La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ATTIVITA FISICA LA STORIA COSE LATTIVITA FISICA? CURARE MENTE E CORPO CON IL MOVIMENTO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ATTIVITA FISICA LA STORIA COSE LATTIVITA FISICA? CURARE MENTE E CORPO CON IL MOVIMENTO."— Transcript della presentazione:

1

2 ATTIVITA FISICA

3 LA STORIA

4 COSE LATTIVITA FISICA? CURARE MENTE E CORPO CON IL MOVIMENTO

5 L ATTIVITA FISICA FA BENE A TUTTI? SI PERCHE COMBATTE LA SEDENTARIETA

6 PERCHE I CARDIOPATICI DEVONO FARE ATTIVITA FISICA? Riduce la probabilità di altri episodi cardiaci Migliora la qualità di vita Aumenta la resistenza Dà una sensazione di benessere

7 COSA SI INTENDE PER RIABILIAZIONE CARDIOLOGICA Recuperopsicologico Recupero FISICO Recuperosociale

8 PERCORSO RIABILITATIVO Riabilitazione in ricovero (clinica- ospedale) Riabilitazione ambulatoriale (clinica- ospedale) Riabilitazione di mantenimento (in centri organizzati)

9 RIABILITAZIONE AMBULATORIALE Durata: 2-3 mesi Frequenza:tri/bisettimanale Controllo: PA, FC e telemetria

10 CONTROLLO PA, FC E TELEMETRIA Il controllo dei parametri cardiaci avviene seguendo un protocollo stabilito dallequipe di riabilitazione –La misurazione della PA e della FC è in relazione allo sforzo cardiovascolare ed al carico di lavoro –La telemetria viene utilizzata per il controllo costante della FC durante lesercizio

11 GLI ESERCIZI IN RIABILITAZIONE AMBULATORIALE Esercizi a corpo libero Esercizi con piccoli attrezzi Esercizi con grandi attrezzi Esercizi al tappeto Cyclette Esercizi di raffreddamento o recupero, di respirazione

12 OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA IN RIABILITAZIONE AMBULATORIALE Conoscere, misurare e raggiungere la propria FC allenante (target) Controllo dei fattori di rischio Stabilizzazione della PA, della respirazione, sensazione della fatica Autovalutazione della sintomatologia: capogiri, dolori toracici e/o anginosi, dolori muscolo-scheletrici e osteo-articolari

13 ATTIVITA FISICA DI MANTENIMENTO NEL PAZIENTE CON CARDIOPATIA ISCHEMICA Camminare a passo veloce Cyclette da 25 a 50 watt ( ben tollerato) Nuoto a crawl o a rana, camminare in acqua per N.B. Controllare sempre la propria FC evitando di superare il proprio valore massimale

14 ATTIVITA FISICA DI MANTENIMENTO NEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO Attività di interval training: 2-6 minuti desercizio a bassa intensità intervallato da periodi di minuti di riposo o di attività a basso costo energetico volte alla settimana Camminare, bicicletta, esercizi a corpo libero per un totale di 30 minuti

15 QUALE TIPO DI ATTIVITA FISICA NON FA BENE Sollevare pesi superiori ai 20 kg Spingere la macchina in panne Eseguire sforzi molto intensi e prolungati nel tempo Superare la propria FC allenante durante lesercizio fisico

16 PER QUANTO TEMPO E QUANTE VOLTE almeno 3 volte alla settimana (30- 45) –10 riscaldamento –20-30 attività –5 raffreddamento

17 COME SI RESPIRA ? Prendere laria con il naso ( inspirazione) –Aria calda –Aria umida –Aria pulita Soffiare laria dalla bocca (espirazione)

18 COSA CONTROLLARE Frequenza cardiaca di allenamento Fatica leggermente faticosa

19 ATTENZIONE AI SINTOMI DOLORE AL TORACE SUDORAZIONE FREDDA ECCESSIVO AFFANNO RISPETTO ALLO SFORZO AUMENTO DEI BATTITI CARDIACI OLTRE LA FREQUENZA DI ALLENAMENTO NON DIMENTICARE TRINITINA O CARVASIN

20 RICORDARE CHE Fare attività fisica 2 ore dopo i pasti Evitare le ore troppo calde o troppo fredde Portare con sé una piccola bottiglia dacqua Non dimenticare il telefono cellulare Evitare di fare attività fisica se non si è in perfetta forma

21 TEST COSE LA FREQUENZA CARDIACA ALLENANTE ? A COSA SERVE LA FREQUENZA CARDIACA ALLENANTE? QUALE FATTORE DI RISCHIO SI COMBATTE ATTRAVERSO LATTIVITA FISICA? QUALE TIPO DI ESERCIZIO FA BENE? COME SI RESPIRA?


Scaricare ppt "ATTIVITA FISICA LA STORIA COSE LATTIVITA FISICA? CURARE MENTE E CORPO CON IL MOVIMENTO."

Presentazioni simili


Annunci Google