La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITA DEGLI STUDI di PADOVA Direttore: Prof. G. Favia Endocrinochirurgia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITA DEGLI STUDI di PADOVA Direttore: Prof. G. Favia Endocrinochirurgia."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI di PADOVA Direttore: Prof. G. Favia Endocrinochirurgia

2 LINFORMAZIONE AL PAZIENTE G. FAVIA GRADO 2005 GRADO 2005

3 INFORMAZIONE La somministrazione, La somministrazione, chiara e comprensibile, di tutte quelle nozioni necessarie chiara e comprensibile, di tutte quelle nozioni necessarie perché il paziente comprenda perché il paziente comprenda la sua malattia ed il relativo percorso diagnostico-terapeutico la sua malattia ed il relativo percorso diagnostico-terapeutico

4 LINFORMAZIONE AL PAZIENTE Perchè Come Dove Quando Quale

5 Riferimenti Normativi Art. 32 Costituzione Art. 32 Costituzione Art. 33 Legge 833 del 23/12/78 Art. 33 Legge 833 del 23/12/78 Artt Codice Deontologia 1998 Artt Codice Deontologia 1998 Convenzione di Oviedo (97) Legge 28/3/01 Convenzione di Oviedo (97) Legge 28/3/01 INFORMAZIONE Perchè

6 INFORMAZIONE Come Fornire………..al paziente, uninformazione adeguata ……nel contesto di una valida relazione interpersonale, in grado di realizzare un processo di comunicazione attento alle esigenze ed alle caratteristiche socio-culturali del paziente stesso Fornire………..al paziente, uninformazione adeguata ……nel contesto di una valida relazione interpersonale, in grado di realizzare un processo di comunicazione attento alle esigenze ed alle caratteristiche socio-culturali del paziente stesso P. Benciolini

7 INFORMAZIONE Quando Già in ambulatorio Già in ambulatorio Successivamente, allingresso in Reparto e nei giorni successivi Successivamente, allingresso in Reparto e nei giorni successivi Mai immediatamente prima dellintervento Mai immediatamente prima dellintervento

8 INFORMAZIONE Dove Possibilmente in Ambulatorio o nello Studio Medico Possibilmente in Ambulatorio o nello Studio Medico Mai in stanza, in presenza degli altri pazienti Mai in stanza, in presenza degli altri pazienti Rispetto della privacy Rispetto della privacy

9 INFORMAZIONE Dovere del Medico Dovere del Medico Diritto del Paziente Diritto del Paziente

10 INFORMAZIONE Doveri del Doveri del Medico Medico Somministra linformazione nel rispetto del diritto di riservatezza Coordina le informazioni fornite dallequipe e/o da altri specialisti Doveri del Medico

11 INFORMAZIONE E il solo titolare dellinformazione E il solo titolare dellinformazione Può manifestare la volontà di non essere informato o di esserlo solo in parte. Può manifestare la volontà di non essere informato o di esserlo solo in parte. Può autorizzare un congiunto a ricevere linformazione in tutto o in parte Diritti del Paziente Diritti del Paziente

12 Modalità di Somministrazione e Compliance Medico Medico - Precisa conoscenza dellinformazione da dare - Precisa conoscenza dellinformazione da dare - Accertam. preventivo della capacità di comprensione del paziente - Accertam. preventivo della capacità di comprensione del paziente - Linguaggio da adottare - Linguaggio da adottare Paziente - Capacità di comprendere linformazione - Capacità di operare delle scelte Medico Paziente

13 INFORMAZIONE Ruolo dei Congiunti I congiunti non hanno alcuna capacità di rappresentanza della persona del paziente, neppure quando questi è in stato di incapacità, temporanea o permanente. I congiunti non hanno alcuna capacità di rappresentanza della persona del paziente, neppure quando questi è in stato di incapacità, temporanea o permanente. Il congiunto può essere destinatario dellinformazione (completa o parziale!) solo su autorizzazione del paziente. Il congiunto può essere destinatario dellinformazione (completa o parziale!) solo su autorizzazione del paziente.

14 INFORMAZIONE Tipologia e Contenuti Deve essere preliminare e propedeutica al Consenso, ma non da esso condizionata. Deve essere preliminare e propedeutica al Consenso, ma non da esso condizionata. Deve interessare tutto ciò che attiene alla diagnosi, al trattamento, alla prognosi e ad eventuali complicanze. Deve interessare tutto ciò che attiene alla diagnosi, al trattamento, alla prognosi e ad eventuali complicanze. Non deve approfondire questioni tecniche. Non deve approfondire questioni tecniche. Deve esser data in un linguaggio semplice e piano. Deve esser data in un linguaggio semplice e piano. Ogni ulteriore richiesta dinformazione va soddisfatta. Ogni ulteriore richiesta dinformazione va soddisfatta. Deve essere rispettata la volontà di non essere informato. Deve essere rispettata la volontà di non essere informato. Informazioni riguardanti prognosi grave o infausta vanno fornite con prudenza, senza escludere elementi di speranza. Informazioni riguardanti prognosi grave o infausta vanno fornite con prudenza, senza escludere elementi di speranza.

15 INFORMAZIONE Chi Vigila? Il Direttore del Reparto o dellAmbulatorio ha lobbligo di vigilare. Il Direttore del Reparto o dellAmbulatorio ha lobbligo di vigilare. Egli deve accertarsi che linformazione fornita sia corretta e venga somministrata da persone competenti, nella giusta maniera e nel linguaggio opportuno. Egli deve accertarsi che linformazione fornita sia corretta e venga somministrata da persone competenti, nella giusta maniera e nel linguaggio opportuno.

16 Suggerimento il Responsabile della Struttura Operativa provvederà, allatto della dimissione, a far monitorare la compliance del paziente allavvenuta informazione, chiedendo allo stesso di compilare un questionario. il Responsabile della Struttura Operativa provvederà, allatto della dimissione, a far monitorare la compliance del paziente allavvenuta informazione, chiedendo allo stesso di compilare un questionario.

17 VALUTAZIONE DEL GRADIMENTO DEL PAZIENTE ALLINFORMAZIONE OTTENUTA AZIENDA/USL………………………………OSPEDALE DI…………………………. UNITA OPERATIVA DI………………………… Direttore: Prof/Dott………………… Paziente:…………………………………………. Data:…………………………. Paziente:…………………………………………. Data:…………………………. Ritiene che le informazioni ricevute precedentemente allatto della richiesta di Consenso informato allatto medico siano state adeguate e soddisfacenti in termini di chiarezza, comprensibilità e completezza SI NO SI NO Ritiene che il trattamento terapeutico ricevuto sia stato adeguato alle sue aspettative ed a quanto propostole dallEquipe medica? SI NO SI NO Eventuali Osservazioni: Firma del/la Paziente Firma del/la Paziente

18 Conclusioni Linformazione è un presidio di grande rilevanza clinica e medico-legale. Linformazione è un presidio di grande rilevanza clinica e medico-legale. Essa, fornita correttamente, può contribuire a migliorare il clima di fiducia paziente/medico e ridurre il contenzioso medico-legale. Essa, fornita correttamente, può contribuire a migliorare il clima di fiducia paziente/medico e ridurre il contenzioso medico-legale.

19 Conclusioni E molto importante tener presente E molto importante tener presente che linformazione non va data che linformazione non va data solo solo per ottenere il consenso allatto medico. per ottenere il consenso allatto medico.


Scaricare ppt "UNIVERSITA DEGLI STUDI di PADOVA Direttore: Prof. G. Favia Endocrinochirurgia."

Presentazioni simili


Annunci Google