La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Diocesi di Cremona Ufficio per la pastorale familiare La celebrazione e il rito del matrimonio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Diocesi di Cremona Ufficio per la pastorale familiare La celebrazione e il rito del matrimonio."— Transcript della presentazione:

1 Diocesi di Cremona Ufficio per la pastorale familiare La celebrazione e il rito del matrimonio

2 La celebrazione: realtà evangelizzante Proclamazione della buona novella dellamore coniugale In essa il matrimonio diviene segno e fonte di salvezza per i battezzati E annuncio della Parola che eleva lamore umano Costituisce nuove chiese domestiche La famiglia appare come limmagine dellinsondabile comunione della vita divina nella Trinità Manifesta la sua partecipazione al mistero dellamore di Cristo per la sua Chiesa Se inserito nella Liturgia dellEucaristia il matrimonio rivela lintimo legame con il sacrificio della nuova alleanza

3 La celebrazione: realtà ecclesiale Coinvolge lintera realtà ecclesiale in cui sono inseriti gli sposi (?) Di essa, infatti, gli sposi assumono lintrinseca missionarietà Nella celebrazione ognuno partecipa attivamente secondo il proprio ministero: –Gli sposi sono i ministri, soggetti della grazia del Sacramento –Il Sacerdote presiede ed è teste qualificato della Chiesa –I testimoni non sono solo garanti di un atto giuridico ma anche rappresentanti qualificati della comunità –I partecipanti sono membri di unassemblea che manifesta e vive il mistero di Cristo e della Chiesa

4 Il nuovo Rito del Matrimonio Nel 1990, il 19 Marzo, è stata promulgata la seconda edizione tipica dellOrdo celebrandi Matrimonium Essa è pensata e strutturata con contenuti e sequenze rituali essenziali affinchè ogni Chiesa particolare proceda alla loro inculturazione Perciò il nuovo rito è precisamente lADATTAMENTO per il nostro tempo e la nostra Chiesa italiana di quelledizione cui tutti devono attenersi Altri punti di riferimento: –Familiaris consortio (1981) –Direttorio di pastorale familiare per la Chiesa in Italia (1993) –Osservazioni di organismi e fedeli competenti

5 Criteri ispiratori 1.Significato specificatamente cristiano del matrimonio Unione coniugale: valore universale dellumanità Cristo ne fa il simbolo reale della nuova alleanza Il crocifisso risorto inserisce con il Battesimo ogni uomo nel corpo ecclesiale e santifica LA COPPIA Dona lo spirito perché gli sposi si amino con lo stesso amore del suo sacrificio pasquale Nel Rito si è tenuto presente tutto ciò –Offrendo una più ampia scelta di testi biblici –Dando indicazioni perché il matrimonio celebrato durante la messa faccia risplendere in pienezza la dimensione pasquale del mistero grande

6 2.Dimensione ecclesiale del Sacramento del Matrimonio La coppia diviene immagine viva del mistero della Chiesa e partecipa alla sua fecondità Trasmette il dono della salvezza di Cristo tramite il suo amore oblativo, fedele, indissolubile e fecondo Nellazione rituale risulta evidente tutto ciò: –Nei riti dingresso – matrimonio non fatto privato ma fatto di Chiesa – –Nella memoria del Battesimo si richiama come il consenso che gli sposi esprimeranno si fonda sul loro sacerdozio battesimale, quindi è una realtà ecclesiale –Il consenso è la risposta ad una parola damore che, in quanto proveniente da Dio, li precede

7 3.La presenza dello Spirito nel matrimonio cristiano Nei testi eucologici è sempre presente il riferimento allo Spirito Anche la scelta di anticipare la benedizione degli sposi, con le mani stese sul loro capo, indica la forza operante dello Spirito nel Sacramento (vd. possibilità delluso del velo) La benedizione infatti è atto di riconoscenza al Dio della creazione e dellalleanza, è memoria di Cristo-sposo, è invocazione dello Spirito che realizza il mistero nellatto celebrativo

8 4.La gradualità nel cammino di fede e nellesperienza di Chiesa La maggioranza (?) di chi chiede il Matrimonio: –non ha un chiaro orientamento cristiano –non vive una vera appartenenza alla chiesa –non rifiuta esplicitamente la fede In questi casi si può prevedere di celebrare il Matrimonio extra Missam Si tratta della celebrazione del Matrimonio durante la liturgia della Parola (non è matrimonio di serie B, ma cerca di rispettare la gradualità di accostamento alla fede) I gesti liturgici scelti intendono orientare, comunque, verso lEucaristia, pienezza della celebrazione della Parola –Memoria del Battesimo –Scambio della pace –Consegna della Bibbia

9 5.Ministerialità degli sposi nella celebrazione Gli sposi nellesprimere il consenso sono ministri della grazia di Dio Essi la vivono partecipando attivamente ai diversi momenti della celebrazione –Partecipazione alla processione al Fonte Battesimale –Il bacio o la venerazione del Vangelo –Possibilità di scegliere formule diverse per esprimere il consenso –Possibilità di scegliere formule diverse per la benedizione –Presentazione delle offerte allaltare

10 6.Dalla celebrazione del Sacramento alla vita di coppia e di famiglia Dopo la celebrazione gli sposi sono chiamati a vivere quotidianamente la grazia del Sacramento Deve aumentare la consapevolezza di essere stati inseriti nel circuito dellamore trinitario Il cammino delle giovani coppie deve essere di natura mistagogica affinché siano aiutati a far memoria e a vivere il dono e la grazia del Matrimonio Il Lezionario del nuovo Rito contiene 82 brani della Parola di Dio e può utilmente costituire lo strumento idoneo a compiere un itinerario mistagogico

11 Principali novità del nuovo Rito Da Io prendo te a Io accolgo te –In primo piano laspetto del dono pur non attenuando quello di compito –Laltro non è possesso: Dio consegna gli sposi luno allaltra ed essi si ricevono dalle mani del Creatore Inserimento dellespressione con la grazia di Cristo La formula dialogata –La promessa formulata insieme è espressione di volontà univoca e di reciproco riconoscimento

12 La memoria del Battesimo Possibilità di anticipare la benedizione dopo lo scambio degli anelli invece che dopo il Padre Nostro Il consenso è collocato tra la memoria del battesimo e la benedizione Inserimento di una nuova formula di benedizione (trinitaria ed escatologica) Ampliamento del Lezionario (82 letture) Possibilità di celebrare il matrimonio durante la Liturgia della Parola –Attenzione a quanti pur non vivendo una piena appartenenza alla vita della Chiesa desiderano la celebrazione religiosa e, in quanto battezzati, ne hanno diritto –La scelta di questo tipo di celebrazione va maturata tra il Parroco e i nubendi


Scaricare ppt "Diocesi di Cremona Ufficio per la pastorale familiare La celebrazione e il rito del matrimonio."

Presentazioni simili


Annunci Google