La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Satyagraha. Corso di formazione per operatori volontari di centri giovanili Comunicazione, conflitto, mediazione. Romolo Giovanni Capuano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Satyagraha. Corso di formazione per operatori volontari di centri giovanili Comunicazione, conflitto, mediazione. Romolo Giovanni Capuano."— Transcript della presentazione:

1 Satyagraha. Corso di formazione per operatori volontari di centri giovanili Comunicazione, conflitto, mediazione. Romolo Giovanni Capuano

2 Si ritiene generalmente che la devianza produca effetti negativi. I devianti, infatti: rubano; uccidono; violentano; disturbano; fanno del male ecc. Ma…

3 … la devianza può assolvere anche funzioni positive. Ad esempio:

4 Se rispettassimo sempre alla lettera le regole della burocrazia spesso non riusciremmo a raggiungere i nostri obiettivi. Se, in una situazione di emergenza, ci ostinassimo a seguire la trafila prevista, potremmo non salvare una vita umana. In questo caso, è necessario violare la regola, come insegnano molti film americani dazione dove leroe deve spesso lottare con regolamenti esigenti e cervellotici

5 I padri della chiesa esprimevano una valutazione positiva della prostituzione perché favoriva la continuazione del matrimonio: la sessualità extraconiugale, consentendo lo sfogo dei sensi, consentiva al padre di tornare purificato nellalveo familiare, senza mettere in discussione listituzione del matrimonio e senza insozzare la moglie.

6 Spesso queste forniscono solo unindicazione sommaria di ciò che si può o non si può fare ed è solo forzandole che si comprende davvero fino a dove ci si può spingere. Una delle regole sociologiche più applicate è: Se vuoi capire come funziona una norma, infrangila!. Ad esempio, in un servizio per adolescenti, una presenza massiccia di giovani in orari non previsti può voler dire che il servizio deve cambiare orari di apertura.

7 Niente unisce più di un nemico comune. I puritani americani del Seicento riconoscevano la loro reciproca fede nel momento in cui decidevano di bruciare qualche strega. Gli squadristi fascisti sentivano e apprezzavano la loro appartenenza ogniqualvolta punivano un comunista. Dei giovani potrebbero sentirsi uniti solo quando spaccano un lampione.

8 In una comunità di santi, la bontà è normale; nessuno ha qualche particolare diritto da reclamare, o qualche ragione per congratularsi. I criminali, invece, forniscono ai non criminali loccasione di distinguersi e accumulare meriti. I conformisti possono mostrare il proprio valore solo in contrapposizione al disvalore dei rei. Come a scuola: se tutti fossero dei geni, non ci sarebbe piacere nellessere intelligenti.

9 Un elevato livello di assenteismo sul luogo di lavoro può essere la spia di unorganizzazione percepita negativamente. Un elevato livello di dispersione scolastica può essere indice di grandi disfunzioni sociali in una data comunità. Un elevato livello di conflittualità in una nazione può richiamare lattenzione sui forti squilibri sociali esistenti e, quindi, invitare implicitamente a modificare lassetto strutturale di quella nazione

10 Un esempio: Il turpiloquio

11 Il turpiloquio è un comportamento generalmente disapprovato Infatti, chi dice parolacce insulta, offende, è osceno, profana, comunica una pessima immagine di sé, attira lira di educatori, datori di lavoro, partner, amici; è spesso percepito come ignorante, rozzo, incivile o, ancora, inaffidabile, indegno, da escludere socialmente. Ma il turpiloquio può avere anche funzioni positive. Ad esempio …

12 Non a caso i politici che usano un linguaggio volgare sono oggi i più acclamati. Si pensa in genere che chi dice parolacce dica le cose come stanno e non si nasconda dietro il politichese. I vincitori dei reality show sono spesso volgari perché la volgarità è percepita contigua alla spontaneità. E chi è spontaneo è percepito come più sincero.

13 In determinate circostanze, il turpiloquio e le bestemmie sono strategie di contropotere, pratiche disperate di difesa dei subordinati, messa in discussione della legittimazione di chi gestisce il potere e dei modi con cui lo gestisce. Nella storia, il turpiloquio ha dato voce alla ribellione e alla resistenza delle classi sociali inferiori. Similmente, un adolescente che bestemmia può esprimere una forma di contestazione del potere degli adulti che non deve essere semplicemente censurata, ma capita nelle sue forme.

14 Il turpiloquio permette di alleviare stati di angoscia, rabbia e frustrazione, offrendo una valvola di sfogo attraverso lespressione di tensioni intrapsichiche, ansie e pulsioni represse. Esercitando una funzione di controllo delle dinamiche aggressive, il turpiloquio consente di evitare il coinvolgimento in scontri fisici, stornando le energie negative verso condotte puramente verbali e canalizzando in maniera relativamente innocua le manifestazioni di collera. Colui che per la prima volta ha lanciato allavversario una parola ingiuriosa invece che una freccia è stato il fondatore della civiltà (John Hughlings Jackson)

15 Una serie di indirizzi psicoterapeutici raccomandano luso di parolacce a scopo catartico. Alcuni esempi sono: La Primal Therapy di Arthur Janov, la NIP (New Identity Process) di Daniel Casriel, la Bio scream psychotherapy di Nolan Saltzman. Tutte queste tre psicoterapie si basano sullo sfogo diretto delle emozioni per superare blocchi emotivi.

16 Basta pensare a espressioni come in culo alla balena o Che culo che hai che vengono dette per augurare o commentare la fortuna delle persone. San Francesco usava così il turpiloquio contro il diavolo nei Fioretti (Apri la bocca; mo' vi ti caco). Lo stesso faceva Martin Lutero.

17 Ad esempio, le centinaia di espressioni volgari contenute tra le oltre iscrizioni ritrovate sulle mura della città di Pompei, hanno permesso, fra laltro, di ricostruire la vita quotidiana degli antichi romani. A tuttoggi costituiscono una fonte importantissima di conoscenza delle abitudini dei nostri antenati.

18 Talvolta, gli adolescenti bestemmiano o imprecano perché questo li fa sentire grandi. La differenza tra mondo adulto e mondo infantile sta proprio nel fatto che ai bambini non è consentito laccesso a una serie di conoscenze che gli adulti custodiscono con cura, come le conoscenze relative alla sessualità e alla brutte parole. Ecco perché gli adolescenti traggono a volte piacere dallimprecare: perché è una cosa che fanno gli adulti (un po come fumare sigarette).

19 «Il delinquente non produce soltanto delitti, ma anche il diritto criminale, e con ciò produce anche il professore che tiene lezioni sul delitto criminale, e inoltre linevitabile manuale …Con ciò si verifica un aumento della ricchezza nazionale… Il delinquente produce inoltre tutta la polizia e la giustizia criminale, gli sbirri, i giudici, i boia, i giurati ecc. … Arte, bella letteratura, romanzi e perfino tragedia … Il delinquente rompe la monotonia e la banale sicurezza della vita borghese …». (Karl Marx).

20 Perfino la guerra e il terrorismo possono avere funzioni positive nella società Infatti …

21 La guerra ha diverse funzioni positive: capacità di eccitare, gusto dellesotismo, potere, possibilità di migliorare il proprio modesto status sociale, un universo bizzarro e fantastico dotato di una sua bellezza tetra e grottesca. La guerra può darci uno scopo, un senso, una ragione di vivere. Ci offre una causa. La guerra è una crociata e rinforza la propria identità personale e sociale. La guerra dà potere a chi ha già tendenze omicide. Spazza via la banalità della vita quotidiana. Distrae. Fomenta il patriottismo che esalta la bontà, gli ideali, la clemenza e lamenta la perfidia di chi odia. La guerra favorisce leroismo e con esso le virtù migliori degli uomini (coraggio, ricerca della gloria immortale, altruismo). La guerra rende il mondo comprensibile, come un quadro in bianco e nero. Sospende il pensiero e lautocritica. Tutto diventa improvvisamente facile. Forgia miti e ideali autoesaltanti. La guerra mette a nudo le convenzioni e le coercizioni sulle quali si regge la vita in tempo di pace, restituisce il senso della verità della condizione umana. Crea solidarietà e fratellanza, abbattendo le distinzioni di classe (Hedges).

22 In alcune occasioni, paradossalmente, il terrorismo ottiene leffetto di contribuire a sviluppare un consenso, che prima non esisteva, nei confronti di un regime democratico. Se lItalia era più unita nel 1987 di quanto non fosse dieci anni prima, ciò si deve in parte alle Brigate rosse. In alcuni casi, il terrorismo stabilizza, invece di destabilizzare perché tutte le forze di governo si impegnano a difendere lo stato, lopposizione diviene meno aggressiva e le parti opposte più consociative. In altre parole, il terrorismo agisce da elemento conversatore e rallenta i processi di cambiamento (Laqueur, Eco).

23 Perfino un rapimento a scopo di estorsione può avere conseguenze positive per il rapito e la sua famiglia. È stato notato, ad esempio, che esso può rinsaldare legami familiari deboli.

24 Questo con un termine di origine greca si chiama ENANTIODROMIA: le cose si capovolgono nel loro contrario. Eraclito diceva: «Lopposto è concorde e dai discordi nasce bellissima armonia. E tutto accade secondo contesa». Bisogna sempre prestare attenzione agli aspetti enantiodromici delle cose.

25 Per approfondire Capuano, R.G., 2007, Turpia. Sociologia del turpiloquio e della bestemmia, Costa & Nolan, Milano. Arielli, E., Scotto, G., 2003, Conflitti e mediazione, Bruno Mondadori, Milano.

26 Competizione e conflitto «A volte si dimentica che quasi ogni attività umana è di natura competitiva, in grado diverso, che va dal concorrenziale al conflittuale, e che cooperazione e conflitto sono reciprocamente connessi. Non è un paradosso, ma una constatazione, che dietro ad ogni conflitto cè una componente di cooperazione e che non si può discutere se non si è daccordo, daccordo su qualche base di partenza». (Cattani, A., 2001, Botta e risposta, Il Mulino, Bologna, p. 216)

27 Competizione e conflitto «Senza interdipendenza non cè conflitto. Il che significa che se gli elementi non sono in rapporto fra loro, non sono dipendenti luno dallaltro e/o dalle medesime risorse, non ci sarà né competizione né conflitto. Coloro che vendono dentifricio o coloro che vendono macchinari per la mietitura entrano raramente in conflitto, dal momento che i mercati sono piuttosto diversi e il grado di interdipendenza è basso (a meno che non appartengano ad una medesima grande società). Daltra parte, più due elementi sono intrecciati allinterno dello stesso sistema, e più risulteranno dipendenti dalle stesse cose – e luno dallaltro –, e maggiore sarà la probabilità di competizione e conflitto. Ad esempio, i vicini di casa spesso sono in conflitto, per gli spazi di parcheggio, per le responsabilità nella manutenzione, ecc […] I crimini più violenti si verificano fra persone che sono in rapporto lun laltra. La probabilità che ci sia conflitto è maggiore quanto più due elementi sono interdipendenti fra loro. Come ha scritto un esperto di violenza, cè molta più lotta fra due persone che si amano che fra chi non si ama… ». (Scherer, K.R., Abeles, R.P., Fischer, C.S., 1980, Aggressività umana e conflitto, Zanichelli, Bologna)

28 Nella nostra cultura, la parola CONFLITTO è immediatamente associata a immagini sgradevoli e dolorose, fa pensare allo scontro, al disagio al combattimento, allo spreco di energie nelle discussioni. Più difficilmente è associata allopportunità offerta di creare conoscenza e apprendimento per e tra gli individui che ne prendono parte, alloccasione costruttiva di scambio e crescita reciproca.

29 Il conflitto è in realtà unesperienza comune, quotidiana e costante nella vita degli individui e dei gruppi. Allontanare il conflitto ne impedisce ogni forma di elaborazione positiva, collocandolo nellunico significato di distruzione. Spesso il conflitto ha significato lattivazione di ansie di separazione non sempre tollerabili. Il conflitto non ha una natura né maligna né benigna: è unoccasione, una possibilità che può essere usata bene o male. Per questo oggi si parla non di soluzione dei conflitti, ma di trasformazione costruttiva dei conflitti.

30 In qualunque sistema complesso molteplici fattori, legati alle differenti aspettative, motivazioni e interessi degli attori coinvolti possono determinare situazioni di incomprensione, disaccordo e lite. Le possibilità di conflitto sono, dunque, numerose e coinvolgono tutti i protagonisti che a diversi livelli vivono in esso.

31 Il carattere cinese che indica conflitto vuol dire sia pericolo sia opportunità

32 Definizione di conflitto di Kurt Lewin: Il conflitto è quella situazione che si determina tutte le volte che su un individuo agiscono contemporaneamente due forze psichiche di intensità più o meno uguale, ma di opposta direzione

33 Definizione di conflitto di Arielli e Scotto: Unazione o una situazione prodotto di azioni in cui vi è un contrasto, una incompatibilità, tra le intenzioni, le aspettative o i bisogni degli agenti. Più in generale si può dire che vi è conflittualità là dove la soddisfazione di un bisogno o di un desiderio di un agente viene negata dallazione di un altro agente

34 Segnali-allarme di conflitto I seguenti segnali possono indicare limminenza di un conflitto: Disagio: avere la sensazione che qualcosa non va. Incidenti: piccoli episodi che irritano o turbano. Incomprensioni: frequenti o latenti. Tensione: atteggiamenti negativi, emozioni espresse Crisi: comportamenti o situazioni estreme; discussioni accese.

35 Tipologie di conflitto I conflitti operano a tre livelli: Intrapersonale: ogni volta che dobbiamo compiere delle scelte fra bisogni, desideri o doveri differenti. Interpersonale: due persone sono in disaccordo perché hanno esigenze e obiettivi differenti e per questo litigano. Intergruppo: nei casi di dispute fra gruppi e nazioni diverse.

36 Cause del conflitto 1 I conflitti possono essere originati da varie cause: Controllo su determinate risorse: le risorse possono essere materiali o immateriali, divisibili (denaro) o indivisibili (carica politica). Valori: relativi al dover essere. Per esempio in campo politico, religioso, ideologico. A volte i conflitti sui valori celano conflitti sulle risorse Credenze: conflitti su come interpretare la realtà.

37 Cause del conflitto 2 Natura delle relazioni tra le parti: persone o gruppi entrano in conflitto perché hanno diverse aspettative e aspirazioni sulla loro relazione. Sopravvivenza: conflitti riguardo la possibilità di continuare a esistere. Sono i conflitti più difficili da trasformare in senso costruttivo. Conflitti irrealistici: conflitti originati da contraddizioni di cui il conflitto è solo un effetto. Ad esempio, il caso del capro espiatorio.

38 È necessario dunque: Riconoscere il conflitto, non rimuoverlo Affrontarlo Risolverlo o mutarlo in altro. In genere, è bene ricordare che le situazioni di crisi possono essere foriere di conseguenze positive

39 Tre domande cruciali: Che cosa riguarda il conflitto? Come può essere risolto? Una volta trovata una risposta al come risolverlo, cosa si può fare per mettere in atto la soluzione?

40 La gestione dei conflitti Il poter cercare una soluzione costruttiva al conflitto permette di: affinare le capacità empatiche (la capacità di assumere temporaneamente il punto di vista dellaltro) riconoscere che le differenze tra le persone esistono e che possono essere una risorsa sviluppare la capacità di utilizzare differenti e varie strategie per la soluzione dei problemi, con un ritorno immediato sullaumento dellauto-efficacia personale

41 Modi di trasformare costruttivamente i conflitti Chiarimento delle percezioni delle parti: dipingere la staccionata può essere divertente! Riesaminare i problemi: non mi fai arrabbiare sempre!, ma Che cosa succede quanto mi arrabbio? Passare dalle posizioni ai bisogni: non io sono più importante di te, ma questo è il mio bisogno e quello è il tuo

42 Sul conflitto interculturale: Ricordarsi che pregiudizi e stereotipi sono sempre in agguato: Tanto sappiamo che gli albanesi sono tutti delinquenti I tedeschi non hanno il senso dellumorismo Gli islamici sono tutti terroristi Evitare errori di generalizzazione: quando una frase inizia con Tutti gli X sono…, diffidate!!!

43 Alcune nozioni elementari di psicologia della comunicazione

44 Modello della comunicazione

45 Il quadrato della comunicazione (Schulz von Thun)

46 Ogni messaggio è caratterizzato da 4 aspetti: Il contenuto: ciò che viene detto nel messaggio; la relazione: lopinione che il mittente esprime del destinatario; la rivelazione di sé: ciò che il mittente rivela di sé; lappello: ciò che il mittente vuole ottenere

47 Esempio 1 Un ragazzo e una ragazza sono in auto. La ragazza è al volante. A un certo punto lui dice: Guarda che è verde!. La ragazza dice: Guidi tu o guido io?.

48 Esempio 2 Marito e moglie sono a tavola. Lui dice: Che cosè quella cosa gialla nella salsa?. Lei risponde: Insomma, se non ti piace come si mangia qui, puoi andartene anche da unaltra parte!.

49 Altre cose da sapere 1 Messaggi espliciti o impliciti. Il contenuto di un messaggio può essere espresso in maniera diretta e esauriente (Ho finito le sigarette!) o indiretta e nascosta (Dove sono le sigarette?).

50 Altre cose da sapere 2 Componenti non verbali del messaggio Ogni messaggio è formulato con una componente verbale e una componente non verbale (voce, intonazione, mimica). Quando le due sono in contrasto, di solito, è la componente non verbale quella più importante.

51 Altre cose da sapere 3 Non si può non comunicare Legge fondamentale della comunicazione. Ogni comportamento ha una valenza comunicativa, perfino il silenzio. Se saluto una persona e quella non risponde, sicuramente trarrò da quella non risposta un significato.

52 Altre cose da sapere 4 Messaggi congruenti e incongruenti Di solito, parole e comportamenti non verbali si sostengono a vicenda. A volte, però, si contraddicono. Quando ciò avviene si dice che i messaggi sono incongruenti. I messaggi incongruenti sono sempre problematici e devono essere elaborati dal destinatario.

53 Errori da evitare… Non moralizzare (Devi fare quello che dico io) Non dogmatizzare (È così e basta!) Non diagnosticare (Sei un pasticcione!) Non interpretare (Tu sei così perché) Non generalizzare (Sei sempre il solito coniglio!) Non offrire soluzioni categoriche (Devi fare così) Evitare attacchi personali

54 … cose da fare Empatizzare (mettersi nei panni dellaltro) Ascoltare attivamente Lasciare esprimere Accogliere positivamente Essere costruttivi Invitare a trovare soluzioni autonome Contestualizzare Concentrarsi sul problema, non sulle responsabilità

55 Il disagio dei giovani. Alcune nozioni utili Compito evolutivo: compito che si trova a metà strada tra un bisogno individuale e una richiesta sociale.

56 Disagio Manifestazione presso le nuove generazioni della difficoltà di assolvere ai compiti evolutivi che vengono loro richiesti dal contesto sociale per il conseguimento dellidentità personale e per lacquisizione delle abilità necessarie alla soddisfacente gestione delle relazioni quotidiane.

57 Principali compiti evolutivi delladolescenza Sapersi adattare ai rapidi e rilevanti cambiamenti somatici e psichici in maniera soddisfacente Accettare le proprie pulsioni e padroneggiarle secondo i valori condivisi Saper instaurare e mantenere rapporti con i coetanei dello stesso sesso e di sesso diverso Partecipare a gruppi Sviluppare indipendenza e autonomia Stabilire uninterazione adeguata con le istituzioni sociali (scuola, mondo del lavoro, contesto sociopolitico) Operare scelte relative a un proprio sistema di valori Progettare il proprio futuro

58 Disagio evolutivo endogeno Legato alla crisi di transizione delletà adolescenziale. Riguarda la totalità dei giovani e fa parte del naturale processo di crescita dellindividuo.

59 Disagio socioculturale esogeno Legato ai condizionamenti della società complessa. Riguarda i giovani che vivono in sistemi sociali come il nostro ed e una condizione diffusa, condivisa dagli stessi adulti.

60 Disagio cronicizzante Legato allinterazione di fattori-rischio individuali e locali con le precedenti forme di disagio. Riguarda una minoranza di giovani e specifiche aree ambientali, caratterizzate da povertà materiali e non. È questa la forma di disagio più grave, che prepara il terreno, in un certo qual senso, al disadattamento vero e proprio.

61 Rischio Situazione in cui sono negate o frustrate o mortificate le opportunità di soddisfazione dei bisogni fondamentali della persona. Fattori rischio più ricorrenti: Problematiche familiari Deprivazione culturale Marginalità socioeconomica Carenze di offerte di tempo libero e di aggregazione.

62 Disadattamento Situazione relazionale tra il soggetto e un determinato ambiente caratterizzata dalla passività, dalla fuga/esclusione o dallo sterile ribellismo, in cui viene di fatto impedita la partecipazione attiva e creativa in tutte le sue espressioni di libera adesione o di positivo cambiamento.

63 Devianza Atto o comportamento o espressione, anche verbale, del membro riconosciuto di una collettività che la maggioranza dei membri della collettività stessa giudica come uno scostamento o una violazione più o meno grave, sul piano pratico o su quello ideologico, di determinate norme o aspettative o credenze che essi giudicano legittime, o a cui di fatto aderiscono, e al quale tendono a reagire con intensità proporzionale al loro senso di offesa.

64 Disagio Espressione di una domanda non patologica (o non ancora patologica) inerente i problemi psicologici e affettivi, le difficoltà familiari e di relazione, le difficoltà scolastiche, il più generale malessere esistenziale connesso agli squilibri che il processo di costruzione dellidentità produce.

65 Disagio Radicale difficoltà a gestire la complessità e, allinterno di questa, a far fronte alle contraddizioni dei processi di socializzazione, di identificazione e di maturazione complessiva verso letà adulta.

66 Disagio Etichetta che gli adulti utilizzano ogni volta che non comprendono il punto di vista del giovane.

67 Devianza Conseguenza dellapplicazione di etichette e sanzioni da parte di alcuni (crociati morali) nei confronti del trasgressore vero o presunto. La devianza non è una proprietà intrinseca ai comportamenti, ma è una proprietà conferita a essi dalla percezione sociale e/o dalle definizioni normative.

68 I giovani doggi? «Oggi i bambini amano il lusso, si comportano male, disprezzano lautorità, non rispettano gli anziani … Oggi i bambini sono dei tiranni, non aiutano in casa … contraddicono i genitori … e maltrattano i loro insegnanti» (Socrate, 390 a.C.)

69 I giovani doggi? «Vorrei che non ci fosse età di mezzo fra i dieci e i ventitré anni o che la gioventù dormisse tutto questo intervallo; poiché non cè nulla in cotesto tempo se non ingravidare ragazze, vilipendere gli anziani, rubare e darsi legnate» (Shakespeare, Il racconto dinverno).

70 I giovani doggi? «Lo mio core molto addolora la tua grande mattezza, la quale tu usi lassando quello lo quale tu doveresti fare nello studio, che fermamente hoe inteso che tu non ti diletti in altro che in gioco di dadi, luoghi disonesti spesse fiate visitando, pella quale cosa, se di cotali opere non ti sostieni e non ti darai fortemente allo studio, come tu se tenuto, sappiti privato dogni mio benefizio e dogni mia grazia, sappiendo che per le tue lettere fittizie non mi potrai ingannare» (Frugoni, C. 2000, Medioevo sul naso, p. 45).

71 Suggerimento bibliografico Regoliosi, L., 1998, La prevenzione del disagio giovanile, Carocci, Roma.

72 Metodologia di gestione dei conflitti 1 Metodologia attiva: Strumenti che promuovono la reale partecipazione di tutti privilegiando il fare e il provare (giochi, simulazioni, tecniche teatrali, attività di comunicazione) Strumenti che promuovono la reale partecipazione di tutti privilegiando il fare e il provare (giochi, simulazioni, tecniche teatrali, attività di comunicazione) Momento di attivazione di dinamiche (emozioni, conflitti, desideri) di cui si ha già avuto esperienza, ma che necessitano di rielaborazione consapevole e critica Momento di attivazione di dinamiche (emozioni, conflitti, desideri) di cui si ha già avuto esperienza, ma che necessitano di rielaborazione consapevole e critica Ascolto attivo e discussioni Ascolto attivo e discussioni

73 Metodologia di gestione dei conflitti 2 Soprattutto due cose si possono fare quando si ha a che fare con i giovani: aiutarli a trovare le parole per esprimere le sensazioni e le emozioni che provano aiutarli a trovare le parole per esprimere le sensazioni e le emozioni che provano ascoltarli per davvero quando parlano, fino alla fine, senza interromperli e senza aver paura dei silenzi che ci saranno. ascoltarli per davvero quando parlano, fino alla fine, senza interromperli e senza aver paura dei silenzi che ci saranno. Ascoltare davvero è una cosa difficilissima, che in genere non si è abituati a fare. Ascoltare con la curiosità di voler capire chi è, cosa pensa, che cosa prova e senza la presunzione di sapere già cosa dirà come se si trattasse di un gioco di cui abbiamo già in mano noi le regole e la soluzione Ascoltare davvero è una cosa difficilissima, che in genere non si è abituati a fare. Ascoltare con la curiosità di voler capire chi è, cosa pensa, che cosa prova e senza la presunzione di sapere già cosa dirà come se si trattasse di un gioco di cui abbiamo già in mano noi le regole e la soluzione

74 Per approfondire: Von Thun, S., 1997, Parlare insieme. La psicologia della comunicazione, TEA, Milano.


Scaricare ppt "Satyagraha. Corso di formazione per operatori volontari di centri giovanili Comunicazione, conflitto, mediazione. Romolo Giovanni Capuano."

Presentazioni simili


Annunci Google