La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IO, IL COMPUTER E INTERNET. Il computer come … un gioco! Il mio primo incontro con un computer è avvenuto molto presto, allincirca alletà di 7/8 anni;

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IO, IL COMPUTER E INTERNET. Il computer come … un gioco! Il mio primo incontro con un computer è avvenuto molto presto, allincirca alletà di 7/8 anni;"— Transcript della presentazione:

1 IO, IL COMPUTER E INTERNET

2 Il computer come … un gioco! Il mio primo incontro con un computer è avvenuto molto presto, allincirca alletà di 7/8 anni; non si trattava in realtà di un computer vero e proprio, ma di uno di quelli che potremmo definire per bambini, ma non propriamente giocattolo.

3 Era prodotto dalla Clementoni e in esso venivano inserite delle schede operative che permettevano di svolgere sia alcuni giochi come il memory e limpiccato; ma anche diverse attività, che potremmo definire didattiche come la risoluzione di alcune operazioni, sia in colonna che in linea, lindividuazione della lettera mancante per formare una parola, il riconoscimento di unimmagine e la successiva scrittura sulla tastiera della parola corrispondente a tale immagine.

4 Ricordo che mi piaceva molto giocarci da sola, o meglio, in compagnia della vocina che ogni tanto usciva dal computerino e mi dava indicazioni sulle attività da svolgere e che, incredibilmente, mi faceva i complimenti se rispondevo correttamente, mentre mi suggeriva di riprovare se la risposta da me data non era quella giusta! mi piaceva molto giocarci anche assieme a mio fratello che, essendo più piccolo di me di quattro anni, a quel tempo non sapeva ancora né leggere né scrivere, e io mi divertivo ad insegnargli le prime letterine e i primi numeri…avevo già una spiccata indole da insegnante!! In due però era anche meglio …

5 Il primo vero computer Del primo computer vero e proprio invece, ho fatto la conoscenza quando frequentavo le scuole medie ed entrò a casa mia quasi assieme alla connessione Internet. Ricordo che lo portò a casa mio papà, una sera, di ritorno dal lavoro. Lui lavorava già da parecchi anni in una società informatica ed era, già a quel tempo, molto esperto di nuove tecnologie, perciò spiegò a me, a mia mamma e ai miei fratelli cosa fosse quellapparecchio, come funzionasse, come mai avesse deciso di portarlo a casa e rispose alla maggior parte dei nostri quesiti e curiosità in merito.

6 Ho iniziato quindi a confrontarmi con il nuovo arrivato e piano piano ho imparato le funzioni principali: accensione, spegnimento, scrittura di un testo tramite word office, creazione di disegni e schizzi tramite paint. Era divertente e iniziava a piacermi!

7 il mousela tastiera lo schermo Inevitabilmente, ho fatto la conoscenza delle parti che compongono il computer e di alcuni strumenti suoi fidati compagni, che lo accompagnano (o accompagnavano) sempre. i floppy disk

8 Poco tempo dopo larrivo del computer, mio papà portò a casa un atro aggeggio sconosciuto: il modem. Ci spiegò che era uno strumento che consentiva di connettersi ad Internet, un mondo virtuale tramite il quale poter accedere a un numero enorme informazioni scambiate dai computer di tutto il mondo, che in questo modo erano sempre in contatto fra loro. Era incredibile! Questo significava valicare qualunque barriera geografica: persone fisicamente lontanissime fra loro potevano sentirsi estremamente vicine! Internet: una finestra sul mondo

9 Per connettersi alla rete, il modem emetteva uno strano suono prolungato che io, le prime volte che ho iniziato a navigare, rimanevo ad ascoltare ansiosa, aspettando impaziente il messaggio che mi comunicava che finalmente il pc era connesso alla rete locale. Pensandoci adesso mi viene da sorridere per questa procedura, perché oggigiorno le connessioni sono ormai ultraveloci e praticamente immediate allaccensione del computer! Ma allora era una novità, e come tutte le cose nuove era assolutamente fantastica!

10 Ho iniziato così a utilizzare il computer e Internet sempre più di frequente, sia per effettuare ricerche per la scuola, sia come svago nel tempo libero: agli inizi mi divertivo a navigare nei siti dei miei programmi tv preferiti, dei fan club dei miei idoli e delle miei curiosità e passioni di giovane adolescente. Era una vera e propria finestra sul mondo!

11 Con il passare del tempo il computer è diventato sempre più indispensabile nella mia vita, lo studiavo anche a scuola!! Gli anni passano, il computer… resta! Alle superiori infatti, oltre alle ordinarie lezioni di informatica, grazie alle quali ho imparato molte cose sul suo funzionamento, ho sostenuto i 7 esami ECDL e ho conseguito la PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER.

12 La patente europea del computer La patente europea del computer (ECDL), è un attestato, riconosciuto in 17 Paesi dellUnione Europea, che certifica labilità nelluso del computer a differenti livelli di specializzazione e approfondimento. Si sviluppa in 7 moduli: 1) Concetti base della Tecnologia dell'Informazione 2) Gestione dei documenti 3) Elaborazione testi (Word) 4) Fogli elettronici (Excel) 5) Basi di dati (Access) 6) Presentazione/Disegno (Power Point) 7) Reti informatiche

13 Terminata la scuola superiore mi sono iscritta allUniversità, dove saper usare il computer e Internet è assolutamente indispensabile: attività come ricevere informazioni sui corsi e sulle lezioni, scaricare i programmi e i materiali per preparare gli esami, iscriversi agli esami, tenersi aggiornati sulla propria carriera di studenti, sarebbero impensabili senza laccesso al sito internet dellUniversità! Il computer e lUniversità

14 Inoltre, per quanto riguarda la mia facoltà, per sostenere alcuni esami è OBBLIGATORIO lutilizzo del computer, come ad esempio gli esami di I corsi relativi a questi insegnamenti, tenuti dal Professor G. Lariccia, sono infatti svolti interamente con il supporto delle tecnologie e delle reti informatiche. Matematiche elementari da un punto di vista superiore e di Didattica della matematica.

15 I corsi del Prof. Lariccia Grazie ai corsi del Professor Lariccia, le mie abilità informatiche sono molto migliorate, perché mi sono dovuta confrontare con: QQ. Storie Cmap Tools www. wetpaint.com Nuovi programmi Nuovi siti Internet Nuove procedure

16 Il computer e la vita quotidiana Oggi il computer è diventato parte della mia vita e lo utilizzo spessissimo, oltre che per studiare, anche per COMUNICARE con amici, conoscenti, parenti. Attraverso le COME? Attraverso Messenger Attraverso Facebook

17 Oggi il computer è entrato a pieno titolo nella nostra quotidianità, così come la connessione a Internet. Sono pochissime le famiglie che in casa non possiedono almeno un pc e non hanno accesso alla Rete, anche perché la loro utilità è indubbia. Il computer e i rischi Tuttavia bisogna fare molta attenzione perché i rischi che si possono correre sono allordine del giorno.

18 LA TENDENZA ALL ISOLAMENTO Può essere una delle conseguenze delluso frequente e immaturo dei Social Network e dei videogiochi. RISCHIO N° 1 Si può rischiare di perdere la voglia di stare assieme agli altri, di uscire allaria aperta, di comunicare guardando in faccia linterlocutore e poterlo abbracciare non soltanto virtualmente.

19 RISCHIO N° 2 I CATTIVI INCONTRI Quando chattiamo non vediamo in faccia il nostro interlocutore e, a meno che non lo conosciamo già, cè il pericolo che chi sta dallaltra parte dello schermo non sia chi e ciò che dice di essere e rischiamo quindi di andare incontro a cattive sorprese. Possono essere anchessi una delle conseguenze delluso dei Social Network o delle chat.

20 RISCHIO N° 3 LE TRAPPOLE INFORMATICHE Se non si è navigatori esperti della Rete, come non lo sono ad esempio i bambini, è facile imbattersi in alcune trappole informatiche che possono avere cattive conseguenze. Alcuni esempi di trappole possono essere laccesso a siti immorali e la visione di immagini crude, violente, indecenti, che possono turbare o impressionare soprattutto il pubblico più giovane.

21 Quelli che ho illustrato sono solo alcuni dei rischi legati alluso del computer e di Internet. Per proteggere noi stessi e soprattutto i nostri bambini è necessario utilizzare e insegnare ai piccoli a usare il pc con moderazione e intelligenza, perché se usato correttamente può essere uno strumento utilissimo, se distrattamente può diventare molto pericoloso!

22 Lavoro realizzato da Elisa Castellini


Scaricare ppt "IO, IL COMPUTER E INTERNET. Il computer come … un gioco! Il mio primo incontro con un computer è avvenuto molto presto, allincirca alletà di 7/8 anni;"

Presentazioni simili


Annunci Google