La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sergio Bassi - maggio 20091 Compiti di realtà e didattica laboratoriale La valutazione delle competenze.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sergio Bassi - maggio 20091 Compiti di realtà e didattica laboratoriale La valutazione delle competenze."— Transcript della presentazione:

1 Sergio Bassi - maggio Compiti di realtà e didattica laboratoriale La valutazione delle competenze

2 Sergio Bassi - maggio Prima parte Compiti di realtà e didattica laboratoriale

3 Sergio Bassi - maggio La didattica del compito di realtà Attività didattica in cui la progettazione e lo sviluppo del lavoro sono finalizzati alla realizzazione di un prodotto concreto

4 Sergio Bassi - maggio Esempi Il Comune commissiona a un Istituto Agrario la progettazione e la realizzazione di uno spazio verde adibito a parco di svago e parco tematico sulla flora locale. Una classe terza assume la commessa Numero studenti della classe: 15 Durata del progetto: 3 mesi

5 Sergio Bassi - maggio AttivitàInsegnamenti coinvolti Sottogruppo di lavoro Contatti con la committenza per lanalisi della commessa. Definizione degli aspetti economici e contrattuali Italiano Economia Agraria Scienze agrarie Gruppo 1 Rilevazioni sullarea e relazioni di report (mappe topografiche, descrizione dello stato del fondo, caratteristiche pedologiche, ecc Italiano Scienze agrarie Chimica e laboratorio Gruppo 2 Progettazione dellintervento: architettura esterni scelta delle varietà arboree ed erbacee architettura del sistema idrico e componenti Valutazione dei rischi utenti e operatori scheda di commessa e preventivo finanziario Economia agraria Diritto Gruppo 2 Gruppo 3 Redazione del progetto Descrizione delle modalità e tempi dintervento Descrizione delle caratteristiche di fruibilità Presentazione del progetto alle autorità comunali e acquisizione delle osservazioni di revisione Italiano Economia Agraria Scienze agrarie Gruppo 1 Planning intervento Esecuzione dei lavori Scienze agrarieGruppo 1 Gruppo 2 Gruppo 3 Relazione finale: rendicontazione, redazione manuale di manutenzione Comunicazione relazione finale alle autorità Italiano Economia Agraria Gruppo 1

6 Sergio Bassi - maggio Punti di forza superamento della frattura tra saperi disgiunti e realtà approccio olistico allinsegnamento - apprendimento focalizzazione sui contenuti essenziali visione operativa dei contenuti (il concetto in presenza di un connotato operatorio è ritenuto efficacemente) apprendimento dallesperienza (azione, conoscenza, azione)

7 Sergio Bassi - maggio Istituto Professionale Indirizzo arredo, moda, ottico, odontotecnico Elaborare un progetto di raccolta differenziata e gestione dei rifiuti prodotti dallistituto. (carta, plastica, lattine, filtri di sigaretta) Progettare e realizzare una campagna di sensibilizzazione degli studenti dellistituto. (istituto con 800 alunni, 600 mq di spazi verdi) Una classe terza (arredo) e una quinta (moda) assumono la commessa.

8 Sergio Bassi - maggio AttivitàInsegnamenti coinvolti Contatti con la committenza per lanalisi della commessa. Definizione del budget Italiano Diritto economia Rilevazioni sullarea (disegni, fotografie, analisi dei flussi) Proiezione sul volume di rifiuti prodotti (interviste alla popolazione scolastica ed elaborazioni statistiche, analisi dei consumi da bar e distributori) Italiano Matematica Progettazione dellintervento di recupero: Individuazione del tipo di contenitori, numero, e localizzazione Progettazione contenitori Individuazione delle modalità di gestione Calcolo dei costi di gestione Calcolo degli ammortamenti (da vendita riciclo) Italiano Matematica Diritto economia Disegno tecnico Laboratorio di tecnologia del legno Progettazione della campagna di sensibilizzazione: manifesti, volantini, interventi nelle classi Presentazione relazione di progetto alla presidenza e acquisizione degli imput di revisione Italiano Storia del costume Storia dellarte Realizzazione: Contenitori in legno Campagna promozionale Laboratorio di tecnologia del legno Italiano Storia dellarte

9 Sergio Bassi - maggio Altri esempi di compiti di realtà a committenza simulata Indirizzo amministrativo Rrilevazione sul mercato del lavoro a livello territoriale Iindagine microeconomica per l'avvio di un'attività commerciale Indirizzo turistico/ Liceo linguistico oorganizzazione dell'accoglienza in un convegno Indirizzo chimico Aanalisi delle acque di un fiume del territorio Indirizzo grafico/ Liceo artistico Pproduzione del logo e dei manifesti per una mostra o per un Servizio del Comune Indirizzo biologico Ccontrollo qualità nei Servizi della mensa scolastica Indirizzo informatico Pprogetto per la gestione informatizzata della comunicazione fra la scuola e le famiglie degli studenti

10 Sergio Bassi - maggio Didattica laboratoriale apprendimento in ambiente attivo attività di apprendimento esercitata su un compito di realtà

11 Sergio Bassi - maggio LABORATORIO spazio mentale attrezzato, in cui si apprende attraverso lazione e la riflessione. - Loperatività assume un carattere sociale e cooperativo - Lapprendimento in laboratorio si orienta verso la metacognizione (mette a confronto stili di pensiero, stili attributivi, modelli di organizzazione del lavoro)

12 Sergio Bassi - maggio La didattica laboratoriale ridisegna stili di apprendimento Il fine del laboratorio non è tanto acquisire contenuti, quanto acquisire competenze Si mettono alla prova, si operazionalizzano in azioni, procedure i concetti appresi In laboratorio non si fa tutto, ma solo ciò che è cruciale.

13 Sergio Bassi - maggio La didattica laboratoriale ridisegna stili di insegnamento il docente ha ruolo di accompagnamento, di tutorato e di consulenza; è di volta in volta: propositore-organizzatore; facilitatore della interazione fra i diversi soggetti; negoziatore; garante del processo e del compito; risorsa

14 Sergio Bassi - maggio Organizzare il laboratorio come luogo mentale (lista di controllo) 1.Sono ben focalizzate le operazioni cruciali (solo quelle), oggetto dellattività laboratoriale? 2.Linsegnante padroneggia le procedure che tradurrà in consegne per gli allievi? 3.Il compito è ben equilibrato, in modo da indurre lallievo a mobilitarsi e a scoprire qualcosa di nuovo? 4.La consegna è perciò formulata in modo da motivare lallievo e indurlo ad un atteggiamento di scoperta? 5.Lattività prevede più risposte, ugualmente plausibili, così da lasciare spazio alla riflessione, al confronto, alla discussione? 6.Sono calcolati i momenti di riflessione, discussione in cui far cimentare gli allievi? 7.Si stabilisce quella complicità empatica tra docente e allievi in vista del lavoro comune e del prodotto collettivo?

15 Sergio Bassi - maggio Organizzare il laboratorio come luogo fisico (lista di controllo) 1.Contesto: è reso comunicativo e relazionale per le esigenze dellattività, dei gruppi, della comunicazione a rete, in sostanza per la natura sociale dellapprendimento? 2.Attrezzatura: quali strumenti e materiali è necessario predisporre, fornire, far procurare? 3.Rete: il laboratorio fa riferimento ad altre strutture/istituzioni (scuola come risorsa, territorio come scenario)?

16 Sergio Bassi - maggio Organizzare il laboratorio in unità di tempo (lista di controllo) 1.È stato calcolato il rapporto tempo/azione affinché lunità di tempo del laboratorio coincida con una fase di lavoro che porti ad un risultato (anche se non conclusivo)? 2.Quale risultato, allora, ci si deve attendere e si deve raggiungere alla fine dellunità tempo programmata?

17 Sergio Bassi - maggio La valutazione delle competenze Parte seconda

18 Sergio Bassi - maggio I limiti della valutazione tradizionale Strumenti: (test a completamento, a scelta multipla, associativi, risoluzione di problemi chiusi, ecc … ) Limiti: Non è in grado di sondare capacit à complesse Sonda: schemi d azione di tipo ripetitivo semplici applicazioni di regole e principi è possibile valutarne l acquisizione osservando un unica prestazione

19 Sergio Bassi - maggio La dimensione complessa della competenza SapereConoscenze (Comprensi one e organizzazio ne dei concetti) Dicharative saper cosa Procedurali saper come Condizionali saper dove quando perch è Strategichemetacognizione Saper fare Abilit à (Operazioni con concetti e oggetti) Condotte pratiche Procedure d azione Consapevolezza dell azione Saper essere Disposizione ad agire (atteggiame nti) Fattori motivazionali Fattori attribuzionali Fattori metacognitivi Modalit à direlazione

20 Sergio Bassi - maggio Problematicit à della valutazione della competenza · La competenza effettivamente posseduta da una persona non è direttamente rilevabile · Tuttavia, è possibile inferire la sua presenza, anche qualitativamente, sulla base di una famiglia di prestazioni, che svolgono il ruolo di indicatori di esistenza e di livello raggiunto · Non è possibile decidere se un soggetto possiede una competenza sufficientemente complessa sulla base di una singola prestazione

21 Sergio Bassi - maggio Strumenti della valutazione COMPITO UNITARIO DI REALTA GRIGLIA DI VALUTAZIONE

22 Sergio Bassi - maggio COMPITO UNITARIO DI REALTA si presenta come problema complesso e aperto caratterizzato da situazioni impegnative per lo studente che contengono una dimensione di sfida in rapporto alle conoscenze ed esperienze possedute, sollecitano l attivazione delle sue risorse e si prestano a differenti modalit à di soluzione mira a richiamare contesti di realt à, diretti o simulati, nei quali utilizzare il proprio sapere per affrontare i problemi posti; risulta agganciato al contesto di vita del soggetto, di cui sia riconoscibile il contenuto di realt à e il senso per lo studente.

23 Sergio Bassi - maggio GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEL COMPITO strumento di misura che elenca i criteri per analizzare il compito nei suoi aspetti pi ù significativi esprime chiaramente i livelli di qualit à per ogni criterio ritenuto significativo, partendo da livelli minimi accettati

24 Sergio Bassi - maggio COSA CONTIENE UNA GRIGLIA DI VALUTAZIONE Riferimento a prestazioni criteri o indicatori di prestazione descrizioni del livello di qualit à per ogni indicatore di prestazione

25 Sergio Bassi - maggio ESEMPI (in allegato) Una prova Titolo della prova di verifica: RIFIUTIAMO I RIFIUTI! IPSIA Indirizzo Meccanica Classe seconda Il prodotto di un compito di realtà Titolo del compito: Attività imprenditoriale La Lavanderia IPC indirizzo commerciale Classe III


Scaricare ppt "Sergio Bassi - maggio 20091 Compiti di realtà e didattica laboratoriale La valutazione delle competenze."

Presentazioni simili


Annunci Google