La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Leishmaniosi Viscerale del Mediterraneo Malattia sostenuta da L. infantum, zimodema viscerotropo MON 1 Serbatoio cani, volpi Vettore Phlebotomus perniciosus,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Leishmaniosi Viscerale del Mediterraneo Malattia sostenuta da L. infantum, zimodema viscerotropo MON 1 Serbatoio cani, volpi Vettore Phlebotomus perniciosus,"— Transcript della presentazione:

1

2

3

4 Leishmaniosi Viscerale del Mediterraneo Malattia sostenuta da L. infantum, zimodema viscerotropo MON 1 Serbatoio cani, volpi Vettore Phlebotomus perniciosus, Ph. Major, Ph. Ariasi (trasmissione dellinfezione tra maggio e settembre) La Leishmania si localizza nel SRE (fegato,milza,midollo osseo) è molto raro il riscontro nel sangue periferico Il flebotomo non può acquisire linfezione dalluomo ammalato, che non è fonte di infezione

5

6

7

8

9

10

11 Patogenesi FAGOCITOSI -- amastigoti DIFFUSIONE DELLE LEISHMANIE ATTRAVERSO CELLULE MONOCITO- FAGOCITICHE INFEZIONE DIFFUSA DEI TESSUTI RETICOLO-ISTIOCITARI AUTOLIMITAZIONE (infezione asintomatica o paucisintomatica) IPERPLASIA INCONTROLLATA DEL S.R.E. DEPLEZIONE DEL TESSUTO LINFOIDE INOCULO DEI PROMASTIGOTI NELLUOMO LEISHMANIOSI VISCERALE

12 Risposta immunitaria Linfociti CD4 Risposta TH1 (cellulo-mediata) Produzione IFNγ e IL2 Eradicazione dellinfezione Risposta TH2 (umorale) Produzione IL4 e IL10 Malattia ?

13 Phlebotomus papatasii

14 LEISHMANIOSI VISCERALE SERBATOI CANI GATTI SCOIATTOLI GERBILLO ZIBETTO VOLPE SCIACALLO

15

16

17

18 LEISHMANIA DONOVANI

19

20

21

22

23

24

25

26 Cumulative incidence of Human VL in the period

27 LEISHMANIOSI VISCERALE EPIDEMIOLOGIA N. CASI FRANCIA PORTOGALLO SPAGNA ITALIA SICILIA OMS

28

29 LEISHMANIOSI VISCERALE IN HIV+ Infezione da HIV in 52-70% dei casi di Leishmaniosi viscerale Leishmaniosi viscerale in 2-10% dei pazienti con AIDS MARTY 1998

30 LEISHMANIOSI VISCERALE Clinica evidente Infezione asintomatica INDIA1100 SUDAN 1 30 BRASILE110 SICILIA16

31 LEISHMANIOSI VISCERALE ASPETTI CLINICI Incubazione 1-8 mesi Febbre 100% Perdita peso 70% Tosse secca 30% Dolori addominali 30% Turbe dispeptiche 30% Diarrea 10% Epatomegalia 75% Splenomegalia 90% Linfoadenomegalia 40% BRYCESON 1996

32 LEISHMANIOSI VISCERALE PARAMETRI BIOUMORALI Anemia normocitica 100% Leucopenia 95% Piastrinopenia 90% Ipertransaminasemia<2N 50% Ipertransaminasemia>2N 10% Ipergammaglobulinemia 80% Ipoalbuminemia 45% Bryceson 1996

33 LEISHMANIOSI VISCERALE Aspetti clinici in rapporto alla specie L.DonovaniL.Infantum Incubazione <2 mesi 35%20% Esordio brusco 10%70% Febbre elevata>38 50%90% Linfoadeno megalia 30%26% Desjeux 2002

34 LEISHMANIOSI VISCERALE ASPETTI CLINICI IN ADULTI E BAMBINI BAMBINIADULTI Febbre >3870%100% Sp lenomegalia 100%90% Epatomegalia 100%70% Tosse 100%10% Dolori addome 50%18% Minodier 1999

35

36 LEISHMANIOSI VISCERALE Complicanze in adulti e bambini BAMBINIADULTI Sovrainfezioni50%20% S. emofagocitica20%0% Emorragie20%2% Ins. renale20%2% Shock3%1% Minodier 1999

37 LEISHMANIOSI VISCERALE Cause di morte Causa N° Morti% Infezioni3242 Emorragia1621 Ins. epatica1217 Emorr.+infezione1013 Anemia severa87 Marcia, 2004

38 MANIFESTAZIONI INFETTIVE SOVRAPPOSTE A LEISHMANIOSI VISCERALE Otite media acuta 35% (Str.pneumoniae) Polmonite 30 % (Str.pneumoniae) Tbc polmonare 20% (Myc. Tbc) Infezioni vie urinarie 10% (E. Coli) Dissenteria 2 % (Salmonella, Shigella) Sundar 1999

39

40

41

42

43 LEISHMANIOSI VISCERALE DIAGNOSI MICROSCOPICA Sensibilità % Aspirato midollare Aspirato splenico Biopsia epatica Aspirato linfonodale Desjeux 2000

44

45 AMASTIGOTI DI L. infantum

46 LEISHMANIOSI VISCERALE DIAGNOSI Coltura del materiale biologico Fase solida: NNN (4 settimane a 22°C) Fase liquida: sangue di coniglio defibrinato (3 settimane a 26°C) Dedet 1990

47 LEISHMANIOSI VISCERALE DIAGNOSI PCR SUL MATERIALE BIOLOGICO Sensibilità 99% Specificità 90% Antinori 2002

48 TERAPIA Antimonio Pentavalente (Sb 5 ) im./ev. 20 mg Sb 5 /Kg/die x giorni eff.coll.: nausea, vomito, iperamilasemia, ipoK,slivellamento S-T, inversione T, allungamento Q-T, aritmie, nefrotossicità Amfotericina B ev. 0,5 mg/Kg a giorni alterni x 14 somm. eff.coll.: ipoK, insuff.renale, trombosi venosa, febbre

49 TERAPIA Amfotericina B Liposomiale ev. 3 mg/Kg/die gg eff.coll.: lieve iperamilasemia Amfotericina B formul.lipidica ev. 2 mg/Kg/die x 5-7 gg. eff. coll.: febbre, trombosi venosa,iperamilasemia Aminosidina ev. 15 mg/Kg/die x 20 gg. eff. coll.: ototossicità, nefrotossicità IFN gamma uso sperimentale

50 TERAPIA CON ANTIMONIALI NELLA LEISHMANIOSI Incidenza eventi avversi: 44% Eventi riportati: aritmie, nefropatia, miopatia % successo terapeutico:75% % relapses: 8% Minodier, 2000

51 TERAPIA CON AMFOTERICINA LIPOSOMIALE NELLA LEISHMANIOSI Posologia: mg/kg Somministrazione: 1°- 5° giorno + 10° giorno Efficacia: 97% (1 relapse). Da valutare: regime di due giorni a 20 mg/Kg Minodier, 2005


Scaricare ppt "Leishmaniosi Viscerale del Mediterraneo Malattia sostenuta da L. infantum, zimodema viscerotropo MON 1 Serbatoio cani, volpi Vettore Phlebotomus perniciosus,"

Presentazioni simili


Annunci Google