La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dott.ssa Amina Ciampella Presidente ordine Tecnologi Alimentari Lombardia e Liguria RISTORAZIONE SCOLASTICA E SVILUPPO SOSTENIBILE WWW.OTALOMBARDIALIGURIA.ORG.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dott.ssa Amina Ciampella Presidente ordine Tecnologi Alimentari Lombardia e Liguria RISTORAZIONE SCOLASTICA E SVILUPPO SOSTENIBILE WWW.OTALOMBARDIALIGURIA.ORG."— Transcript della presentazione:

1

2 Dott.ssa Amina Ciampella Presidente ordine Tecnologi Alimentari Lombardia e Liguria RISTORAZIONE SCOLASTICA E SVILUPPO SOSTENIBILE

3 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– LA SCUOLA, UNA COMUNITÀ ATTIVA.

4 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– LINEE DI INDIRIZZO NAZIONALI PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA, 2010 Le Linee di indirizzo nazionale per la ristorazione scolastica muovono dallesigenza di facilitare, sin dallinfanzia, ladozione di abitudini alimentari corrette per la promozione della salute e la prevenzione delle patologie cronico-degenerative (diabete, malattie cardiovascolari, obesità, osteoporosi, ecc.) di cui l'alimentazione scorretta è uno dei principali fattori di rischio.

5 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– Il menù va preparato sulla base dei LARN per le diverse fasce di età Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti e energia per la popolazione italiana REVISIONE 2012 Apporti di nutrienti in grado di soddisfare i fabbisogni individuali e di gruppo anche in relazione al Livello di Attività Fisica (LAF) Nella progettazione del menù occorre ottemperare alle esigenze di metabolismo, crescita, prevenzione e favorire il raggiungimento progressivo degli obiettivi di qualità totale del pasto e soddisfazione degli utenti, incoraggiando lassaggio e la progressiva accettazione dei diversi alimenti. La valutazione in energia e nutrienti del menù deve essere sulla base della settimana scolastica. Il pranzo deve apportare circa il 35% del fabbisogno di energia giornaliera. Il menù va strutturato in modo da fornire circa il 15% di proteine, il 30% di grassi ed il 55% di carboidrati.

6 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– LINEE DI INDIRIZZO NAZIONALI PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA, 2010 Lattenzione alle porzioni sta acquisendo, in educazione alimentare, un importanza crescente per la possibile correlazione del peso corporeo con la dimensione media delle porzioni piuttosto che con le scelte qualitative dei cibi effettuate dai bambini. È opportuno inserire nel capitolato, previa condivisione del significato con lutenza e la scuola, la necessità di impedire la somministrazione di una seconda porzione, soprattutto del primo piatto, per evitare un apporto eccessivo di calorie e per modificare le abitudini alimentari, nellambito della prevenzione dellobesità.

7 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– LINEE DI INDIRIZZO NAZIONALI PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA, 2010 È opportuno distribuire uno spuntino a metà mattina con lobiettivo di dare al bambino, nella pausa delle lezioni, lenergia necessaria a mantenere viva lattenzione senza appesantire la digestione e consentirgli di arrivare a pranzo con il giusto appetito. Tale spuntino deve fornire un apporto calorico pari all8% - 10% del fabbisogno giornaliero ed essere costituito preferibilmente da frutta e ortaggi di semplice consumo (anche di IV gamma). La merenda del pomeriggio, quando fornita, deve essere pari, per apporto calorico e per alimenti componenti, allo spuntino. È importante che il bambino abbia in tutta la giornata scolastica disponibilità di acqua, preferibilmente di rete.

8 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– PIRAMIDE INRAN PER I BAMBINI

9 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28–

10 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– RESIDUI Impiego e diffusione di un metodo per una valutazione semplice e riproducibile RIFIUTI ECCEDENZE Definizione di indicatori misurabili Progetto condiviso di cambiamento

11 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– DEFINIZIONI UNI 11407/2011 Ente Nazionale Italiano di Unificazione ECCEDENZA: Piatto/pasto non somministrato, che può essere riutilizzato secondo quanto definito nel capitolato di appalto, assicurando il mantenimento delle condizioni igienico-sanitarie e sensoriali. RESIDUO: Piatto/pasto somministrato, volontariamente non consumato, (che non può essere riutilizzato)

12 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– Risoluzione del Parlamento europeo del 19 gennaio 2012 su come evitare lo spreco di alimenti: strategie per migliorare l'efficienza della catena alimentare nell'UE (2011/2175(INI))2011/2175(INI) Prendere atto del fatto che esiste confusione in merito alla definizione delle espressioni «spreco alimentare» e «rifiuto alimentare». Considerare che, nell'accezione comune, per «spreco alimentare» si intende l'insieme dei prodotti alimentari scartati dalla catena agroalimentare per ragioni economiche o estetiche o per prossimità della scadenza di consumo, ma ancora perfettamente commestibili e potenzialmente destinabili al consumo umano e che, in assenza di un possibile uso alternativo, sono destinati ad essere eliminati e smaltiti producendo esternalità negative dal punto di vista ambientale, costi economici e mancati guadagni per le imprese.

13 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– /2175(INI) Invita la Commissione a valutare eventuali modifiche alle regole che disciplinano gli appalti pubblici per i servizi di ristorazione e di ospitalità alberghiera in modo da privilegiare in sede di aggiudicazione, a parità di altre condizioni, quelle imprese che garantiscono la ridistribuzione gratuita presso le categorie di cittadini senza potere di acquisto dei prodotti non somministrati (invenduti) e che promuovono azioni concrete per la riduzione a monte degli sprechi, ad esempio accordando la preferenza ai prodotti agricoli e alimentari prodotti il più vicino possibile al luogo di consumo.

14 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– PIANO DAZIONE PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DEI CONSUMI NEL SETTORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (DECR.MIN ) Piano dAzione Nazionale sul Green Public Procurement (PANGPP) CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE COLLETTIVA E LA FORNITURA DI DERRATE ALIMENTARI

15 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– FASI DA RICOMPRENDERE IN TUTTO O IN PARTE a) produzione e distribuzione degli alimenti e delle bevande; b) preparazione dei pasti; c) confezionamento dei pasti; d) somministrazione dei pasti; e) gestione dei rifiuti da preparazione dei pasti e post-consumo; f) gestione dei locali comprensivo di: servizi di pulizia, abbattimento dei rumori, approvvigionamento energetico

16 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– CRITERIO DELLOFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA È OPPORTUNO CHE LE STAZIONI APPALTANTI ASSEGNINO AI CRITERI PREMIANTI PUNTI IN MISURA NON INFERIORE AL 30% DEL PUNTEGGIO TOTALE.

17 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28–

18 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28–

19 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– CRITERI AMBIENTALI DI BASE E PREMIANTI. Un appalto è verde se integra tutti i criteri di base. Le stazioni appaltanti sono comunque invitate ad utilizzare anche quelli premianti quando aggiudica la gara dappalto allofferta economicamente più vantaggiosa.

20 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– CRITERI AMBIENTALI PER LAFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE OGGETTO DELLAPPALTO Servizio di ristorazione a ridotto impatto ambientale.

21 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– LINTENSO GUSTO DELLA MEMORIA gioca un ruolo centrale nella percezione del cibo La memoria alimentare è involontaria Lolfatto è il più coinvolto nella memorizzazione ODORE DI MENSA!

22 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– VALUTAZIONE SENSORIALE Dipende fortemente dalle esperienze vissute e dai modelli elaborati a livello mentale (cornice di riferimento) abbiamo diverse soglie di percezione sensoriale diamo diversi giudizi di preferenza-accettabilità Accettabilità: condizione di un prodotto ritenuto gradevole in termini di attributi sensoriali da un individuo o da una popolazione Preferenza: termine generico che si riferisce al confronto tra due o più prodotti su basi edonistiche (piacere-disgusto) E. Pagliarini, Valutazione sensoriale, Hoepli, Milano, 2004

23 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– PER UN MENU SOSTENIBILE FOOD COST, INTORNO AL 40% ( IN GENERE SI FERMA AL 30 %) PRODOTTI LOCALI, ALMENO PER IL 50% PRODOTTI DI STAGIONE SEMPRE! VARIARE LA PROPOSTA DI PRODOTTI VEGETALI ( FRUTTA E VERDURA, CEREALI ANCHE INTEGRALI ) : FRUTTA E VERDURA DA SGRANOCCHIARE PER INIZIARE IL PASTO, FRUTTA A META MATTINA COME SPUNTINO SCOLASTICO, PORTATA DA CASA O ANTICIPANDO LA FRUTTA DEL FINE PASTO SCOLASTICO SISTEMA DI DISTRIBUZIONE DEI PASTI, SOPRATTUTTO CON SELF SERVICE ALMENO DAL PRIMO CICLO PRIMARIE, MEGLIO SE CON STOVIGLIE LAVABILI

24 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– ATTENZIONE ALLE PORZIONI, VARIANDO LE QUANTITA IN RELAZIONE ALLETA E ALL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI ATTENZIONE AI RESIDUI VOLONTARI: NON PIACE? NON E BUONO? VANNO RISTUDIATE LE PORZIONI? GLI ABBINAMENTI? VALUTAZIONE RAPIDA PER STIMA PERCENTUALE DEI PIATTI NON CONSUMATI, PER ATTUARE MODIFICHE E MIGLIORAMENTO IN TEMPI RAGIONEVOLI LEGAMI E TECNICHE DI COTTURA DEI PASTI: OVE POSSIBILE MANTENERE LA CUCINA SCOLASTICA, PURCHE BEN ATTREZZATA E IN BUONO STATO STRUTTURALE; IN CASO DI PASTO VEICOLATO, ADOTTARE SISTEMI MISTI, FRESCO CALDO E REGRIGERATO ANCHE IN RELAZIONE ALLE PREPARAZIONI, COTTURE SOTTO VUOTO, COTTURE EFFICIENTI E PRESERVANTI MACRO E MICRO NUTRIENTI E GUSTO PER UN MENU SOSTENIBILE

25 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– IL FOOD SERVICE Importante settore, ad alto valore aggiunto, della filiera agroalimentare; Realizzato secondo modalità diverse e diversamente complesse; Sede di processi attivi e importanti per la sicurezza alimentare; Sede di processi energivori (energia elettrica e termica); Sede di produzioni di rifiuti.

26 Dott.ssa Amina Ciampella Incontro finale Bampè Sassari 28– RISTORAZIONE PUBBLICA E SVILUPPO SOSTENIBILE: Quale Futuro? Ristorazione pubblica come parte di più ampie strategie di sviluppo sostenibile che integrano produzione, consumo, salute ed educazione Importanza di promuovere e disseminare gli esempi di buona pratica e di garantire che gli obiettivi raggiunti rimangano parte di una visione a lungo termine

27 Dott.ssa Amina Ciampella Presidente ordine Tecnologi Alimentari Lombardia e Liguria GRAZIE DELLATTENZIONE


Scaricare ppt "Dott.ssa Amina Ciampella Presidente ordine Tecnologi Alimentari Lombardia e Liguria RISTORAZIONE SCOLASTICA E SVILUPPO SOSTENIBILE WWW.OTALOMBARDIALIGURIA.ORG."

Presentazioni simili


Annunci Google