La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera PROGETTO EDUCATIVO PER LAUTOCATETERISMO PRESSO IL CENTRO SCLEROSI MULTIPLA DEL PRESIDIO DI MONTICHIARI Partecipanti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera PROGETTO EDUCATIVO PER LAUTOCATETERISMO PRESSO IL CENTRO SCLEROSI MULTIPLA DEL PRESIDIO DI MONTICHIARI Partecipanti."— Transcript della presentazione:

1 Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera PROGETTO EDUCATIVO PER LAUTOCATETERISMO PRESSO IL CENTRO SCLEROSI MULTIPLA DEL PRESIDIO DI MONTICHIARI Partecipanti al corso: Florentina Bertocchi Emanuela Chiarini Sarah Rasia E la gentile collaborazione di Chiara Busi e Luisa Galuppini Corso di formazione aziendale Progetto Chronic Care Model Ospedale e Cronicità: formarsi per lempowerment dei utenti

2 Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera CONTESTO n.1200 persone con Sclerosi Mulipla seguite presso il Centro in letteratura dal 52 al 97% presenza di sintomi disfunzionali vescico sfinterici in applicazione protocollo specifico. Tra i trattamenti previsti laddestramento del paziente/caregiver al cateterismo intermittente pulitocateterismo intermittente pulito

3 Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera DESTINATARI Persone affette da sclerosi multipla (e/o loro care-giver) con disturbi vescico-sfinterici eleggibili per cateterismo intermittente pulito secondo protocollo

4 Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera OBIETTIVI EDUCATIVI 1) La persona con SM esegue in modo autonomo lautocateterismo intermittente pulito a domicilio da 2 a 4 volte al giorno Oppure/e 2)Il care giver esegue in modo autonomo il cateterismo intermittente pulito a domicilio da 2 a 4 volte al giorno alla persona affetta da SM

5 Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera PIANIFICAZIONE 1 ObiettiviContenutiTempi - Metodi - Strumenti valutazione 1)la persona conosce lanatomia dellapparato genitale ed è in grado di individuare il proprio orifizio urinario 2)il care-giver conosce lanatomia dellapparato genitale ed è in grado di individuare lorifizio urinario del suo assistito -anatomia e fisiologia apparato urinario e genitale (maschile o femminile) - concetti di igiene (pulito, sterile, lavaggio mani, lambiente pulito igiene personale) 1° incontro -Colloquio individuale -Dimostrazione -Utilizzo di immagini (raccoglitore) - fornire al paziente materiale informativo da rivedere a domicilio Al termine dellincontro linfermiere verifica se - Il paziente/care- giver riconosce su unimmagine vescica e uretra - Il paziente individua con sicurezza il proprio meato urinario - il care-giver individua con sicurezza il meato urinario del proprio assistito

6 Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera PIANIFICAZIONE 2 ObiettiviContenutiTempi - Metodi - Strumenti valutazione 3) la persona con SM e/o care-giver è in grado di descrivere le sequenze dellautocateterismo intermittente sterile 4) la persona con SM e/o caregiver esegue con supervisione il cateterismo intermittente sterile presso il CSM 5) la persona con SM e/o care-giver è in grado di descrivere le sequenze dellautocateterismo intermittente pulito -cateteri, ausili, dispositivi per il cateterismo - tecnica del cateterismo estemporaneo 2° incontro -Colloquio individuale -Dimostrazione e simulazione -Addestramento -Utilizzo di audiovisivi. Visione e manipolazione dei dispositivi per il cateterismo -fornire al paziente materiale informativo da rivedere a domicilio Al termine dellincontro linfermiere verifica che : - lutente/care- giver simula le sequenze dellautocateteris mo

7 Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera PIANIFICAZIONE 3 ObiettiviContenutiTempi - Metodi - Strumenti valutazione 6) la persona con SM e/o care giver ha individuato i dispositivi per lautocateterismo più idonei alle proprie caratteristiche e necessità 7) La persona con SM esegue in modo autonomo lautocateterismo intermittente pulito a domicilio da 2 a 4 volte al giorno Oppure/e 7 bis) Il care giver esegue in modo autonomo il cateterismo intermittente pulito a domicilio da 2 a 4 volte al giorno alla persona affetta da SM -Lautocateteri smo in ambiente non ospedaliero 3° incontro - Colloquio individuale - Dimostrazione e simulazione -Addestramento -fornire al paziente dispositivi da provare a domicilio extra incontro disponibilità a contatti telefonici Durante lincontro linfermiere verifica che: - lutente/care- giver esegue correttamente il cateterismo con minima supervisione Linfermiere consegna allutente il diario minzionale che lutente compilerà a domicilio e riconsegnerà nei tempi concordati

8 Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera ATTUAZIONE: SWOT PUNTI DI FORZA (Strenght) VINCOLI (Weakness) Competenze specifiche dei professionisti del Centro Strutturali Pianificazione effettuata durante il corso aziendale Il tariffario regionale non comprende questo intervento educativo progetto condiviso dallequipe OPPORTUNITA (Opportunities) CRITICITA (Threats) Miglioramento della compliance N. di locali utilizzabili per lattività Migliore presa in carico del paziente da parte dell'equipe assistenziale Tempo operatore necessario alla gestione degli incontri

9 Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera DA NON DIMENTICARE: la condivisione degli obiettivi La componente emotiva la relazione daiuto lequilibrio tra pianificazione e personalizzazione

10 Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera grazie per lattenzione


Scaricare ppt "Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera PROGETTO EDUCATIVO PER LAUTOCATETERISMO PRESSO IL CENTRO SCLEROSI MULTIPLA DEL PRESIDIO DI MONTICHIARI Partecipanti."

Presentazioni simili


Annunci Google