La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La dimensione giuridica dellurbanistica. La questione centrale della rendita fondiaria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La dimensione giuridica dellurbanistica. La questione centrale della rendita fondiaria."— Transcript della presentazione:

1 La dimensione giuridica dellurbanistica. La questione centrale della rendita fondiaria

2 Alcune definizioni generali: Rendita fondiaria agraria urbana Quota di reddito che il proprietario di terreni o di edifici percepisce per il fatto di essere il legittimo proprietario del bene immobile

3 Alcune definizioni generali: In economia la rendita designava in origine la remunerazione dei proprietari fondiari, essa misurava la differenza nella produttività del lavoro agricolo applicato a terreni di diversa fertilità

4 Alcune definizioni generali: In una teoria generale della rendita, il concetto è stato esteso a tutti i fattori di produzione connessi al bene suolo. La rendita è causata dallinelasticità dellofferta di suolo nel breve o nel lungo periodo.

5 Nella ripartizione della ricchezza nazionale, una parte considerevole viene assorbita, quasi senza corrispettivo di rischio, dallidoneità edificatoria, naturale o regolamentata dei suoli urbani Alcune definizioni generali: Campos Venuti in Amministrare lurbanistica, 1967

6 Rendita assoluta: dipende dalla generica capacità di unarea a partecipare alla vita di una comunità, indipendentemente dalla sua localizzazione. Alcune definizioni generali: Campos Venuti in Amministrare lurbanistica, 1967 Urbanizzazione primaria e secondaria Aspettative del proprietario

7 Rendita differenziale: dipende dalla particolare posizione che il suolo assume nellaggregato urbano, grazie alla quale il suolo viene a trovarsi sul mercato in condizioni di maggiore o minore appettibilità Alcune definizioni generali: Campos Venuti in Amministrare lurbanistica, 1967

8 Una ricerca sul costo delle abitazioni anni Ottanta a Milano(Molinari C., 1993)

9

10

11

12 Lurbanistica, in quanto persegue il bene pubblico in termini di qualità urbana, ha sempre dovuto confrontarsi con la questione della rendita nei paesi che riconoscono il diritto alla proprietà privata del suolo Art. 42. La proprietà è pubblica o privata. I beni economici appartengono allo Stato, ad enti o a privati. La proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla accessibile a tutti. La proprietà privata può essere, nei casi preveduti dalla legge, e salvo indennizzo, espropriata per motivi dinteresse generale. La legge stabilisce le norme ed i limiti della successione legittima e testamentaria e i diritti dello Stato sulle eredità.

13 Art. 43. A fini di utilità generale la legge può riservare originariamente o trasferire, mediante espropriazione e salvo indennizzo, allo Stato, ad enti pubblici o a comunità di lavoratori o di utenti determinate imprese o categorie di imprese, che si riferiscano a servizi pubblici essenziali o a fonti di energia o a situazioni di monopolio ed abbiano carattere di preminente interesse generale. Art. 44. Al fine di conseguire il razionale sfruttamento del suolo e di stabilire equi rapporti sociali, la legge impone obblighi e vincoli alla proprietà terriera privata, fissa limiti alla sua estensione secondo le regioni e le zone agrarie, promuove ed impone la bonifica delle terre, la trasformazione del latifondo e la ricostituzione delle unità produttive; aiuta la piccola e la media proprietà. La legge dispone provvedimenti a favore delle zone montane.

14 Modalità di controllo della rendita fondiaria urbana, Bandarin F., Il controllo dei suoli urbani, Politiche di correzione: incentivano lintervento privato ma cercano di calmierare i prezzi dei suoli con: - misure fiscali - la costituzione di demani - politiche infrastrutturali

15 Modalità di controllo della rendita fondiaria urbana, Bandarin F., Il controllo dei suoli urbani, Politiche di socializzazione dei suoli edificabili: Hanno al centro la politica di acquisizione fondiaria

16 Modalità di controllo della rendita fondiaria urbana, Bandarin F., Il controllo dei suoli urbani, Politiche normative: * Agiscono attraverso norme, sono forme passive di controllo. * Lasciano alloperatore privato liniziativa sui tempi e sui modi attuazione del progetto urbanistico

17 Modalità di controllo della rendita fondiaria urbana, Bandarin F., Il controllo dei suoli urbani, Strumento principe: zoning * Modello americano: strumento separato dagli strumenti di previsione e non ha potere di vincolo sulle proprietà * Modello europeo: strumento che definisce gli usi del suolo per zone omogenee ed esercita potere di vincolo sullat- tività privata (in teoria)

18 Modalità di controllo della rendita fondiaria urbana, Bandarin F., Il controllo dei suoli urbani, Limiti dello zoning * Modello americano: è uno strumento solo operativo. Lurbanistica si fa nelle corti di gustizia * Modello europeo: può servire alla composizione dei conflitti tra proprietari ma non agisce sul livello strategico dello sviluppo urbano

19 Modi per controllare la rendita urbana in alcuni paesi europei Germania: * Organismo di pianificazione (comune) ente che rilascia i permessi costruzione (Land, statale) * Mercato dei suoli completamente libero, ma: - piano non crea alcun diritto edificazione; - solo il piano attuativo conferisce diritti e oneri

20 Modi per controllare la rendita urbana in alcuni paesi europei Olanda: * Politica fondiaria precede quella urbanistica, mediante la produzione pubblica di suolo infrastrutturato. Problemi: è entrato in crisi quando dallespansione si è passati alla fase di trasformazione dellurbanizzato esistente. In quel caso: sforzo economico amminsitrazioni per espropriare aree centrali (spuntando prezzi ragionevoli nei centri storici degradati)

21 Modi per controllare la rendita urbana in alcuni paesi europei Svezia: * Politica fondiaria precede quella urbanistica, mediante la costruzione di un sistema di demanio pubblico molto esteso. Ogni comune deve: - indicare un programma di acquisizione aree; - metodo di finanziamento per lacquisizione; - procedure di acquisizione

22 Modi per controllare la rendita urbana in alcuni paesi europei Spagna: * Proprietà fondiaria è uno stato legale che può essere revocato. * Obbligatoria la cessione al comune del 10% rendimento medio in termini di aree e volumetrie Classificazione aree: - suoli urbani - suoli urbanizzabili - suoli urbanizzabili non programmati - suoli non urbanizzabili Previste le seguenti modalità di interazione pubblico- privato:

23 Spagna: * Previste le seguenti modalità di interazione pubblico-privato: a.Sistema di compensazione (privato) b.Sistema di cooperazione (misto) c.Sistema di espropriazione (pubblico) Modi per controllare la rendita urbana in alcuni paesi europei

24 Gran Bretagna: Tradizionale separazione tra la proprietà dei suoli (landlord) e laffittuario, che ricava i suoi profitti dalluso del suolo. Il promotore immobiliare: -fornisce i servizi primari legati alla lottizzazione che intraprende -garantisce la manutenzione delle opere Modi per controllare la rendita urbana in alcuni paesi europei

25 Aspetti comuni a tutte le esperienze: Mercato terreno dazione delliniziativa pubblica e di quella privata In nessun caso loperatore pubblico agisce con regole diverse da quelle valide per il privato cittadino (!) Modi per controllare la rendita urbana in alcuni paesi europei

26 La città abusiva: una realtà di imponenti dimensioni nei paesi in via di sviluppo Illegale: al di fuori delle norme stabilite (spesso inevitabile) Suddivisione illegale del suolo Ampie zone prive di qualsiasi accesso ai servizi essenziali Baraccopoli, prive di servizi, poco accessibili, materiali edilizi precari

27 Storia: L del 25 giugno 1865: esproprio a prezzi di mercato come negli altri paesi europei L del 15 gennaio 1885: esproprio = media tra valore venale (Risanamento Napoli) e fitti ultimi 10 anni coacervati (bassi perché immobili degradati) L. 1150/1942: in teoria esproprio delle aree su cui fare progetti attuativi Tentativo di riforma urbanistica ancora in corso Legge Ponte 765/1968 Legge Bucalossi L. 10/1977 Testo Unico sullesproprio, 327/2001….. La questione della rendita in Italia

28 Vincoli preordinati allespropriazione Vincoli che comportano inedificabilità assoluta Limiti di edificabilità Vincoli paesaggistici dlgs 490/1999 (testo unico beni culturali e ambientali) Vincoli storico-artistici archeologici dlgs 490/1999 Vincoli di distanze di rispetto stradale Codice della strada d.lgs 285/1992 e Regolamento d.P.R. 495/1992 Vincoli di distanze di rispetto cimiteriale Vincoli di distanze ferroviarie, demanio marittimo, aeroporti, aree doganali, acque pubbliche Vincoli urbanistici

29 Non necessario indennizzo per disposizioni relative a intere categorie di beni Diritto proprietà non equivale a dominio assoluto e illimitato beni regime da determinare da parte del legislatore; il bene è soggetto ad alcuni limiti Imposizioni che però non possono imporre sacrificio eccessivo del godimento del bene senza che ciò sia considerato un atto espropriativo, quindi indennizzabile Le sentenze storiche della Corte Costituzionale Sentenza n. 55/1968 Sulla indennizzabilità vincoli da piano regolatore

30 Limiti che però devono riguardare unintera categoria di soggetti in egual misura. I tempi della procedura espropriativa devono essere certi; non si possono imporre vincoli temporanei (ma di durata illimitata) preordinati al successivo (ma incerto) trasferimento del bene per motivi di pubblica utilità Sentenza n. 55/1968 Sulla indennizzabilità vincoli da piano regolatore

31 Sentenza n. 5/1980 Indennizzo = valore agricolo incostituzionale indipendentemente caratteristiche edificatorie suoli Indennizzo = valore agricolo medio come criterio generale confligge con larticolo 42 Costituzione disparità di trattamento proprietari in aree edificabili colpiti dallespropriazione rispetto a quelli di aree aventi stesse caratteristiche che beneficiano magari dellopera realizzata indennizzo deve rappresentare un serio ristoro del ben perduto la concessione a edificare (l. 10/1977) non attribuisce nuovi diritti, non è sostanzialmente diversa dalla licenza edilizia

32 Sentenza n. 5/1980 Indennizzo = valore agricolo incostituzionale indipendentemente caratteristiche edificatorie suoli non si può prescindere per lindennizzo dal valore del bene da espropriare il perimetro urbano (art. 18 L 865/1971) non costituisce un criterio assoluto scientifico

33 Problemi fondamentali nella procedura di esproprio e nella sua storia rapporto tra piano urbanistico e esproprio vincoli espropriativi senza corrispondere un indennizzo reiterare tale vincoli senza corrispondere un indennizzo determinazione indennità espropriazione

34 Principi del nuovo testo unico d.P.R. 327/2001 Risponde allesigenza di ordinare la materia (dopo circa 30 anni incertezza) Non si coordina con una riforma equivalente della legge urbanistica Disciplina la partecipazione degli interessati allintero procedimento espropriativo Definisce la modalità di determinazione dellindennizzo Definisce le circostanze nelle quali è ammesso il procedimento espropriativo Tale procedimento ammesso solo per opere pubblica utilità

35 Testo Unico sullesproprio, 327/2001: contenuti Art 7. Il Comune può espropriare: aree inedificate e quelle su cui vi siano costruzioni in contrasto con la destinazione di zona o con carattere provvisorio consentire ordinata espansione area inserita in un piano particolareggiato o in area di attuazione del piano regolatore

36 Testo Unico sullesproprio, 327/2001: contenuti Art.8 Fasi procedimento espropriativo opera realizzare prevista nel prg o in atto di natura ed efficacia equivalente. (ovvero mediante conferenza dei servizi, accordo di programma o altro atto di natura territoriale art. 10) sul bene sia stato apposto il vincolo preordinato allesproprio sia stata dichiarata la pubblica utilità sia stata determinata almeno in via provvisoria lindennità di esproprio.

37 Testo Unico sullesproprio, 327/2001: contenuti Art.9. Vincoli derivanti da piani urbanistici un bene è sottoposto al vincolo preordinato allesproprio quando è stato approvato il piano che prevede la realizzazione di unopera di pubblica utilità il vincolo preordinato allesproprio ha durata di 5 anni. Entro tale termine deve essere emanata la dichiarazione di pubblica utilità dellopera. (può essere reiterato) si può nel corso dei 5 anni cambiare il tipo di opera per cui si è previsto lesproprio

38 Testo Unico sullesproprio, 327/2001: contenuti Art. 11 Partecipazione interessati Art. 12. Atti che comportano dichiarazione di pubblica utilità progetto definitivo di opera di pubblica utilità approvato, o approvati piano particolareggiato, piano di lottizzazione, piano di recupero, piano di ricostruzione, piano degli insediamenti produttivi approvazione di uno strumento urbanistico anche di settore o attuativo, definizione conferenza dei servizi o il perfezionamento accordo di programma, rilascio concessione, autorizzazione etc.

39 Testo Unico sullesproprio, 327/2001: contenuti Art. 20 Determinazione provvisoria indennità di esproprio entro 30 giorni da dichiarazione pubblica utilità, promotore esproprio compila lelenco beni da espropriare e indica le somme che offre per le espropriazioni. ove ritenuto opportuno, lautorità espropriante chiede al proprietario (anche al beneficiante esproprio) di stimare il valore del bene lautorità determina in via provvisoria la misura dellindennità di esproprio se il proprietario accetta, si stipula latto di cessione e viene corrisposta la somma entro 60 giorni

40 Testo Unico sullesproprio, 327/2001: contenuti Art. 36 Determinazione dellindennità di esproprio per opere private di pubblica utilità, lindennità = valore venale del bene Art. 37 Indennità per unarea edificabile indennità = (valore venale del bene + reddito dominicale netto rivalutato)/2 – 40% di tale valore al comma 4 si ricorda che non sussistono le possibilità legali di edificazioni per aree sulle quali insiste un vincolo di inedificabilità assoluta

41 Testo Unico sullesproprio, 327/2001: contenuti Art. 38 Indennità per area edificata legittimimante Indennità = valore venale bene Art. 39 Reiterazione vincolo preordinato allesproprio o sostanzialmente espropriativo è dovuto un indennizzo al proprietario commisurato al danno effettivamente prodotto.


Scaricare ppt "La dimensione giuridica dellurbanistica. La questione centrale della rendita fondiaria."

Presentazioni simili


Annunci Google