La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Stato attuazione al 25/10/04 del Piano dAzione Locale per lo Sviluppo Sostenibile di Pavia* *Piano condiviso in bozza nella riunione congiunta dei gruppi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Stato attuazione al 25/10/04 del Piano dAzione Locale per lo Sviluppo Sostenibile di Pavia* *Piano condiviso in bozza nella riunione congiunta dei gruppi."— Transcript della presentazione:

1 Stato attuazione al 25/10/04 del Piano dAzione Locale per lo Sviluppo Sostenibile di Pavia* *Piano condiviso in bozza nella riunione congiunta dei gruppi tematici del FORUM del 28/02/02 e presentato dal Forum alla cittadinanza nel convegno del 30/10/03 Comune di Pavia Settore Ambiente e Territorio Servizio Agenda21Locale

2 Legenda Azioni realizzate = Azioni in fase di realizzazione o realizzabili entro il 31/12/2005 = Azioni rinviate sine die =

3 Gruppo di lavoro A Energia

4 Principi Carta di Aalborg Impegni Aalborg RISORSE NATURALI COMUNI Ci impegniamo ad assumerci la piena responsabilità per la protezione, la conservazione e la disponibilità per tutti delle risorse naturali comuni. 4. CONSUMO RESPONSABILE E STILI DI VITA Ci impegniamo ad adottare e a incentivare un uso prudente ed efficiente delle risorse, incoraggiando un consumo e una produzione sostenibili. 5 PIANIFICAZIONE E PROGETTAZIONE URBANA Ci impegniamo a svolgere un ruolo strategico nella pianificazione e progettazione urbane, affrontando problematiche ambientali, sociali, economiche, sanitarie e culturali per il beneficio di tutti (5.5 applicare i principi per una progettazione e una costruzione sostenibili, promuovendo progetti architettonici e tecnologie edilizie di alta qualità).

5 Piano per la sostenibilità degli usi energetici: studio di prefattibilità Azioni/Strumenti Fasi dello studio sui consumi energetici Identificazione delle fonti di informazione Raccolta documentazione Elaborazione dei dati Stesura della relazione finale Organizzazione di workshop per la presentazione dello studio Ripristino delle fonti "storiche" di energia Ricerca e sperimentazione di nuove fonti energetiche rinnovabili (eolico, solare, celle combustibili, biomasse, ecc) Favorire la ricerca e l'informazione Definizione di una serie di scenari alternativi relativi alluso delle risorse energetiche per ciascun comparto (privato, industriale, pubblico, ecc.) Realizzazione dellanalisi costi/benefici relativa alla definizione dei diversi scenari Attivazione Punti Energia ( pubblico-privato) per fornire consulenza/informazione ai privati-aziende-enti pubblici su azioni-progetti di risparmio energetico Comunicare i vantaggi e svantaggi economici di medio e lungo periodo rispetto ai prodotti e ai relativi consumi denergia e per aree abitative Forum provinciale e regionale per valorizzare competenze e ricerche Valutare la possibilità di sperimentare quote-permessi sulle emissioni al fine di introdurre innovazioni ambientali e riduzione delle emissioni Progettazione di un convegno "Micro-Kyoto" a livello locale tra industrie, enti pubblici, commercianti, Università Sviluppo dell'agricoltura biologica a basso consumo energetico

6 Piano energetico locale della Città di Pavia Azioni/Strumenti ¬ Bilancio energetico degli edifici pubblici (valutazione efficienza e energetica e piani di risanamento con analisi costi-benefici) ¬ Realizzazione dei piani di risanamento ¬ Linee guida per capitolati di appalti indirizzati allefficienza energetica ¬ Piani di efficienza energetica dellilluminazione pubblica che tengano in considerazione anche laspetto inquinamento luminoso ¬ Installazione vetrocamere e serramenti nove edificazioni e ristrutturazioni ¬ Sostituzione e manutenzione caldaie ¬ Incentivi L. 10/91 ¬ Controllo e contabilizzazione calore ¬ Limitazione apporti gratuiti ¬ Ottimizzazione impianti centralizzati ¬ Controllo temperatura e umidità relativa ¬ Elettricità: politica tariffaria differenziata per fasce di consumo (progressività) e fasce orarie(giorno/notte) ¬ Installazione lampade ad alta efficienza ¬ Gas: politica tariffaria promozionale differenziata per utenze a basso impatto ambientale (cogeneratori, assorbitori, ecc.) Politiche tariffarie di recupero dei maggiori costi di produzione delle energie rinnovabili ¬ Schemi di finanziamento per la promozione di impianti per la produzione di energie rinnovabiliAggiornamento PRG e Regolamento Edilizio con criteri di efficienza energetica

7 Azioni/Strumenti Politiche di incentivazione dei progetti edilizi a basso consumo energetico e utilizzo fonti rinnovabili (riduzione oneri di urbanizzazione, semplificazione amministrative..) Linee guida sul risparmio energetico e lutilizzo di fonti rinnovabili (per i Regolamenti Edilizi) Inserimento nel regolamento edilizio di norme specifiche sul risparmio energetico e lutilizzo di fonti rinnovabili Campagne informative ai cittadini ed alle scuole relative al risparmio energetico ed istituzione premio migliore progetto di risparmio energetico Corsi di formazione per tecnici enti pubblici e privati sulle tecniche di risparmio energetico Attivazione progetti pilota sulle tecniche di risparmio energetico presso istituti superiori e università Interventi strutturali bioclimatici Campagne promozionali e incentivi per linnovazione tecnologica ¬Campagne promozionali e incentivi per tetti solari Impegno ASM a vincolare una quota progressiva del venduto a fonti rinnovabili

8 Impianto di produzione di energia elettrica con pannelli fotovoltaici Azioni/Strumenti Installazione pannelli fotovoltaici Installazione dispositivi necessari al funzionamento dellimpianto. Installazione apparecchiature di rilevamento e trasmissione dei dati relativi al funzionamento dellimpianto.

9 Gruppo di lavoro B Comunicazione, Informazione e Formazione

10 Principi Carta di Aalborg Impegni Aalborg GOVERNANCE Ci impegniamo a rafforzare i nostri processi decisionali tramite una migliore democrazia partecipativa. 9 EQUITÀ E GIUSTIZIA SOCIALE Ci impegniamo a costruire comunità solidali e aperte a tutti. 1. Strategie locali per un modello urbano sostenibile 2. La sostenibilità come processo locale e creativo per la ricerca dellequilibrio 3. Risolvere i problemi attraverso soluzioni negoziate 4. Leconomia urbana verso un modello sostenibile 5. Lequità sociale per un modello urbano sostenibile 6. Modelli sostenibili di uso del territorio 11. Il ruolo fondamentale dei cittadini ed il coinvolgimento della comunità 12. Strumenti amministrativi e di gestione urbana per lattuazione di un modello di sviluppo sostenibile

11 Calcolo dellImpronta Ecologica come strumento di comunicazione Azioni/Strumenti Raccolta dati statistici e misurazione dell'Impronta Ecologica della Città di Pavia; ¬ Interventi dei facilitatori nelle scuole, finalizzati al calcolo dell'Impronta Ecologica degli alunni e della scuola; ¬ Interventi dei facilitatori presso gruppi di soggetti (di quartiere, associazioni, oratori, gruppi giovanili, Unitre…) per divulgare lo strumento dellImpronta Ecologica a livello personale, familiare e di comunità; ¬ Presentazione e divulgazione dei risultati e delle proposte/progetti scaturiti dagli interventi e dibattiti, avvenuti nelle scuole e in città; ¬ Monitoraggio sulle tecniche di comunicazione utilizzate e sui linguaggi settoriali ¬ Attività formative sulla sostenibilità per comunicatori ¬ Attività formative sulla sostenibilità per i soggetti coinvolti a vario titolo nei flussi di comunicazione ¬ Monitoraggio sulle tecniche di comunicazione utilizzate e sui linguaggi settoriali Definizione di scenari su Pavia nel 2010

12 Qualità e disponibilità delle informazioni: una condizione necessaria per lo sviluppo sostenibile Azioni/Strumenti ¬ Indagine sui flussi informativi nella città di Pavia ¬ Organizzare dei seminari su A21L destinati alle diverse categorie di attori presenti sul territorio ¬ Inviare del materiale informativo (es. pieghevoli) su A21L alle diverse categorie di attori presenti sul territorio ¬ Inviare questionari da ritornare su percezioni e comportamenti sui temi di A21L alle diverse categorie di attori presenti sul territorio Realizzare con la partecipazione volontaria dei diversi attori presenti sul territorio un giornale/newsletter sui temi dello sviluppo sostenibile da distribuire gratuitamente e che contenga le diverse posizioni in campo ¬ Censire i soggetti informatori e le loro attività di informazione ¬ Mettere in rete i vari informatori sullo sviluppo sostenibile ¬ Diffusione/valorizzazione esempi pratici di successo sviluppo sostenibile ¬ Indagine percezione su problemi ambientali/Comportamenti Protocollo sulla Comunicazione ambientale e lo sviluppo sostenibile

13 Osservatorio sulla qualità dell'ambiente urbano a Pavia Azioni/Strumenti ¬ Individuazione e raccolta dei dati ambientali disponibili ¬ Individuazione della presenza e dellaccessibilità di dati di interesse pubblico sulla qualità e le caratteristiche dell'ambiente urbano e periurbano del territorio pavese ¬ Creazione di un Catasto ambientale" ¬ Elaborazione dei dati a fini comunicativi ¬ Realizzazione di attività di informazione, divulgazione e sensibilizzazione sulle tematiche strategiche ¬ Realizzazione di attività di indirizzo e monitoraggio permanente Organizzazione di conferenze tematiche, convegni, workshop ed anche con corsi di formazione/aggiornamento

14 Progetto giovani: la città partecipata Azioni/Strumenti ¬ Organizzazione di una serie di incontri tra la municipalità e le associazioni giovanili; ¬ Creazione di figure non volontaristiche, stabili ed attive sul territorio; ¬ Definire una struttura economica stabile attraverso varie forme di autofinanziamento del Coordinamento Giovanile; ¬ Definire nuove strategie per il potenziamento dellinformazione giovanile; ¬ Creazione di un punto informativo cittadino dedicato ai giovani; ¬ Realizzazione dellattività di raccolta, selezione e aggiornamento di notizie utili per i giovani; Definizione di strategie ad hoc per garantire la maggiore copertura informativa possibile sulla cittadinanza: Utilizzo di apposite bacheche; Creazione di una pagina degli eventi e dei servizi; Creazione di una bacheca multimediale. ¬ Creazione di laboratori di musica per i giovani; ¬ Attivazione di spazi per il cinema; Definizione di strategie per i trasporti: creazione di un Focus Group.

15 Progetto Equal Azioni/Strumenti ¬ Realizzazione di una fase di studio e di mappatura del territorio sui temi della disoccupazione femminile e giovanile e unanalisi dei fabbisogni dei Comuni in ambito sociale. ¬ Azioni di informazione, attraverso lapertura di 18 front office nei comuni stessi, di orientamento e predisposizione di percorsi di formazione imprenditoriale secondo un modello gender oriented. ¬ Organizzazione di seminari, di laboratori didattici, di convegni transnazionali. Attivare una serie di incontri sul territorio, attraverso un esteso processo di bottom up, tesi a coinvolgere gli enti locali nella creazione, attraverso processi di outsourcing, di nuovi servizi di cura alla persona, allambiente, al commercio di prossimità, nel sociale. ¬ Realizzare una serie di azioni integrate di orientamento/formazione/accompagnamento in un Centro di Eccellenza per le Imprese Sociali realizzato nellIncubatore dimpresa dello Sportello Donna. ¬ Messa in rete di tutti i soggetti e creazione di momenti di informazione, di animazione, di studio e di promozione di nuovi strumenti quali il Bilancio sociale, la Responsabilità sociale delle Imprese, gli Outsourcing cases. ¬ Avvio di un Comitato Etico scientifico per promuovere azioni positive nel sociale e la responsabilità sociale degli imprenditori, oltre che una Carta Etica per le Imprese. ¬ Promozione di un Social Award per sensibilizzare maggiormente le imprese, in vista dellorganizzazione di un convegno transnazionale per il prossimo 8 marzo ¬ Attivazione, in cinque scuole medie superiori, di un progetto di creazione di impresa reale in un percorso extra curricolare di formazione imprenditoriale. Creazione e il sostegno dellImpresa Sociale nel centro di Eccellenza presso lIncubatore.

16 Gruppo di lavoro C Turismo sostenibile e biodiversità

17 Principi Carta di Aalborg Impegni Aalborg ECONOMIA LOCALE SOSTENIBILE Ci impegniamo a creare e ad assicurare una vivace economia locale, che promuova loccupazione senza danneggiare lambiente (8.5 promuovere un turismo locale sostenibile). 3. RISORSE NATURALI COMUNI (3.3 promuovere e incrementare la biodiversità, mantenendo al meglio ed estendendo riserve naturali e spazi verdi). 1. Strategie locali per un modello urbano sostenibile 2. La sostenibilità come processo locale e creativo per la ricerca dellequilibrio 3. Risolvere i problemi attraverso soluzioni negoziate4. 6.Modelli sostenibili di uso del territorio 7. Modelli sostenibili di mobilità urbana 9. Revenzione dellinquinamento degli ecosistemi 11. Il ruolo fondamentale dei cittadini ed il coinvolgimento della comunità

18 La Greenway Milano-Pavia-Varzi Azioni/Strumenti ¬ Definizione di uno studio di fattibilità generale; Definizione di una strategia per il recupero dei corsi dacqua e la separazione totale del percorso dal traffico motorizzato; Realizzazione di uno di studio di ottimizzazione delle risorse; Progetto definitivo del percorso con la redazione degli elaborati grafici e di allegati specialistici con proposte di recupero e di gestione (da Rivanazzano a Varzi); Individuazione, allinterno del percorso, dei tratti caratteristici e geograficamente distinti; Realizzare dei corsi per la formazione degli operatori che dovranno supportare il processo di rilancio del turismo sostenibile

19 Città amica - La città dei turisti bambini: orientarsi in città con la cartellonistica - Riqualificazione parchi gioco cittadini Azioni/Strumenti ¬ Progettazione di percorsi cittadini storico-artistici e naturalistici studiati appositamente per il pubblico dei bambini e delle bambine; ¬ Progettazione di una guida cartacea per i bambini; ¬ Elaborazione e distribuzione di questionari ad hoc; Elaborazione dei testi e delle immagini che andranno posti sulla cartellonistica; ¬ Studio dei supporti più adatti a veicolare le informazioni; ¬ Realizzazione depliant informativo; ¬ Riqualificazione giardini pubblici; Monitoraggio ed intervento sullaccessibilità dei giardini pubblici

20 Fruizione ambientale e riqualificazione naturalistica zona umida ex-cava Ricotti vicino Lido di Pavia Azioni/Strumenti Piantumazione essenze autoctone erbaceo-arbustive, tipiche degli ambienti planiziali ripariali e delle radure xerofile della valle del Ticino (prati magri) Semina di essenze erbacee di interesse paesaggistico e per invertebrati (prati fioriti, prati delle farfalle) Sistemazione sentieri e realizzazione di specifici percorsi didattico-naturalistici ed aree di sosta e fruizione, anche per la piccola balneazione. Realizzazione di specifica pannellistica e materiale didattico-divulgativo. Sistemazione del vecchio appostamento di osservazione naturalistica Realizzazione di un capanno palafittato per una migliore fruizione della parte lacustre (lanca) del sito. Realizzazione di un parcheggio e di un ingresso individuabile ed attrezzato del sito. Attività di formazione a cura delle associazioni ambientaliste per operatori della gestione Attivazione primi interventi di manutenzione e controllo dellarea.

21 Pavia sul Ticino Azioni/Strumenti ¬ Attivazione di una serie di azioni necessarie a conferire al processo decisionale un elevato grado di coerenza con i principi di governance locale contenuti nella Carta di Aalborg e le indicazioni metodologiche elaborate nellambito della pianificazione strategica Fase 1 Le azioni preliminari Definizione del quadro diagnostico e delle criticità ambientali 1. Rilevazione della percezione diffusa circa la riqualificazione dellarea 2. Raccolta delle buone pratiche Fase 2 La stesura del progetto 3. Definizione dei criteri di progettazione e dei criteri di preferenza 5. Definizione di un progetto preliminare 6. Stesura di uno studio di impatto ambientale 7. Consultazione pubblica 8. Raccolta delle Osservazioni 9. Stesura del progetto definitivo Fase 3 Attuazione e controllo Documento di indirizzi per lattività di gestione Monitoraggio, controllo e riorientamento delle attività

22 Scoprire la biodiversità: gestione e fruizione del Parco della Vernavola e del Bosco Grande nel comune di Pavia. Azioni/Strumenti ¬ Realizzazione di attività volte a stimolare e favorire un contatto con l'ambiente, le piante e gli animali selvatici ¬ Sistemazione di sentieri pedonali esistenti, ripristino di un sentiero in disuso e apertura di un nuovo percorso, da attrezzare in modo che siano fruibili anche ai portatori di handicap ¬ Allestimento, all'interno di edifici esistenti, di due Centri d'Interpretazione della Natura, dotati di pannelli informativi, diorami, strumenti audiovisivi, laboratori di osservazione naturalistica Svolgimento di attività di animazione, informazione, osservazione auto gestita e guidata e di laboratori naturalistici

23 Gruppo di lavoro D Mobilità e Trasporti

24 Principi Carta di Aalborg Impegni Aalborg MIGLIORE MOBILITÀ, MENO TRAFFICO Riconosciamo linterdipedenza di trasporti, salute e ambiente e ci impegniamo a promuovere scelte di mobilità sostenibili. 6.1 ridurre la necessità del trasporto motorizzato privato e promuovere alternative valide e accessibili; 6.2 incrementare la quota di spostamenti effettuati tramite i mezzi pubblici, a piedi o in bicicletta; 6.3 promuovere il passaggio a veicoli con basse emissioni di scarico; 6.4 sviluppare un piano di mobilità urbana integrato e sostenibile; 6.5 ridurre limpatto del trasporto sullambiente e la salute pubblica. 1. Strategie locali per un modello urbano sostenibile2. 6.Modelli sostenibili di uso del territorio 7.Modelli sostenibili di mobilità urbana 8. Responsabilità riguardanti il clima a livello planetario 9. Revenzione dellinquinamento degli ecosistemi 12. Strumenti amministrativi e di gestione urbana per lattuazione di un modello di sviluppo sostenibile

25 Promozione e sviluppo di forme di mobilità alternativa Azioni/Strumenti Realizzazione di una serie di verifiche per il ripristino della tramvia Messa in opera di azioni tese al miglioramento/potenziamento del trasporto pubblico locale Pianificazione di attività volte a valutare la concreta possibilità di sviluppo di tecnologie alternative: elementi a cella combustibile o idrogeno Miglioramento della connessione ferroviaria sulla direttrice di Belgioioso verso Milano

26 Centro intermodale per la mobilità ciclabile Azioni/Strumenti Attuazione di provvedimenti di moderazione del traffico attivazione di iniziative tese al potenziamento delle dotazioni infrastrutturali, facilitazioni e strutture specifiche per la bici, quali: piste e corsie ciclabili sottopassaggi e passerelle, semafori specializzati parcheggi, depositi e centri di noleggio, strutture e servizi per favorire lintermodalità bici/mezzi pubblici organizzazione di campagne, generali e mirate a specifiche categorie di utenti, per la promozione delluso della bici in città; attuazione nelle scuole di progetti di educazione stradale ed alla mobilità sostenibile; previsione di incentivi per i dipendenti di enti ed aziende che si impegnano ad utilizzare la bici per i tragitti casa – lavoro azioni per lo sviluppo delluso della bici nei tragitti casa – scuola attivazione di progetti per leducazione alla mobilità, nelle scuole, campagne a tema per promuovere non solo la mobilità ciclistica in valore assoluto, ma soprattutto i servizi che vengono offerti per ottenere una migliore viabilità.

27 Gruppo di lavoro E Strumenti volontari per la qualità ambientale di imprese, enti ed organizzazioni

28 Principi Carta di Aalborg Impegni Aalborg GESTIONE LOCALE PER LA SOSTENIBILITÀ Ci impegniamo a mettere in atto cicli di gestione efficienti, dalla loro formulazione alla loro implementazione e valutazione. 4 CONSUMO RESPONSABILE E STILI DI VITA Ci impegniamo ad adottare e a incentivare un uso prudente ed efficiente delle risorse, incoraggiando un consumo e una produzione sostenibili. 10 DA LOCALE A GLOBALE Ci impegniamo a farci carico delle nostre responsabilità per conseguire pace, giustizia, equità, sviluppo sostenibile e protezione del clima per tutto il pianeta. 2. La sostenibilità come processo locale e creativo per la ricerca dellequilibrio 6. Modelli sostenibili di uso del territorio 9. Prevenzione dellinquinamento degli ecosistemi

29 La certificazione ambientale come strumento per migliorare la competitività delle imprese Azioni/Strumenti Organizzazione di attività di formazione, informazione e sensibilizzazione su EMAS e ISO Organizzazione di un convegno Realizzazione di azioni pilota di assistenza diretta ad imprese pavesi Predisposizione di attività tese a trovare incentivi economici per le imprese Organizzazione di attività di ricerca e di sviluppo di tecnologie per ridurre limpatto ambientale Realizzazione di impianti pilota Formazione di revisori ambientali di imprese Realizzazione di unazione pilota che preveda un servizio di assistenza diretta di consulenza on-line per le imprese pavesi che intendono attivare strumenti di gestione ambientale Realizzazione di un sito internet a cui tutti si possono rivolgere per avere informazioni Realizzazione di un sportello informativo

30 Gruppo di lavoro F Salute, qualità ambientale e stili di vita

31 Principi Carta di Aalborg Impegni Aalborg GOVERNANCE Ci impegniamo a rafforzare i nostri processi decisionali tramite una migliore democrazia partecipativa. 7 AZIONE LOCALE PER LA SALUTE Ci impegniamo a proteggere e a promuovere la salute e il benessere dei nostri cittadini. 1. Strategie locali per un modello urbano sostenibile 3. Risolvere i problemi attraverso soluzioni negoziate 6.Modelli sostenibili di uso del territorio 7. Modelli sostenibili di mobilità urbana 11. Il ruolo fondamentale dei cittadini ed il coinvolgimento della comunità 12. Strumenti amministrativi e di gestione urbana per lattuazione di un modello di sviluppo sostenibile

32 Qualità dellaria e salute umana Azioni/Strumenti ¬ Analisi delle patologie associate allinquinamento dellaria ¬ Attività di monitoraggio delle condizioni di salute della popolazione pavese ¬ Attività di sorveglianza epidemiologica delle comunità cronicamente esposte a fattori di rischio ¬ Valutazione dei costi di tipo diretto e indiretto associati allinquinamento atmosferico ¬ Definizione di attività finalizzate allanalisi: dei costi dei ricoveri ospedalieri per patologie cardio-respiratorie delle visite presso le Unità di Pronto Soccorso ospedaliero delle visite presso il medico generico e quelle specialistiche dei costi dei farmaci per le patologie cardio-respiratorie dei costi legati alla mancata produttività (morbilità) della qualità della vita e della mortalità; dei ricoveri ospedalieri; del consumo di farmaci ¬ Definizione di uno scenario futuro relativo alla previsione dei costi totali legati allinquinamento dellaria Rilevazione su un campione di famiglie, per mezzo di questionario autosomministrato, lutilizzo dei mezzi pubblici privati per il trasporto nellarea urbana Definizione di nuove metodologie di approfondimento relative all'acquisizione dei dati ambientali

33 Il Piano dei Tempi e degli Orari della Città di Pavia Azioni/Strumenti -Avvio del processo di costruzione partecipata del Piano: ideazione definizione delle azioni sperimentali da sviluppare -realizzazione di attività di formazione e informazione a vari livelli; -realizzazione di interviste a testimoni privilegiati della città; -elaborazione della Guida ai servizi essenziali della città e delle sue Circoscrizioni -predisposizione del calendario cittadino degli eventi ricorrenti; -avvio dellUfficio Tempi previsto dallorganigramma del Comune nellambito del settore Gabinetto del Sindaco; -realizzazione grafica della guida Percorsi urbani della storia e della memoria – itinerari tra i segni delle donne a Pavia; -realizzazione convegno nazionale La banca del tempo nelle scuole superiori.


Scaricare ppt "Stato attuazione al 25/10/04 del Piano dAzione Locale per lo Sviluppo Sostenibile di Pavia* *Piano condiviso in bozza nella riunione congiunta dei gruppi."

Presentazioni simili


Annunci Google