non sentirsi emarginati curva di mercato della domanda: più piatta o più elastica del normale. EFFETTO SNOB non acquisto di un bene quando questo diviene di consumo diffuso curva di mercato della domanda: più ripida o meno elastica del normale. EFFETTO VEBLEN acquisto di beni di lusso (es. diamanti, Rolls Royce, ecc.) curva di mercato della domanda: più ripida.

29 Istituzioni di economia29 EFFETTO REDDITO La diminuzione del prezzo di un prodotto fa aumentare il potere dacquisto del reddito del consumatore, consentendogli di comprare una quantità maggiore del prodotto stesso. EFFETTO DI SOSTITUZIONE La diminuzione del prezzo di un bene incoraggia il consumatore ad acquistarlo al posto di altri beni simili che al confronto risultano più cari.

30 Istituzioni di economia30 Elasticità della domanda rispetto al reddito Al crescere del reddito aumenta il consumo dei beni normali, ma diminuisce quello dei beni cosiddetti inferiori (elasticità negativa). I beni necessari tendono ad essere anelastici rispetto al reddito (cibo e abiti); i beni di lusso tendono ad essere elastici rispetto al reddito (cibo speciale, alta moda).

31 Istituzioni di economia31 Er è positiva per i beni normali Er è negativa per i beni inferiori BENI NORMALI Vestiario Viveri Abitazioni Istituzioni BENI INFERIORI Beni a buon mercato (es. la mortadella, per la quale i succedanei non mancano!). Beni di necessità Er<1 Beni di lusso Er >1

32 Istituzioni di economia32 CURVA DI ENGEL PER LINTERO MERCATO Indica la quantità domandata in corrispondenza di diversi livelli medi di reddito. Q Y Euro/settimana E E

33 Istituzioni di economia33 CURVA DI ENGEL PER UN BENE CON ELASTICITA RISPETTO AL REDDITO PARI A 1 Q Reddito medio Euro/settimana M 2M Q2Q E E Una variazione del reddito provoca una variazione della quantità domandata nella medesima proporzione.

34 Istituzioni di economia34 Le curve di Engel mostrano che, al crescere del reddito, il consumo di beni di lusso aumenta più che proporzionalmente e quello dei beni di prima necessità meno che proporzionalmente. Il consumo di un bene inferiore diminuisce allaumentare del reddito. Q Reddito medio Euro/settimana LUSSO E>1 NECESSITA 0 1 INFERIORE E <0


Scaricare ppt "Istituzioni di economia1 La domanda. Istituzioni di economia2 LA DOMANDA LA DOMANDA Indica la quantità di un bene che un singolo individuo (o gruppo di."

Presentazioni simili


Annunci Google