La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LIFE CYCLE ASSESSMENT brevi cenni della metodologia LCA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LIFE CYCLE ASSESSMENT brevi cenni della metodologia LCA."— Transcript della presentazione:

1 LIFE CYCLE ASSESSMENT brevi cenni della metodologia LCA

2 La metodologia LCA Life-cycle assessment (LCA) è un metodo che consente di misurare analizzare e comporre sullarco di un intero ciclo di vita dal punto di vista ambientale il consumo di energia e materie prime, differenti tipologie di emissioni e altri importanti fattori ambientali correlati a uno specifico prodotto, processo o servizio LCA costituisce in sintesi un procedimento di tipo ingegneristico per la valutazione cradle to grave degli impatti su un ecosistema strumento per analizzare le implicazioni ambientali di un prodotto lungo tutte le fasi del suo ciclo di vita, ossia lestrazione delle materie prime, la lavorazione dei materiali, lassemblaggio del prodotto, luso e lo scenario di fine vita

3 La norme di riferimento UNI EN ISO Valutazione del Ciclo di Vita – Definizione dellObiettivo e del Campo di Applicazione e Analisi dellInventario Valutazione del Ciclo di Vita – Principi e Quadro di Riferimento UNI EN ISO Valutazione del Ciclo di Vita – Valutazione dellImpatto del Ciclo di Vita UNI EN ISO Valutazione del Ciclo di Vita – Interpretazione del Ciclo di Vita UNI EN ISO 14043

4 Terminologia del metodo UNI EN ISO Compilazione e valutazione attraverso tutto il ciclo di vita dei flussi in entrata e in uscita, nonché i potenziali impatti ambientali, di un sistema di Prodotto Procedimento oggettivo di valutazione dei carichi energetici ed ambientali relativi a un processo o unattività, effettuato attraverso lidentificazione dellenergia e dei materiali usati e dei rifiuti rilasciati nellambiente. La valutazione include lintero ciclo di vita del processo o attività, comprendendo lestrazione e il trattamento delle materie prime, la fabbricazione, il trasporto, la distribuzione, luso, il riuso, il riciclo e lo smaltimento finale The Society of Environmental Toxicology and Chemistry (SETAC), piattaforma internazionale per la tossicologia per prima nel 1990 ha pubblicato un Code of Practice ampiamente accettato sullLCA

5 Procedimento di un LCA Definizione Scopo dello studio Scopo dello studio Confini del sistema Confini del sistema Unità funzionale Unità funzionale Funzioni del sistema Funzioni del sistema 1 step ISO step Analisi dinventario Flussi di energia Flussi di energia Flussi di materia Flussi di materia Emissioni Emissioni ISO Analisi degli impatti (valutazione) Applicazione di un metodo di valutazione Applicazione di un metodo di valutazione ISO Analisi di sensibilità e miglioramenti ISO step 3 step 4 step Identificazione di una strategia di intervento Identificazione di una strategia di intervento

6 Ciclo di vita Estrazione e Lavorazione Materie prime Cradle to gate Produzione e Assemblaggio Uso e Manutenzione Fine Vita Riuso Riciclaggio Recupero Energetico Smaltimento in discarica Gate to gate Cradle to gate

7 1-STEP Definizione degli scopi e degli obiettivi Goal Definition and Scoping I propositi perché viene avviato lLCA, finalità, usi interni o esterni I confini del sistema definisce lampiezza del sistema considerato. Confini fisici, geografici, temporali, riferiti ad alcune fasi Lunità funzionale L'unità funzionale costituisce il sistema di riferimento, relativo ad un determinato servizio, rispetto al quale vengono contabilizzati i flussi fisici contabilizzati nell'inventario, tutti gli ingressi e le uscite di energia e materiali. La scelta dellunita` funzionale nella LCA viene effettuata secondo lobiettivo da raggiungere. Qualità dei dati il grado e i criteri di assunzione dei dati e lautorevolezza e affidabilità delle fonti. Attinenza geografica, tecnologica e temporale. Occorre disporre il più possibile di dati primari

8 2-STEP Analisi di Inventario Life Cycle Inventory Definizione del processo ricostruzione dei processi sequenziali che caratterizzano un sistema produttivo (flow-chart) Quantificazione dei fattori di impatto materie prime utilizzate, consumo dienergia e di acqua, emissioni in aria, acqua e suolo, produzione di rifiuti Bilancio Imput - Output Inventario L'inventario costituisce l'elenco di tutti i flussi fisici che attraversano il sistema in esame.

9 3-STEP Analisi degli Impatti Impact Assessment aggregazione in: – Indicatori: GWP, ODP, Acidificazione, Tossicità per salute umana, eutrofizzazione, ect – Categorie di danno: danni per luomo, per lambiente, per le risorse operazioni sugli indicatori: – Normalizzazione (es. rispetto a standard nazionali) – Ponderazione (Valutazione importanze relative) – Confronto (eventuale aggregazione degli indicatori in Indici) I dati dellinventariovengono raggruppati in relazione agli effetti ambientali che producono, aggregati per tipologia di danno (indicatori) e attribuito loro un peso di importanza Caratterizzazione si utilizzano coefficienti di equivalenza che riportano ad una stessa unità di misura i contributi dei singoli inquinanti a ciascuna categoria di impatto. Tali coefficienti sono detti fattori di caratterizzazione (nel caso delleffetto serra il Global Warming Potential) Classificazione per ogni categoria di impatto (ad es. effetto serra, o inquinamento delle acque) vengono individuate quali sono le sostanze che vi contribuiscono

10 4-STEP Interpretazione dei risultati Improvement Analysis Comunicazione dei risultati Utilizzo di grafici, indicatori aggregati e disaggregati, eco-bilancio, suddivisione in sub- sistemi, ecc Definizioni di rapporti di miglioramento Relazioni su scenari di performance, analisi di sensitività, modulazione dei parametri di criticità, rimozioni di ipotesi semplificative, ect risultati letti in relazione agli scopi Generazione di alternative Analisi dei risultati Individuazione delle criticità ambientali Proiezione su scenari di confronto e migliorativi Verifica della completezza dei dati e dei risultati Individuazione delle criticità ambientali

11 I limiti della metodologia LCA Non calcola le reali modificazioni che avvengono nellambiente ma solo impatti potenziali (tipicamente si calcolano Kg equivalenti di CO2 e non innalzamento temperatura media) E solo parzialmente georeferenziato. Gli impatti sono generalmente suddivisi in globali (es. Global Warming), regionali (es. Acidificazione dellaria) e locali (es. Tossicità umana) Non fa differenza tra impatti che si producono in luoghi e tempi diversi (i risultati sono aggregati su tutto il ciclo di vita)

12 Potenzialità della metodologia LCA Analisi sulle pressioni ambientali di scelte tecnologiche a monte e a valle e durante la fase di produzione e utilizzo Individuazione delle fasi critiche Eco Design dei prodotti (DfE) Supporto alle decisioni (GPP e SESEAMO) Marketing (DA) ed etichettatura (EPD ed Ecolabel) Confronti efficaci tra opzioni alternative Base per studi sitospecifci (VIA)

13 Principali soggetti internazionali SETAC (Society of Environmental Toxicology and Chemistry) forum scientifico internazionale della LCA ISO (International Organisation of Standardization) ISO ha prodotto degli standard per la LCA (serie ISO ) e ha contribuito a uniformare diverse scuole di questa metodologia. Risultato: la credibilità della LCA è aumentata notevolmente UNEP (United Nations Environmental Programme) LUNEP ha concentrato lattenzione sullapplicazione della LCA. E in atto una collaborazione con SETAC per la life cycle initiative, il cui obiettivo è promuovere il cosiddetto life cycle management nelle imprese, individuare i metodi migliori nella valutazione dellimpatto e migliorare la qualità dei dati di LCA

14 Schema di processo

15 Schema di processo reale Impianto di trattamento acqua metropolitano


Scaricare ppt "LIFE CYCLE ASSESSMENT brevi cenni della metodologia LCA."

Presentazioni simili


Annunci Google