La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dolori retrosternali Infarto. Il cuore Il cuore: è una potente pompa muscolare è una potente pompa muscolare è grande come un pugno è grande come un pugno.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dolori retrosternali Infarto. Il cuore Il cuore: è una potente pompa muscolare è una potente pompa muscolare è grande come un pugno è grande come un pugno."— Transcript della presentazione:

1 Dolori retrosternali Infarto

2 Il cuore Il cuore: è una potente pompa muscolare è una potente pompa muscolare è grande come un pugno è grande come un pugno è il muscolo più efficiente del nostro corpo è il muscolo più efficiente del nostro corpo Rifornisce di sangue tutti gli organi e tutte le cellule Rifornisce di sangue tutti gli organi e tutte le cellule Pompa da 5 a 6 litri di sangue/min nel sistema vascolare Pompa da 5 a 6 litri di sangue/min nel sistema vascolare Batte da 60 a 90 volte al minuto Batte da 60 a 90 volte al minuto

3

4

5 Vasi coronari L'arco aortico è in rosa. L'arco aortico è in rosa. AD - Discendente anteriore C - Circonflessa D - Diagonali OM - Ottusa margina PD - Discendente posteriore

6 Consigli dati dalla fondazione svizzera di cardiologia alla popolazione Chiamare senza indugio, cioè al più tardi 30 minuti dopo che si sono manifestati i primi sintomi, il servizio di pronto soccorso: centrale 144 valido in tutti i Cantoni. Comunicare al telefono lindirizzo dove intervenire, cognome nome ed età del/la paziente. Insistere che il soccorso arrivi immediatamente. Adagiare il/la paziente su un letto o su un divano, con la parte superiore del corpo sollevata. Se è troppo pesante e giace al suolo mettergli/le dei cuscini e delle coperte sotto la testa, la nuca e la schiena. Slacciare gli indumenti che stringono, la cravatta o il reggiseno. se disponibili, somministrare al/la paziente della nitroglicerina (spray o capsule – fino a 3 in 10 minuti) e unAspirina. Se succede di notte, illuminare labitazione, la tromba delle scale e la porta di casa e pregare un vicino di aspettare lautoambulanza davanti alla casa. in caso di arresto cardiaco (polso e respirazione non sono più percettibili), Se la si conosce iniziare subito la tecnica di rianimazione cardiopolmonare, oppure (se disponibile) adoperare il defibrillatore.

7 Segnali di pericolo in persone sane fino a quel momento dolore costrittivo, opprimente o bruciante al petto, che dura da 2 a 15 minuti o più manifestazione dopo sforzo fisico, agitazione, dopo un pasto abbondante o per il freddo

8 Segnali di pericolo in persone che soffrono di angina pectoris Crisi più frequenti, più forti, di maggior durata e che si verificano persino in condizioni di riposo i dolori non scompaiono dopo aver preso nitroglicerina

9 Sintomo non allarmante breve fitta nella gabbia toracia localizzabile con un solo dito (questo dolore non proviene dal cuore ed è generalmente innocua)

10 Infarto miocardico Se lapporto di sangue a una parte del muscolo cardiaco (miocardio) è insufficiente o addirittura assente a causa dellocclusione di unarteria coronarica da parte di un coagulo si ha la morte del tessuto muscolare = infarto

11 Infarto miocardico È la necrosi del tessuto muscolare cardiaco, conseguente a unostruzione prolungata di una o più delle arterie coronarie con riduzione critica della perfusione dellorgano in toto o di una sua parte. la riduzione è acuta ma il processo patologico a cui si accompagna può datare da tempo: la causa principale dellinfarto miocardico è, infatti, una trombosi; meno frequentemente, uno spasmo coronarico; in entrambi gli eventi, tuttavia, si verificano preferenzialmente a livello di preesistenti lesioni di natura aterosclerotica della parete vasale. Trombosi e spasmo possono, peraltro, coestistere e influenzarsi a vicenda.

12 Sintomatologia dellinfarto miocardico dolore costrittivo, opprimente o bruciante nella regione dello sterno o del cuore dolore che può irradiarsi al collo, alla mandibola, alle braccia e alle spalle oppure alla parte alta del ventre (epigastrio) nausea, vertigini, senso di debolezza, accessi di sudorazione, difficoltà di respirazione, polso irregolare stato di angoscia, pallore del viso dolori che durano almeno 15 minuti

13 Fattori di rischio Il principale fattore di rischio è rappresentato da una preesistente cardiopatica ischemica da coronaropatia aterosclerotica, ma nel 50% circa dei casi linfarto può essere la prima manifestazione in assoluto di una coronaropatia.

14 Altri fattori di rischio Fattori che aumentano il rischio di infarto: le dilipidemie (in part. lipercoleterolemia) lipertensione arteriosa il fumo di sigaretta il diabete mellito il sesso maschile unetà compresa tra i 50 e i 60 anni a questi si aggiungono: familiarità, obesità, inattività fisica + fattori precipitanti quali: sforzo fisico violento, emozione intensa, emorragia grave, shock, stress continuo

15 Sintomatologia Linfarto miocardico colpisce prevalentemente il ventricolo sx, ma anche quello dx non ne è esente. La sintomatologia classica è caratterizzata da dolore intenso, in sede retrosternale. Il dolore è descritto come una morsa, un senso di oppressione o costrizione, un peso che si irradia al collo, alla mandibola e al braccio sx

16 Altre presentazioni localizzazione allepigastrio irradiazione al braccio dx anziché al sx mancare del tutto (pz anziani e diabetici) dolore solo alla mascella, come se si trattasse di un mal di denti lesordio simula un comune mal di gola accompagnato da dolore bilaterale ai polsi dolore accompagnato da astenia intensa, sudorazione fredda, nausea e vomito dispnea improvvisa che a volte si aggrava fino a un quadro di edema polmonare acuto (pazienti anziani)

17 il paziente è generalmente ansioso e agitato, alla ricerca di diverse posizioni che allevino il dolore. Spesso appare pallido e tachicardico (con extrasistole). Nei casi più gravi, quando la funzione cardiaca è pesantemente compromessa, la pressione arteriosa e la temperatura corporea possono abbassarsi, la diuresi ridursi e le dita del paziente apparire cianotiche: condizione di shock

18 Complicazioni e cause più frequenti di morte precoce dei pazienti infartuati la pericardite linsufficienza cardiaca aritmie (da semplici extrasistoli alla tachicardia ventricolare)

19 Terapia La terapia in fase acuta mira alla risoluzione dellostruzione, ove possibile Ciò si ottiene con sostanze ad azione trombolitica (es. streptochinasi, urochinasi) Se somministrate entro poche ore dallinizio dei sintomi, si ottengono i migliori risultati. entro le prime 3 ore:ottimi risultati entro la 6.a ora:buoni risultati entro la 12.a ora: ancora qualche beneficio

20 Terapia Nella fase acuta il trattamento prevede: riposo assoluto somministrazione di O2 altri farmaci specifici: morfina, antiaritmici farmaci che riducono il lavoro del cuore (betabloccanti, nitrati)

21 Angina pectoris o « angina di petto » Sindrome provocata da una insufficiente ossigenazione del cuore a causa di una transitoria deficienza di flusso sanguigno attraverso le arterie coronarie. La causa più frequente dellischemia è lostruzione del vaso a opera di una placca aterosclerotica.

22 Dolore pectanginoso Laccumulo nel tessuto di metaboliti tossici provocato dallischemia transitoria è in grado di scatenare il dolore, caratterizzato da un senso profondo di oppressione o costrizione, lancinante, abitualmente localizzato dietro lo sterno ma con diverse possibili irradiazioni (braccio sx, spalle, mandibole, bocca dello stomaco, scapole) e della durata di pochi minuti. In molti casi, ma non sempre, può essere individuato un fattore scatenante (esercizio fisico, freddo, pasti abbondanti, rapporti sessuali) Il dolore è in genere alleviabile dalla somministrazione di nitroglicerina

23 Angina pectoris o angina di Prinzmetal Langina pectoris variante è più rara: I pazienti manifestano episodi anginosi a riposo, e non durante sforzi fisici anche faticosi. La metà circa di questi pazienti non presenta arteriosclerosi delle coronarie e la comparsa dellischemia viene attribuita a un improvviso spasmo delle coronarie.

24 Diagnosi differenziale diverse strutture toraco-addominali rispondono a stimoli irritativi con sensazioni dolorose, fra queste: diverse strutture toraco-addominali rispondono a stimoli irritativi con sensazioni dolorose, fra queste: lesofago (esofagiti, spasmi) lo stomaco (ulcera) le vie biliari (coliche) la parete toracica (pleuriti, sindromi dolorose o reumatologiche)

25 Dolore toracico Origine cardio vascolare IschemicoNon ischemico angor instabilepericardite angor stabiledissezione aortica infarto acuto Origine non cardio vascolare Esofago-gastriconon esofago-gastrico Sindrome da riflussopneumotorace Spasmo esofageoembolia polmonare Ulcera gastroduodenaleattacco di panico

26 Regola del sei a favore di una coronaropatia acuta - antecedenti coronarici - dolore costrittivo o bruciante - irradiazione collo, braccio sx, spalle o due braccia - peggioramento del dolore con lo sforzo, il freddo e le emozioni - nausea - sudorazione intensa

27 Regola del tre CONTRO una coronaropatia acuta - assenza di precedenti coronarici - dolore localizzato, puntorio, non oppressivo - dolore che si modifica con il cambio di posizione o che si riproduce con la palpitazione


Scaricare ppt "Dolori retrosternali Infarto. Il cuore Il cuore: è una potente pompa muscolare è una potente pompa muscolare è grande come un pugno è grande come un pugno."

Presentazioni simili


Annunci Google