La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Roma, 13 aprile 2011. Le aziende agrituristiche in Italia (Istat, 2010) Al 31 dicembre 2009 (Var. su 2008) NORD 8.576 = 45% +286 (+ 3,4%) CENTRO 7.204.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Roma, 13 aprile 2011. Le aziende agrituristiche in Italia (Istat, 2010) Al 31 dicembre 2009 (Var. su 2008) NORD 8.576 = 45% +286 (+ 3,4%) CENTRO 7.204."— Transcript della presentazione:

1 Roma, 13 aprile 2011

2 Le aziende agrituristiche in Italia (Istat, 2010) Al 31 dicembre 2009 (Var. su 2008) NORD = 45% +286 (+ 3,4%) CENTRO = 38% +93 (+ 1,3%) SUD = 17% +160 (+ 5,2%) Totale (+2,8%)

3 Evoluzione dell agriturismo in Italia dal 2004 al 2009 (Istat, 2010) Tipologie Var. % Alloggio ,5 Posti letto ,5 Ristor ,6 Posti a sedere ,2 Degust ,2 Altre ,4 TOTALE ,7

4 Aziende agrituristiche per sesso del conduttore (Istat, 2010) DONNEUOMINI NORD2.350 (27,4%)6.226 (72,6%) CENTRO3.062 (42,5%)4.142 (57,5%) SUD1.294 (39,9%)1.945 (60,1%) Totale6.706 (35,3%) (64,7%)

5 Lagriturismo è un comparto significativo della nostra agricoltura, con oltre un miliardo di euro di fatturato all anno. Lagriturismo è fondamentale per la piena valorizzazione delle risorse del territorio, per la sua capillare tutela e per la prevenzione dei dissesti idrogeologici. Lagriturismo è lespressione più autentica della multifunzionalità agricola, punto di forza della green economy e vetrina ideale delle tipicità locali. Affinché sprigioni tutte le sue potenzialità l agriturismo deve essere sempre più autentico, ossia deve essere evidente e naturale il suo collegamento all attività agricola, alle produzioni, al paesaggio, alla storia ed alla cultura del territorio.

6 Adeguamentodella normativa regionale normativa regionale ALCUNE SCELTE FONDAMENTALI

7 Occorre, innanzitutto, attuare celermente le disposizioni previste dalla legge-quadro (L. 96 del 2006), in particolare quelle riguardanti la Classificazione nazionale degli agriturismi (art. 9). Turismo Verde ha presentato ufficialmente, in collaborazione con Agricoltura è Vita, una sua proposta di classificazione il 15 novembre 2008 ad Arezzo, in occasione di Agri&tour. Una proposta che è stata molto apprezzata e che ha fornito una spinta decisiva per l attivazione del ministero dell Agricoltura, al quale la legge affida il compito di definire i criteri nazionali per la classificazione. ALCUNE SCELTE FONDAMENTALI La Classificazione La Classificazione

8 Turismo Verde è daccordo con la proposta per una metodologia unitaria di Classificazione dell agriturismo italiano elaborata dallOsservatorio nazionale sull Agriturismo. Bisogna ora accorciare il più possibile i tempi per far sì che il 2012 possa essere il primo anno effettivo di classificazione dellagriturismo italiano. Proponiamo, perciò, al ministero dell Agricoltura di dichiarare il 2012 Anno della Qualità per l Agriturismo Italiano, con iniziative di informazione e promozione in tutto il Paese ed all estero. ALCUNE SCELTE FONDAMENTALI La Classificazione La Classificazione

9 ALCUNE SCELTE FONDAMENTALI ALCUNE SCELTE FONDAMENTALI La Promozione La Promozione Lagriturismo italiano rappresenta un asset importantissimo per qualificare lofferta turistica nazionale. Contestualmente alla attivazione della classificazione occorre, quindi, procedere alla definizione del Programma di promozione dell agriturismo italiano sui mercati nazionali ed internazionali, compito che l art. 11, comma 1, della legge quadro n. 96 del 2006 affida al ministero dell Agricoltura.

10 La Promozione La Promozione Dovrebbe trattarsi, in realtà, di un programma di internazionalizzazione, sostenuto da sufficienti risorse finanziarie, essenziale per far conoscere in tutto il mondo l offerta di prodotti e di servizi delle nostre imprese agrituristiche, da integrare opportunamente con la più generale promozione del territorio ma capace di mettere in risalto la tipicità, l unicità del nostro agriturismo. Determinante per il raggiungimento di obiettivi soddisfacenti è un uso intelligente di internet, per far conoscere l offerta dei nostri agriturismi a tour operator stranieri accuratamente selezionati, riferimento di una vasta platea di potenziali visitatori.

11 Semplificazione amministrativa Semplificazione amministrativa Punto dolente della nostra agricoltura ed anche dell agriturismo per il quale, alle solite farraginosità burocratiche, si aggiungono quotidianamente altri adempimenti assolutamente inutili e dannosi. E il caso della Tassa di soggiorno, riesumata dal governo nell ambito del federalismo municipale: inutile perché non porterà alcun beneficio alle amministrazioni locali considerando il calo di afflusso turistico che comporterebbe, dannosa perché costituisce un assurdo appesantimento burocratico anche per le imprese agrituristiche. Chiediamo, perciò, ai Comuni di evitare la sua applicazione e, comunque, di concertare ogni scelta con le associazioni agrituristiche.

12 Semplificazione amministrativa Semplificazione amministrativa Anche per quanto riguarda la Tarsu – Tassa per i rifiuti solidi urbani che alcuni Comuni continuano ad applicare assimilando l attività agrituristica a quella alberghiera, vale la pena ricordare che l agriturismo è attività strettamente connessa a quella agricola. Inoltre la Corte di Cassazione, con pronunciamento n del 1990, ha affermato in maniera inequivocabile che lattività agrituristica non determina lesercizio di attività alberghiera. E necessario, quindi, distinguere nettamente la tassazione degli alberghi da quella degli agriturismi che deve risultare molto meno onerosa.

13 L AZIONE DI TURISMO VERDE L AZIONE DI TURISMO VERDE Nel 2005, con la trasformazione di Turismo Verde da istituto ad associazione promossa dalla Cia, è iniziata una fase nuova della nostra attività. Nel corso di questi anni la nostra associazione si è capillarizzata e sono stati costituiti autorevoli gruppi dirigenti in quasi tutte le regioni ed in molte province. Il 15 dicembre 2008 Turismo Verde ha ottenuto, con Decreto del ministro per l Ambiente, il riconoscimento di Associazione Nazionale di Protezione Ambientale (L. 349/86).

14 L AZIONE DI TURISMO VERDE L AZIONE DI TURISMO VERDE Dal 2006 Turismo Verde ha partecipato a tutte le edizioni di Agri&tour, il Salone nazionale dell Agriturismo che si svolge annualmente ad Arezzo nel mese di novembre, con uno stand promozionale di dimensioni consistenti e con iniziative pubbliche, su temi di attualità, che hanno sempre destato un notevole interesse.

15 L AZIONE DI TURISMO VERDE L AZIONE DI TURISMO VERDE Turismo Verde ha ideato ed organizzato la Giornata nazionale dell agriturismo, appuntamento annuale che ha riscosso un notevole successo sui mezzi di comunicazione, consistente in un apertura domenicale speciale degli agriturismi aderenti all iniziativa; un momento particolare di incontro con gli ospiti che, oltre ad apprezzare la bontà delle prelibatezze enogastronomiche di cui è ricchissimo il nostro territorio, sono messi in condizione di capire fino in fondo come funziona un impresa agrituristica.

16 L AZIONE DI TURISMO VERDE L AZIONE DI TURISMO VERDE Per ognuna delle 4 edizioni della Giornata nazionale dell Agriturismo, svolte fino ad oggi, è stato coniato uno slogan e realizzata una locandina

17 I edizione

18 IIedizione

19 IIIedizione

20 IVedizione

21 La prossima edizione della Giornata, la quinta, si terrà su tutto il territorio nazionale il prossimo 17 aprile

22 Vedizione

23 In questi anni è stato migliorato il sito internet di Turismo Verde, sia come immagine che come contenuti, arricchito da una guida agrituristica molto dettagliata che, oggi, vede la presenza di una selezione delle nostre aziende associate; per la precisione vi sono descritte aziende divise per regioni e per province. Il nostro sito è molto visitato, in particolare da internauti stranieri nonostante sia solo in lingua italiana. L AZIONE DI TURISMO VERDE L AZIONE DI TURISMO VERDE

24 Il Consiglio Direttivo di Turismo Verde ha svolto un azione costante di supporto alle attività e, in esso, si è realizzata una collaborazione molto proficua e produttiva tra imprenditori e funzionari. Anche grazie a questa fruttuosa azione ed alla concordia che ha sempre caratterizzato i rapporti nel gruppo dirigente Turismo Verde è, oggi, un interlocutore essenziale ogniqualvolta si discuta di agriturismo e di turismo rurale in ogni sede ed a tutti i livelli e partecipa a pieno titolo con un proprio rappresentante ai lavori dell Osservatorio nazionale dell agriturismo. L AZIONE DI TURISMO VERDE L AZIONE DI TURISMO VERDE

25 La nostra ambizione, maturata in articolate discussioni del Consiglio Direttivo, è quella di allargare la maglia dei nostri associati a tutti gli imprenditori agricoli che, con le loro attività, favoriscono il turismo in campagna. La nostra Confederazione ci ha così consentito di proporre all Assemblea una innovazione statutaria che permetta agli agricoltori non imprenditori agrituristici ma impegnati in attività di fattoria didattica e di fattoria sociale di aderire, in qualità di soci, a Turismo Verde. Si tratta di un primo ed importante passo verso l apertura della nostra associazione ad altre figure dell imprenditoria agricola, ad esempio gli agricoltori impegnati nella vendita diretta delle loro produzioni in azienda, che alimentano un flusso sempre più grande di visitatori in campagna. L AZIONE DI TURISMO VERDE

26 La seconda grande innovazione che proponiamo di apportare allo Statuto non è altro che un necessario adeguamento all autoriforma della Cia, decisa nel 2010, che punta ad assegnare agli imprenditori agricoli gli incarichi di rappresentanza degli interessi generali e settoriali degli associati. E giusto che anche Turismo Verde, parte integrante del Sistema Cia, si adegui a questo principio assegnando ruoli di primo piano agli imprenditori senza escludere rappresentanze, negli Organi statutari, di altri gruppi omogenei, ciascuno con una presenza percentualmente analoga a quella che si registra nei corrispondenti Organi confederali. L AZIONE DI TURISMO VERDE

27 GRAZIE PER L ATTENZIONE


Scaricare ppt "Roma, 13 aprile 2011. Le aziende agrituristiche in Italia (Istat, 2010) Al 31 dicembre 2009 (Var. su 2008) NORD 8.576 = 45% +286 (+ 3,4%) CENTRO 7.204."

Presentazioni simili


Annunci Google