La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 CASA DEI BAMBINI MONTESSORI DI VIA LIVENZA 51° CIRCOLO DIDATTICO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 CASA DEI BAMBINI MONTESSORI DI VIA LIVENZA 51° CIRCOLO DIDATTICO."— Transcript della presentazione:

1 1 CASA DEI BAMBINI MONTESSORI DI VIA LIVENZA 51° CIRCOLO DIDATTICO

2 2 I PRESUPPOSTI Fiducia nellinteresse spontaneo del bambino. Rispetto: dellindividualità di ciascun alunno; del suo modo di apprendere; del suo ruolo autonomo ed attivo; dei tempi di cui necessita per maturare le sue acquisizioni (svolgimento individuale degli apprendimenti).

3 3 LAMBIENTE - età eterogenee - ambiente a misura di casa - mobili - oggetti - movimento libero e responsabilità

4 4 LAMBIENTE Allora il fanciullo è portato a correggersi, e perciò si esercita a non urtare, a non rovesciare, a non rompere, raddolcendo sempre più i suoi movimenti rendendosene a poco a poco padrone e dirigente perfetto. Per la stessa via il bambino si abituerà a far tutto il possibile per non macchiare gli oggetti. Così il bambino avanza nella propria perfezione ed è così che egli viene a coordinare perfettamente i suoi movimenti volontari." (dall Autoeducazione)

5 5 Il processo di autocontrollo porta i bambini ad essere disciplinati: linteresse per il lavoro diventa tale che nessuno vuol essere disturbato. Diventa comprensibile anche non disturbare il lavoro degli altri.

6 6 Punti forti della didattica montessoriana Come è lalunno che apprende: fiducia nel suo cammino autonomo, la mente assorbente, i periodi sensitivi; la/le intelligenze Linsegnante La famiglia Le altre agenzie educative Lambiente: il materiale, lorganizzazione del lavoro

7 7 Nella scuola montessori: Gestione diretta di spazi scolastici e attività (angoli, sala da pranzo)

8 8 Nella scuola montessori: Altri progetti: tutte le attività sono possibili purchè lo stile corrisponda alle caratteristiche metodologiche montessoriane (rispetto delle scelte individuali, dei tempi e dei modi di apprendere)

9 9 Compiti fondamentali delladulto sono quelli di: costruire un ambiente adatto agli interessi che man mano verranno sviluppati; non disturbare con interventi inopportuni il lavoro di costruzione che ogni bambino svolge. LINSEGNANTE

10 10 Il curricolo nella Casa dei Bambini Lambiente è una casa dove si può agire ed esprimersi liberamente scoprendo bisogni ed interessi

11 11 Il curricolo nella Casa dei Bambini Il movimento: camminando, esplorando, toccando con mano il bambino segue un proprio percorso di sviluppo, aiutato dalla disposizione razionale, ordinata ed accessibile degli oggetti e del materiale

12 12 Il curricolo nella Casa dei Bambini Linsegnante propone spazi ed angoli per attività di educazione dei movimenti, di vita pratica, di sviluppo sensoriale, di sviluppo logico- matematico, di sviluppo del linguaggio, di cultura varia

13 13 Le nuove tecnologie Anche gli strumenti tecnologici devono essere allinterno dellambiente ed essere utilizzati con le stesse modalità degli altri materiali (libera scelta, individualizzazione, autocorrezione, etc.)

14 14 LORGANIZZAZIONE DEL LAVORO La scuola è concepita come coltivazione dellumanità, aiuto allo sviluppo. "Le menti in via di sviluppo hanno lavidità di un corpo affamato". Lambiente deve essere organizzato in modo che il bambino, libero di lavorare, impari, diventi colto, assorba conoscenze e faccia esperienze personali, che, acquisite in questo modo, si fissano nel suo spirito e, come semi piantati in un terreno fecondo, non tarderanno a germogliare e a dare frutti.

15 15 I MATERIALI DI SVILUPPO Indirizzati ad allenare la sensorialità e lintelligenza, essi sono inseriti in un contesto didattico fortemente individualizzato e basato sulla libera scelta: materiali montessoriani, materiali predisposti appositamente dagli insegnanti altri materiali strutturati in commercio che si prestino ad essere utilizzati con queste modalità.

16 16 I MATERIALI DI SVILUPPO Anche il gioco è parte integrante della didattica e della quotidianità delle classi. Linsegnante ha il compito di presentare in maniera esatta luso dei materiali, quasi di lasciare su ognuno la propria lezione, in modo che il bambino possa adoperarli quando la propria spinta interiore lo richieda.

17 17 LE ATTIVITA DI VITA PRATICA

18 18 IL MATERIALE SENSORIALE Raffinamento dei sensi

19 19 IL MATERIALE SENSORIALE linguaggio

20 20 IL MATERIALE SENSORIALE I blocchi

21 21 IL MATERIALE SENSORIALE matematica

22 22 IL MATERIALE SENSORIALE matematica

23 23 IL MATERIALE SENSORIALE biologia

24 24

25 25 Lanticipo nella scuola dellinfanzia aprile Possono essere iscritti alla scuola dellinfanzia i bambini e le bambine che abbiano compiuto o compiano, entro il 31 dicembre 2010, il terzo anno di età. Possono altresì essere iscritti,i bambini e le bambine che compiano i tre anni di età entro il 30 aprile Laccesso Scuola dellinfanzia dicembre 0

26 26 Lanticipo nella scuola dellinfanzia Verranno predisposte due diverse graduatorie, una di bambini che compiono tre anni entro il 31 dicembre ed una di anticipatari. Lingresso dei bambini con anticipo è condizionato -allesaurirsi della lista dattesa e allingresso di tutti i bambini non anticipatari iscritti sia al tempo pieno che a quello determinato; Laccesso

27 27 Lanticipo nella scuola dellinfanzia -ai criteri deliberati dal collegio dei docenti: -i nati entro il 31 gennaio in analogia a quanto da sempre previsto nella nostra scuola vengono ammessi alla frequenza nel mese di settembre, con le modalità di inserimento che verranno specificate nel progetto accoglienza; -i nati nel mese di febbraio verranno ammessi alla frequenza a partire dal 7 gennaio 2010 (rientro dalle vacanze di Natale) secondo modalità flessibili di inserimento che verranno in seguito specificate; - i nati nel mese di marzo ed aprile verranno ammessi solo se si verificheranno le condizioni previste dalla conferenza stato-regioni Laccesso

28 28 Bacino di utenza

29 29 Fascia A

30 30 Contributo a sostegno dellampliamento dellofferta formativa e della progettazione Il Consiglio di Circolo, come da regolamento della scuola, scaricabile dal nostro sito, delibera ogni anno lammontare della somma richiesta ai genitori per lampliamento dellofferta formativa e della progettazione (progetti, esperti esterni, etc.). Tale contributo, in quanto deliberato dallorgano di gestione della scuola, è obbligatorio, tranne i casi di riconosciuta impossibilità (esoneri anche dal pagamento della mensa, situazioni particolari da valutare caso per caso) e va versato allatto della conferma delliscrizione.

31 31 Contributo a sostegno dellampliamento dellofferta formativa e della progettazione Limporto da versare è di: euro per il primo figlio - 80 euro per il secondo figlio, se entrambi frequentanti la casa dei bambini

32 32 Scegliere solo uno dei criteri della Tabella 1 CriterioPunti TABELLA1TABELLA1 Bambino diversamente abile *300 Bambino residente nel bacino di utenza che compirà 5 anni entro il 31/12/ Bambino residente nel bacino di utenza che compirà 4 anni entro il 31/12/ Bambino residente nel bacino di utenza che compirà 3 anni entro il 31/12/ Bambino con genitore che lavora nel bacino dutenza che compirà 5 anni entro il 31/12/ Bambino con genitore che lavora nel bacino dutenza che compirà 4 anni entro il 31/12/ Bambino con genitore che lavora nel bacino dutenza che compirà 3 anni entro il 31/12/

33 33 I titoli attinenti ai punteggi elencati nella Tabella 2 vanno documentati allatto delliscrizione. In mancanza di documentazione non verrà attivato alcun punteggio TABELLA2TABELLA2 Bambino con genitori entrambi lavoratori5 Bambino con famiglia monogenitoriale10 Bambino che risiede nella fascia A del bacino dutenza5 Bambino con fratello/sorella che frequentano lo stesso circolo/plesso per lanno 2010/ Bambino i cui genitori siano insegnanti in servizio nello stesso circolo/plesso 10 Bambino proveniente da scuola/nido Montessori pubblico o privato riconosciuto dallente nazionale Montessori/centro nascita Montessori 25 Bambino i cui genitori siano insegnanti specializzati nel metodo Montessori con titolo rilasciato da enti autorizzati 10 Bambino proveniente da nido con cui la scuola ha ttivato progetti di continuità: Mirò, Via Venezuela, Increscendo 20 * Punteggio non cumulabile con altri punteggi. La domanda verrà accolta solo nel limite della possibilità di inserimento di un bambino per gruppo/sezione TOTALE PUNTEGGIO A parità di punteggio prevale il bambino più grande TOTALE PUNTEGGIO

34 34 GRAZIE Sito web:


Scaricare ppt "1 CASA DEI BAMBINI MONTESSORI DI VIA LIVENZA 51° CIRCOLO DIDATTICO."

Presentazioni simili


Annunci Google