La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Quali sono le reali conoscenze necessarie agli insegnanti in servizio nella scuola dellautonomia? Prof.ssa Giuliana Sandrone Boscarino Cremona, 23 ottobre.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Quali sono le reali conoscenze necessarie agli insegnanti in servizio nella scuola dellautonomia? Prof.ssa Giuliana Sandrone Boscarino Cremona, 23 ottobre."— Transcript della presentazione:

1 1 Quali sono le reali conoscenze necessarie agli insegnanti in servizio nella scuola dellautonomia? Prof.ssa Giuliana Sandrone Boscarino Cremona, 23 ottobre 2009 Gente di scuola Progetto di formazione in servizio Associazioni AIMC – UCIIM – CIF - Ufficio di Pastorale Scolastica della Curia diocesana - Servizio per lIRC

2 2 1.Un indagine in cui si parla di conoscenze … perché valutare conoscenze è più facile che valutare competenze! 2.La prospettiva pedagogica: le conoscenze proprie della cultura tradizionale sono fondamentali anche oggi, purché … 3.La prospettiva normativa: quale ruolo/spazio hanno le conoscenze nella formazione iniziale dei docenti? Quale è il modello culturale di riferimento?

3 3 La ricerca: il docente e la sua cultura Il docente e la sua cultura Quale? MIURPercorsiformazione per i futuri docenti Art 5 L 53/03 Prove INVALSI nella scuola Test di ammissione all Università Primavera 2005 Interdisciplinare e fondata su cultura generale? Disciplinarista e separata?

4 4 Gli strumenti Test di logica e cultura generale per lammissione a odontoiatria ( ) Questionari Invalsi matematica e scienze (a.s ) Intervista semi strutturata anni e luogo della propria formazione motivazione alla scelta dellinsegnamento letture abituali percezione rispetto allindagine …………………………………

5 5 Il campione come avrebbe dovuto essere … Il campione … come avrebbe dovuto essere … Numero complessivo dei docenti della Lombardia nella.s. in corso unità 1% del totale docenti come è stato … Numero complessivo docenti coinvolti 387 province di BG – BS – LC - MI – VA volontari consistenza numerica scuole statali-paritarie aree disciplinari inizio/fine carriera consistenza numerica scuole statali-paritarie aree disciplinari inizio/fine carriera Limitata attendibilità scientifica su un argomento ad oggi impossibile da verificare …

6 6 Perché ? Nonostante lesplicitazione e la rassicurazione circa i fini non valutativi della ricerca … rifiuto dei Collegi dei Docenti disponibilità personali attraverso il contatto diretto (dirigente scolastico, ricercatori, …) Qualche dichiarazione …. Timore della valutazione Valutazione censoria Non prescrittività Mancanza di tempo ed incentivi Mancanza di abitudine alla verifica professionale …

7 7 La composizione del campione reale

8 8 Test di logica e cultura generale Percentuale risposte esatte 26,53%docenti di scuola dellinfanzia 26,53% docenti di scuola primaria 37% 58%docenti di scuola secondaria I grado 58% docenti di scuola secondaria II grado 37% specializzandi della SSIS 44% future matricole di odontoiatria 41% di risposte esatte 41% di risposte esatte Gruppo debole Gruppo forte

9 9 Un esempio … logica deduttiva 32. Supponendo di levarci in volo dall'Indonesia e di seguire la linea dell'Equatore in direzione Ovest, quali oceani sorvoleremmo in successione? Si scelga LA SEQUENZA CORRETTA A) Atlantico, Indiano, Pacifico B) Atlantico, Pacifico, Indiano C) Indiano, Pacifico, Atlantico D) Pacifico, Indiano, Atlantico E) Indiano, Atlantico, Pacifico AspirantiMatricole 67% Docenti60% Max sec I grado 69%

10 10 Una domanda legata ad uno sfondo culturale comune … 6. Qual è la definizione esatta della parola "patogeno"? A) Ciò che determina o ha la capacità di provocare fenomeni morbosi B) Ciò che è sintomo caratteristico al punto da permettere la diagnosi certa C) Ciò che riguarda la patologia o, più in generale, le malattie D) Ciò che provvede o concorre a una secrezione interna E) Ciò che provoca o genera ansia Risposte esatte 24% scuola dellinfanzia 44% scuola primaria 67% sc. sec. I grado 58% sc. sec. II grado

11 11 Ancora lo sfondo culturale comune … 9. "Ipse dixit": spesso ancor oggi si tenta di mettere a tacere l'avversario non con ragioni e argomenti, ma con il nudo nome di un Maestro, o, più subdolamente, con parole che l'ottusa pigrizia dei discepoli gli hanno per consuetudine attribuite. Possiamo sorridere di Simplicio ma spesso dobbiamo ancora riconoscerci nei suoi errori. Simplicio è un personaggio, protagonista di un celebre dialogo, inventato da: A) Voltaire B) Daniel Defoe C) Italo Calvino D) Albert Einstein E) Galileo Galilei Risposte esatte 0% scuola dellinfanzia 0% scuola dellinfanzia 25% scuola primaria 56% sc. sec. I grado 51% sc. sec. II grado Aspiranti Matricole 30%

12 12 Chi riconosce Ulisse? 41. Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza". (Inf., XXVI ) Quale celebre personaggio sta parlando? A) Virgilio B) Dante C) Beatrice D) Cavalcante E) Ulisse Risposte esatte 21% scuola dellinfanzia 40% scuola primaria 69% sc. sec. I grado 5o% sc. sec. II grado Aspiranti Matricole 39%

13 13 Le domande dei test dell INVALSI (matematica e scienze) -docenti scuole dellinfanzia e primaria allievi fine 5° classe primaria -docenti scuola secondaria di I grado allievi fine 3°classe sec I gr. -docenti scuola secondaria di II grado allievi fine 2°classe sec II gr.

14 14 Risultati matematica Scuola dellInfanzia % risposte esatte 24% inferiore o uguale al 50% 46% tra il 50% e l80% 30% maggiore 80% Nessuno ottiene il 100% di risposte esatte Scuola Primaria % risposte esatte 3% inferiore o uguale al 50% 19% tra il 50% e l80% 78% maggiore 80% Tra questi ultimi il 16% ha dato il 100% di risposte esatte Scuola secondaria di I grado 11%inferiore al 50% 57 % tra il 50% e l80% 32 % maggiore 80%. Nessuno ottiene il 100% di risposte esatte. Scuola secondaria di II grado 81% inferiore al 50% 19 % tra il 50% e l80% 0 % maggiore 80% Nessuno ottiene il 100% di risposte esatte

15 15 Risultati di matematica e scienze dei docenti laureati in rapporto al tipo di laurea Scuola secondaria I grado Successo medio dei docenti in possesso di laurea umanistica 64% Questionario di matematica 64% 63% Questionario di scienze 63% Successo medio dei docenti in possesso di laurea scientifica 93% Questionario di matematica 93% 91% Questionario di scienze 91% Scuola secondaria II grado Successo medio dei docenti in possesso di laurea umanistica 22% Questionario di matematica 22% 55% Questionario di scienze 55% Successo medio dei docenti in possesso di laurea scientifica 68% Questionario di matematica 68% 73% Questionario di scienze 73%

16 16 Matematica: domande facili, domande difficili … nella Scuola dellInfanzia 91%, La domanda che ha avuto la percentuale di successo più alta, il 91%, chiede di completare laffermazione con una delle cinque risposte Ogni parallelogramma ha sempre... A. tutti gli angoli uguali. B. le diagonali uguali. C. tutti i lati uguali. D. i lati opposti paralleli. 30% La domanda risultata più difficile, con il 30% di risposte esatte, è la seguente: A quanto equivalgono 254 decimi? A. 25 unità e 4 decimi. B. 2 unità e 54 decimi. C. 2 decimi e 54 centesimi. D. 2 centinaia e 54 decimi.

17 17 … nella Scuola Primaria 68% La domanda risultata più difficile a cui rispondono meno del 68% dei docenti: 9. La parte decimale dei termini della divisione è cancellata dalla linea nera 208, - : 5, - = Quale potrebbe essere il risultato? A. 5,2 B. 40,1 C. 52,15 D. 416,1 97% La domanda più facile, a cui risponde il 97% dei docenti 2. Ogni parallelogramma ha sempre... A.tutti gli angoli uguali. B.le diagonali uguali. C.tutti i lati uguali. D.i lati opposti paralleli. Studenti49%Studenti49% Studenti71%Studenti71%

18 18 … nella Scuola Secondaria di I gr. 93% 93% docenti rispondono in modo corretto a questa domanda 5. Un paio di scarpe costa 75. Se il negoziante decide di applicare uno sconto del 20%, a quale prezzo verranno vendute? A.50 B.55 C.60 D.65 Studenti54%Studenti54% Alla domanda 22 (lettura di grafici) rispondono correttamente l85% dei docenti e l80% degli studenti 27. Si consideri la relazione tra x e y espressa da: 2x – 3y = – 5. Quante sono le coppie (x, y) di numeri reali che la soddisfano? A.Nessuna. B.Una. C.Due. D.Infinite. Docenti 39% Studenti17% Studenti17% Però … Risultatidocenti-studenti spesso correlati

19 Considera i numeri 0,25 e 0,5. Quale delle seguenti affermazioni è vera? A. 0,25 è la quinta parte di 0,5. B. 0,25 è cinque volte 0,5. C. 0,25 è la radice quadrata di 0,5. D. 0,25 è la metà di 0,5. Docenti 69% Studenti 64% Docenti 69% Studenti 64% 8. Nel gioco della tombola qual è la probabilità di estrarre un numero maggiore di 20 e minore di 35? A. 7/18 B. 8/45 C. 1/6 D. 7/45 Docenti 28% Studenti 30% 26.Considera langolo alla circonferenza AĈB la cui misura è 30°. Quale delle seguenti affermazioni è vera? A.La corda AB è uguale a metà del raggio della circonferenza B.La corda AB è uguale al raggio della circonferenza. C.La corda AB è uguale al diametro della circonferenza. D.Non vi è una relazione tra la corda AB e il raggio della circonferenza. Docenti 15 % Studenti 29 % nella Scuola Secondaria di II gr. Risultatidocenti-studenti spesso correlati

20 20 Scienze: domande facili, domande difficili … nella Scuola dellInfanzia e nella scuola Primaria 100% nella Scuola dellInfanzia e il 93% nella Primaria, La domanda che ha avuto la percentuale di successo più alta, il 100% nella Scuola dellInfanzia e il 93% nella Primaria, chiede 25. Le saline di Cervia (foto) erano note già ai tempi dei romani. A cosa servivano, e servono anche oggi? A. Ad allevare pesci di mare in ambiente protetto. B. A coltivare il riso più vicino allacqua. C. A favorire la possibilità di cure termali. D. Ad estrarre il sale dal mare per evaporazione. 45% di risposte esatte nella Sc. dellInfanzia e 35% nella Primaria La domanda risultata più difficile, con il 45% di risposte esatte nella Sc. dellInfanzia e 35% nella Primaria, è la seguente: 14. Perché quando esci dalla doccia provi una sensazione di freddo su tutto il corpo bagnato? A. Lacqua che rimane sulla pelle si raffredda velocemente. B. Lacqua sulla pelle evapora e sottrae calore al corpo. C. Lacqua sulla pelle trattiene il calore vicino al corpo. D. Lacqua sulla pelle isola il corpo dallambiente. Studenti 39% Studenti 71% DIFFICILE per TUTTI

21 21 Scienze - secondaria I grado Docenti 2 domande hanno risposte esatte 80% Nessuna domanda ha il 100% di risposte esatte Una sola domanda (comprensione di un testo sulla ricerca scientifica) ottiene il 92% di risposte esatte Risultati docenti-studenti poco correlati 21. Mentre un fiume scorre dalla sorgente verso la foce, erode il terreno, trasporta materiali e li deposita. Che cosa prevale nel processo di formazione di una valle fluviale, dal tipico profilo a V? A. Lerosione. B. Il trasporto. C. Lo scorrimento. D. Il deposito. 62% docenti 33% studenti

22 22 Scienze - sec II grado 4 domande hanno risposte esatte 80% 7. Una delle prime applicazioni dellingegneria genetica ha riguardato il trasferimento di geni tra specie vegetali, non incrociabili. […] Particolare successo hanno avuto gli esperimenti per linserimento nelle piante di geni di origine batterica, che conferiscono la resistenza ai parassiti o ad altri agenti patogeni, quali funghi e virus (Giorgio Poli). Come sono chiamate in modo sintetico le piante di cui si parla nel testo? A. Proteine ottenute da singole cellule (SCP). B. Organismi geneticamente ricombinanti (OGR). C. Microrganismi geneticamente modificati (MGM). D. Organismi geneticamente modificati (OGM) Domanda facile 79 % Domanda facile 79 % 4. Il Sistema Internazionale delle unità di misura utilizza come scala di misura della temperatura la scala Kelvin, in questa scala lo zero corrisponde alla più bassa temperatura teoricamente raggiungibile in natura. La temperatura di ebollizione dellacqua a livello del mare è di 100°C; a quanti gradi Kelvin corrisponde? A. 173,15 °K B. 273,15 °K C. 373 °K D. 373,15 °K Domanda difficile 41 % Domanda difficile 41 %

23 23 Ammesso che le conoscenze scolastiche tradizionali (proprie della nostra cultura) siano possedute in modo sicuro dagli stessi docenti, perché stanno scomparendo tra gli allievi? Perché - sono ininfluenti sulla qualità delle competenze personali e sociali oggi necessarie per formare uomini, cittadini e professionisti «buoni»? non significatività - non interessano più ai nostri giovani desiderosi di diventare adulti di e in questa società che richiede altre conoscenze? non pertinenza - pur restando in astratto importanti e decisive per lo spessore qualitativo delle competenze umane, civili e professionali in questione, la scuola non riesce più a trovare i modi e i contesti giusti per insegnarle, per trasmetterle in maniera soddisfacente per chi insegna e chi impara? mancata mediazione Una prospettiva pedagogica per leggere questi risultati …

24 24 qualcosa di significativo per sé, che vale intenzionalmente la pena di essere appreso, non è cultura in senso antropologico (il patrimonio di abitudini, di credenze, di costumi, di sensibilità, di sapere, di valori che ciascuno acquisisce funzionalmente) è «cultura» in senso classico, quella che riguarda un patrimonio specifico di conoscenze, valori, sensibilità, abitudini che «rendono ragione di sé» sono apprese in un modo critico e intersoggettivamente controllato nelle istituzioni educative create a questo scopo sono selezionate, per importanza, durevolezza e merito, per permettere alla nostra società di affrontare al meglio i problemi del presente e di costruire il futuro, rivendicando unidentità individuale e collettiva che ri-assuma il passato e che scelga ciò che di esso va conservato e dimenticato. Quando si dice cultura che cosa si intende?

25 25 Il problema, dunque, non è la cultura in sé ma il modello culturale di riferimento del docente che agisce nella prassi educativa I confini essenziali di questa «cultura» sono dati dal legislatore che 1.individua, in dato momento storico, le norme generali che devono guidare i percorsi istituzionali e i loro contenuti disciplinari 2.pone le condizioni professionali ed organizzative affinché questa cultura possa essere consegnata alle nuove generazioni come uneredità preziosa e condivisa, accumulata dalle generazioni che le hanno precedute

26 26 La necessaria consapevolezza del docente Il modello di cultura specialistico disciplinare, caratterizzato da separatezza e distinzione (teoria/pratica, sapere/vita, ragione/sentimenti, tecnica/etica, disciplina/disciplina, …) e da solipsismo didattico ha ancora un senso? Il paradigma cumulativo individuato da Bernstein resta il problema capace di frenare lo sviluppo della qualità dellinsegnamento-apprendimento?

27 27 serve, forse, al docente un diverso modello di cultura che, preso atto dei cambiamenti avvenuti e delle mutate esigenze educative che caratterizzano il sistema formale, presenti le caratteristiche dello specialismo funzionale e integrato della disciplinarità formativa della collegialità effettiva

28 28 Non bisogna, in altri termini, cambiare le conoscenze e le abilità che la scuola è socialmente e culturalmente chiamata a trasmettere alle nuove generazioni, MA è urgente cambiare la scuola, lorganizzazione, la mediazione didattica per renderla adatta ad insegnare anche quelle conoscenze ed abilità tradizionalmente definite scolastiche e renderle mezzo affinché ciascun allievo possa essere in grado di agire (competenza personale!) sapendo scegliere, valutare ciò che è bene fare

29 29 Per questo un docente considera le conoscenze e le abilità tradizionalmente scolastiche come importanti, valevoli di ogni sforzo per essere trasmesse; non solo le ha interiorizzate, ma continua a manutenere una serie di competenze personali che si alimentano proprio dellapporto via via più profondo ed esteso di tali conoscenze ed abilità possiede le competenze metodologiche e didattiche necessarie per far amare queste conoscenze ed abilità ai giovani, almeno quanto le ama lui stesso Solo così le competenze degli studenti saranno intrise dalla presenza di queste conoscenze ed abilità e la loro cultura generale si riconoscerà in esse e le tradurrà in senso comune.

30 30 Quale ruolo/spazio hanno le conoscenze nella formazione iniziale dei docenti? Qual è il modello culturale di riferimento? Riflessioni sullo Schema di regolamento sulla formazione iniziale degli insegnanti Il compito della preparazione disciplinare è prioritario nessun collegamento con la scuola superiore Il compito della preparazione disciplinare è prioritario nessun collegamento con la scuola superiore Campeggia limpostazione curriculare, anche nella laurea specialistica Campeggia limpostazione curriculare, anche nella laurea specialistica Manca la connessione scientifica sistematica tra la conoscenza disciplinare e la sua pratica dinsegnamento Manca la connessione scientifica sistematica tra la conoscenza disciplinare e la sua pratica dinsegnamento Persa qualsiasi possibilità di permeabilità tra le 3 scuole del primo ciclo Persa qualsiasi possibilità di permeabilità tra le 3 scuole del primo ciclo Rinuncia totale alla scelta di criteri intrinseci per la scuola dellinfanzia e primaria e atteggiamento domandista. Rinuncia totale alla scelta di criteri intrinseci per la scuola dellinfanzia e primaria e atteggiamento domandista.


Scaricare ppt "1 Quali sono le reali conoscenze necessarie agli insegnanti in servizio nella scuola dellautonomia? Prof.ssa Giuliana Sandrone Boscarino Cremona, 23 ottobre."

Presentazioni simili


Annunci Google