La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Criteri di scelta per lidentificazione del talento e dei livelli di prospettiva Torino 23 settembre 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Criteri di scelta per lidentificazione del talento e dei livelli di prospettiva Torino 23 settembre 2012."— Transcript della presentazione:

1 Criteri di scelta per lidentificazione del talento e dei livelli di prospettiva Torino 23 settembre 2012

2 Lidentificazione delle attitudini Le attitudini sono aspetti della motricità e del modo di eseguire dei movimenti finalizzati Dalle attitudini è possibile identificare le tecniche in cui il giovane può esprimere al meglio la sua motricità spontanea In questo modo si può ipotizzare un percorso specializzante di massimo livello individuale Gli indicatori del talento sono alcune attitudini a cui sono correlati percorsi molto efficaci

3 Le tecniche di base Palleggio Bagher Schiacciata Battuta Tecniche di spostamento fondamentali Queste rappresentano ciò che ogni pallavolista deve conoscere Le tecniche specialistiche sono quelle legate ai percorsi di specializzazione nei vari ruoli

4 Perché le tecniche di base? Perché rappresentano il primo gradino del percorso: – 1°step: come viene gestito il contatto con la palla – 2°step: come si controlla la qualità e la stabilità delle traiettorie impresse alla palla – 3°step: lo sviluppo della precisione e/o della velocità esecutiva

5 1°step: obiettivo Migliorare il movimento segmentario con cui si agisce sulla palla – Palleggio: la qualità delle mani – Bagher: la qualità del piano di rimbalzo – Schiacciata: la qualità del colpo della mano sulla palla

6 2°step: obiettivo Migliorare il controllo qualitativo delle traiettorie impresse alla palla – Alzata: altezza, stabilità e riferimento al bersaglio – Ricezione: riferimento al bersaglio e sensibilità nel tocco della palla – Schiacciata: ampiezza del caricamento, velocità esecutiva e potenza di colpo sulla palla

7 3°step: obiettivo Migliorare la precisione e il rapporto precisione – potenza in situazione: Contro un avversario che legge il gioco A ritmi situazionali adeguati al livello di competenza – Alzatore: livello di precisione Restano da valutare le scelte tattiche e i momenti – Ricevitore: rendimento sulle palla perfetta Restano da valutare i vari momenti del set e della gara – Attaccante: adattabilità dei colpi alle situazioni Restano da valutare le scelte dei colpi e i momenti

8 Sono tappe imprescindibili! Il passaggio alla seconda senza la prima determina alcuni adattamenti, soprattutto nelle azioni di spinta, che possono…: – …rendere il futuro alzatore leggibile – …rendere il futuro ricevitore non competitivo sulla ricezione della palla perfetta – …rendere lattaccante incapace di mantenere potenti varie direzioni di uscita della palla

9 Ribadisco!...tappe imprescindibili! La terza senza le prime due determina adattamenti situazionali al gioco per cui il fine giustifica i mezzi…: – …lalzatore viene valutato solo per la precisione – …il ricevitore viene valutato solo in funzione del contenimento dei punti di negatività – …lattaccante tende a non prendersi responsabilità e rischio di errore

10 Cosa mette in evidenza il primo step sul palleggio per lalzata dellalzatore? La naturale superficie di contatto delle mani con la palla La naturale flessione dorsale della mano (mantenendo lapertura delle dita in scioltezza) Il rapporto indice – pollice nel rilascio della palla rispettivamente avanti – dietro Lazione dominante nella spinta della palla (polso ok – gomito no) La velocità di uscita della palla dalle mani

11 Cosa mette in evidenza il secondo step sul palleggio per lalzata dellalzatore? Velocità di uscita con il rilascio dellindice nelle traiettorie avanti Velocità di uscita con il rilascio del pollice nelle traiettorie dietro Gestione e stabilità delle ampiezze delle traiettorie di alzata Gestione e stabilità delle altezze delle traiettorie di alzata

12 Cosa mette in evidenza il terzo step sul palleggio per lalzata dellalzatore? Capacità di giocare 1 vs 1 contro il centrale avversario a muro e contro il sistema di muro senza perdere efficacia tecnico – esecutiva Le scelte in situazione di gioco La precisione sia in situazione semplice che complessa

13 Cosa mette in evidenza il primo step sul bagher per ricezione del servizio? La superficie di contatto con la palla e la sua stabilità nellesecuzione del tocco La tenuta della presa, della tensione dei gomiti e delle spalle La qualità del rimbalzo della palla sul piano di rimbalzo Lazione di spinta verso la palla

14 Cosa mette in evidenza il secondo step sulla ricezione del servizio? La relazione del gesto al bersaglio – Orientamento del piano di rimbalzo al bersaglio – Orientamento delle spinte al bersaglio Il rapporto spostamento e spinta nella coordinazione degli arti inferiori (piedi) Risposte allincremento della velocità di servizio

15 Cosa mette in evidenza il terzo step sulla ricezione del servizio? Il collegamento tra ricezione e attacco per i posti 4 ricettori Il collegamento con altri ricevitori Lo sviluppo della ricezione perfetta La dinamica della ricezione perfetta nei momenti di pressione emotiva (finali di set, pressione tattica, svantaggio o vantaggio importante, ecc.)

16 Cosa mette in evidenza il primo step sul colpo sulla palla per lattacco? Limpatto tra la mano e la palla e la capacità di imprimere velocità alla palla solo con la mano La capacità di direzionare i colpi Laltezza di colpo sulla palla Lampiezza di caricamento necessaria per imprimere la massima potenza Quanto fa perdere equilibrio lazione di colpo sulla palla durante una schiacciata

17 Cosa mette in evidenza il secondo step sulla schiacciata? Il rapporto tempo di stacco e caratteristiche neuro muscolari del giocatore La capacità di mantenere lampiezza di movimento di colpo nellanticipo rispetto allapice del salto La capacità di mantenere lequilibrio in volo prima di sferrare il colpo sulla palla

18 Cosa mette in evidenza il terzo step sulla schiacciata? La capacità di giocare contro lavversario a muro e difesa sia tecnicamente che tatticamente La varietà dei colpi disponibili – Rispetto a quelli utilizzati effettivamente – Rispetto a quelli che mantengono adeguata efficacia tecnico – tattica La gestione della responsabilità e del rischio derrore nei vari momenti del set

19 Come dobbiamo allenare le attitudini? Ripercorrere lanalisi degli step descritti valutando le forme di esercizio che meglio evidenziano lefficacia allenante

20 Grazie per lattenzione Prof. Marco Mencarelli


Scaricare ppt "Criteri di scelta per lidentificazione del talento e dei livelli di prospettiva Torino 23 settembre 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google