La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di."— Transcript della presentazione:

1 Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008 Cultura del Territorio Massimo Carriero ( Accompagnatore di Escursionismo – Club Alpino Italiano)

2 Andar per monti Chi va in montagna sceglie di norma per la propria avventura montana un terreno incontaminato e precedentemente utilizzato, in casi fortunati, solo da pastori o cacciatori, per cui ci si aspetta di trovare pochissime tracce di antropizzazione, fra i quali una segnaletica utilissima, ma il più possibile discreta. Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008

3 Limpatto della segnaletica Su questo aspetto è utile ricordare, a chi si appresta a segnare un nuovo sentiero, quanto asserito da Spiro Dalla Porta Xidias, uno dei padri del C.A.I.: «La segnaletica sui sentieri toglie il gusto dellavventura. Ciò nonostante, almeno sui principali sentieri, questa è necessaria per invitare gli escursionisti meno esperti a camminare con maggiore sicurezza. Facciamo in modo che questa non sia invasiva.» Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008

4 Andar fuori sentiero Tra le indicazioni utili che vogliamo ribadire vi è quella di seguire il sentiero, evitando di creare nuove tracce che, oltre a poter confondere altri escursionisti, possono creare danni alla cotica superficiale del terreno che, soprattutto in quota, è maggiormente soggetta a delicati equilibri. Il ripetuto calpestamento, durante il periodo primaverile– estivo, danneggia la modesta vegetazione, poi le piogge e i venti autunnali e invernali asportano tale cotica oramai quasi priva di radici, attivando processi di erosione. Si assiste inoltre alla scomparsa di alcune specie di piante perdenti, sostituite da altre specie opportuniste. Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008

5 Raccoglier piante, fiori e … parlare Non modificare i normali processi della vegetazione, estirpando o danneggiando piante, raccogliendo fiori, accendendo fuochi, facendo rotolare inutilmente sassi. Chi, in seguito, percorrerà il sentiero non deve accorgersi del nostro passaggio. Anche il parlare a voce alta può disturbare lambiente e spaventare gli animali selvatici i quali, specie sui percorsi più frequentati, sono portati ad abbandonare definitivamente la zona, impauriti. Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008

6 Limpatto sullambiente Tanto più il nostro gruppo è numeroso, tanto maggiore è il disturbo e linquinamento che si può creare durante lescursione. Con un nostro gesto di insensibilità possiamo modificare il paesaggio togliendogli quel fascino di selvaggio che gli era proprio. Immaginarsi il piacere che può provare un amante della natura nel momento in cui, lungo il sentiero che percorre, si imbatte nei resti della colazione di altri escursionisti! Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008

7 I rifiuti Erroneamente molti escursionisti pensano che non sia un problema lasciare in giro le bucce della frutta o altri residui di cibo, in quanto essendo sostanze organiche, sono considerate non inquinanti perché biodegradabili. Meditiamo dapprima su questi tempi di degrado: La buccia di arancia sarà visibile da 2 a 4 anni La buccia di banana fino a 2 anni Il torsolo di mela da 3 a 6 mesi La buccia di altra frutta da 1 a 2 mesi Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008

8 La lunga vita dei rifiuti Tovagliolo di carta da 2 a 4 settimane Fazzolettino di carta da 2 a 3 mesi Scatola di cartone, non colorata: 2 mesi Tetrapack latte o succhi di frutta: 3 mesi Carta plastificata di involucri da 4 a 5 anni Gomma da masticare: 5 anni Pacchetto vuoto di sigarette da 10 a 20 anni Quotidiano: 6 settimane Rivista non patinata da 4 a 10 mesi Rivista carta patinata da 8 a 12 mesi Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008

9 La lunga vita dei rifiuti Mozzicone di sigaretta senza filtro: 3 mesi Fiammifero da 6 a 10 mesi Mozzicone con filtro da 1 a 5 anni Accendino di plastica da 100 a anni Tappi corona e capsule a vite: 40 anni Scatoletta di banda stagnata: 50 anni Lattina di alluminio da 50 a 200 anni Anelli di plastica fermalattine: 450 anni Bottiglie di vetro: tempo indeterminato Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008

10 La lunga vita dei rifiuti Materiali di plastica da 200 a 1000 anni: Bicchieri trasparenti di P.S. polistirolo Buste, piatti e tappi di P.E. polietilene Vasetti e bicchieri di P.P. polipropilene Flaconi, carte telefoniche di P.V.C. cloruro di polivinile Bottiglie e bicchieri di P.E.T. polietilen-tereftalato CD di P.C. policarbonato metacrilato Scheda telefonica Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008

11 La lunga vita dei rifiuti Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008

12 I rifiuti e gli animali selvatici Gli animali selvatici sono per lo più opportunisti e sanno adattarsi velocemente all'ambiente in cui vivono imparando dove trovare cibo a buon mercato, compreso ovviamente quello di origine antropica. Alcuni animali vivono naturalmente ai margini dei territori degli individui dominanti ed hanno imparato a conviverci (vedi in particolare le volpi). Alla lunga ciò può costituire per loro, una condanna. Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008

13 I rifiuti e gli animali selvatici Gli animali selvatici dei nostri monti, fiutato a distanza qualcosa, abbandonano gli itinerari abituali con i conseguenti rischi di divenire oggetto di attenzione di bracconieri. Assaggiato poi un alimento nuovo, gradito e a disposizione, continueranno a cercarlo dovunque riducendo il loro istinto di procurarsi il cibo da soli. Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008

14 I rifiuti e gli animali selvatici. Lorsa Yoga Un caso clamoroso è quello dellorsa Yoga del Parco Nazionale dAbruzzo che ha imitato gli orsi del Parco Statunitense di Yellowstone, da cui i personaggi di Yoghi e Bubu ideati da Hanna e Barbera. È facile ritenere che quest'orsa, avendo ripetutamente ricevuto cibo dai turisti, fosse diventata molto confidente al punto da frequentare persino campeggi e cantine isolate, cibandosi di cocomeri e caciocavalli. Pur essendo Yoga la beniamina dei turisti, la sua vita non era altro che una versione tristemente reale dell'orso Yoghi (da cui il nome). Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008

15 I rifiuti e gli animali selvatici. Lorsa Yoga Il problema divenne ancor più serio quando l'orsa perse qualsiasi remora ed iniziò a bazzicare i paesi, al punto che la sua presenza per le strade divenne molto frequente, arrecando danni e rappresentando un possibile pericolo per le persone. Nonostante l'instancabile monitoraggio del personale del Parco, dopo tante polemiche e titubanze, fu deciso di catturarla; adesso Yoga si trova nell'area faunistica di Villavallelonga, in un recinto. Bella fine! Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008

16 I rifiuti e gli animali selvatici. Altri esempi La storia si è ripetuta nel 2002 tragicamente con un'altra orsa confidente Serena: il radiocollare è stato ritrovato, ma non il suo corpo. Ed ancora con Bernardo nellautunno 2007, barbaramente assassinato. Di chi è la colpa di tutto questo? Gli orsi viziati si sono semplicemente comportati da animali opportunisti. L'uomo, invece, con i suoi comportamenti dettati dalla faciloneria e dall'ignoranza, è responsabile del procurato pericolo alla comunità oltre che della triste fine di animali selvatici. Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008

17 I rifiuti e lescursionismo Nelle zone fortemente frequentate da escursionisti scorretti il problema può diventare serio; anche un alimento occasionalmente abbandonato e quindi indirettamente offerto allanimale selvatico che vive lontano dagli insediamenti umani rappresenta per lo stesso un cambiamento di alimentazione e di abitudini: non conosciamo esattamente cosa potrebbe, nel tempo, comportare tale comportamento. Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008

18 I rifiuti e lescursionismo Dare volutamente da mangiare agli animali selvatici o anche soltanto lasciare dei resti è, quindi, sbagliato. Gli animali che vivono vicino alluomo già autonomamente sono portati a cercare cibo nelle discariche e rovistare nei cassonetti; evitiamo, quindi, di aggravare le cose portando loro il cibo anche in montagna ! Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008

19 Conclusioni Non portar via nullaltro che foto, impressioni e ricordi Non lasciare altro che limpronta del tuo piede Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di Escursionismo Gambarie, 22 novembre 2008

20 Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare grazie per lattenzione Massimo Carriero ( Accompagnatore di Escursionismo - Club Alpino Italiano )


Scaricare ppt "Club Alpino Italiano Gruppo di lavoro per lescursionismo Area Centro Meridionale Insulare 3° Corso propedeutico per la formazione di Accompagnatori di."

Presentazioni simili


Annunci Google