La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

P ROGETTO R EGOLE 2010 Servizio Socio Sanitario Regionale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "P ROGETTO R EGOLE 2010 Servizio Socio Sanitario Regionale."— Transcript della presentazione:

1 P ROGETTO R EGOLE 2010 Servizio Socio Sanitario Regionale

2 IL QUADRO DI SISTEMA La proposta di regole 2010 che viene presentata si basa sulle risorse definite dalle norme vigenti quindi, così come risulta dalla proposta di bilancio regionale, lincremento del 2010 vs il 2009 è dello 0,41% cioè pari a 67 milioni di euro E prevedibile unintegrazione di risorse da valutarsi in modo definitivo dopo il riparto fra le regioni infatti i possibili criteri di riparto dovranno tenere conto delle necessità territoriali e delle manovre in atto per le regioni interessate dai piani di rientro dei deficit. Tale aspetto genera tensioni fra le Regioni e fra lo Stato Si richiama lattenzione di tutti a quanto inserito nel DDL Finanziaria 2010 per quanto riguarda il limite previsto per il personale

3 LE CONFERME Si confermano le esenzioni dai ticket già in vigore e cioè: sulla specialistica: ragazzi minori di 14 anni, maggiori di 65 anni, esenti per patologia ecc. Circa il 70% delle prestazioni erogate è esente da ticket sul P.S.: minori di 14 anni, maggiori di 65 anni, chi è già esente per le prestazioni specialistiche sulla farmaceutica: più del 60% delle ricette sono prescritte a pazienti che sono esenti dal ticket

4 I PUNTI DI ATTENZIONE Attivazione nuovi ospedali: nel corso del 2010 verranno attivati 5 nuovi ospedali (1° fase di Niguarda, Bergamo, Como, Legnano, Vimercate) PdL IRCCS e AO Universitarie: la proposta tiene conto delle norme inserite nel collegato che prevedono una maggiorazione tariffaria alle strutture di ricerca e universitarie con la scomparsa però delle funzioni relative e parte delle dotazioni della legge no-profit. Il PdL, se approvato, rende più chiari i rapporti del sistema con tali strutture che, per le pubbliche, riconoscono la valorizzazione dei costi effettivi mentre, per i privati, impongono contratti pubblici per il personale e verifiche di bilancio

5 I RICOVERI Lincremento effettivo dei ricoveri (tenendo conto degli impatti del PdL IRCCS e Università) è dato dallaggiornamento del punto DRG, dalle nuove attività e dalla chirurgia a bassa intensità, per circa 160 mln di euro pari al 3,1% lincremento del punto DRG è complessivamente del 4,2% di cui il 2,7% a invarianza di budget 2009 e l1,5% una tantum (117 mln euro) in aumento di risorse anche per rispondere alla criticità del rinnovo dei contratti del personale del comparto dei privati per anticipare gli indirizzi del Patto della Salute 2010/2012 alcune attività di chirurgia di bassa complessità vengono portate nelle prestazioni ambulatoriali con diminuzione delle tariffe per circa 130 mln di euro si conferma il fondo protesi e accompagnatori hospice

6 SPECIALISTICA AMBULATORIALE Si confermano le risorse del 2009 (al netto del trasferimento della chirurgia ambulatoriale) in considerazione delle manovre di appropriatezza già attivate nel 2009 Non si prevedono manovre tariffarie significative Per effetto degli arrotondamenti delle tariffe, si contano leggere diminuzioni del ticket Viene prevista lattivazione della macroattività ospedaliera di chirurgia ambulatoriale a bassa intensità. Per tale tipologia di attività sono previsti requisiti organizzativi e strutturali più leggeri. Per le prestazioni erogate nellambito di tale attività NON è prevista lapplicazione del ticket

7 COSTI STANDARD Si conferma il percorso avviato nel 2009 con rilevazione delle differenze nelle varie ASL MOBILITA PASSIVA EXTRAREGIONALE Si ricorda che le ASL sono responsabili del governo della mobilità passiva extraregionale

8 FARMACEUTICA Modesta diminuzione rispetto al pre-consuntivo del 2009 tenendo però conto che il Parlamento o AIFA deve confermare le manovre sul costo dei farmaci che scadono alla fine di questanno resta comunque prevedibile una necessità (anche se modesta) di aumento di risorse da seguire con interesse il risultato della gara in corso di predisposizione dalla Centrale Regionale Acquisti relativa ai farmaci ospedalieri aumento del 10% dei costi del File F per farmaci ad alto costo PROTESICA Prosegue la sperimentazione sui percorsi di semplificazione delle procedure per i cittadini Nelle rette riconosciute alle RSA sono già ricomprese le risorse in quota parte per la protesica. Si raccomanda lattenzione delle ASL al rispetto di questa regola

9 DOTE SANITARIA La sperimentazione del 2009 ha dato ottimi risultati che permettono: di cercare conferme misurando i risultati con indicatori oggettivi, sullinfluenza positiva che può avere la funzione di accompagnamento del MMG sul miglioramento della persistenza terapeutica dei pazienti cronici questa soluzione è anche gradita dai pazienti che stanno accettando di firmare il patto con il loro MMG accettando il suo ruolo di accompagnamento PSICHIATRIA Si conferma il piano 2009 con aumento di risorse (+ 15 mln euro) per il completamento della messa a contratto delle strutture residenziali

10 FUNZIONI NON TARIFFATE A regime AREU con incremento del 2,7 % vs il 2009 riduzione delle funzioni in conseguenza del PdL IRCCS riconoscimento funzione gestione File F (per costi di rendicontazione che sono significativi) PENITENZIARIA Definitivamente risolti i problemi organizzativi va segnalato che nel breve periodo occorreranno risorse superiori alle assegnazioni ministeriali ARPA e ASSI Invariate le risorse assegnate allARPA AllASSI incremento dell1,04%

11 CONTROLLI Si consolidano i metodi e le quantità di attività svolte nel corso del 2009: 10% controlli sui ricoveri e 3,5% sulla specialistica significativo il fatto che su 10 punti percentuali di attività controllate 3 siano riferiti ad autocontrollo effettuato dagli erogatori sulle buone compilazioni e tenute della cartella clinica Si ricorda la messa a regime della previsione del quesito diagnostico prevalente nelle prescrizioni Il ricettario sarà consegnato a tutti anche per quanto riguarda le prescrizioni farmaceutiche

12 TEMPI DI ATTESA Si prevedono almeno 12 rilevazioni annuali web based presso tutti gli erogatori Al fine di avere un monitoraggio più frequente vengono individuate su tutto il territorio delle strutture campione che invieranno i dati di attesa con frequenza settimanale In corso di perfezionamento sul web regionale le strutture con più bassi tempi di attesa per le prestazioni più richieste

13 PERSONALE Si confermano le regole del 2009 con parametro verificato sul modello di ogni azienda, confermando la costruzione del fabbisogno del personale su parametri di efficienza ed efficacia la priorità delle assunzioni di personale viene data sui tempi indeterminati si conferma lobbligo di pubblicazione sul web degli incarichi professionali si confermano altresì le indicazioni sui sistemi di valutazione già individuate per lanno 2009 le RAR sono previste secondo gli accordi già sottoscritti e si conferma il 25% del costo a carico delle aziende pubbliche vengono forniti i primi indirizzi sulle disposizioni immediatamente applicative del D.Lgs. Brunetta con riferimento alla contrattazione integrativa si richiama nuovamente quanto previsto nel DDL Finanziaria 2010

14 IL SISS Vengono recepite le linee progettuali e i costi della progressione progettuale del SISS allinterno del progetto è prevista la totale integrazione degli erogatori privati Si attiva la digitalizzazione delle cartelle cliniche a cominciare dalle ASL di Cremona e Mantova In marzo 2010 scade il contratto principale tra RL e LISPA la Giunta ha stabilito che il progetto SISS prosegue e LISPA sarà soggetto attuatore con specifici obiettivi (integrazione al SISS di tutti, FSE, sviluppo prenotazione CCR, dematerializzazione) la Giunta ha altresì stabilito la pianificazione di dettaglio per il periodo che prevede, tra laltro, la sottoscrizione entro gennaio 2010, di una convenzione a 3 (RL, Azienda, LISPA) Nei prossimi mesi verranno svolti i collaudi finali per il vecchio contratto LISPA

15 IL SISS Vengono recepite le linee progettuali e i costi della progressione progettuale del SISS allinterno del progetto è prevista la totale integrazione degli erogatori privati Si attiva la digitalizzazione delle cartelle cliniche a cominciare dalle ASL di Cremona e Mantova PIANI E PROGETTI OSPEDALE/TERRITORIO vengono confermati i progetti in corso per lassistenza territoriale sostitutiva di quella ospedaliera NOVITA: parte la sperimentazione sul territorio del Nord-Milano dellassistenza domiciliare dei pazienti cronici (ipertensione, BPCO, ecc) tramite supporto web-based di rilevazione dei principali parametri vitali in collegamento in tempo reale con centrale operativa vengono altresì confermati i contenuti dei piani della prevenzione, delle reti di patologia ecc. (con obbligo di adottare precisi piani di intervento entro gennaio 2010) si da forte sviluppo alla riabilitazione domiciliare sostitutiva di quella tradizionale

16 PREVENZIONE E VETERINARIA Le attività di prevenzione e promozione della salute individuale e collettiva svolte dalle ASL riguarderanno i seguenti ambiti: sorveglianza ed analisi epidemiologica, comprendente i sistemi di rilevazione/registri di patologia, le caratteristiche demografiche e territoriali, le prestazioni erogate; promozione della salute, con particolare riguardo a corretti stili di vita; profilassi e controllo delle malattie trasmissibili; screening oncologici, in linea con i provvedimenti regionali con particolare riguardo ai requisiti di qualità; vigilanza e controllo negli ambienti di vita e di lavoro Sicurezza alimentare si conferma la premialità, pari a 7 milioni di euro, per il raggiungimento di obiettivi specifici legati alla diminuzione di incidenti derivanti dallabuso di alcol e sostante stupefacenti, nonché degli incidenti sul lavoro in materia di veterinaria proseguono i progetti di qualità relativi allintera filiera alimentare e le collaborazioni internazionali in ottica Expo 2015

17 LA RICERCA per sviluppare efficacemente ed operativamente i problemi connessi alla ricerca viene confermato il fondo specifico di 7 milioni di euro destinato alla ricerca orfana che tiene conto della ottimale risposta avvenuta nel 2009 il punto di riferimento naturale per tali progettualità saranno le Fondazioni IRCCS pubbliche e private e le Aziende Ospedaliere sede di Polo Universitario la conferma del fondo specifico per la ricerca orfana ha già permesso un efficace interesse dei ricercatori meno attratti dalle strutture estere

18 IL PERCORSO E LA TEMPISTICA 1 dicembre 2009: presentazione alla Consulta della sanità entro il 9 dicembre 2009: presentazione agli attori del sistema (ASL, AO, privati, OO.SS., ecc.) entro il 16 dicembre 2009: approvazione DGR in Giunta 1 febbraio 2010: termine di presentazione dei bilanci da parte delle ASL, AO e IRCCS pubblici


Scaricare ppt "P ROGETTO R EGOLE 2010 Servizio Socio Sanitario Regionale."

Presentazioni simili


Annunci Google