La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Piani di studio personalizzati Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Servizi Amministrativi di Viterbo Piano regionale a supporto dellattuazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Piani di studio personalizzati Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Servizi Amministrativi di Viterbo Piano regionale a supporto dellattuazione."— Transcript della presentazione:

1 Piani di studio personalizzati Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Servizi Amministrativi di Viterbo Piano regionale a supporto dellattuazione della Riforma Piani di studio personalizzati Viterbo, 16 marzo 2005

2 Obiettivo dellincontro: Ragionare insieme intorno a: Che cosè la personalizzazione Perché la personalizzazione Come si realizza la personalizzazione

3 Il quadro normativo D.P.R. n. 275 dell : regolamento dellautonomia La determinazione del curricolo tiene conto delle diverse esigenze formative degli alunni concretamente rilevate, della necessità di garantire efficaci azioni di continuità e di orientamento, delle esigenze e delle attese espresse dalle famiglie, dagli Enti locali, dai contesti sociali, culturali ed economici del territorio. Agli studenti e alle famiglie possono essere offerte possibilità di opzione. Il curricolo della singola istituzione scolastica, definito anche attraverso un'integrazione tra sistemi formativi sulla base di accordi con le Regioni e gli Enti locali, negli ambiti previsti dagli articoli 138 e 139 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112 può essere personalizzato in relazione ad azioni, progetti o accordi internazionali. (art. 8)

4 Il quadro normativo Anno scolastico D.M. n. 100 del : sperimentazione di Piani di studio personalizzati, portfolio, anticipo, flessibilità organizzativa, funzioni tutoriali Obiettivo della sperimentazione è la progettazione, nel quadro degli obiettivi generali del processo formativo e di quelli specifici di apprendimento, di piani di studio personalizzati, attraverso l'individuazione di obiettivi formativi correlati alla maturazione delle competenze degli allievi, al tempo scuola, all'articolazione delle attività didattiche per sezioni, classi e gruppi laboratoriali ed alle risorse organizzative dell'istituto. (art. 3)

5 Il quadro normativo Anno scolastico Legge n. 53 del : delega per la definizione delle norme generali e dei livelli essenziali delle prestazioni I piani di studio personalizzati nel rispetto dellautonomia delle istituzioni scolastiche, contengono un nucleo fondamentale, omogeneo su base nazionale, che rispecchia la cultura, le tradizioni e lidentità nazionale, e prevedono una quota, riservata alle regioni, relativa agli aspetti di interesse specifico delle stesse, anche collegata con le realtà locali. (art. 2)

6 Il quadro normativo Anno scolastico D.M. n. 61 del : progetto nazionale per lintroduzione, nelle prime due classi della scuola primaria, delle Indicazioni Nazionali, alfabetizzazione informatica e della lingua inglese I piani di studio vengono attivati dalle istituzioni scolastiche nell'ambito della autonomia didattica, organizzativa e di ricerca, da esercitare tenendo conto delle attese delle famiglie nel contesto culturale, sociale ed economico delle realtà locali, fermi restando gli attuali assetti strutturali, gli orari di funzionamento e le risorse professionali in dotazione, rimettendo all'autonomia delle istituzioni scolastiche l'attivazione di nuovi modelli relativi all'organizzazione della didattica. (art. 1)

7 Il quadro normativo Anno scolastico D.L.vo n. 59 del : definizione delle norme per la scuola dellinfanzia e per il primo ciclo distruzione: Indicazioni Nazionali per i Piani di studio personalizzati, funzioni tutoriali, anticipi, portfolio, tempo scuola. Le istituzioni scolastiche, al fine di realizzare la personalizzazione del piano di studio, organizzano, nellambito del piano dellofferta formativa, tenendo conto delle prevalenti richieste delle famiglie, attività e insegnamenti, coerenti con il profilo educativo, per ulteriore 99/198 ore annue… (artt.3, 7, 10)

8 Il quadro normativo Anno scolastico C. M. n. 29 del , indicazioni e istruzioni Il D.L.vo 59/2004, entrato in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione, nel prossimo anno scolastico dovrà trovare attuazione, da parte di tutte le istituzioni scolastiche statali e paritarie, nella scuola dellinfanzia, in tutte le classi della scuola primaria e nella prima classe della scuola secondaria di primo grado.

9 Il quadro normativo Anno scolastico C. M. n. 29 del , indicazioni e istruzioni La riforma pone le istituzioni scolastiche al centro del sistema educativo di istruzione e formazione, rimettendo alla loro capacità organizzativa e didattica il raggiungimento degli obiettivi generali del processo formativo e degli obiettivi specifici di apprendimento attraverso la personalizzazione dei piani di studio.

10 Una certa idea di autonomia Il fare, in cui si può scoprire il divenire autonomo, è appunto il fare di cui Noi non siamo spettatori, ma attori. Giovanni Gentile, La riforma delleducazione, 1920

11 Il quadro normativo Anno scolastico C. M. n. 29 del : indicazioni e istruzioni Lattività laboratoriale costituisce in generale una metodologia didattica da promuovere e sviluppare nei diversi momenti ed articolazioni del percorso formativo e da ricomprendere in un quadro didattico e organizzativo unitario. Essa, in particolare, viene assunta quale modalità operativa necessaria per la realizzazione di interventi su gruppi elettivi, di compito o di livello, finalizzati al consolidamento e alla personalizzazione degli apprendimenti.

12 Il quadro normativo Indicazioni Nazionali per i Piani di studio personalizzati (allegati A, B, C al D. L.vo 59/2004) Linsieme delle Unità di Apprendimento effettivamente realizzate, con le eventuali differenziazioni che si fossero rese opportune per i singoli alunni, dà origine al piano di studio personalizzato, che resta a disposizione delle famiglie e da cui si ricava anche la documentazione utile per la compilazione del portfolio delle competenze individuali.

13 Il quadro normativo Raccomandazioni per lattuazione delle Indicazioni Nazionali per i piani personalizzati delle attività educative nelle scuole dellinfanzia …lo sviluppo non è mai un fatto lineare o esclusivamente funzionale, ma va sempre interpretato in relazione ai contesti di socializzazione e di educazione nei quali si svolge. In questa prospettiva sono indispensabili il riconoscimento delle difficoltà cognitive, delle esigenze emotive e delle richieste affettive di ciascuno e la consapevolezza che il modo in cui ogni bambino percepisce se stesso nella situazione sociale ed educativa costituisce una condizione essenziale per la sua ulteriore crescita personale.

14 Il quadro normativo Raccomandazioni per lattuazione delle Indicazioni Nazionali per i piani di studio personalizzati nella scuola primaria Con i piani di studio personalizzati si intraprende la strada dellabbandono delluniformità delle prestazioni progettate a priori. Sul piano professionale, perciò, latteggiamento richiesto ai docenti non è più quello dellapplicazione e dellesecuzione più o meno impiegatizia, bensì quello della creativa e responsabile progettazione di scelte educative e didattiche che declinino ed intercettino il «generale» nel «particolare», il «nazionale» nel «locale», «ciò che vale per tutti» in «ciò che vale per me, per ciascuno».

15 Il quadro normativo Raccomandazioni per lattuazione delle Indicazioni Nazionali per i piani di studio personalizzati nella scuola primaria Non si impara, infatti, se lordine logico di una serie di costrutti scientifici non coincide anche con quello psicologico ed etico personale di chi se ne appropria; né si impara qualcosa perché essa è, in astratto, scientificamente certa, ma solo se riusciamo, nel concreto, a rendere questo qualcosa di certo nostra verità esistenziale, qualcosa di totalmente significativo per noi da dare «sapore» alla nostra vita.

16 Il quadro normativo Piano di studio personalizzato Insieme delle unità di apprendimento progettate dai docenti tenendo conto di: contesto culturale, sociale, familiare contesto della classe differenti stili di apprendimento didattica laboratoriale flessibilità organizzativa

17 Il quadro normativo Piano di studio personalizzato abbandono della programmazione per obiettivi analisi della situazione definizione degli obiettivi ipotesi di lavoro aggiustamenti in itinere valutazione dei risultati

18 Il lessico CompetenzeCompetenze Capacità di orientarsi e padroneggiare un determinato campo di conoscenze, capacità di utilizzare più abilità per risolvere situazioni problematiche anche in contesti differenziati. La competenza è un punto di arrivo.

19 Il lessico CurricoloCurricolo È il percorso sistematico che raggruppa e organizza le opportunità formative di un alunno. È composto da più elementi: contenuti disciplinari metodi e strategie didattiche organizzazione scolastica interazione con il territorio sistema di valutazione

20 Il lessico Obiettivi formativiObiettivi formativi Sono gli obiettivi specifici di apprendimento (delineati nelle Indicazioni Nazionali) contestualizzati in un gruppo concreto di alunni attraverso la mediazione metodologico-didattica degli insegnanti.

21 Il lessico Obiettivi formativiObiettivi formativi Le Indicazioni Nazionali sono da intendere in maniera fenomenologica, assestandoli riflessivamente, in un continuo interscambio tra a priori e a posteriori, tra progetto ed esperienza, tra intenzionalità del docente (insegnamento) e dello studente (apprendimento). Giuseppe Bertagna

22 Il lessico OlogrammaOlogramma Il principio ologrammatico mette in evidenza lapparente paradosso delle organizzazioni complesse nelle quali non solo la parte è nel tutto, ma in cui anche il tutto è inscritto nella parte. Così, ogni cellula è una parte di un tutto – lorganizzazione globale – ma il tutto è lui stesso dentro la parte, la totalità del patrimonio genetico è presente in ogni cellula individuale, la società è presente in ogni individuo, nella sua interezza, attraverso il suo linguaggio, la sua cultura e le sue norme. Edgar Morin, La testa ben fatta

23 Il lessico OlogrammaOlogramma Ogni apprendimento non investe soltanto una singola intelligenza della persona, ma determina, in misura più o meno rilevante, una ristrutturazione, un riassestamento della propria visione del mondo. Lesperienza di apprendimento non è mai isolata, contiene molto di più di ciò che si vede.

24 Il lessico OlogrammaOlogramma La prospettiva ologrammatica indica ai docenti la necessità di far scoccare, contemporaneamente, due frecce didattiche: quella degli obiettivi specifici di apprendimento e quella delle molteplici connessioni multidisciplinari che legano gli obiettivi stessi.

25 Il lessico OlogrammaOlogramma Una «testa ben fatta» significa che invece di accumulare il sapere è molto più importante disporre allo stesso tempo di: unattitudine generale a porre e a trattare i problemi; principi organizzatori che permettano di collegare i saperi e di dare loro senso. Edgar Morin, La testa ben fatta

26 Il lessico OlogrammaOlogramma Lessere umano è esso stesso nel contempo uno e molteplice. Ogni essere umano, come il punto di un ologramma, porta in sé il cosmo. Ogni essere, anche il più chiuso nella più banale delle vite, costituisce in se stesso il cosmo. Porta in sé le proprie molteplicità interiori, le proprie molteplicità virtuali, una infinità di personaggi chimerici, una poliesistenza nel reale e nellimmaginario, nel sonno e nella veglia, nellobbedienza e nella trasgressione, nellostentato e nel segreto; porta in sé brulichii larvali in caverne e in abissi insondabili. Ciascuno contiene in sé galassie di sogni e di fantasmi, slanci inappagati di desideri e di amori, abissi di infelicità, immensità di glaciale indifferenza, conflagrazioni di astri in fiamme, irruzioni di odio, smarrimenti stupidi, lampi di lucidità, burrasche dementi… Edgar Morin, I sette saperi necessari alleducazione del futuro

27 Lidea di scuola Valore delle relazioni Attenzione al curricolo Interazione con il territorio Rispetto e riconoscimento della persona Forte motivazione ad imparare ad imparare

28 Individualizzazione/Personalizzazione Individualizzazione contrapposizione ambiguità continuità Personalizzazione

29 Individualizzazione Personalizzazione Individualizzazione Personalizzazione Far acquisire competenze comuni al passo con la classe Aiutare a superare ostacoli cognitivi Non occorre modificare limpianto organizzativo della classe Tende allomogeneità Progettare percorsi didattici differenziati Prevedere obiettivi formativi differenti Organizzare la classe per gruppi Tende alla differenziazione

30 Individualizzazione Personalizzazione Individualizzazione Personalizzazione Insieme di strategie didattiche che mirano ad assicurare a tutti gli studenti il raggiungimento delle competenze fondamentali del curricolo Insieme di strategie didattiche che mirano a dare lopportunità ad ogni alunno di sviluppare le proprie potenzialità intellettive e coltivare proprie aree di eccellenza

31 Individualizzazione & Personalizzazione Aiutare ogni studente a sviluppare una propria forma di talento è probabilmente un obiettivo altrettanto importante di quello di garantire a tutti la padronanza delle competenze fondamentali. Massimo Baldacci

32 Personalizzazione Personalizzare significa lasciar essere la persona, accompagnare ciascuno a conoscere, a sapere e ad aver cura di sé, ad acquisire coscienza della propria differenza e diversità entro la comunità, a essere aiutato a maturare uno sguardo prospettico. Gabriele Boselli

33 Personalizzazione Personalizzazione caratteristiche punto cultura di della persona dincontro appartenenza

34 Perché la personalizzazione Definisco lintelligenza come il potenziale biopsicologico di elaborare specifiche forme di informazione secondo specifiche modalità. Gli esseri umani hanno sviluppato capacità diverse di elaborare linformazione – capacità da me definite con il termine di intelligenze – che permettono loro di risolvere problemi o di creare prodotti. Per essere considerati intelligenti, tali prodotti e soluzioni devono essere valorizzati in almeno una cultura o comunità. Howard Gardner, Cambiare idee, 2005

35 Perché la personalizzazione A livello informale possiamo rappresentarci ogni persona – o la sua mente o il suo cervello – come un insieme di computer. Ogni computer inizia a lavorare quando viene alimentato con linformazione del tipo adatto, e quel lavoro è lesercizio di una particolare intelligenza. Howard Gardner, Cambiare idee, 2005

36 Perché la personalizzazione Una concezione multidisciplinare dellintelligenza intelligenza linguistica intelligenza logico-matematica intelligenza musicale intelligenza spaziale intelligenza corporeo-cinestetica intelligenza naturalistica intelligenza esistenziale intelligenza interpersonale intelligenza intrapersonale

37 Perché la personalizzazione Accostarsi ad un argomento da diversi punti di vista approccio narrativo approccio quantitativo approccio logico approccio esistenziale approccio estetico approccio diretto approccio cooperativo/sociale

38 Perché la personalizzazione Una mente a più dimensioni La comprensione piena di un concetto, indipendentemente dalla sua complessità, non può scaturire da una sola modalità di conoscenza o da una sola modalità di rappresentazione.

39 Perché la personalizzazione Una mente a più dimensioni Possiamo pensare ad un argomento come ad una stanza con più punti daccesso, ogni alunno ha un punto di accesso più congeniale e altrettanto vario è il tragitto destinato a risultare più agevole a ognuno di loro.

40 Perché la personalizzazione Perché la personalizzazione Einstein, dopo aver riflettuto a lungo su un problema, trovava sempre necessario darne il maggior numero possibile di formulazioni e presentarlo in modo che fosse comprensibile a persone abituate a diverse modalità di pensiero e dotate di diversi tipi di formazione intellettuale.

41 Perché la personalizzazione Perché la personalizzazione Un insegnante capace è una persona capace di aprire un gran numero di finestre diverse sullo stesso concetto. Howard Gardner, Educare al comprendere, 1993

42 Come personalizzare: dal programma alla strategia Come personalizzare: dal programma alla strategia Il programma è la determinazione a priori di una sequenza di azioni in vista di un obiettivo. Il programma è efficace in condizioni esterne stabili che possiamo determinare con certezza. Ma minime perturbazioni in queste condizioni sregolano lesecuzione del programma e lo condannano ad arrestarsi. La strategia si stabilisce in vista di un obiettivo, come il programma; essa prefigura scenari dazione e ne sceglie uno, in funzione di ciò che essa conosce di un ambiente incerto.

43 Come personalizzare: dal programma alla strategia Come personalizzare: dal programma alla strategia La strategia cerca senza sosta di riunire le informazioni, di verificarle, e modifica la sua azione in funzione delle informazioni raccolte e dei casi incontrati strada facendo. Tutto il nostro insegnamento tende al programma, mentre la vita ci chiede strategia e, se possibile, anche seredipità e arte. È proprio un ribaltamento di concezione che si dovrà attuare per prepararci ai tempi dellincertezza. Edgar Morin, La testa ben fatta

44 Come personalizzare: le unità di apprendimento Il punto di partenza NellUnità Didattica la disciplina viene suddivisa in fasi logicamente concatenate che costituiscono il lavoro annuale programmato dallinsegnante. NellUnità di Apprendimento il punto di partenza è lalunno, o il gruppo di alunni, con i loro problemi e i loro bisogni formativi.

45 Come personalizzare: le unità di apprendimento I tempi Le Unità Didattiche vengono definite nella fase di programmazione allinizio dellanno scolastico o dei periodi intermedi. Per le Unità di Apprendimento léquipe dei docenti, in base ai bisogni formativi degli allievi, elabora unipotesi di lavoro di massima, che adatta e sistema in itinere (lUA è completa solo alla fine).

46 Come personalizzare: le unità di apprendimento Le caratteristiche dellUA indicazioni metodologiche e didattiche funzione formativa unità nella multidisciplinarità

47 OBIETTIVI FORMATIVI adatti e significativi per i singoli allievi definiti anche con gli standard di apprendimento relativi a conoscenze e abilità Attività Metodi Soluzioni organizzative Modalità di verifica C OMPETENZE DEGLI ALLIEVI PECUP ALLIEVI UNITA DI APPRENDIMENTO IND.NAZ. POF Progettare lUnità di Apprendimento

48 Unità di Apprendimento Fase ideativa (preattiva) formulazione di un compito unitario di apprendimento, delimitazione del campo, progettazione a bassa risoluzione Fase attuativa (attiva) è il momento della mediazione didattica che attiva lapprendimento attraverso le conoscenze e le abilità necessarie per realizzare il compito unitario di apprendimento Fase finale (postattiva) fase dellaccertamento e della documentazione, sistemazione delle Unità di Apprendimento realizzate nel P. S. P.

49 Fase di avvio o ideativa/progettuale Azioni delléquipe pedagogica Individuazione di un problema/progetto/bis ogno formativo e culturale degli allievi Connessione con i documenti nazionali: PECUP e Indicazioni Individuazione del percorso didattico da parte di ogni docente Definizione di metodi, tempi, soluzioni organizzative Individuazione degli insegnanti coinvolti Progettazione della Unità di Apprendimento che esprime lapprendimento unitario da promuovere declinato in obiettivi formativi Connessione con i documenti interni: POF – PSP - Portfolio

50 Fase della mediazione didattica Svolgimento delle attività Verifica degli standard delle conoscenze e delle abilità implicate nelle competenze Compito unitario in situazione attraverso il quale si manifestano le competenze Valutazione delle competenze osservate

51 Fase accertamento - documentazione esiti Ogni docente delléquipe riflette con gli allievi sul lavoro svolto Il tutor sceglie con gli allievi i materiali da inserire nel Portfolio I docenti risistemano lUA e la inseriscono nel PSP LUA diventa materiale disponibile per il confronto tra colleghi e per la riflessione sulle pratiche didattiche

52 I docenti dell equipe pedagogica Usano gli OSA come ispirazione per - progettare le U.A - formulare gli O.F. - promuovere e sostenere il processo di maturazione dellallievo Ipotizzano le U.A. sulla base della propria esperienza, individuando cioè ciò che sarebbe bene proporre a quei bambini in quel momento dellanno

53 Realizzano il percorso progettato correggendolo in itinere adattandolo alla situazione per soddisfare le esigenze formative degli alunni Raccolgono le U.A. effettivamente realizzate e i materiali che andranno a costituire il PSP degli allievi Compilano, con la collaborazione dellalunno e della famiglia, il Portfolio delle competenze personali

54 Un possibile schema per la costruzione dellU.A. DATI IDENTIFICATIVI Unità di apprendimento n° ………… Titolo………………………………………… Individuale Di classe Di gruppo elettivo Di gruppo di livello Di gruppo di compito Docenti coinvolti………………………………

55 RIFERIMENTI Disciplina / e……………………..……… PECUP…………………………..….…... O.G……………………………….……… O.S.A…………………………………….. Bisogni / interessi degli alunni …………………………………………… …………………………………………… ……………………………………………

56 ARTICOLAZIONE APPRENDIMENTO DA PROMUOVERE Apprendimento unitario da promuovere …………….………………… ………………………………………………. Obiettivo/i formativo/i ………………….. ……………………………………………… Standard / livelli ………………………………………………..

57 MEDIAZIONE DIDATTICA Metodi …………………………………….……… ………………………………………….… Soluzioni organizzative …………………….…………….………… …………..……………………..…………. Tempi …………………………..………………… Spazi …………………………………………….

58 CONTROLLO Modalità di verifica ………………………………….…………. …………………………………………….. Competenza/e ………………………………………..….. ……………………………………………. Sviluppi, espansioni, integrazioni ……………………………………………. ….………………………………………….

59 Strumenti metodologici cooperative learning multimedialità problem solving progetti comuni laboratori

60 Lavorare per promuovere unautentica cultura della personalizzazione riconoscere la strumentalità delle discipline (privilegiare modalità didattiche di tipo euristico) privilegiare forme di valutazione autentica (narrativa) rispetto a modalità sommative mantenere una forte tensione allunitarietà didattica curare la dimensione relazionale tra insegnante e alunno e tra gli stessi alunni

61 Il segreto è lì: che il libro che si legge, o la parola del maestro che si ode, metta in moto lanimo nostro, e si trasformi in vita nostra interiore, cessando di essere qualche cosa - e qualche cosa speciale, determinata, che sta in mezzo a tante altre – per diventare la nostra personalità. Giovanni Gentile, La riforma delleducazione, 1920


Scaricare ppt "Piani di studio personalizzati Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Servizi Amministrativi di Viterbo Piano regionale a supporto dellattuazione."

Presentazioni simili


Annunci Google