La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

2° CONGRESSO NAZIONALE DI OCEANOGRAFIA OPERATIVA A. Rinaldi. ARPA Emilia - Romagna Presidente Centro Ricerche Marine di Cesenatico (Cesenatico, 27-28 maggio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "2° CONGRESSO NAZIONALE DI OCEANOGRAFIA OPERATIVA A. Rinaldi. ARPA Emilia - Romagna Presidente Centro Ricerche Marine di Cesenatico (Cesenatico, 27-28 maggio."— Transcript della presentazione:

1 2° CONGRESSO NAZIONALE DI OCEANOGRAFIA OPERATIVA A. Rinaldi. ARPA Emilia - Romagna Presidente Centro Ricerche Marine di Cesenatico (Cesenatico, maggio 2010) Attività di monitoraggio e studio nellAdriatico Nord-occidentale

2 Gli apporti fluviali Estratto da Marine Coastal Eutrophication Elsevier, 1992 (Vollenweider et al)

3 Lo stato trofico dellAdriatico Estratto da UNEP/FAO/WHO MAP Tecnical Report, 106, 1996 (Rinaldi A.)

4 Distribuzione comparata della clorofilla a nelle stazioni costiere collocate a 0.5 km dalla costa

5 Lalto Adriatico è un sistema complesso con straordinarie dinamiche biologiche, fisiche e chimiche. Ne sono un esempio gli areali delle fasi riproduttive della fauna ittica

6

7 Marea colorata. Costa Emilia-Romagna/Marche Periodo: Agosto-novembre Gymnodinium sp

8 Effetti dellanossia sugli organismi di fondo ….. dopo evento anossico ….. prima di un evento anossico

9 Estate 1989

10 La meridionalizzazione

11 Moria di Sardinella aurita (Alaccia). Febbraio 2010

12 DAPHNE

13

14 Tipologie di monitoraggio marino-costiero -Condizioni igienico-sanitarie: qualità delle acque di balneazione, idoneita delle acque destinate allacquacoltura, qualità degli alimenti (seafood); -Qualità delle acque costiere: determinazione dei contaminanti, dei nutrienti, delle microalghe potenzialmente tossiche, delle specie aliene, ecc.. Il tutto anche in funzione della individuazione delle aree sensibili/vulnerabili; -Qualità degli effluenti: contaminanti negli apporti fluviali, contaminanti nei reflui urbani e produttivi costieri; -Biota e sedimenti: biooaccumulo di contaminantinegli organismi, riflessi sulla rete trofica, accumulo nei sedimenti; -Comunità biologiche: caratterizzazione delle c. biologiche, individuazione di indicatori bioogici.

15 Definizione di una piano/rete di monitoraggio Commisurare il piano di monitoraggio al problema: ottimizzare sia in senso spaziale che temporale il numero e le frequenze di prelievo e misura. Possibilmente in sincronia con le ciclicità degli eventi da monitorare; -Selezione delle stazioni di misura: individuare i siti più rappresentativi sia in funzione delle immissioni che della estensione dellarea da controllare; -Selezione dei parametri da rilevare: individuazione dei parametri chiave da rilevare per una esaustiva interpretazione del fenomeno da monitorare; - Adozione di metodiche standardizzate: utilizzare procedure e metodiche standardizzate; - Analisi costi-benefici: valutare le funzionalità dei piani di monitoraggio anche ai fini di una ottimale analisi dei costi e dei risultati attesi; -Estensione ai bacini idrografici afferenti: considerare le fonti diffuse e puntiformi degli inquinanti. Questo anche al fine di definire i piani di risanamento e orientare le decisioni di governo del territorio.

16 Obiettivo del monitoraggio in ambiente marino - Inquinamento nelle aree a rischio (hot spot): definizione delle fonti e dei fattori causali; - Stato di conservazione delle risorse biologiche: per ridurre i danni alle comunità biologiche, alla biodiversità, per tutelare settori produttivi quali la pesca e laquacoltura; - Tendenze evolutive dei carichi inquinanti: per testare lefficacia degli interventi di risanamento attuati, cambiamenti negli usi (e abusi) nel tessuto socio-economico. Per individuare strategie alternative e più efficaci o razionalizzare/potenziare quelle adottate.

17 1984 – 1985 Area costiera Po-Ravenna (0,3 – 3,0 Km) Cl a DIN P-tot P-PO 4 TRIX Portate Po μg/l μg/l μg/l μg/l m 3 /sec Media St. dev. N° dati – 2006 Area costiera Po-Ravenna (0,3 – 3,0 Km) Cl a DIN P-tot P-PO 4 TRIX Portate Po μg/l μg/l μg/l μg/l m 3 /sec Media St. dev. N° dati – 2009 Area costiera Po-Ravenna (0,3 – 3,0 Km) Cl a DIN P-tot P-PO 4 TRIX Portate Po μg/l μg/l μg/l μg/l m 3 /sec Media St. dev. N° dati

18 La comunicazione: un obiettivo strategico, una vera mission per chi realizza piani di monitoraggio

19

20 Università di Bologna Corso di Laurea in Acquacoltura e Igiene delle produzioni ittiche ARPA Emilia Romagna Struttura Oceanografica Daphne CENTRO RICERCHE MARINE LRN per le biotossine marine

21 Compiti del Laboratorio di Referenza Nazionale sulle biotossine marine: Coordinare le attività dei vari laboratori nazionali incaricati delle analisi Assistere le Autorità nella organizzazione del sistema di controllo Organizzare prove comparative fra i vari laboratori nazionali Diffondere informazioni fornite dal Laboratorio di Referenza Comunitaria Compiti del Laboratorio di Referenza Nazionale sulle biotossine marine: Coordinare le attività dei vari laboratori nazionali incaricati delle analisi Assistere le Autorità competenti nella organizzazione del sistema di controllo Organizzare prove comparative fra i vari laboratori nazionali Diffondere informazioni fornite dal Laboratorio di Referenza Comunitaria

22 Caratterizzazione della tossicità nei molluschi in Adriatico: nei molluschi in Adriatico: Pseudo-nitschia spp. ASP PSP Alexandrium minutum Halim Alexandrium spp. OA DTXs PTXs Dinophysis spp. Protoceratium reticulatum (Claparède & Lachmann) Butschli Lingulodinium polyedrum (Stein) Dodge YTXs Tossine liposolubiliTossine idrosolubili

23 Cesenatico NRL Ancona IZS Foggia IZS Napoli IZS Teramo IZS Roma ISS e IZS Palermo IZS Sassari IZS Gorizia ARPA Ferrara IZS Genova IZS Padova IZS Laboratori Italiani Regionali coordinati dal NRL

24 Distribuzione di allevamenti e banchi naturali di m.e.l. lungo la costa emiliano-romagnola di m.e.l. lungo la costa emiliano-romagnola

25 Monitoraggio biotossine marine Attività corrente Saggi biologici: PSP (Paralytic Shellfish Poisoning) dal 1976 DSP (Diarrhetic Shellfish Poisoning) dal 1989 fino a 2000 – 3000 test allanno Monitoraggio fitoplancton: tossico e potenzialmente tossico da 1500 a 2000 campioni annuali dal 1976 Analisi chimiche:ASP (Amnesic Shellfish Poisoning) dal 1995 fino a 2000 analisi allanno dal 1990 PSP (STX, NeoSTX, GTXs) e DSP (AOs and YTXs)

26 Ruolo del CRM nel monitoraggio delle biotossine in qualità di LNR delle biotossine in qualità di LNR collaborare ed interagire con - le Autorità Sanitarie Competenti (Ministero della Salute, Aziende Sanitarie Locali,…) - i produttori - lindustria (autocontrollo) coordinare le attività dei vari laboratori nazionali incaricati delle analisi organizzare prove comparative fra i vari laboratori nazionali diffondere le informazioni fornite dal Laboratorio Comunitario di Referenza

27 Priorità della ricerca Cosa causa risultati positivi? Identificazione chimica delle tossine. Quali fenomeni alla base della tossicità in mare? Ecologia, Oceanografia, Chimica delle Soatanze Naturali Marine, Eutrofizzazione. Come possiamo monitorare in modo più efficace? LC-MS, Saggi Immunoenzimatici, PP2A

28 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "2° CONGRESSO NAZIONALE DI OCEANOGRAFIA OPERATIVA A. Rinaldi. ARPA Emilia - Romagna Presidente Centro Ricerche Marine di Cesenatico (Cesenatico, 27-28 maggio."

Presentazioni simili


Annunci Google