La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Roma, 8 Ottobre 2010 PRIN 2008-2010 Coordinatore: M. Beatrice Ligorio, Annese S., Conte M., Cucchiara S., Daprile G., Grimaldi D., Loperfido F., Ritella.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Roma, 8 Ottobre 2010 PRIN 2008-2010 Coordinatore: M. Beatrice Ligorio, Annese S., Conte M., Cucchiara S., Daprile G., Grimaldi D., Loperfido F., Ritella."— Transcript della presentazione:

1 Roma, 8 Ottobre 2010 PRIN Coordinatore: M. Beatrice Ligorio, Annese S., Conte M., Cucchiara S., Daprile G., Grimaldi D., Loperfido F., Ritella G., Sansone N., Smiraglia S., Spadaro P., Traetta M., Unità locale Bari Cassino

2 Costruire e sperimentare un modello di formazione blended in cui il processo di apprendimento coinvolga processi identitari, di appartenenza e di costruzione collettiva di artefatti culturali Obiettivo dellUnità Bari-Cassino Università di BariUniversità di Cassino Sistematizzazione di un sistema di analisi che consideri congiuntamente dinamiche psicoeducative e dinamiche psicosociali

3 CASSINO BARI Contesti Università di BariUniversità di Cassino Insegnamento: Psicologia sociale delle comunicazioni di massa (modalità blended) Popolazione di riferimento: 250 iscritti alla modalità online. Studenti di sociologia e culture digitali al terzo anno. Ambienti online: BLOG, EBOOK, FACEBOOK Attività off line: lezioni in presenza Attività online: Blog:discussioni tematiche sulla lezione del giorno caricata online dal docente; Ebook: lavori di gruppo altamente strutturati (sintesi critica, costruzione di glossario, preparazione domande per test finale) Facebook: area informale e non strutturata per caricare materiali ed agevolare le interazioni tra colleghi Insegnamento: Psicologia delleducazione e dellelearning (modalità blended) Popolazione di riferimento: 40 studenti del corso di laurea magistrale in Psicologia dellorganizzazione e della comunicazione al secondo anno. Ambienti online: Synergeia Attività off line: lezioni in presenza, seminari Attività online: discussioni tematiche su domande di ricerca concordate con il docente; attività individuali strutturate (scrittura di review, compilazione delleportfolio); lavori di gruppo finalizzati alla creazione di artefatti di gruppo (strutturati attraverso assegnazione di ruoli e definizione del calendario di attività per ogni modulo); area informale e non strutturata per caricare materiali ed agevolare le interazioni tra colleghi.

4 Oggetti dellindagine Università di BariUniversità di Cassino Stili di partecipazione e apprendimento Competenze trasversali Ruolo del tutoring Efficacia del Blended

5 Università di BariUniversità di Cassino Strumenti comuni E-portfolio Aspettative Il meglio di me Autovalutazioni Riflessioni sulle aspettative Schede di auto-valutazione Utilità lavoro di gruppo Abilità di studio trasversali Partecipazione Questionario Capacità e conoscenze Attività e strumenti Valutazione blended Valutazione formativa Discussioni tematicheDiscussioni online sui contenuti del corso Artefatti prodotti dai discenti Review Mappe Griglie di osservazione …

6 Università di BariUniversità di Cassino 1.Stili di partecipazione e apprendimento 1° Sotto-obiettivo: analisi delle dinamiche di apprendimento e delle interazioni comunicative allinterno dei prodotti dei discenti. DatiMetodoStato dellarte - Risultati Artefatti costruiti dagli studenti Analisi del contenuto. SNA Durante il corso gli studenti citano sempre più artefatti (out- inclusiveness), costruendo un network cognitivo più complesso e comprensivo di una varietà di artefatti; il processo di apprendimento si sposta da una strategia tradizionale di apprendimento dei contenuti proposti dal docente ad una strategia più attiva ed aderente alle richieste collaborative del corso. Discussioni tematiche; questionari Analisi qualitativa. Analisi statistica comparata dei questionari. La partecipazione non dipende dalla tecnologia in sé (più o meno facilitante) quanto dalle condizioni normative (indotte e/o co-costruite) di utilizzazione degli artefatti e dal peso che la valutazione delle interazioni online riveste ai fini del giudizio conclusivo. La percezione dellesperienza e del vantaggio duso dellartefatto tecnologico si basa su tre diverse logiche: 1. strumentale, ragionamento del tipo mezzi-fini e considerazioni personali sulla utilità pratica percepita; 2. normativa, desiderio di conformarsi a norme sociali; 3. sociale, desiderio di appartenere al gruppo.

7 Università di BariUniversità di Cassino 1.Stili di partecipazione e apprendimento 1° Sotto-obiettivo: analisi delle dinamiche di apprendimento e delle interazioni comunicative allinterno dei prodotti dei discenti. DatiMetodoStato dellarte - Risultati Questionari Analisi statistica comparata dei questionari. 4 Componenti principali riconducibili a quattro stili di partercipazione: Orientamento al compito Orientamento individuale (al Sé) Orientamento ai colleghi Orientamento agli approfondimenti Cronbach's Alpha=,886 F=254,794 Sig=,000 Discussoni online e offline; inzio e fine corso Riformulazio ni Online: I-position sono costruiti attraverso il riferimento sia ad altri singolarmente che alla comunità Offline: è più marcata la contrapposizione tra gruppi Inizio corso: gruppo è usato strategicamente per sostenere posizioni individuali Fine corso: emerge una voce collettiva e un we-position co-costruito

8 Università di BariUniversità di Cassino 1.Stili di partecipazione e apprendimento 2° Sotto-obiettivo: osservazione e categorizzazione dei processi di costruzione dellidentità ed implicazioni sulla partecipazione. DatiMetodoStato dellarte - Risultati DiscussioniAnalisi del contenuto. PNA Per quanto riguarda i livelli identitari: -nelle discussioni intergruppi, abbiamo riscontrato una netta differenza tra il contesto interattivo online e quello offline: nel contesto online è prevalente il livello individuale mentre nel contesto offline il livello interpersonale - nelle discussioni intragruppo si assiste ad un maggiore equilibrio tra i due contesti interattivi Focus groupAnalisi del discorso attraverso metodo dialogico Dai risultati emerge che la partecipazione al corso blended viene efficacemente elaborata dagli studenti in termini di costruzione collaborativa di cronotopi polifonici. All'inizio del corso la salienza è data a posizionamenti individuali e ad un confronto fra il nuovo corso e quelli passati. Nelle focus finali gli studenti fanno riferimento a nuovi posizionamenti identitari che hanno maturato durante il corso e che assumono senso rispetto alla situatività del corso stesso.

9 Università di BariUniversità di Cassino 1.Stili di partecipazione e apprendimento: 3° Sotto-obiettivo: individuazione dei processi metacognitivi degli studenti e conseguente costruzione di categorie metacognitive. DatiMetodoStato dellarte - Risultati E- portfolio Analisi qualitativa del contenuto sulle riflessioni online dei discenti 40 eportfoli con ampi gradi di variabilità (quantità note inserite - qualità e densità delle riflessioni) e contenenti dati importanti riguardanti le strategie di autopresentazione e la costruzione dell´identità. Le note contenenti le aspettative iniziali e le riflessioni di fine corso presentano una forte componente metacognitiva. Gli artefatti inseriti come rappresentativi del proprio lavoro online non sempre sono stati prodotti individuali, molti eportfoli contengono anche artefatti collettivi a cui lo studente ha percepito di aver dato un contributo importante e/o che sono sembrati il risultato di un lavoro di gruppo ben riuscito. Thinkin g Aloud individu ale Analisi del contenuto a) Nelle registrazioni di inizio corso il pensiero appare multidimensionale; gli studenti descrivono le attività che stanno svolgendo collettivamente attuando processi di metariflessione su di esse; b) nelle registrazioni di fine corso gli studenti finalizzano la partecipazione alle attività rispetto alla costruzione dell'artefatto collettivo. Quindi, si passa da una ampia multidimensionalità che riguardava anche attività esterne al corso a dimensioni più strettamente focalizzate sul corso stesso e sulle attività da portare a termine.

10 Università di BariUniversità di Cassino Competenze trasversali: indagare le capacità relative alluso delle tecnologie, alle interazioni, alla performance e le conoscenze dominio specifico Dati MetodoStato dellarte QuestionarioPaired simple test (t test) I risultati mostrano che: a)la differenza tra le medie nella dimensione delle capacità relative: - uso tecnologie, -interazioni, - performance all'inizio e alla fine del corso è significativa (<0.5) per un livello di confidenza del 95%; b)la dimensione attività-strumenti; in particolare, i livelli di correlazione pre-post sono alti su quasi tutti i temi del corso. Dall'analisi dei questionari, dunque, emerge un significativo innalzamento negli studenti sia per la dimensione delle competenze che per le conoscenze.

11 Università di BariUniversità di Cassino Ruolo del tutoring > misurare limpatto della tutorship sulla comunità di apprendimento DatiMetodoStato dellarte - Risultati Discussioni e prodotti dei discenti Analisi del contenuto. SNA Dallanalisi dello stile di tutoraggio emerge come la tutorship socializzata impatti sullo stile di partecipazione determinandone sia un incremento quantitativo che qualitativo determinando interazioni più supportive e metacognitive.

12 Università di BariUniversità di Cassino Efficacia del Blended DatiMetodoStato dellarte Discussioni online Analisi del contenutoSono stati individuati alcuni indicatori in grado di supportare e testimoniare lintegrazione tra attività online e offline: - suddivisione in gruppi non troppo numerosi (max 6-7); -articolazione delle discussioni intragruppo/intergruppi; -role-playing. QuestionariAnalisi della: -Relazione on/off line -Differenza con corsi offline Gli studenti dichiarano di aver avuto necessità di incontrarsi in presenza per organizzare il lavoro nel primo modulo (spesso: 37,2% vs 16,4%) in misura decisamente maggiore rispetto alla successiva attività (mai: 7,4% vs 30,8%). Per oltre l83%, la differenza più significativa tra questo corso e altri corsi è che la modalità proposta permetta di collaborare e che agevoli lapprendimento attraverso la discussione (per il 70,5% degli studenti)


Scaricare ppt "Roma, 8 Ottobre 2010 PRIN 2008-2010 Coordinatore: M. Beatrice Ligorio, Annese S., Conte M., Cucchiara S., Daprile G., Grimaldi D., Loperfido F., Ritella."

Presentazioni simili


Annunci Google