La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La in rete I Conferenza Regionale HPH Friuli Venezia Giulia Il percorso di ricovero e dimissione protetti nellAzienda Ospedaliera Santa Maria della.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La in rete I Conferenza Regionale HPH Friuli Venezia Giulia Il percorso di ricovero e dimissione protetti nellAzienda Ospedaliera Santa Maria della."— Transcript della presentazione:

1 La in rete I Conferenza Regionale HPH Friuli Venezia Giulia Il percorso di ricovero e dimissione protetti nellAzienda Ospedaliera Santa Maria della Misericordia di Udine Mirella Campagnolo Monfalcone 1 dicembre 2005

2 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Obiettivi della Conferenza La comunicazione progetti HPH Il consolidamento linguaggio comune Le best practice fra Az della rete HPH La visibilità della rete HPH Gli eventuali sviluppi progettuali

3 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Questo progetto a nostro avviso, può contribuire a sviluppare gli obiettivi richiamati

4 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Presso Azienda Ospedaliera Santa Maria della Misericordia di Udine è stato nominato il Comitato Tecnico per la gestione locale del progetto HPH con Decreto del Direttore Generale n del 12 ottobre 2005

5 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Abbiamo seguito il corso La comunicazione strumento di salute nei progetti della rete regionale HPH siamo pronti al confronto e alla divulgazione/condivisione delle esperienze

6 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Dimissione protetta è rivolta Alle persone fragili con condizioni cliniche precarie, mancanza di una adeguata rete di supporto e inadeguatezza socio-economica

7 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Lopinione degli utenti Informazioni carenti e frammentarie da parte degli operatori; Mancanza di informazioni sui servizi territoriali Difficoltà e ritardi nellacquisizione dei presidi Angoscioso il momento in cui veniva prospettata lADI Sensazione di mancanza di sicurezza e di protezione;

8 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Lopinione degli utenti Scarsa attenzione ai problemi dei familiari; Ritardo nella pianificazione della dimissione e criticità nei giorni prefestivi; Scarsa integrazione e comunicazione nella rete dei servizi con discrepanze tra i diversi distretti; Scarso coinvolgimento del MMG ; Mancanza di una percorso che faciliti i controlli post- dimissione

9 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Lopinione degli operatori Gli operatori dellospedale sottolineavano Discrepanza tra le aspettative dei cittadini e la necessità di dimissione precoce; Disomogeneità di impostazione dei servizi Gli operatori dei distretti lamentavano Insufficienti informazioni nelle schede di dimissione e d isomogeneità tra i reparti; Richieste di dimissione nei giorni prefestivi ;

10 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Temi e problemi TemiProblemi Centralità dellutente non garantita Risposte certe e univoche ai bisogni del cittadino risposte disomogenee Circolarità delle informazioni tra Servizi e con lUtente informazioni frammentarie

11 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Temi e problemi TemiProblemi Conoscenza delle reciproche funzioni e delle specifiche attività conoscenza disorganica o ad personam Procedure semplificate per la continuità delle cure sanitarie e/o socio-assistenziali procedure farraginose e poco funzionali Strumenti informativi adeguati alle peculiarità della continuità di cure informazioni carenti, ridondanti, imprecise, a volte inutili

12 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Temi e problemi TemiProblemi Modalità di contatto tra operatori per pianificare la dimissione solo contatto telefonico Percorsi formativi comuni, stage e aggiornamenti periodici sui processi assistenziali mancanza di percorsi formativi comuni Coinvolgimento dei Medici di Medicina Generale poco informati e poco coinvolti

13 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Obiettivi perseguiti Analizzare lintero processo adottato nelle dimissioni; Analizzare lintero processo adottato nelle dimissioni; Correggere i passaggi critici; Correggere i passaggi critici; Coinvolgere tutti gli attori interessati; Coinvolgere tutti gli attori interessati; Assicurare unadeguata informazione; Assicurare unadeguata informazione; Realizzare una banca dati comune e un potenziamento degli scambi; Realizzare una banca dati comune e un potenziamento degli scambi;

14 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Obiettivi perseguiti Incidere sulle conoscenze/informazioni degli operatori delle tre aree coinvolte (ospedaliera, territoriale, sociale) e dei cittadini; Incidere sulle conoscenze/informazioni degli operatori delle tre aree coinvolte (ospedaliera, territoriale, sociale) e dei cittadini; Riaffermare e condividere il principio della centralità del cittadino nellorganizzazione della dimissione Riaffermare e condividere il principio della centralità del cittadino nellorganizzazione della dimissione

15 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Percorso del gruppo Analisi dellintero processo adottato nelle dimissioni protette 1 Sottoprocesso acquisizione presidi, ausili tecnici e dispositivi protesici Ruolo, competenze e meccanismi di funzionamento delle tre strutture interessate Ospedale Ospedale Distretti Distretti Ambiti socio assistenziali Ambiti socio assistenziali 2 Sottoprocesso continuità terapeutica 3 Sottoprocesso trasporti 4 Sottoprocesso gestione di prestazioni assistenziali 5 Sottoprocesso attivazione del servizio sociale dei comuni

16 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Una revisione condivisa: Finalità Coinvolgere tutti gli attori nella revisione dei processi; Coinvolgere tutti gli attori nella revisione dei processi; Intercettare le problematiche dei servizi; Intercettare le problematiche dei servizi; Favorire una conoscenza reciproca; Favorire una conoscenza reciproca; Migliorare la comunicazione tra ospedale territorio e cittadini; Migliorare la comunicazione tra ospedale territorio e cittadini; Promuovere una visione complessiva del processo; Promuovere una visione complessiva del processo; Assicurare la più ampia diffusione possibile del progetto. Assicurare la più ampia diffusione possibile del progetto.

17 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Una revisione condivisa del processo Gli step Istituzione del gruppo di progetto; Istituzione del gruppo di progetto; Presentazione progetto ai responsabili delle Aziende; Presentazione progetto ai responsabili delle Aziende; Presentazione dei risultati dellanalisi e del progetto ai responsabili di reparti, distretti e ambiti; (Primo livello di coinvolgimento) Presentazione dei risultati dellanalisi e del progetto ai responsabili di reparti, distretti e ambiti; (Primo livello di coinvolgimento) Sei incontri di approfondimento con gruppi misti di operatori. Coinvolti 350 operatori; (Secondo livello di coinvolgimento) Sei incontri di approfondimento con gruppi misti di operatori. Coinvolti 350 operatori; (Secondo livello di coinvolgimento)

18 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Una revisione condivisa del processo Ospedale: Ospedale: Medici N 8 Medici N 8 Infermieri N 12 Infermieri N 12 Distretto: Distretto: Medici distretto N 2 Medici distretto N 2 MMG N 6 MMG N 6 Infermieri N 10 Infermieri N 10 Terapisti N 2 Terapisti N 2 Amministrativi N 1 Amministrativi N 1 Ambiti: Ambiti: Assistenti Sociali N 10 Assistenti Sociali N 10 Composizione partecipanti ad ogni incontro di presentazione

19 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Una revisione condivisa del processo Gli step Coinvolgimento, nella revisione dei protocolli, del personale ospedaliero, di distretto e di ambito sociale coinvolto nelle dimissioni; (terzo livello di coinvolgimento) Coinvolgimento, nella revisione dei protocolli, del personale ospedaliero, di distretto e di ambito sociale coinvolto nelle dimissioni; (terzo livello di coinvolgimento) Inserimento del progetto negli obiettivi aziendali; Inserimento del progetto negli obiettivi aziendali; Riprogettazione, da parte dei gruppi, di protocolli condivisi; Riprogettazione, da parte dei gruppi, di protocolli condivisi;

20 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Una revisione condivisa del processo Gli step Inserimento del progetto negli obiettivi aziendali; Inserimento del progetto negli obiettivi aziendali; Riprogettazione, da parte dei gruppi, di protocolli condivisi; Riprogettazione, da parte dei gruppi, di protocolli condivisi; Approvazione e presentazione del nuovo processo; Approvazione e presentazione del nuovo processo; Predisposizione documento informativo per gli operatori (vademecum); Predisposizione documento informativo per gli operatori (vademecum); Pubblicazione carta dei servizi congiunta; Pubblicazione carta dei servizi congiunta; Sperimentazione nuovo processo; Sperimentazione nuovo processo; Focus group di verifica con cittadini e operatori coinvolti Focus group di verifica con cittadini e operatori coinvolti

21 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Una revisione condivisa del processo Elenco ausili di base indispensabili al momento della dimissione; Elenco ausili di base indispensabili al momento della dimissione; Protocollo condiviso di gestione: Protocollo condiviso di gestione: Tracheotomie e ossigeno terapia Tracheotomie e ossigeno terapia Nutrizione artificiale (enterale e parenterale) Nutrizione artificiale (enterale e parenterale) Lesioni vascolari e da decubito Lesioni vascolari e da decubito Cateteri venosi centrali/periferici Cateteri venosi centrali/periferici Terapia del dolore Terapia del dolore Stomie e incontinenza Stomie e incontinenza Protocolli rivisti

22 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Una revisione condivisa del processo Protocollo organizzativo dellattivazione della dimissione protetta (quando, come, chi) Protocollo organizzativo dellattivazione della dimissione protetta (quando, come, chi) Protocollo dellattivazione del servizio sociale (Distretto, Ambito socioassistenziale, Servizio Sociale ospedaliero) Protocollo dellattivazione del servizio sociale (Distretto, Ambito socioassistenziale, Servizio Sociale ospedaliero) Protocolli rivisti Carta dei Servizi congiunta

23 Mirella Campagnolo - Monfalcone, 01/12/ Integrazione Nel 2005 il processo è stato inserito negli obiettivi dei tavoli tematici del Piano di Zona dellAmbito udinese


Scaricare ppt "La in rete I Conferenza Regionale HPH Friuli Venezia Giulia Il percorso di ricovero e dimissione protetti nellAzienda Ospedaliera Santa Maria della."

Presentazioni simili


Annunci Google