La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ECO INNOVATION Info Day 20 Giugno 2013, Potenza CIP Eco-Innovation Ministero dellAmbiente della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ECO INNOVATION Info Day 20 Giugno 2013, Potenza CIP Eco-Innovation Ministero dellAmbiente della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per."— Transcript della presentazione:

1 ECO INNOVATION Info Day 20 Giugno 2013, Potenza CIP Eco-Innovation Ministero dellAmbiente della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e lEnergia Unità Operativa di Bruxelles Matteo Carnevale

2 Come presentare una proposta: scopo Prima applicazione commerciale di tecniche, prodotti e processi o pratiche ecoinnovativi Raggiungimento degli obiettivi ambientali Creazione di una strategia di mercato a lungo termine Sfruttamento della soluzione e replicabilità Commercializzazione e profitto a medio e lungo termine

3 Elementi chiave dellidea progettuale Carattere Innovativo Valore Aggiunto Europeo Benefici ambientali (secondo Analisi del ciclo di vita) e efficienza delle risorse Sostenibilità economica e strategia di penetrazione del mercato

4 Pianificare la proposta (1) SPIEGAZIONI DETTAGLIATE NELLA GUIDE FOR PROPOSERS Punto di partenza – qual è la situazione attuale? Analisi di mercato? Piano commerciale? Studi preparatori/prototipi esistenti? Come il progetto si posiziona nel contesto attuale? Work packages – cosa esattamente ci si prefigge di fare? Il workplan permetterà di gestire il progetto e raggiungere gli Obiettivi?

5 Pianificare la proposta (2) Risultati – monitorare gli impatti! Identificare indicatori quantificabili per descrivere gli impatti (es. riduzione del consumo di acqua di 5000 m ; 10% consumo di acqua rispetto a processo tradizionale, etc.) Valori assoluti e/o relativi previsti per la fine del progetto e per i due anni successivi alla fine del progetto Potenziale di riproducibilità - quali sono le possibilità di una replicabilità sul mercato?

6 Pianificare la proposta (3) Indicatori di risultato/Impatto SMART (Specifici, Misurabili, Raggiungibili, Realistici, Tempestivi)

7 Parternariato Nessun criterio sul partenariato Tuttavia il Valore aggiunto europeo è parte dei criteri di assegnazione: Valore generato dal progetto essendo finanziato dallUE rispetto ad azioni locali, regionali nazionali Dimensione UE delle barriere di mercato Livello di cooperazione europea nellambito del progetto 70% delle proposte accolte presentate da consorzio Enfasi sulle PMI 7

8 Procedura di Valutazione Trattamento giusto ed eguale per tutti i candidati: Sulla base dei criteri espressi nel bando Procedimento confidenziale, nessun conflitto di interessi Esperti esterni indipendenti come consulenti Quattro stadi successivi: 1. Criteri di eleggibilità (si/no), es. inoltro nei tempi richiesti 2. Criteri di esclusione (si/no), es. bancarotta 3. Criteri di selezione (si/no), es. affidabilità finanziaria/tecnica 4. Criteri di attribuzione (punteggio)

9 Criteri di valutazione (1) Rilevanza dell'azione (min. 7/10) Allineamento con gli obiettivi del Bando, specie per quanto concerne il coinvolgimento di PMI, il grado di innovazione e i benefici ambientali. Qualità delle iniziative proposte (min. 6/10) rispondenza e coerenza del progetto sotto il profilo gestionale Impatto sul pubblico selezionato (min. 6/10) Potenziale di replicabilità nel corso del progetto e dopo il suo termine e approccio di mercato.

10 Criteri di valutazione (2) Bilancio e redditività (min. 6/10) Livello di impegno appropriato, ripartizione definita dei costi tra i partner e le azioni del progetto Valore aggiunto europeo (min. 6/10) Benefici di un approccio europeo, dimensione europea delle barriere di mercato da affrontare, livello di cooperazione europea nel progetto Totale: Minimo 34/50

11 Documenti Call 2013 Invito 2013 Guida del Proponente Modulistica: Parte A (Informazioni sul progetto) Parte B (Descrizione dettagliata dellazione proposta) Parte C (Budget dettagliato e indicatori)

12 Parte B B1: Sintesi B2: Descrizione tecnica incluso lo stato dellarte B3: Panorama e condizioni di mercato B4: Assorbimento del mercato (strategia di marketing – piano industriale – rendimento atteso – replica) B5: Obiettivi/Risultati/Impatto Azione (benefici ambientali, eco sostenibilità) B6: Motivazioni composizione consorzio B7: Cofinanziamento B8: Valore aggiunto EU B9: Programma di lavoro B10: Descrizione partecipanti B11: Lettera di intenti 12

13 Indicatori richiesti (Foglio Excel Parte C) Miglioramento degli impatti ambientali Migliore uso delle risorse naturali Perfomance economica /replica sul mercato

14 Risultati / Indicatori di impatto Valori assoluti e/o relativi, previsti per la fine del progetto e per I due anni successivi Importante determinare come misurarli 14

15 Costi ammissibili (1) Risorse umane – costo orario che deve coincidere con leffettivo stipendio (busta paga) + oneri sociali Attrezzature e infrastrutture (la parte di ammortamento per la durata del progetto, ma solo delle parti relative allattività innovativa) Sub-appalti a esperti qualificati - ma non per le funzioni principali - fino al 35% dei costi ammissibili totali

16 Costi ammissibili (2) Riunioni e viaggi – budget deve essere ragionevole possibilità di flat rate al 4% dei costi diretti ammissibili fino ad un massimo di Se si sceglie tale possibilità, deve essere applicata allo stesso modo a tutti i partecipanti. In alternativa si possono far rientrare i costi di viaggio tra i costi diretti indicando le spese sostenute per partecipante. I costi indiretti (overheads) sono riconosciuti sino al 7% del totale dei costi diretti ammissibili per spese generali. Altri costi specifici (costi sostenuti nel progetto ma che non rientrano nelle altre categorie, es. costi di stampa). Costi relativi a utilizzo di elettricità o gas non sono eleggibili in quanto tali (rientrano in overheads).

17 Costi ammissibili (3) Condizioni per lammissibilità: Costi devono riguardare il progetto e devono essere necessari Costi devono essere ragionevoli e giustificati Costi devono essere stati previsti nel bilancio Costi devono essere stati sostenuti durante la realizzazione del progetto, inizio contratto entro due mesi dalla fine del progetto (ad eccezione dei costi relativi alle relazioni finali e alla certificazione del revisore dei conti) Costi devono rispettare i principi di contabilità generale ed i regolamenti interni del partecipante + rispettare una sana gestione finanziaria Costi devono essere identificabili e verificabili Le spese dichiarate devono essere effettivamente sostenute nel corso del progetto

18 Costi ammissibili (4) Costi diretti del personale Solo i costi del personale tecnico e specializzato direttamente coinvolto può essere iscritto a bilancio Identificate ogni categoria professionale in modo chiaro e inequivocabile Linserimento di freelance (consulenti interni) dipende dai termini del loro contratto purché: Lavorino presso i locali del proponente utilizzando le sue infrastrutture Siano sotto la supervisione del proponente I prodotti del loro lavoro appartengano al proponente Il telelavoro solo se le condizioni di lavoro standard sono applicabili al telelavoratore La spesa per lo staff di supporto amministrativo appartengono alla categoria dei costi indiretti spese generali

19 Costi ammissibili (5) Subcontratto Relativo allacquisto di servizi, non di merci Il subcontratto può riguardare solo lesecuzione di una parte limitata del progetto Compiti limitati esternalizzati dal beneficiario e per particolari competenze Non include i servizi accessori al lavoro principale (ad es. stampa di documenti) Subcontraenti devono essere selezionati in modo trasparente, migliore offerta, tenendo in considerazione il prezzo e la qualità (Best value for money) In una procedura semplificata, tre diverse offerte dovrebbero essere considerate e valutate alla luce di criteri comuni prestabiliti Il proponente non può subappaltare i servizi o vendere attrezzature ad un partner o internamente (es. tra reparti o società affiliate) Deve essere inferiore al 35% dei costi ammissibili Una chiara descrizione del servizio dovrebbe essere data con il nome del fornitore (se conosciuto, altrimenti indicate da definire)

20 Attrezzature e infrastrutture Occorre una descrizione dettagliata Le attrezzature dovranno essere necessarie allo svolgimento dellazione proposta Include solo la porzione del deprezzamento del bene Applicare le proprie regole di contabilità 20

21 Co-finanziamento Bisogna giustificare perchè si richiede un fondo comunitario In caso di richiesta di co-finanziamento da parte di terzi dettagliare lo stato della negoziazione Tutti I guadagni (ex. generati dalla vendita del prodotto eco-innovativo) possono essere utilizzati quali fonti di co-finanziamento, ma non possono generare profitto. 21

22 Scrivere la proposta (1) Elevata competizione: soluzioni innovative e realizzabili con elevato rendimento economico e ambientale Cominciare presto! Ci vuole più tempo di quanto si pensi! Facile da leggersi? I valutatori lo giudicano in 2-4 ore. Linguaggio semplice per lettori non di madre lingua Rispettare I limiti di lunghezza, ma fornire i dettagli necessari in ciascun work package e spiegare cosa ogni partner farà e come (metodologia) Essere convincenti nel descrivere: La domanda di mercato Il valore aggiunto europeo Benefici a lungo termine e potenziale di riproducibilità

23 Scrivere la proposta (2) Considerare attentamente i criteri di selezione Business Case con una chiara visione del mercato già nel corso dellattuazione del progetto Replicabilità: dimostrare che i fondi richiesti sono investiti in modo efficiente nel vostro progetto Dimostrare i benefici sostanziali dal punto di vista ambientale e il grado di innovazione Quantificare! Fornire dati numerici e indicatori di performance. Essere realistici ma ambiziosi. Fare una stima appropriata dei costi e degli impegni 23

24 Scrivere la proposta (3) Spiegare chiaramente la scelta dei partner e dei subcontractors Tabella di marcia realistica (stimate i tempi necessari ex. Permessi), ricordare che la durata massima del progetto è di 3 anni Ricordate la prospettiva LCA quando descrivete i benefici ambientali Replicabilità è cosa diversa da disseminazione! Assicurarsi che la proposta sia coerente con i requisiti del bando (ex. No progetti di ricerca, no progetti energetici) 24

25 Best Practice: Il Progetto PROWASTE Titolo: Efficient utilization of Plastic Waste through Product Design and Process Innovation Acronimo: PROWASTE Coordinatore: Consorzio CETMA Budget: Programma: CIP Eco-Innovazione Durata: 36 mesi (01/07/2010 – 30/06/2013)

26 Best Practice: Il Progetto PROWASTE Partners: CETMA - ITALIA OGLE SRL – ITALIA MASMEC SPA – ITALIA UNIVERSITY OF SALENTO – ITALIA INDUSTRIA SEVILLANA RECICLAJE DE PLASTICOS – SPAGNA SOLTECO MADERA PLASTICA – SPAGNA CICLOPLAST – SPAGNA

27 Best Practice: Il Progetto PROWASTE Il progetto PROWASTE mira a: ridurre la percentuale di plastiche miste destinate in discarica e/o recupero energetico Il progetto PROWASTE promuove: una soluzione innovativa che supera i limiti dei tradizionali profilati in plastica da riciclo (peso, scarse proprietà meccaniche ed estetiche) consentendo di realizzare prodotti di migliore qualità, alte performances e con un più vasto campo di applicazioni.

28 Best Practice: Il Progetto PROWASTE Punto di partenza: Metodi tradizionali per il riciclo della plastica La maggior parte delle plastiche miste provenienti dai rifiuti domestici, industriali e commerciali viene inviata in discarica o, nella migliore delle ipotesi a termovalorizzazione. Una piccola parte viene riciclata meccanicamente per realizzare profilati - Plastic lumbers - che sono successivamente assemblati in forniture per arredo urbano o altri manufatti. La presenza di varie impurità e di altri materiali (in primo luogo carta) comporta scarse proprietà meccaniche ed estetiche dei profilati.

29 Best Practice: Il Progetto PROWASTE Analisi di mercato La domanda complessiva europea di profilati di plastica riciclata nel 2008 era stimata in tonnellate per un valore di milioni di, dei quali 20-30% per arredo urbano e per esterni. Solo una piccola parte viene prodotta in Europa, in gran parte viene importata e venduta attraverso distributori europei. In generale, vi è un elevato livello di ottimismo circa il potenziale espansione del settore dei profilati di plastica in Europa Il mercato dei profilati di plastica riciclata in Europa si prevede possa crescere più del 10% all'anno, per raggiungere milioni di nel 2013 (sulla base delle previsioni e proiezioni di mercato dei principali operatori del settore).

30 Best Practice: Il Progetto PROWASTE Soluzione proposta PROWASTE è un prodotto eco-compatibile, più leggero e con migliorate proprietà estetiche e meccaniche le cui potenziali applicazioni sono: arredo urbano e per esterni traversine ferroviarie pannelli fonoassorbenti per autostrade pallets pavimentazioni per pontili pali per uso agricolo

31 Best Practice: Il Progetto PROWASTE Risultati attesi Riduzione del volume di plastiche miste inviate in discarica o a termovalorizzazione ed un corrispondente incremento di quelle riciclate Disponibilità sul mercato dellarredo urbano e per esterni di prodotti maggiormente eco-compatibili, e con migliorate proprietà estetiche e meccaniche. Creazione di partnership tra industrie Europee attive nel riciclo della plastica e nella produzione di arredo urbano e per esterni

32 Best Practice: Il Progetto PROWASTE Work Packages e tempistica: Il progetto PROWASTE dura 36 mesi (Luglio Giugno 2013). Il programma di lavoro include 6 Work Packages: WP1: Management - CETMA WP2: Industrialization activities - INSERPLASA WP3: Product design and validation - SOLTECO WP4: Environmental compatibility analysis - CETMA WP5: Exploitation and Business Plan - OGLE WP6: Dissemination activities - CICLOPLAST

33 Best Practice: Il Progetto PROWASTE Work Packages e tempistica:

34 Best Practice: Il Progetto PROWASTE Target group 1. Autorità Pubbliche 2. Produttori di plastica 3. Produttori di arredi per interni e arredi urbani 4. Imprese che lavorano nel riciclaggio della plastica; 5. Organizzazioni a livello nazionale attive nel riciclaggio della plastica

35 Best Practice: Il Progetto PROWASTE Vantaggi: Prodotti più leggeri e con migliorate proprietà estetiche Possibilità di usare i profilati per nuove applicazioni (pallets, traversine ferroviarie). Un considerevole aumento della resistenza e riduzione dello spessore del profilato

36 36 CIP Eco-Innovation 2010 Progetto ECOPLASBRICK - Innovative recycled plastic based panels for building field Obiettivo: promuovere un nuovo materiale edilizio ecosostenibile, ovvero un pannello per l'edilizia realizzato con plastica riciclata, utilizzando come materia prima materiali di scarto derivanti dalla raccolta differenziata della plastica, provenienti sia da rifiuti solidi urbani, nonché industriali / agricoli / commerciali. Budget: 1,2 Mil (co-finanziati al 50% dall'UE) Altre Best Practice

37 37 CIP Eco-Innovation 2011 Progetto ECO CUT by WIRE Low environmental cut of stone blocks Obiettivo: lo scopo del progetto è quello di ridurre i rifiuti e il consumo di energia causati dal taglio dei blocchi di granito per la loro lavorazione per mezzo di innovativi fili diamantati con un ridotto diametro (fino a mm 3-4 rispetto agli attuali 7mm) con evidenti benefici per lambiente. Budget: 1,37 M Euro in 36 mesi. Altre Best Practice

38 Grazie dell'attenzione Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e lEnergia Unità Operativa di Bruxelles


Scaricare ppt "ECO INNOVATION Info Day 20 Giugno 2013, Potenza CIP Eco-Innovation Ministero dellAmbiente della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per."

Presentazioni simili


Annunci Google