La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Slide 1 Lezioni di Macroeconomia Capitolo 11 Bilancia dei pagamenti e tassi di cambio nellequilibrio macroeconomico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Slide 1 Lezioni di Macroeconomia Capitolo 11 Bilancia dei pagamenti e tassi di cambio nellequilibrio macroeconomico."— Transcript della presentazione:

1 Slide 1 Lezioni di Macroeconomia Capitolo 11 Bilancia dei pagamenti e tassi di cambio nellequilibrio macroeconomico

2 Slide 2 La bilancia dei pagamenti Bilancia dei pagamenti: prospetto in cui sono registrate le transazioni intercorse tra i residenti di un paese e il resto del mondo è suddivisa in due conti: conto delle partite correnti conto capitale

3 Slide 3 ll conto corrente registra: commercio in beni e servizi Trasferimenti (i soggiorni di non residenti, i servizi assicurativi e finanziari di non residenti), le rimesse da lavoro dipendente e da capitale Il saldo della bilancia commerciale registra: la differenza tra importazioni ed esportazioni di merci; la differenza tra importazioni ed esportazioni di servizi i trasferimenti netti Il conto corrente è in avanzo se le esportazioni superano le importazioni più i trasferimenti netti allestero La bilancia dei pagamenti

4 Slide 4 La bilancia dei pagamenti Il conto capitale registra: gli acquisti e le vendite dattività finanziarie (azioni, obbligazioni e terreni) Si ha un avanzo in conto capitale (afflusso netto di capitali) quando le entrate in conto capitale superano i pagamenti nazionali per lacquisto dattività allestero

5 La bilancia dei pagamenti Possiamo assimilare la bilancia dei pagamenti a un mercato, nel senso che essa è il mercato delle valute o divise estere i suoi elementi costitutivi sono la loro domanda, lofferta e il rispettivo prezzo Slide 5

6 Slide 6 Tassi di cambio fissi e flessibili Definizione del tasso di cambio: Il tasso di cambio indica il prezzo di ununità di una valuta in termini di unaltra Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, le nazioni più importanti avevano stabilito tassi di cambio fissi tra le rispettive monete e tale regime è stato mantenuto fino al Tra la fine degli anni Settanta e linizio degli anni Novanta, lItalia ha fatto parte del Sistema Monetario Europeo (SME) anchesso basato sui cambi fissi

7 Tassi di cambio e = la quantità di euro necessaria per acquistare ununità di valuta estera, cioè il prezzo della valuta estera espresso in euro Ad es. se 1$ = 0,85 vuol dire che chi volesse acquistare 1$ dovrebbe pagare 85 centesimi di euro questa modalità è definita incerto per certo la quantità di valuta nazionale che allo stato attuale risulta incerta è scambiata per ununità certa di valuta estera Slide 7

8 Tassi di cambio Possiamo anche definire il tasso di cambio come il reciproco di questo rapporto, cioè come il prezzo delleuro in termini di valuta estera Tale modalità del cambio definita certo per incerto è 1/e (1/0,85) = 1,18$ ossia occorrono 1,18$ per acquistare 1 Slide 8

9 Slide 9 Tassi di cambio fissi e flessibili In un sistema di tassi di cambio fissi, le autorità monetarie devono fornire qualsiasi ammontare di valuta estera necessario per finanziare gli squilibri della bilancia dei pagamenti In un sistema di tassi di cambio flessibili, le banche centrali si astengono dallintervento sui mercati e lasciano che il tasso di cambio si adegui in modo da equilibrare domanda e offerta di valuta estera

10 Slide 10 Tassi di cambio fissi e flessibili Terminologia Una variazione del prezzo di una valuta estera in un paese in regime di cambi flessibili è detta deprezzamento o apprezzamento Il deprezzamento corrisponde ad un aumento del tasso di cambio (secondo la definizione incerto per certo); viceversa, lapprezzamento corrisponde ad una diminuzione del tasso di cambio (secondo la definizione incerto per certo)

11 Slide 11 Tassi di cambio fissi e flessibili Terminologia Una variazione del prezzo di una valuta estera in un paese in regime di cambi fissi è detta svalutazione o rivalutazione La svalutazione è una situazione in cui per gli operatori dei paesi esteri, la moneta svalutata costa meno, mentre per i residenti del paese che svaluta acquistare la valuta estera costa di più. Il contrario di una svalutazione è una rivalutazione

12 Slide 12 Tassi di cambio fissi e flessibili Fluttuazione manovrata, o sporca le banche centrali intervengono per acquistare e vendere valute estere nel tentativo di influire sui tassi di cambio. Fluttuazione pulita le banche centrali si astengono completamente dallintervento

13 Slide 13 La bilancia dei pagamenti ed i flussi di capitali I mercati dei capitali sono globali Nei paesi industrializzati non esistono restrizioni alla possibilità di detenere attività finanziarie allestero i residenti negli Stati Uniti, in Italia, in Germania o nel Regno Unito possono, infatti, detenere la propria ricchezza tanto in patria quanto allestero Possiamo assumere come ipotesi di lavoro la perfetta mobilità dei capitali

14 Slide 14 La bilancia dei pagamenti ed i flussi di capitali I capitali cercano - a livello mondiale - il rendimento più elevato TUTTAVIA se i tassi praticati a New York aumentassero rispetto a quelli praticati a Francoforte, gli investitori privilegerebbero New York, mentre coloro che hanno bisogno di un prestito si rivolgerebbero al mercato tedesco Questo processo fa sì che i rendimenti tendano rapidamente ad allinearsi!

15 Slide 15 La bilancia dei pagamenti ed i flussi di capitali Assunzioni Il tasso dinteresse sui mercati esteri dei capitali è dato Sotto lipotesi di perfetta mobilità dei capitali differenza nei tassi nazionale/mondiale flusso/deflussi di capitale Lavanzo di bilancia dei pagamenti è la somma dellavanzo commerciale (NX) e dellavanzo in conto capitale (CF): BP = NX(Y,Y f, e) + CF(i – i f )

16 Slide 16 La bilancia dei pagamenti ed i flussi di capitali BP = NX(Y,Yf, e) + CF(i – if) La bilancia commerciale è funzione del reddito nazionale di quello estero del tasso di cambio, Il conto capitale dipende dal differenziale fra i tassi dinteresse

17 Slide 17 La bilancia dei pagamenti ed i flussi di capitali Un incremento del reddito nazionale peggiora la bilancia commerciale Un aumento del tasso dinteresse sopra il livello mondiale attira capitali dallestero migliorando il conto capitale quando il reddito cresce laumento dei tassi dinteresse mantiene la bilancia dei pagamenti in equilibrio

18 La bilancia dei pagamenti ed i flussi di capitali Equilibrio esterno il saldo della bilancia dei pagamenti è zero La Bilancia dei pagamenti è in equilibrio quando la domanda di valute estere, importazioni (M) e deflusso di capitali (- KF), è uguale allofferta di valute estere, cioè esportazioni (X) e afflusso di capitali (+ KF) (X + KF) = (M- KF) = BP

19 La bilancia dei pagamenti Il pareggio della bilancia dei pagamenti è unuguaglianza tra domanda e offerta di divise estere che si realizza considerando sia il saldo della bilancia commerciale sia il saldo del movimento dei capitali Se non si realizza un equilibrio spontaneo, si può ottenere un equilibrio quantitativo tramite lacquisto o la vendita di divise estere da parte della Banca Centrale Slide 19

20 La bilancia dei pagamenti ed i flussi di capitali Per esempio, se la domanda di divise estere è pari a 500 e lofferta è pari a 450, si ha un deficit di BP. Se la BCE non intervenisse, leccesso di domanda di divise estere ne farebbe aumentare il prezzo, cioè leuro si svaluterebbe Se la BCE vuole evitare la svalutazione delleuro, deve vendere divise estere, attingendo alle sue scorte di valuta estera, le Riserve Ufficiali, sommando la sua offerta di divise estere allofferta di mercato ottiene luguaglianza tra domanda e offerta (X-M) + KF = RU dove RU è la variazione delle riserve ufficiali che serve a compensare la variazione dei movimenti di capitale ( KF)

21 La bilancia dei pagamenti Mentre lequilibrio può durare indefinitamente, fin tanto che domanda e offerta di divise estere restano uguali, il pareggio no La BCE non può effettuare vendite/acquisti di divise estere allinfinito per colmare lo squilibrio e trasformare il disavanzo in pareggio, perché prima o poi le riserve di divise estere tendono ad esaurirsi

22 La bilancia dei pagamenti Se domanda e offerta di divise estere sono uguali, la BC non effettua vendite/acquisti di divise estere sul mercato equilibrio Al contrario, un deficit di BP è una diminuzione delle riserve ufficiali, mentre un surplus (quando è trasformato in pareggio) è un aumento delle riserve ufficiali pertanto è pareggio della BP luguaglianza tra domanda e offerta di divise estere che si ottiene tramite una variazione delle riserve ufficiali

23 La bilancia dei pagamenti In sintesi: È equilibrio una situazione in cui le riserve ufficiali della BC non variano. Se domanda e offerta di divise estere sono uguali, la BC non effettua vendite o acquisti di divise estere sul mercato il deficit di BP è una diminuzione delle riserve ufficiali, mentre un surplus è un aumento delle riserve ufficiali. è pareggio della BP luguaglianza tra domanda e offerta di divise, che si ottiene tramite una variazione delle riserve ufficiali

24 Slide 24 Equilibrio macroeconomico e bilancia commerciale Parte della produzione nazionale è venduta allestero (esportazioni) Parte della spesa dei residenti è destinata allacquisto di prodotti esteri (importazioni) è necessario modificare la curva IS

25 Slide 25 Equilibrio macroeconomico e bilancia commerciale La spesa dei residenti non determina più la produzione nazionale che dipende dalla spesa in prodotti nazionali una quota della spesa nazionale, infatti, è destinata alle importazioni. La domanda di prodotti nazionali comprende le esportazioni

26 Slide 26 Equilibrio macroeconomico e bilancia commerciale Indicando con A la spesa effettuata dai residenti, avremo: Spesa dei residenti A = C + I + G Spesa in beni nazionali A + XN = (C + I + G) + (X – M) = (C + I + G) + XN

27 Slide 27 Equilibrio macroeconomico e bilancia commerciale La spesa nazionale dipende dal tasso dinteresse e dal reddito A = A(Y, i) Le esportazioni nette dipendono dal reddito nazionale Y, che influisce sulla spesa in importazioni dal reddito dei paesi stranieri,Y f che incide sulla domanda estera delle nostre esportazioni dal tasso di cambio e XN = X(Y f, e) – M(Y, e) = XN(Y,Y f,e)

28 Slide 28 Equilibrio macroeconomico e bilancia commerciale Y = A(Y, i) + XN(Y,Y f, e) Possiamo riscrivere lequazione della curva IS nel modo seguente:

29 Slide 29 Equilibrio macroeconomico e bilancia commerciale Caratteristiche della nuova IS 1.Un incremento del reddito estero Y f migliora la bilancia commerciale del nostro paese fa salire la domanda aggregata 2.Un deprezzamento della valuta nazionale, ossia un aumento di e, migliora la bilancia commerciale fa aumentare la domanda aggregata 3.Un aumento del reddito interno Y accresce la spesa in importazioni peggiora la bilancia commerciale

30 Slide 30 Equilibrio macroeconomico e bilancia commerciale Sappiamo inoltre che: La curva IS di economia aperta comprende le esportazioni quindi anche il tasso di cambio influisce sulla curva IS un deprezzamento accresce la domanda di prodotti nazionali, e sposta la curva IS verso destra un aumento del reddito estero e, di conseguenza, un incremento della spesa dei non residenti per acquistare beni prodotti nel nostro paese farà aumentare le esportazioni nette, ovvero la domanda di prodotti italiani e sposta la curva IS verso destra

31 PM e PF in regime di cambi fissi Ipotesi: Prezzi interni ed esterni fissi Domanda di esportazioni data (le esportazioni sono esogene) Tasso dinteresse sui mercati esteri dei capitali è dato. Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 31

32 Politica monetaria restrittiva Politica Monetaria restrittiva: il tasso dinteresse aumenta, cè un afflusso di capitali che comporta unavanzo di bilancia dei pagamenti, di conseguenza il tasso di cambio si apprezza. La Banca Centrale deve intervenire acuistando valuta estera per far ritornare il tasso di cambio al suo valore fissato, con questo immette moneta nazionale nel sistema. La politica monetaria è inefficace Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 32

33 Politica monetaria espansiva Se si ha unespansione monetaria il tasso dinteresse interno diminuisce, ciò provoca una fuoriuscita di capitali e un disavanzo della BP, ciò implica un deprezzamento della valuta nazionale. Le autorità monetarie devono vendere valuta estera per riequilibrare il tasso di cambio, ricevono in cambio valuta nazionale tornando quindi alla situazione di partenza. Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 33

34 PF-cambi fissi e perfetta mobilità dei capitali Supponiamo che ci sia unincremento di spesa publica che sposta la IS in alto a destra, aumenta il reddito e quindi la domanda di moneta, a parità di offerta il tasso di interesse interno aumenta. Afflusso di capitali, apprezzamento del tasso di cambio, la Banca Centrale deve acquistare valuta estera immettendo sul mercato valuta nazionale, la LM si sposta in basso a destra Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e.a, il tasso dinteresse ggiustamenti internazionali Slide 34

35 Tasso di cambio fisso ma limitata mobilità dei capitali La BP non è orizontale, minore è la mobilità dei capitali maggiore è il margine di manovra delle autorità monetarie. La PM è efficace perché i tassi dinteresse possono variare senza dover intervenire per stabilizzare il tasso di cambio. Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 35

36 Tasso di cambio fisso ma limitata mobilità dei capitali La mobilità dei capitali limita lefficacia della PF: PF espansiva, aumentano il reddito e il tasso dinteresse, ma lafflusso di capitali è limitato e quindi insufficiente a compensare laumento delle importazioni, si ha quindi un disavanzo e le autorità monetarie devono vendere valuta estera contro valuta nazionale, quindi riduce la base monetaria (LM si sposta a sinistra) Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 36

37 Tasso di cambio fisso ma limitata mobilità dei capitali Minore è la mobilità dei capitali maggiore è il margine di manovra della PM, i tassi dinteresse possono variare senza dover fare (necessariamente) manovre correttive dei cambi. Quindi la PM recupera efficacia e, minore è la mobilità dei capitali maggiore è lefficacia della PM Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 37

38 PM e PF, tassi di cambio flessibili,perfetta mobilità ca. Saldo della BP=0 senza intervento della BC perché il tasso di cambio può variare Un disavanzo della bilancia commerciale deve essere finanziato da un afflusso di capitali Un avanzo della bilancia commerciale richiede, affinché ci sia equilibrio della BP, un deflusso di capitali. Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 38

39 PM e PF, tassi di cambio flessibili, perfetta mobilità ca Lofferta di moneta è esogena, fissata dalla BC Il tasso dinteresse interno deve essere = al tasso dinteresse estero Se i>if determina un afflusso di capitali che a sua volta comporta un apprezzamento della valuta nazionale che fa diminuire le esportazioni nette, il reddito diminuisce e si torna al punto iniziale Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 39

40 Manovra Fiscale Espansiva (perde efficacia) PF espansiva. La IS si sposta verso destra e il reddito e il tasso dinteresse interno aumentano Lincremento del tasso dinteresse interno comporta un afflusso di capitali e un conseguente apprezzamento del tasso di cambio, e quindi le esportazioni nette diminuiscono, diminuisce il reddito ed il sistema torna al punto di partenza. Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 40

41 PM espansiva con cambi flessibili Unaumento dellofferta di moneta fa ridurre il tasso dinteresse interno, ciò provoca un deflusso di capitali e quindi un deprezzamento del tasso di cambio, di conseguenza aumentano le esportazioni e quindi il reddito, ciò fa spostare anche la IS a destra PM espansiva determina un amento del reddito di equilibrio ed un deprezzamento del tasso di cambio Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 41

42 Purchasing Power Parity (PPP) Il tasso di cambio tra due nazioni è determinato dal potere dacquisto relativo delle 2 valute nei paesi in cui circolano. Esempio hot dog2.5/2.85=0.87 Il potere dacquisto relativo è misurato dal tasso di cambio reale R=e*Pf / P se R=1 i due paesi si trovano al livello di parità dei poteri dacquisto. Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 42

43 Se R è max di 1, la domanda relativa di prodotti nazionali dovrebbe aumentare e gradualmente si dovrebbe raggiungere la PPP La PPP è valida come tendenza (nel breve periodo possono esserci vincoli come barriere al movimento di merci Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 43

44 Cambi fissi e aggiustamento della bilancia dei pagamenti Livello dei prezzi interni è variabile: Se P aumenta si riduce lofferta reale di moneta, ciò fa aumentare i tassi dinteresse e quindi una riduzione della DA, in economia aperta questo effetto si accentua perché se P aumenta i nostri beni diventano meno competitivi. Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 44

45 Equilibrio interno e equilibrio esterno Eq. Interno: un reddito di eq. Che coincide con quello potenziale Eq. Esterno BP=0 Domanda: dati i prezzi esteri e il tasso nominale di cambio, assumendo flessibilità dei prezzi interni e dei salari, è possibile ripristinare tanto lequilibrio interno quanto quello esterno? Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 45

46 Saldo negativo di BP Il paese si deve indebitare in valuta straniera perché deve finanziare questo saldo negativo. Nel breve periodo può andar bene ma nel lungo periodo deve trovare il modo di risolvere il problema. Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 46

47 Disavanzo di Bilancia commerciale I prezzi dei beni nazionali sono troppo alti rispetto a quelli esteri oppure il reddito interno è troppo alto e quindi le importazioni sono troppo elevate. Il paese deve diventare più competitivo ovvero esportare di più e importare di meno. Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 47

48 Meccanismi di aggiustamento automatico Disavanzo di BP, la BC deve vendere valuta estera ciò riduce la base monetaria (M/P), il tasso dinteresse aumenta e la domanda aggregata diminuisce. Si crea disoccupazione. La disoccupazione crea un calo di salari, costi di produzione e i prezzi, la AS si sposta verso il basso. (continua) Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 48

49 Meccanismi di aggiustamento automatico La deflazione (riduzione dei prezzi), che deriva dalla disoccupazione, comporta un miglioramento del saldo della bilancia commerciale (perché i beni nazionali diventano relativamente più convenienti). Quindi la bilancia commerciale (ed il reddito nazionale aumenta di nuovo) torna in equilibrio e non cè bisogno di interventi sul mercato valutario. Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 49

50 Processo di aggiustamento classico Quello descritto nei lucidi precedenti è il processo di aggiustamento classico, basato su accomodamenti dei prezzi e sulladeguamento dellofferta di moneta in base al saldo della bilancia commerciale. Può funzionare ma richiede tempi lunghi e potrebbe comportare una lunga recessione. Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 50

51 Interventi sul tasso di cambio fisso Possibili interventi sono: Protezionismo (innalzamento delle tariffe doganali=imposte sulle importazioni), dopo la II guerra mondiale è meno frequente. Politiche che riducano la domanda aggregata (ora in Germania si potrebbe fare ma in genere ha un elevato costo sociale) Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 51

52 Svalutazione La svalutazione nel breve periodo può correggere ma: La svalutazione fa aumentare i prezzi dei prodotti esteri, quindi le importazioni dminuiscono e le esportazioni crescono, il saldo della bilancia commerciale migliora Ma la svalutazione può causare un aumento dei prezzi interni e quindi dei salari e quindi innescare la spirale prezzi- salari Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 52

53 PM in caso di svalutazione Se la BC non aumentasse lo stock di moneta quando aumentano i prezzi, lofferta di moneta reale diminuirebbe e farebbe aumentare i tassi dinteresse e ridurre la DA, ciò comporterebbe un miglioramento del saldo di conto corrente. Al contrario se quando aumentano i prezzi, le autorità aumentano lofferta di moneta (per non creare disoccupazione) si ha la spirale P-W Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 53

54 Tassi di cambio flessibili e capitali finanziari mobili Riprendiamo la AS di lungo periodo (verticale) e la BP con perfetta mobilità di capitali (orizzontale), cè un solo punto dove Y e i sono compatibili con il raggiungimento simultaneo dellequilibrio interno ed esterno (grafico 11.11). Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 54

55 Prezzi interni flessibili e prezzi esteri dati Espansione monetaria (LM destra) implica una riduzione dei tassi dinteresse, deflusso dei capitali e la valuta nazionale si deprezza. Dato che ora i prezzi sono flessibili, lespansione monetaria provoca un deprezzamento della valuta ed un aumento dei prezzi e non determina variazioni di competitività. Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 55

56 (Grafico 11.12) nel punto C il livello della produzione è superiore a quello potenziale e quindi i prezzi aumentano e lofferta reale di moneta diminuisce (alla fine del processo la LM torna al punto di partenza. I tassi dinteresse salgono, affluiscono capitali che producono un apprezzamento della valuta nazionale (la IS torna alla posizione d partenza) Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 56

57 Conclusione La mometa no produce effetti reali (come abbiamo visto nel modello AD-AS in economia chiusa) Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 57

58 Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 58

59 Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 59

60 Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 60

61 Capitolo 12: Equilibrio macroeconomico prezzi e aggiustamenti internazionali Slide 61


Scaricare ppt "Slide 1 Lezioni di Macroeconomia Capitolo 11 Bilancia dei pagamenti e tassi di cambio nellequilibrio macroeconomico."

Presentazioni simili


Annunci Google