La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Incontro di accoglienza ai docenti neo-assunti nellA.S. 2012-2013 Faenza, 5 dicembre 2012 Doris Cristo Ufficio Studi UaT Ravenna.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Incontro di accoglienza ai docenti neo-assunti nellA.S. 2012-2013 Faenza, 5 dicembre 2012 Doris Cristo Ufficio Studi UaT Ravenna."— Transcript della presentazione:

1 Incontro di accoglienza ai docenti neo-assunti nellA.S Faenza, 5 dicembre 2012 Doris Cristo Ufficio Studi UaT Ravenna

2 Orientamenti operativi per lanno di prova-anno di formazione

3 La materia è disciplinata dalle seguenti norme: - Legge n. 270/1982 (istitutiva dellanno di formazione) - D.legs. N. 297/1994 (che lo disciplina) - D.P.R. 275/1999 (che trasferisce ai DS la competenza in materia di conferma in ruolo del personale docente) - CCNL 22 feb art. 68 (specifica formazione in ingresso)

4 Due elementi fondanti per la conferma in ruolo 1) Prestazione di servizio per almeno 180 giorni prestati nel corso dellA.S. sulla cattedra o sul posto per il quale è stata conseguita la nomina con affiancamento di un docente tutor

5 2) Attività di formazione

6 Nel caso in cui vi sia la partecipazione all attività di formazione, ma non siano compiuti i 180 giorni di servizio, il periodo di prova viene prorogato e rinviato allanno successivo senza lobbligo di ripetere il corso di formazione. Ciò può avvenire più volte senza limitazioni

7 In caso di prestazione dei 180 giorni di effettivo servizio e non assolvimento o parziale assolvimento dellanno di formazione, il periodo di prova può essere rinviato solo di un altro anno scolastico

8 Al fine della conferma in ruolo, i docenti al termine dellanno di formazione discutono una Relazione finale sulle esperienze e sulle attività svolte davanti al Comitato per la Valutazione del servizio.

9 Il Comitato per la Valutazione del servizio esprime un parere per la conferma in ruolo, parere obbligatorio, ma non vincolante

10 Il Dirigente Scolastico fornisce altri elementi di valutazione

11 La formazione in ingresso: è un obbligo contrattuale per lAmministrazione; si articola secondo due distinte modalità di intervento a) Attività dIstituto b) Incontri seminariali della durata non inferiore a 50 ore

12 Incontri seminariali: sono organizzati dagli Uffici Scolastici Provinciali, secondo le indicazioni e le linee dintervento definite dallUSR. La durata è indicata in 50 ore e la frequenza è obbligatoria. 25 ore sono da effettuarsi in presenza, le 25 restanti a distanza, tra loro interconnesse e inscindibili

13 Litinerario formativo in presenza consiste in un carnet di proposte: a) incontro di Accoglienza – 3 ore b) incontro DSA e BES – 3 ore c) incontro Indicazioni nazionali per il Curricolo d) presentazione piattaforma e istruzioni on line - 6 ore e) impegni a scelta dei corsisti da concordare a livello provinciale.

14 A titolo esemplificativo: d1) Indicazioni nazionali per il 1° ciclo e il 2° ciclo d2) Apprendimenti di base d3) La rilevazione degli apprendimenti d4) Sistema di valutazione d5) Eventuali iniziative di enti, associazioni, organizzazioni accreditati d6) Iniziative formative promosse da scuole e da reti di scuole

15 Litinerario formativo on line è proposto dallAgenzia Nazionale per lo Sviluppo dellAutonomia Scolastica. Il modello e-learning integrato, si basa sulla personalizzazione del percorso formativo (scelta individuale dei modi, tempi e oggetti su cui lavorare)

16 Il Direttore del corso e il docente- tutor della formazione possono integrare lattività da svolgere con la piattaforma ANSAS con momenti di riflessione e approfondimento alla presenza di esperti esterni

17 Al formando viene data la possibilità di costruire progressivamente le proprie conoscenze in un contesto collaborativo. I docenti sviluppano le conoscenze attraverso attività e il confronto con le esperienze professionali dei colleghi negli incontri in presenza

18 Piattaforma ANSAS Area Generale Tematiche: Autonomia Scolastica Valutazione Contesti di vita e Relazioni Tecnologia e Didattica Europa e Intercultura Disabilità e Disagio Approfondimenti disciplinari Lingua Straniera Metodo Montessori Indicazioni per il Curricolo Obbligo Scolastico

19 Le attività didattiche proposte da tutti gli ambienti di formazione sono di 2 tipologie: A. materiali di studio (biblioteca di supporti teorici e studi di caso) e attività di laboratorio (incentrati sul fare e lo sperimentare)

20 B. forum tematici (moderati da esperti del mondo dellUniversità e della scuola per linterazione e il confronto con tutti i corsisti iscritti in piattaforma) e attività proprie della classe virtuale (forum di classe e chat, moderati dalle- tutor per linterazione e il confronto con i compagni di classe)

21 Il collante fra classe reale e classe virtuale è le-tutor. Le-tutor è un docente che possiede competenze metodologico-didattiche, abilità organizzative e gestionali, competenze e abilità relazionali, competenze/abilità tecnologiche

22 Ogni gruppo di lavoro ha un proprio e-tutor che svolge i suoi compiti sia in presenza sia a distanza

23 Le-tutor ha il compito di con- validare gli elaborati inviati dai corsisti

24 Il Sistema dei Crediti Calcolo secondo modalità convenzionate delle ore svolte on line: 1 ora di lavoro = 2 crediti 1 attività = tot crediti

25 Le piattaforme tracciano le attività svolte dal corsista Al corsista viene assegnato un numero complessivo di 50 crediti da maturare attraverso le attività proposte e selezionate dal corsista Ognuno può decidere come totalizzarlo, scegliendo le attività on line che preferisce

26 I crediti vengono maturati attraverso: - invio di un elaborato a conclusione di ogni attività proposta ( crediti) - il download del materiale di studio (2 crediti) - la compilazione dei questionario iniziale e finale (2 crediti)

27 Laccesso alla piattaforma avviene con Username (C.F. utente) e Password (codice 6 cifre) solo dopo lassociazione alla classe virtuale da parte delle- tutor

28 Per informazioni


Scaricare ppt "Incontro di accoglienza ai docenti neo-assunti nellA.S. 2012-2013 Faenza, 5 dicembre 2012 Doris Cristo Ufficio Studi UaT Ravenna."

Presentazioni simili


Annunci Google