La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lo stomaco: la motilità. Il pacemaker gastrico Onda lenta Le onde lente sono generate dalla zona pacemaker (cellule longitudinali). Le cellule muscolari.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lo stomaco: la motilità. Il pacemaker gastrico Onda lenta Le onde lente sono generate dalla zona pacemaker (cellule longitudinali). Le cellule muscolari."— Transcript della presentazione:

1 Lo stomaco: la motilità

2 Il pacemaker gastrico Onda lenta Le onde lente sono generate dalla zona pacemaker (cellule longitudinali). Le cellule muscolari lisce dello stomaco si contraggono quando il livello di depolarizzazione dellonda lenta supera il livello soglia

3 Attività elettrica di cellule muscolari lisce appartenenti a diverse regioni gastriche Toniche Fino a 10 mmHg Fasiche Fino a 30 mmHg La frequenza delle onde elettriche gastriche è di circa 3/min, ma diminuisce verso il piloro

4 Controllo della motilità gastrica Costrizione pilorica e

5 Lo stomaco: le ghiandole

6 Ghiandole gastriche: i diversi tipi cellulari Cellule indifferenziate

7 Le secrezioni

8 Funzioni della secrezione gastrica Diluizione del chimo Lubrificazione del chimo Protezione della mucosa gastrica Digestione enzimatica delle proteine Attività biologiche di vario tipo (es. quella del Fattore intrinseco di Castle) Formazione di HCl Funzioni dellHCl Scinde tessuto connettivo e fibre muscolari Modifica losmolarità gastrica portandola a livello isoosmotico Attiva il pepsinogeno in pepsina Abbassa il pH al livello al quale è attiva la pepsina Impedisce la crescita batterica Stimola la produzione duodenale di secretina e pancreozimina che, a loro volta, inducono la secrezione pancreatica di bicarbonati ed enzimi

9 La suddivisione fisiologica dello stomaco Area cardiale Area del fondo e del corpo Area di transizione Area pilorica

10 Caratteristiche delle diverse aree fisiologiche Area cardiale (5%): ghiandole tubulari ramificate e spirali con cellule quasi esclusivamente mucose (muco, bicarbonato, pochi elettroliti) Area del fondo e del corpo (75-80%): ghiandole tubulari semplici con cellule mucose, cellule principali, cellule parietali ed enterocromaffini Area pilorica (15-20%): ghiandole tubulari ramificate con cellule mucose (poche), cellule D e cellule G

11 Principali caratteristiche del succo gastrico Acqua (oltre il 99,5%) Cloro Idrogeno Sodio Potassio Calcio Fosfati Proteine (glicoproteine, mucoproteine) Pepsine Lipasi Fattore intrinseco Il volume secreto è circa 2-3 L/dì, il pH è intorno a 2/3

12 Barriera mucosale gastrica (capacità di impedire la retrodiffusione di H+ dal lume al sangue) Fosfolipidi ad azione tensioattiva 1) Strato di muco/bicarbonato 2) Strato di cellule mucose di superficie 3) Flusso ematico microvascolare

13 Il muco: struttura

14 Lesione della barriera mucosale gastrica (da parte di antinfiammatori non steroidei, ad es. acido acetilsalicilico, o per disidratazione, ad es. da eccesso di alcool, o per ipersecrezione di HCl) 1) retrodiffusione di H+ in scambio con Na+ 2) diminuzione pH della mucosa 3) morte cellulare e liberazione di K+ nel lume 4) danno ai mastociti mucosali 5) liberazione di istamina 6)danno alla microvascolatura 7) ischemia, ipossia, stasi vasale, diffusione nel lume di proteine plasmatiche e sangue

15 Lesione della barriera mucosale da parte dellHelicobacter pylori LH.p. colonizza lo strato mucoso di stomaco e duodeno di circa il 40% degli individui Secerne proteine che inducono linvasione della mucosa da parte di macrofagi ed altre cellule immunitarie Determina gastrite cronica superficiale ed è responsabile praticamente di tutte le ulcere gastriche e duodenali non provocate da farmaci Può svilupparsi in ambiente acido perché contiene elevati livelli di ureasi, enzima che catalizza la conversione di urea in CO 2 e ammoniaca che tampona lacidità circostante

16

17 Le cellule parietali o ossintiche Cellula a riposoCellula in attività

18 Secrezione di HCl Consumo energetico = 1500 KCal/L

19 Attivatori della secrezione di HCl Istamina (II messaggero = cAMP), Gastrina e Ach (II messaggero = Ca++) promuovono: 1)la fusione delle membrane tubulovescicolari con formazione dei canalicoli 2)laumento dei canali per il Cl- e per il K+ cAMP Ca++ Cl

20 Controllo della secrezione di HCl - I _ Cellula EC Istamina +

21 Controllo della secrezione di HCl - II + SS H+ __

22 Sintesi del ruolo dellAch nella secrezione di HCl Agisce sulle cellule parietali: a) direttamente, tramite il sistema nervoso enterico b) indirettamente, tramite cellule di tipo endocrino Nel fondo: attiva le cell. parietali ( recettore M3) e le cell. enterocromaffini (EC) che, tramite listamina, stimolano a loro volta le cell parietali (recettore H2) Nellantro: 1) attiva le cell. G aumentando la produzione di Gastrina che andrà nel fondo ad attivare sia le cell parietali sia le cell EC; 2) inibisce le cell D riducendo la produzione di Somatostatina impedendo linibizione delle cell G

23 Fase cefalica Ingresso di cibo nello stomaco

24 Controllo della secrezione gastrica corteccia

25 Esperimenti di Pavlov: il falso pasto nel cane esofagostomizzato

26 Lo svuotamento gastrico Deve essere compiuto ad una velocità ottimale affinché lintestino tenue possa: a) neutralizzare il pH b) equilibrare losmolarità c) digerire il materiale alimentare d) assorbire i prodotti della digestione

27 Velocità di svuotamento gastrico E regolata per via nervosa e ormonale e dipende da: Volume Composizione Stato fisico del contenuto gastrico

28 Fattori che influenzano lo svuotamento gastrico - Lo svuotamento è direttamente proporzionale al volume del contenuto gastrico (Maggiore volume = maggiore svuotamento) - Il materiale liquido viene svuotato più velocemente di quello solido - Il ritardo di svuotamento del materiale solido (fase di latenza) corrisponde al tempo necessario per lo sminuzzamento da parte della pompa antrale - Nel duodeno passano prima le particelle di diametro inferiore - Le particelle con diametro superiore ai 7 mm passano nel duodeno grazie ai complessi motori migranti (MMCs) che caratterizzano il periodo interprandiale. ( I MMCs sono stimolati dalla Motilina, liberata dalle cell M di duodeno e digiuno) - I liquidi ipo- ed iper-tonici sono svuotati più lentamente degli isotonici - Alimenti ad alto contenuto calorico passano nel duodeno a minore velocità rispetto a quelli ad basso contenuto calorico - Lo svuotamento diminuisce al calare del pH gastrico e allaumentare di quello duodenale

29 Inibitori dello svuotamento gastrico Lacidità del chimo che arriva nel duodeno causa la liberazione di secretina che sia inibisce la motilità antrale sia aumenta la costrizione pilorica La presenza di prodotti della digestione lipidica nel duodeno determinano la liberazione da parte di duodeno e digiuno di Colecistochinina (CCK) La presenza di ac. grassi nel duodeno causa la liberazione da parte delle cellule K del duodeno del Peptide inibitore gastrico (GIP) La presenza di prodotti della digestione proteica causa inibizione sia in via riflessa (riflesso enterogastrico) sia perché determina liberazione di Gastrina, CCK, GIP Le soluzioni iperosmotiche in duodeno inibiscono liberando un enterogastrone non ancora identificato


Scaricare ppt "Lo stomaco: la motilità. Il pacemaker gastrico Onda lenta Le onde lente sono generate dalla zona pacemaker (cellule longitudinali). Le cellule muscolari."

Presentazioni simili


Annunci Google