La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A. 2003-20041 Bisogna che lo confessi: credo poco nelle leggi. Se troppo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A. 2003-20041 Bisogna che lo confessi: credo poco nelle leggi. Se troppo."— Transcript della presentazione:

1 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Bisogna che lo confessi: credo poco nelle leggi. Se troppo dure, si trasgrediscono, e con ragione. Se troppo complicate lingegnosità umana riesce facilmente ad inseminarsi entro le maglie di questa massa fragile, che striscia nel mondo M. Yourcenar

2 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Strumenti di programmazione innovativi Programmi complessi Strumenti di programmazione innovativi Componente Urbanistica Socio – economica Recupero Urbanistico Ambientale Sociale

3 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Complessa rappresentazione del dinamismo Crisi strumenti tradizionali Rispondere alla rigidità del piano tradizionale Distanza temporale Separazione dei problemi della città delle politiche urbane dei processi decisionali Pluralità di soggetti pubblici e privati Realizzazione degli edifici Infrastrutture relative Prescrizioni urbanistiche Veloci mutamenti scenari economici e finanziari

4 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Programmi complessi In Italia primo approccio Legge 457/78 Piani di recupero del patrimonio edilizio esistente Individuazione dei perimetri di intervento Ente locale Nuove politiche della casa Individuazione della controparte dellamministrazione pubblica con la forma giuridica di proprietari singoli o riuniti in consorzio o dalle cooperative edilizie di cui siano soci, dalla impresa di costruzione o dalla cooperativa edilizia cui i proprietari o i soci abbiano conferito il mandato alla esecuzione delle opere, dai condomini o dai loro consorzi, dai consorzi fra i primi ed i secondi, nonché dagli IACP o dai loro consorzi, da imprese di costruzione o loro associazioni temporanee o consorzi e da cooperative o loro consorzi

5 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Processo di riorganizzazione istituzionale iniziato negli anni novanta dalle Leggi Provvedimenti promossi negli ultimi anni dal Ministero della Funzione pubblica Leggi "Bassanini" 59/1997 Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della Pubblica Amministrazione e per la semplificazione amministrativa. Legge Bassanini 127/1997 Misure urgenti per lo snellimento dell'attività amministrativa e dei procedimenti di decisione e di controllo. Legge Bassanini bis 191/1998 Modifiche ed integrazioni alle leggi 15 marzo 1997, n. 59, e 15 maggio 1997, n. 127, nonche' norme in materia di formazione del personale dipendente e di lavoro a distanza nelle pubbliche amministrazioni. Disposizioni in materia di edilizia scolastica. Collegato alla legge di Bilancio dello Stato per l'anno 1998 Decreti legislativi di attuazione dei singoli Piani Complessi 241/90 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi. 142/90 Testo aggiornato ai sensi della legge 3 agosto 1999 n Ordinamento delle autonomie locali. Innova lordinamento degli Enti Locali Snellimento delle procedure. Introduzione della Conferenza dei Servizi: Negoziazione Orizzontale Modifica il ruolo, le funzioni degli organi politici

6 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A RISOLUZIONE DI SITUAZIONI PARTICOLARI CON ACCORDI NEGOZIATI PUBBLICO/PRIVATO Programmi complessi RISOLUZIONE DI SITUAZIONI PARTICOLARI CON ACCORDI NEGOZIATI PUBBLICO/PRIVATO Programmi Integrati di Intervento PII art. 16 L. 179/1992 Programmi di Recupero Urbano PRU art. 11 L. 493/1993 Programmi di Riqualificazione Urbana PRIU art. 2 L. 179/1992 Programmi di Riqualificazione Urbana e di Sviluppo Sostenibile del Territorio PRUSST Società di Trasformazione Urbana STU Contratti di Quartiere CDQ L. 662/1996

7 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Democrazia Dêmos popolo, Kratéō comandare Forma di governo il cui potere viene esercitato dal popolo, senza intermediari (d. diretta) o tramite rappresentanti (d. rappresentativa, parlamentare, indiretta) Monocrazia Mónos unico, Kratéō comandare Di organo amministrativo o giudiziario la cui facoltà di deliberare o giudicare è attribuita a una sola persona La nuova urbanistica concertata segna il passaggio da forme monocratiche a forme democratiche di gestione del territorio. Il problema della partecipazione e della condivisione delle scelte rappresenta levoluzione moderna delle forme democratiche sulla società occidentale.

8 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A PII Piani Integrati di Intervento PRU Programmi di Recupero Urbano Parificazione nella legislazione urbanistica regionale Programmazione dei fondi per la casa ex legge n. 457/1978 Integrazione di funzioni, risorse e soggetti PII Utilizzati per una maggior numero di situazioni e contesti PRU Diretti ad uno specifico recupero di edilizia residenziale pubblica Analogie Differenze L.R. 22/97 L.R. 12/99 L.R. 38/99

9 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Al fine di riqualificare il tessuto urbanistico, edilizio ed ambientale, i comuni promuovono la formazione di programmi integrati. Il programma integrato è caratterizzato dalla presenza di pluralità di funzioni, dalla integrazione di diverse tipologie di intervento, ivi comprese le opere di urbanizzazione, da una dimensione tale da incidere sulla riorganizzazione urbana e dal possibile concorso di più operatori e risorse finanziarie pubblici e privati. 2. Soggetti pubblici e privati, singolarmente o riuniti in consorzio o associati fra di loro, possono presentare al comune programmi integrati relativi a zone in tutto o in parte edificate o da destinare anche a nuova edificazione al fine della loro riqualificazione urbana ed ambientale. 3-7 (Si omettono perché la Corte Costituzionale, con sentenza n.393 del 7/ ne ha dichiarata l'illegittimità costituzionale). 8. Le regioni possono destinare parte delle somme loro attribuite, ai sensi della presente legge, alla formazione di programmi integrati. 9. Il contributo dello Stato alla realizzazione dei programmi integrati, fa carico ai fondi di cui all'art.2. Art 16 Legge 179/92 Norme per ledilizia residenziale pubblica Nel 1992 per la prima volta lurbanistica si apre ad una negoziazione con il privato. Limpostazione moderna della legge viene osteggiata dalle Regioni e limpianto operativo subisce modifiche. Non viene stravolta, però, limpostazione generale di apertura alla società. PII Piani Integrati di Intervento

10 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A INTEGRAZIONE PII Piani Integrati di Intervento

11 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Diverse tipologie di intervento – Residenziale e non Dimensione dellintervento tale incidere sulla riorganizzazione urbana - Scala quartiere Concorso di più operatori pubblici e privati Concorso di risorse finanziare pubbliche e private Programmazione finanziaria della Regione tra il 15% e il 30% Con la legge 136/99 (Norme di sostegno e di rilancio dell'edilizia residenziale pubblica e per interventi in materia di opere di carattere ambientale) le Regioni decidono in modo autonomo le risorse da destinare ai vari programmi I Comuni promuovono I soggetti pubblici e privati possono presentare proposte di interventi operativi Caratteristiche Ambiente da riqualificare Urbanistico Edilizio Ambientale PII Piani Integrati di Intervento

12 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Da questo momento la società civile si organizzerà in due lobby di pressione Coloro che intendono attuare le trasformazioni territoriali Coloro che esercitano unazione di controllo sulle proposte Viene riconosciuto il ruolo fondamentale degli stake -holders nei processi di sviluppo e la figura di questi ultimi sarà sempre più rafforzata nei successivi piani complessi PII Piani Integrati di Intervento

13 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A D. L. 5 ottobre 1993, n. 398, convertito, con modificazioni, in legge 4 dicembre 1993, n. 493 (sostituito dallarticolo 2, comma 60, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, modificato dall'articolo 10 del decreto legge 31 dicembre 1996, n. 669, convertito dalla legge 28 febbraio 1997, n. 30, e modificato dall'articolo 11 del decreto legge 25 marzo 1997, n. 67, e dall'articolo 11, comma 2-bis dello stesso decreto legge, introdotto in sede di conversione dalla legge 23 maggio 1997, n. 135) …Art. 11. Programmi di recupero urbano 1.I fondi di cui alla legge 14 febbraio 1963, n. 60, e successive modificazioni, nella misura fissata dai programmi regionali, sono destinati alla realizzazione di interventi al servizio prevalente del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, nell'ambito dei programmi di cui al comma 2. (comma sostituito dallarticolo 5 della legge n. 136 del 1999) 2. I programmi di recupero urbano sono costituiti da un insieme sistematico di opere finalizzate alla realizzazione, alla manutenzione e all'ammodernamento delle urbanizzazioni primarie, con particolare attenzione ai problemi di accessibilità degli impianti e dei servizi a rete, e delle urbanizzazioni secondarie, alla edificazione di completamento e di integrazione dei complessi urbanistici esistenti, nonché all'inserimento di elementi di arredo urbano, alla manutenzione ordinaria e straordinaria. al restauro e al risanamento conservativo e alla ristrutturazione edilizia degli edifici 3. I programmi di recupero urbano da realizzare, sulla base di una proposta unitaria con il concorso di risorse pubbliche e private, sono proposti al comune da soggetti pubblici e privati, anche associati tra di loro. Il comune definisce le priorità di detti programmi sulla base di criteri oggettivi per l'individuazione degli interventi. 4. Ai fini dell'approvazione dei programmi di recupero urbano, può essere promossa la conclusione di un accordo di programma ai sensi dell'articolo 27 della legge 8 giugno 1990, n Il CER, ai fini della realizzazione dei programmi di recupero urbano, determina modalità e criteri generali per la concessione dei contributi, per l'individuazione delle zone urbane interessate e per la determinazione delle tipologie d'intervento, avendo particolare riguardo alla tutela dei lavoratori dipendenti e delle categorie sociali più deboli PRU Programmi di Recupero Urbano

14 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Logica del Processo Legislativo Decreto Ministeriale 01/12/1994 Ministero dei lavori pubblici - Realizzazione dei programmi di recupero urbano - Modalità e criteri generali per la concessione dei contributi, per l'individuazione delle zone urbane interessate e per la determinazione delle tipologie di intervento. Decreto Ministeriale 01/12/1994 Programmi di recupero urbano - Modalità e criteri generali per la concessione dei contributi, per l'individuazione delle zone urbane interessate e per la determinazione delle tipologie di intervento. Vengono precisati in modo puntuale le modalità ed i criteri generali per la costruzione e la gestione dei programmi: un quadro di riferimento dettagliato per superare ogni ostacolo per lattuazione del programma a fronte di un insuccesso della pianificazione tradizionale mancante di operatività PRU Programmi di Recupero Urbano

15 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Interventi nelle aree densamente abitate Programmazione finanziaria della Regione 15%? Nei territori in cui vi sono Province con popolazione superiore a abitanti la quota non deve essere inferiore al 70% I programmi di recupero urbano sono realizzati al servizio prevalente del patrimonio di Edilizia Residenziale Pubblica (ERP) Ambiente da recuperare Urbanistico Edilizio Ambientale Possibilità di utilizzo dellAccordo di Programma per lapprovazione Il comune definisce le priorità, assume un ruolo di coordinatore delle proposte Variante Urbanistica PRU Programmi di Recupero Urbano

16 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Caso romano Tor Bella Monaca, Corviale, San Basilio, Labaro, Primavalle, Palmarola, Laurentino, Acilia, Magliana, Fidene, Valle Aurelia 11 programmi di recupero urbano (P.R.U.) Tor Bella Monaca, Corviale, San Basilio, Labaro, Primavalle, Palmarola, Laurentino, Acilia, Magliana, Fidene, Valle Aurelia ettari circa 1/3 delle periferie romane 463 interventi milioni di Euro di investimenti 346 Pubblici 117 Privati 500 destinati alla realizzazione di opere pubbliche. Residenziale e non residenziale Infrastrutture a rete, Edilizia Pubblica, Verde Pubblico e riqualificazione urbana cittadini PRU Programmi di Recupero Urbano

17 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A PRU Interventi (n°) Investimenti ()Investimenti Privati(%) PrivatiPubbliciPrivatiPubblici Acilia-Dragona % Corviale % Fidene – Valmelaina % Labaro – Prma Porta % Laurentino % Magliana % Palmarola % Primavalle % San Basilio % Tor Bella Monaca % Valle Aurelia % PRU Programmi di Recupero Urbano

18 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Finanziati dalla legge 179/92 Norme per ledilizia residenziale pubblica art. 2 D. M. 21 dicembre 1994, Programma di riqualificazione urbana a valere sui finanziamenti di cui allart. 2 comma 2 della legge 17 febbraio 1992, n. 179 e successive modificazioni ed integrazioni D. M. 4 febbraio 1995 D. M. 20 giugno 1995 D. M. 29 novembre 1995 D. M. 30 ottobre 1997 Normati da Successivi decreti del Ministero dei Lavori Pubblici PRIU Programmi di Riqualificazione Urbana

19 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Art.2. (Copertura finanziaria) 1. Per gli anni 1992, 1993, e 1994, ferme restando le disponibilità derivanti dall'articolo 22 della legge 11 marzo 1988, n. 67, il contributo dello Stato è fissato in lire 80 miliardi, in ragione di lire 10 miliardi per il 1992, 20 miliardi per il 1993 e 50 miliardi per il 1994, alla cui copertura si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale , al capitolo 9001 del bilancio di previsione del Ministero del tesoro per l'anno 1992, all'uopo utilizzando la voce: "Rifinanziamento dell'articolo 22, comma 3, della legge 11 marzo 1988, n. 67". 2. I fondi a valere sull'articolo 4-bis del decreto-legge 12 settembre 1983, n. 462, convertito, con modificazioni, dalla legge 10 novembre 1983, n. 637, al netto delle somme impegnate alla data di entrata in vigore della presente legge con provvedimento regionale anche provvisorio di concessione del contributo per la realizzazione dei programmi di edilizia agevolata finanziati ai sensi della legge 5 agosto 1978, n. 457, e successive modificazioni, ed al netto di quelle necessarie per il pagamento dei maggiori oneri quantificati per ciascuna regione con provvedimento del Ministro dei lavori pubblici, presidente del Comitato per l'edilizia residenziale (CER), sono destinati prioritariamente, e fino al limite del 30 per cento delle disponibilità, ai programmi di cui all'articolo Per l'utilizzo delle disponibilità di cui al comma 2 si applicano altresì le disposizioni di cui all'articolo 5-bis del decreto-legge 7 febbraio 1985, n. 12, convertito, con modificazioni, dalla legge 5 aprile 1985, n La riserva di cui all'articolo 22, comma 2, della legge 11 marzo 1988, n. 67, si applica limitatamente alla programmazione dei fondi relativi al biennio Una quota fino a lire 10 miliardi delle risorse di cui al comma 1 è riservata per la concessione di agevolazioni creditizie a favore di cooperative di abitazione a proprietà divisa o indivisa costituite tra gli appartenenti alle Forze armate ed alle Forze di polizia e che prevedano nei loro statuti adeguate riserve a favore del personale cessato dal servizio. PRIU Programmi di Riqualificazione Urbana

20 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A I programmi di riqualificazione urbana si propongono di avviare, il recupero edilizio e funzionale di ambiti urbani individuati attraverso proposte unitarie che riguardano: interventi di edilizia non residenziale che contribuisco al miglioramento della qualità della vita nell'ambito considerato interventi di edilizia residenziale che inneschino processi di Riqualificazione fisica dell'ambito considerato parti significative delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria PRIU Programmi di Riqualificazione Urbana

21 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Rappresentano strumenti in grado di incidere positivamente sul processo di trasformazione di ambiti urbani degradati. Dimensione Oggetto Obiettivo Strumento Scala urbana Tessuti urbani consolidati e degradati Equilibrio tra le diverse esigenze dei due attori del processo (interessi pubblici ed interessi privati). Integrazione fra le risorse e le azioni dell'Amministrazione e quelle dei privati PRIU Programmi di Riqualificazione Urbana

22 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A PRIU Programmi di Riqualificazione Urbana

23 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A PRIU Programmi di Riqualificazione Urbana

24 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A PRIU Programmi di Riqualificazione Urbana

25 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A PRIU Programmi di Riqualificazione Urbana

26 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A PRIU Programmi di Riqualificazione Urbana

27 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A PRIU Programmi di Riqualificazione Urbana

28 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A PRIU Programmi di Riqualificazione Urbana

29 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A PRUSST Programmi di riqualificazione urbana e di sviluppo sostenibile del territorio Obiettivi specifici stabiliti nel D. M. 8 ottobre 1998 Promozione di programmi innovativi in ambito urbano denominati "Programmi di riqualificazione urbana e di sviluppo sostenibile del territorio Finanziati dalla legge 179/92 Norme per ledilizia residenziale pubblica art. 2

30 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Obiettivi la realizzazione, ladeguamento e il completamento di attrezzature, sia a rete che puntuali, di livello territoriale e urbano in grado di promuovere e di orientare occasioni di sviluppo sostenibile sotto il profilo economico, ambientale e sociale, avuto riguardo ai valori di tutela ambientale, alla valorizzazione del patrimonio storico, artistico e architettonico, e garantendo laumento di benessere della collettività la realizzazione di un sistema integrato di attività finalizzate allampliamento e alla realizzazione di insediamenti industriali, commerciali e artigianali, alla promozione turistico-ricettiva e alla riqualificazione di zone urbane centrali e periferiche interessate da fenomeni di degrado PRUSST Programmi di riqualificazione urbana e di sviluppo sostenibile del territorio

31 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Ampliamento Riqualificazione Infrastrutture Tessuto economico – produttivo - occupazionale Recupero Riqualificazione Ambiente Tessuti urbani e sociali Interventi previsti PRUSST Programmi di riqualificazione urbana e di sviluppo sostenibile del territorio

32 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Soggetti promotori Province Regioni Comuni Soggetti proponenti Amministrazioni pubbliche Soggetti privati Enti pubblici territoriali PRUSST Programmi di riqualificazione urbana e di sviluppo sostenibile del territorio

33 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A D. M. 22 ottobre 1997 Approvazione del bando di gara relativo al finanziamento di interventi sperimentali nel settore dell'edilizia residenziale sovvenzionata da realizzare nellambito di programmi di recupero urbano denominati "Contratti di quartiere" Previsti Legge Finanziaria 1997 Legge n. 662/1996 Edilizia Sperimentale Sovvenzionata CDQ Contratti di Quartiere

34 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Finalità Recupero urbano Promozione dello sviluppo sociale, economico ed occupazionale a livello di quartiere o darea CDQ Contratti di Quartiere

35 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Novità della programmazione Sperimentazione Fondi di finanziamento Fondi ex Gescal CDQ Contratti di Quartiere

36 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A COMUNEFINANZIAMENTOINTERVENTI Gaeta Restauro e riqualificazione urbana dello stabilimento dellAnnunziata Recupero e tutela dei valori storici, architettonici e monumentali, adeguamento delledificio alle normative vigenti in materia di sicurezza e di barriere architettoniche. Isola Liri Recupero degli edifici del centro storico e delle aree dismesse. Ricostituzione, in maniera armonicA. della forma originaria dellisola. Realizzazione di un parcheggio multipiano, di opere di urbanizzazione primaria e secondariA. riqualificazione del tessuto urbano con opere di arredo. Valorizzazione dello scenario adiacente la cascata verticale. Ariccia- Albano Riqualificazione della zona di Cecchina-Fontana di Papa.Riqualificazione del tessuto urbano ed edilizio esistente, realizzazione di edifici di edilizia residenziale pubblica sperimentale, realizzazione di edifici al servizio del quartiere, completamento di opere di rete, realizzazione di spazi verdi, interventi sullarredo urbano. Civitavecchia Recupero del quartiere Campo dellOro. Recupero del patrimonio edilizio Iacp Creazione di un centro Polifunzionale per i ragazzi, integrato con opere di attività sociale. Valmontone Recupero del Villaggio Rinascita. Ricostruzione del fronte urbano lungo la scarpata sud ovest del quartiere, creazione di aree verdi, messa a punto del sistema carrabile fruibile anche dai cittadini disabili, creazione di spazi di socializzazione. I Progetti per il Lazio, finanziati con legge regionale n. 10 del 2001 CDQ Contratti di Quartiere

37 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Primo bando : I Progetti per Roma QUARTIEREFINANZIAMENTOINTERVENTI Borgo Pio 4,5 miliardi Recupero di un isolato comunale adiacente il Passetto. Realizzazione di una residenza riservata ad anziani, con alloggi, un centro anziani, un area verde attrezzata per il giardinaggio. Centocelle Vecchia Recupero edificio comunale tra via della Primavera e Via Fontechiari. Realizzazione di una ludotecA. una palestrA. un centro anziani, un asilo condominiale e un teatro. Quadraro Costruzione di 2 palazzine per 68 nuovi alloggi. Realizzazione della strada di collegamento tra Piazza Zambeccari e Via Salvemini. San Lorenzo Recupero e riqualificazione ambientale di 140 alloggi di un edificio di proprietà comunale. Costruzione di ascensori, realizzazione, nel piano terra e nei cortili, di spazi di gioco per i bambini. Torbellamonaca Realizzazione di ludoteche, centri di socializzazione per portatori di handicap, centri anziani, asili e centri ricreativi per il doposcuola. Rifacimento dellintero impianto di illuminazione del quartiere nei giardini e nei percorsi pedonali tra gli edifici Piertalata Vecchia Recupero degli edifici di via Marica. Ristrutturazione di 6 palazzine Iacp per un totale di 120 appartamenti. Realizzazione del primo asilo biocompatibile dItalia. CDQ Contratti di Quartiere

38 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Project Financing o Finanza di Progetto è realizzazione di opere pubbliche senza oneri finanziari per la pubblica amministrazione Nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della valenza tecnico-economica del progetto per la realizzazione di unopera e/o la gestione di un servizio, su iniziativa di promotori (sponsors) privati o pubblici "un'operazione di finanziamento di una particolare unità economica, nella quale un finanziatore è soddisfatto di considerare, sin dallo stadio iniziale, il flusso di cassa e gli utili dell'unità economica in oggetto come la sorgente di fondi che consentirà il rimborso del prestito e le attività dell'unità economica come garanzia collaterale del prestito P.K. NEVITT Project Financing

39 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Riferimenti normativi L. 11 febbraio 1994, n.109 "Legge quadro in materia di lavori pubblici" e successive modifiche ed integrazioni (nel testo aggiornato dalla L. 1 agosto 2002, n. 166 ? "Disposizioni in materia di infrastrutture e trasporti"). D.P.R. 21 dicembre 1999, n. 554, "Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici" D.P.R. 25 gennaio 2000, n.34, "Regolamento recante istituzione del sistema di qualificazione per gli esecutori di lavori pubblici, ai sensi dell'art.8 della legge 11 febbraio 1994, n.109 e successive modificazioni" D.M. 19 aprile 2000, n.145, "Regolamento recante il capitolato generale d'appalto dei lavori pubblici, ai sensi dell'art.3, comma 5, della legge 11 febbraio 1994, n. 109". D.M. 21 giugno 2000, n. 5374, "Modalità e schemi tipo per la redazione del programma triennale e dei suoi aggiornamenti annuali e dell'elenco annuale dei lavori ai sensi dell'articolo 14, comma 11, della legge11 febbraio 1994 n. 109 e successive modificazioni". D.L.vo 17 marzo 1995, n.157, "Attuazione della direttiva 92/50/CEE in materia di appalti pubblici di servizi"e successive modifiche ed integrazioni. D.L.vo 17 marzo 1995, n.158, "Attuazione delle direttive 90/531/CEE e 93/38/CEE relative alle procedure di appalti nei settori esclusi" e successive modifiche ed integrazioni. D.L.vo 18 agosto 2000, n.267, "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali" e successive modifiche e integrazioni - Titolo V - Servizi e interventi pubblici locali - Articoli L. 21 dicembre 2001, n.443, "Delega al Governo in materia di infrastrutture ed insediamenti produttivi strategici ed altri interventi per il rilancio delle attività produttive" e successive modifiche e integrazioni. D. L.vo 20 agosto 2002, n.190 "Attuazione della legge 21 dicembre 2001, n.443, per la realizzazione delle infrastrutture e degli insediamenti produttivi strategici e di interesse nazionale" Project Financing

40 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A In unoperazione di project financing è possibile individuare diverse figure pubbliche e private, coinvolte I promotori (sponsor): promuovono lidea progettuale, identificano lopera e lipotetica struttura finanziaria e giuridica del progetto correlato. Possono essere identificati due figure: la pubblica amministrazione e gli investitori privati. La Pubblica Amministrazione è responsabile della programmazione degli investimenti e della loro realizzazione, seleziona i partner privati e può assumere tre diversi posizioni: il promotore delliniziativa, il finanziatore e la figura di terzo garante. La società di progetto (Special Purpose Vehicle, SPV) è la società costituita ad hoc con differenti forme giuridiche e con il capitale di rischio conferito dagli investitori. La SPV acquisendo le risorse finanziarie necessarie, si occupa dellorganizzazione e della gestione complessiva del progetto in qualità di concessionaria e risulta responsabile del rimborso dei finanziamenti contratti I soci investitori, I soci investitori insieme agli sponsors forniscono il capitale di rischio alla SPV, necessario per lesercizio delle proprie funzioni. Project Financing

41 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A I finanziatori, nella maggior parte dei casi, banche daffari e di investimento che offrono alla SPV i mezzi finanziari necessari per attivare tutti gli investimenti correlati alliniziativa I progettisti, figure tecniche che si occupano dei vari stadi di progettazione dellopera, passando dal progetto preliminare al progetto esecutivo I costruttori (contractors), sono imprese che eseguono i lavori di realizzazione del progetto. In alcuni casi i contractors sono i promotori delliniziativa o gli investitori I fornitori (suppliers), che hanno il ruolo di fornire le materie prime e le tecnologie necessarie per la realizzazione ed il funzionamento dellopera I gestori (operators) nei casi di gestione dellintervento, sono i garanti della gestione operativa dellopera, possono coincidere con i costruttori o con la SPV stessa Gli utenti/acquirenti (purchasers) rappresentano la principale fonte di ricavo per la SPV ai fini della remunerazione del capitale di rischio il pagamento per lutilizzo del servizio offerto dallopera I garanti, forniscono le garanzie di copertura totale o parziale delle differenti categorie di rischio correlate alle varie fasi del progetto. A seconda del tipo di rischio da neutralizzare o da imitare, questo ruolo è ricoperto da società assicuratrici, da soggetti pubblici interessati o dai promotori stessi I consulenti, figure che assistono i vari soggetti partecipanti al progetto per gli aspetti finanziari, legali, fiscali e tecnici Project Financing

42 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Ideazione/progettazione In questa fase si individua lidea progettuale e successivamente si struttura la stessa dal punto di vista tecnico, giuridico e finanziario, fino alla sottoscrizione di tutti gli accordi negoziali principali. In sostanza in questa fase si raggiunge la sintesi tra gli interessi di tutti i partecipanti alliniziativa, ma il ruolo chiave viene svolto dagli sponsor, che provvedono a realizzare uno studio di fattibilità dellopera (dal punto di vista tecnico, economico e finanziario) ed un memorandum of understanding, ossia linsieme degli accordi (pre-)contrattuali tra gli attori coinvolti nelliniziativa. La realizzazione di un Project Financing si attua in tre fasi essenziali Project Financing

43 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Costruzione Realizzazione fisica dellopera. Il primo passo operativo consiste nellacquisizione dellarea su cui dovrà sorgere limpianto, seguito dalla definizione del contratto di costruzione, che sancisce i tempi, i costi e le modalità di realizzazione dellopera e degli accordi di assicurazione per neutralizzare i rischi che possono emergere durante la realizzazione del progetto. Contestualmente alla costruzione vengono perfezionati i contratti che erano stati previsti nel memorandum of understanding. Il contratto infatti costituisce lelemento fondante dellarchitettura del PF e costituisce inoltre il riferimento di base per predisporre lassetto finanziario delloperazione, cioè la proporzione tra capitale proprio e capitale di terzi e la composizione del debito acquisito; la parte prevalente delle risorse finanziarie impiegate è infatti ottenuta tramite laccensione da parte della SPV di debiti con un numero variabile di investitori esterni Project Financing

44 Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A Gestione Una volta terminata lopera, viene attivata lattività operativa della stessa per la produzione di beni e/o servizi cui è destinato il progetto. In tale fase il rischio legato allesposizione finanziaria è massimo in quanto le spese di investimento sono state sostenute interamente, mentre non è ancora iniziata la produzione di flussi di cassa; molto importante risulterà quindi per le banche verificare che il periodo di gestione sia sufficiente per il completo rimborso del debito Project Financing


Scaricare ppt "Strumenti complessi Prof. Claudia Bettiol Corso di Negoziazione Urbanistica A.A. 2003-20041 Bisogna che lo confessi: credo poco nelle leggi. Se troppo."

Presentazioni simili


Annunci Google