La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La terapia topica in Dermatologia Università di Napoli Federico II Dipartimento di Patologia sistematica - Dermatologia Dottorato di Ricerca in Dermatologia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La terapia topica in Dermatologia Università di Napoli Federico II Dipartimento di Patologia sistematica - Dermatologia Dottorato di Ricerca in Dermatologia."— Transcript della presentazione:

1 La terapia topica in Dermatologia Università di Napoli Federico II Dipartimento di Patologia sistematica - Dermatologia Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale

2 Cute umana come serie complessa di barriere

3 Superamento della barriera cutanea presuppone meccanismi che coinvolgono: - proprietà del farmaco / principio attivo - caratteristiche della cute differenze regionali - sede differenze regionali - sede - caratteristiche della formulazione

4 una terapia che ha successo dipende non solo dal farmaco attivo ma anche dalle proprietà della formulazione applicata Sulzberger MG et al. Dermatology, diagnosis and treatment, 2d ed. Chicago, Year Book 1961

5 Elias PM,Leventhal M. Intercellular volume changes and cell surface expanation during cornification. Clin Res 27: 525, 1979) during cornification. Clin Res 27: 525, 1979) lipidi intercellulari in lamelle a doppio strato strato

6 ideal topical should be able to permeate the stratum corneum and reach adequate concentrations in the skin without reaching high serum concentrations Am J Clin Dermatol 2002 New and established topical in dermatology: clinical pharmacology and therapeutic use

7 epidermide derma papillare derma reticolare ipoderma corneo X

8 La biodisponibilità cutanea della maggior parte delle formulazioni dermatologiche commercializzate è bassa frazione 1-5% passa dal veicolo nello strato corneo Surber C,Davis AF Bioavailability and Bioequivalence of Dermatological Formulations. in: Dermatological and Transdermal Formulations.2002

9 Elias PM,Leventhal M. Intercellular volume changes and cell surface expanation during cornification. Clin Res 27: 525, 1979) during cornification. Clin Res 27: 525, 1979) lipidi intercellulari in lamelle a doppio strato strato

10 Differenze di penetrazione corneo/epidermide modello sperimentale Farmaco Epidermide intera Biodisponibilità dermica = 1 Stesso farmaco Solo corneo Biodisponibilità dermica 1 CORNEO maggiore fattore limitante del processo di diffusione e penetrazione

11 principio attivo / farmaco eccipienti veicolo Formulazione è costituita da:

12 Un veicolo è definito da: - tipo di preparazione (crema, unguento, gel, etc.) - dagli eccipienti (acqua, paraffina, glicole propilenico, etc.)

13 eccipienti eccipienti (nei differenti veicoli) (nei differenti veicoli) condizionano la efficacia condizionano la efficacia del principio attivo del principio attivo Franz TJ Pharmacokinetics and skin in:Skin barrier,percutaneous drug delivery and pharmacokinetics.2003

14

15 Preparazioni idonee a seconda delle sedi - creme - paste - polveri - soluzioni o lozioni in base acquosa / alcolica - gel acquosi / idroalcolici - tinture - unguenti - sospensioni

16 Creme - preval. emulsioni O/W - effetti rinfrescanti ed emollienti - utilizzabili in condizioni acute ed in zone pilifere Possono contenere conservanti: possibili DAC

17 Paste - prep. grasse cont. polveri dal 20 al 50% - effetto protettivo e anti-infiammatorio Aree essudanti Aree con peli

18 Polveri - riducono lo sfregamento nelle pieghe (es. con antifungini o antisettici) -nelle pieghe in caso di essudazione a seconda della composizione (talco:NO) Con amido nelle zone intertriginose quando infez da Candida

19 Soluzioni cutanee il termine soluzione cutanea sostituisce spesso il termine lozione Soluzioni o lozioni in base acquosa in base alcoolica

20 Soluzioni o lozioni in base acquosa - miscele contenenti acqua con p attivi disciolti (es. antimicrobici sulle mucose)

21 Soluzioni o lozioni in base alcolica - miscela contenente anche alcol con p attivi disciolti (etanolo, propilenglicole, isopropilico, etc.) - disinfettanti e sgrassanti - secchezza - bruciore intenso su cute non integra

22 Gel in base acquosa - non grassi - aree pilifere - capacità idratante e di veicolazione di principi attivi idrosolubili in base idroalcoolica !!

23 Tinture - astringenti e antisettiche - oggi di limitato uso per leccessiva secchezza e la colorazione della cute (T. rubra Castellani)

24 Unguenti - emulsioni W/O - film protettivo sulla cute - maggiore penetrazione di creme e lozioni - lesioni essudanti delle pieghe: rischio di macerazione

25 Sospensioni - di solito polveri in soluzioni a base acquosa o alcolica non in soluzione (da agitare) - rinfrescanti, antipruriginose

26 Detergenti - rimozione secrezioni e cellule morte - contenimento flora microbica ( pH, sostanze antisettiche, etc) - secchezza

27 principio attivo tipo di preparazione (crema, unguento, gel, etc.) veicolo eccipienti (paraffina, glicole propilenico, etc.) Formulazione è costituita da:

28 Eccipienti Eccipienti (es.acidi grassi, propilenglicole, (es.acidi grassi, propilenglicole, DMSO,etanolo acqua, etc.) DMSO,etanolo acqua, etc.) dei veicoli dei veicoli condizionano aspetti condizionano aspetti di estrema importanza di estrema importanza

29

30 veicoli ed eccipienti veicoli ed eccipienti condizionano la efficacia condizionano la efficacia del principio attivo del principio attivo nelle formulazioni nelle formulazioni Franz TJ Pharmacokinetics and skin in:Skin barrier,percutaneous drug delivery and pharmacokinetics in Dermatology,vol 1. Mosby, 2003

31 nelle formulazioni nelle formulazioni creme, gel, soluzioni,etc creme, gel, soluzioni,etc possono ottenere potenza = unguenti possono ottenere potenza = unguenti Franz TJ Pharmacokinetics and skin in:Skin barrier,percutaneous drug delivery and pharmacokinetics in Dermatology,vol 1. Mosby, 2003

32 principio attivo tipo di preparazione (crema, unguento, gel, etc.) ì veicolo eccipienti (paraffina, glicole propilenico, etc.) Formulazione

33

34 Veicolo ed eccipienti Veicolo ed eccipienti condizionano la utilità delle formulazioni

35 Franz TG etal. Clobetasol p. foam:vehicle with enhanced delivery.Int J Dermatol.2000;39:535-8

36 Enhancers Mitragotri S. Synergistic effects of enhancers for transdermal drug delivery. Pharm Res 2000; 17:

37 a)incrementano la diffusibilità della sostanza b) aumentano la solubilità nel veicolo c) migliorano il coefficiente di partizione veicolo/strato corneo enhancers chimici classici Effetto irritante Azone, SEPA, Dermac SR-38 e altri

38 derma derma aumenta la solubilità nel veicolo migliora coefficiente di partizione veicolo/strato corneo derma derma veicolo veicolo + enhancer +

39 Sistemi carrier vescicolari Formulazioni liposomiche ? Morganti PF, Ruocco E, Wolf R, Ruocco V. Percutaneous absorption and delivery systems. Clinics in dermatology 2001; 19: Via transappendigeale Non penetrano diffusamente il corneo Trasferosomi Singh J, Maibach HI. Transdermal delivery and cutaneous reactions. In: Dermatological and Transdermal Formulations.vol 119. Marcel Dekker, Inc. New York 2002.

40 Negli ultimi anni possibilità di incremento della penetrazione e superamento della barriera metodi sperimentali *di ordine chimico, biochimico:eccipienti ed enhancers *di ordine strumentale: es.sonoforesi Intradermal drug delivery by low frequency sonophoresis (25khz) P. Santoianni, M. Nino, L. Casula, G. Calabrò

41 Elias PM, Tsai JC, Menon GK,et al. Skin barrier, percutaneous drug delivery and pharmacokinetics Franz TJ Pharmacokinetics and skin in: Skin barrier, percutaneous drug delivery and pharmacokinetics. 2003

42 Davis AF, Gyurik RJ, Hadgraft J, et al. Formulation strategies for modulating skin permeation in Dermatological and Transdermal Formulations 2002

43 Choi EH, Lee SH, Ahn SK et al. The pretreatment effect of chemical skin penetration enhancers in transdermal drug delivery. 2004

44 Gli standard sui topici per quel che riguarda biodisponibilità, bioequivalenza ed equivalenza terapeutica sono di anni indietro rispetto agli standard raggiunti in altre modalità terapeutiche come quella orale Surber C, Davis AF. Bioavailability and Bioequivalence of Dermatological Formulations. in: Dermatological and Transdermal Formulations

45 Clin Dermatol 2003 Changing paradigms in Dermatology: Abramovits W, Goldstein AM, Stevenson LC Topical immunomodulators within a permutational paradigm for the treatment Focus: topici Lin P, Torres G, Tyring SK Antivirals in dermatology

46 Veicolazione intradermica e ricerca dermatologica

47 Superamento della barriera cutanea presuppone meccanismi che coinvolgono: - proprietà del farmaco / principio attivo - caratteristiche della cute differenze regionali - sede differenze regionali - sede - caratteristiche della formulazione

48 1.Mucose 2.Scroto 3.Sopracciglia 4.Viso 5.Collo e tronco 6.Braccia e cosce 7.Avambracci e gambe 8.Sup. dorsale di mani e piedi 9.Cute plantare e plantare 10.Unghie Importanza della sede in terapia topica

49 Tecnica dell occlusione rigonfiamento dei corneociti con alteraz. proprietà barriera rigonfiamento dei corneociti con alteraz. proprietà barriera aumento preval. per sostanze idrofile Middleton JD. The mechanism of water binding in stratum corneum. Br J Dermatol 1986; 80: effetto discontinuo

50


Scaricare ppt "La terapia topica in Dermatologia Università di Napoli Federico II Dipartimento di Patologia sistematica - Dermatologia Dottorato di Ricerca in Dermatologia."

Presentazioni simili


Annunci Google