La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 1 Lezioni del 13 e 15 nov. 2000 La funzione di produzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 1 Lezioni del 13 e 15 nov. 2000 La funzione di produzione."— Transcript della presentazione:

1 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 1 Lezioni del 13 e 15 nov La funzione di produzione

2 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 2 Rappresentazione del ciclo operativo di gestione Approvvigion. Lavoro Materiali Capitali Produzione Vendita Beni Servizi

3 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 3 Temi di discussione A) Evoluzione della funzione di produzione B) Dalla progettazione del sistema alla gestione operativa: i diversi modelli C) Il process management D) Programmazione della produzione E) Gestione delle scorte e controllo della produzione

4 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 4 A) EVOLUZIONE DELLA FUNZIONE DI PRODUZIONE Premessa: la necessità di raccordare aspetti tecnologici ed organizzativi Evoluzione definita dal passaggio dalla produzione artigianale alla produzione di massa e poi alla produzione di varietà Rilevanza delle condizioni del contesto economico (domanda, offerta e tecnologie)

5 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 5 A.1) Caratteristiche della produzione artigianale Unicità del prodotto e variabilità dei costi e della prestazione Assenza di ripetitività dei cicli di produzione e valore dellesperienza pratica Conoscenze di tipo tecnico non codificate dellartigiano e non replicabili Prevalenza del lavoro umano su quello delle macchine

6 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 6 A.2) Caratteristiche della produzione di massa Significato della c.d. rivoluzione industriale: replicabilità del sapere tecnico Standardizzazione del prodotto e del processo produttivo attraverso la divisione del lavoro e la specializzazione dei compiti Organizzazione scientifica del lavoro (taylorismo): ripetitività dei cicli (es.Ford) 1914: catena di montaggio nelle auto

7 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 7 A.3) Sviluppo della produzione di massa Sviluppo del modello della produzione di massa fino agli anni 70 –aumento delle dimensioni degli impianti –elevato grado di integrazione verticale –crescita della produttività del lavoro –aumento delle macchine c.d. dedicate –aumento dei volumi di produzione per conseguire economie di scala

8 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 8 A.4) Oltre la produzione di massa: la produzione di varietà Affermazione di una nuova logica: ampliare la varietà dei prodotti attraverso la flessibilità dei sistemi produttivi (es. Intel o ST Microlectronics) Introduzione dei sistemi di automazione flessibile, di tecnologie informatiche, di sistemi di scambio di informazioni Verso modelli di produzione snella (es. Benetton, Nike…) tipici del post-fordismo

9 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 9 Circuito della produzione di massa Produzione di massa Riduzione dei costi unitari Riduzione dei prezzi Ampliamento del mercato dei prodotti di massa Stabilità della domanda Uniformità dei consumi Lungo Ciclo di Vita dei Prodotti Controllo degli input Controllo della domanda

10 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 10 Circuito della produzione di varietà Produzione di varietà Nuovi prodotti Riduzione del CVP Riduzione dei tempi di sviluppo di nuovi prodotti DOMANDA INSTABILE E FRAZIONATA IN NICCHIE Segmentazione dei mercati Eterogeneità dei bisogni Personalizzazione e qualità

11 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 11 Modello di impresa fordista Approvvigion. Lavoro Materiali Capitali Produzione Vendita Beni Servizi

12 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 12 Modello di impresa fordista Approvvigion. Lavoro Materiali Capitali Produzione Vendita Beni Servizi

13 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 13 Modello di impresa post-fordista Approvvigion. Lavoro operaio MaterialiCapitali Produzione Vendita Beni Servizi Impresa snellacome centro di competenze

14 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 14 B) Dalla progettazione del sistema alla gestione operativa Progettazione del sistema di produzione –dimensionamento della capacità produttiva –definizione del processo produttivo layout tecnologia degli impianti livello di automazione –organizzazione delle risorse fisiche –organizzazione delle risorse umane –…..

15 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 15 B) Dalla progettazione del sistema alla gestione operativa La gestione operativa della produzione –pianificazione della produzione –programmazione della produzione –controllo della produzione –gestione dei materiali e delle scorte –gestione della qualità –….

16 Prof.Rosario Faraci Le decisioni strategiche di produzione devono guidare le scelte di progettazione della funzione di produzione ORIENTAMENTO ALLA CUSTOMER SATISFACTION Miglioramenti continui + Attività di ricerca e sviluppo + Tecnologie avanzate + Integrazione di uomini e sistemi Prerequisiti strutturali Costi + Qualità + Capacità di mantenere impegni + Flessibilità + Time to market + Livello di servizio Le sei dimensioni di competitività CUSTOMER SATISFACTION Modello di Noori & Redford

17 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 17 B.1) I modelli di produzione Hayes e Wheelwright (1979) Produzione su progetto Produzione su commessa Produzione a lotti Produzione in linea –a ritmo determinato dalla manodopera –a ritmo determinato dalla macchina Produzione a flusso continuo

18 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 18 Significato della classificazione di Hayes e Wheelwright Legame tra CVP e tecnologie di processo produttivo Verifica della compatibilità tra scelte di prodotto e scelte di processo Evoluzione del prodotto, del mercato e della concorrenza comporta anche levoluzione del processo produttivo

19 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 19 PRODOTTO FLUSSIPRODUTTIVI Volumi prodotti Varietà modelli RigiditàflussiRigiditàflussi RegolaritàflussiRegolaritàflussi Uno o pochi prodotti x tipo Bassi volumi molti prodotti Alti volumi e alcuni prod. princ. Altissimi volumi prodotto standard Flussi irregolari singoli processi debolmente colleg. Flussi irregolari con flusso domin.. Flusso lineare: - ritmo determinato dalla manopera - ritmo determinato dalla macchina Flussi continui e rigidi; processi strettam.collegati Produzione su progetto commessa Produzione a lotti Produzione in linea Produzione a flusso continuo

20 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 20 PRODOTTO FLUSSIPRODUTTIVI Volumi prodotti Varietà modelli RigiditàflussiRigiditàflussi RegolaritàflussiRegolaritàflussi Uno o pochi prodotti x tipo Bassi volumi molti prodotti Alti volumi e alcuni prod. princ. Altissimi volumi prodotto standard Flussi irregolari singoli processi debolmente colleg. Flussi irregolari con flusso domin.. Flusso lineare: - ritmo determinato dalla manopera - ritmo determinato dalla macchina Flussi continui e rigidi; processi strettam.collegati Tipografia commerciale Fornitori specializzati di macchinari Montaggio di autovetture Raffineria di petrolio

21 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 21 C) Il process management Le scelte di progettazione del sistema produttivo riguardanti –C.1) Il prodotto –C.2) Il processo produttivo –C.3) Il layout degli impianti –C.4) Il lavoro e le mansioni (aspetto organizz.)

22 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 22 C.1) Le caratteristiche del prodotto Il prodotto può essere a struttura semplice o a struttura complessa. Distinzione fra produzioni per processo (produzione di carta, raffinazione del petrolio, lavorazioni nella chimica,…) e produzioni per parti (fabbricazione + montaggio come nella produzione di auto)

23 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 23 C.2) La progettazione del processo La progettazione del sistema produttivo dipende dalle modalità di risposta alla domanda... –Make to stock (problemi di gestione di magazzino) –Make to order (assenza di magazzino) –Assemble to order (gestione modulare magazzino) … e dalle modalità di predisposizione dellofferta –produzioni unitarie (es: cantieristica navale) –produzioni intermittenti (o a lotti) –produzioni continue (es: produzione di cemento)

24 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 24 C.3) La progettazione del layout Il layout è la disposizione fisico- tecnica degli impianti, attrezzature, macchine,… –Layout per processo o per reparto (es: reparto di tornitura, alesatura, fresatura) –Layout per prodotto o in linea –Layout a gruppi tecnologici o celle di produzione (aree ad omogeneità tecnologica) –Layout a posto fisso (es: cantieri edili)

25 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 25 Layout per reparto A C

26 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 26 Layout per gruppi tecnologici A B C D

27 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 27 Layout in linea C

28 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 28 D) Programmazione della produzione Programmazione della produzione –di lungo, medio e breve periodo Complesso di decisioni e di attività che permettono di armonizzare gli ordini di produzione ricevuti o le previsioni di vendita definite dalla funzione commerciale con le potenzialità del sistema di produzione

29 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 29 D.1) Fasi della programmazione della produzione Programmazione aggregata della produzione: impegni di risorse che limpresa deve predisporre per far fronte agli ordini e/o alle previsioni di domanda Scelta della politica produttiva da adottare –Livellamento della produzione (def. standard) –Inseguimento della domanda (elasticità)

30 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 30 D.1) Fasi della programmazione della produzione - (continua) Definizione del Piano Principale di Produzione (Master Production Schedule) –Individuazione di items, famiglie, tipi di prod. –Definizione della distinta di base per i prod. a struttura complessa –Individuazione dei costi costi fissi, variabili, di manopera ordinaria e straordinaria, di subfornitura, di scorta,...

31 Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 31 D.1) Fasi della programmazione della produzione - (continua) Scheduling operativo (tempificazione) –programma per settimana lavorativa o per singolo turno –sequenziamento del lavoro rispetto alle macchine –controllo delle macchine


Scaricare ppt "Prof.Rosario Faraci Economia e Gestione delle Imprese Slide n. 1 Lezioni del 13 e 15 nov. 2000 La funzione di produzione."

Presentazioni simili


Annunci Google