La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Patto Territoriale Interregionale per lOccupazione Appennino Centrale P.T.O. Appennino Centrale UBICAZIONE Province: Arezzo, Forlì – Cesena, Perugia, Pesaro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Patto Territoriale Interregionale per lOccupazione Appennino Centrale P.T.O. Appennino Centrale UBICAZIONE Province: Arezzo, Forlì – Cesena, Perugia, Pesaro."— Transcript della presentazione:

1 Patto Territoriale Interregionale per lOccupazione Appennino Centrale P.T.O. Appennino Centrale UBICAZIONE Province: Arezzo, Forlì – Cesena, Perugia, Pesaro – Urbino Regioni:Toscana, Emilia Romagna, Umbria, Marche Paese: Italia

2 10. Il P.T.O. Appennino Centrale Situazione economica e sociale I comuni ricadenti nellarea vasta del Patto Territoriale dellAppennino Centrale sono 89, distribuiti su 11 Comunità Montane, 4 Province e 4 Regioni (Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Marche). Larea presenta una notevole omogeneità da un punto di vista storico, economico, culturale in quanto comprende, senza soluzione di continuità, tutta la fascia appenninica che va dalle Province di Arezzo e Forlì-Cesena a Nord a quelle di Pesaro-Urbino e Perugia a Sud. In particolare, il 53,6% della superficie è montana, mentre la parte restante è prevalentemente collinare e costituisce la principale caratterizzazione del paesaggio agricolo dellAppennino Centrale. Nellarea vasta del Patto Territoriale sono presenti notevoli risorse paesaggistiche, naturalistiche, storico-culturali, tradizioni autentiche e produzioni tipiche, eno- gastronomiche, valori vitali, centri storici significativi, patrimoni monumentali che vanno adeguatamente tutelati e valorizzati al fine di consentire uno sviluppo sociale ed economico. La popolazione residente è di circa abitanti. La densità media è di 53,2 abitanti/kmq e si colloca molto al di sotto della media nazionale (190,7). Le attività del settore secondario sviluppano occupazione attestata attorno al 44%, superiore quindi alla media nazionale mentre si registra una situazione rovesciata per il settore terziario che presenta valori pari al 45%, il settore agricolo assorbe quasi l11% degli occupati totali, valore che è superiore al dato nazionale. Il numero di imprese presenti nellarea del Patto è di circa La dimensione media delle imprese è inferiore a quella nazionale, ed è espressione di attitudini imprenditoriali e di una cultura dello sviluppo proprie dei soggetti locali. I principali poli produttivi a cui è interessato il territorio del Patto sono: i distretti del mobile del Pesarese, del Cesenate e dellAlta Valtiberina Umbra e Toscana; i distretti del tessile-abbigliamento di SantAngelo in Vado e di Urbania e dellAlta Valtiberina Umbra e Toscana; il distretto della grafica e della cartotecnica di Città di Castello e San Giustino; il distretto metalmeccanico di Città di Castello; i distretti della ceramica di Gualdo Tadino, Gubbio, Urbania e Urbino; i distretti del cemento di Bibbiena-Soci-Capolona nel Casentino e di Gubbio nellAlto Chiascio;

3 Il P.T.O. Appennino Centrale Articolazione del Programma Operativo

4 Insediamento scientifico professionale nel settore della traduzione specializzata e dei servizi informatici UBICAZIONE Comune: Portico e San Benedetto Provincia:Forlì - Cesena Regione:Emilia Romagna Paese: Italia Caso di studio n. 1 P.T.O. Appennino Centrale NOME Il progetto nato da unidea elaborata in collaborazione fra lAmministrazione Comunale di Portico e San Benedetto e la Scuola Superiore di lingue Moderne per Interpreti e Traduttori (Università di Bologna – Facoltà di Lingue – Sede di Forlì), si inserisce nellobiettivo di promozione sociale e di sviluppo economico ed occupazionale attraverso la riqualificazione della città ed in particolare del suo centro storico. Il progetto individua un percorso innovativo e suscettibile di grandi sviluppi per uscire da una situazione di marginalità e di declino delle attività tradizionali, valorizzando le risorse culturali e intervenendo sulla mobilità virtuale e sulla multimedialità, attraverso la creazione di un insediamento pilota in cui si concentrino strumenti di produzione, documentazione e consulenza scientifico - professionale per i giovani laureati in interpretariato nella fase di addestramento al telelavoro autonomo. Lobiettivo principale del progetto è quello di aiutare una serie di piccole iniziative imprenditoriali nel settore dei servizi di traduzione e comunicazione interculturale. Lintervento ha riguardato il restauro e il risanamento di Palazzo Guidi, localizzato allinterno del nucleo urbano più antico di Portico di Romagna per linsediamento di un gruppo di neolaureati che, a rotazione od in modo stabile, configurino una sede in cui sia concentrata una serie di servizi nel settore della traduzione e comunicazione interlinguistica ed interculturale, e sia nello stesso tempo sede di formazione e di addestramento dei neolaureati alluso degli strumenti informatici. Questa iniziativa include servizi telematici di vario tipo, ed espandibili in futuro a nuovi campi di attività COSTO Allinvestimento, realizzato per un costo complessivo pari a euro ,87, è stato destinato un contributo pubblico a valere sul Patto Territoriale per lOccupazione Appennino Centrale pari a euro ,87. GESTORE Società di servizi linguistici Actionline. EFFETTI TEMPI La realizzazione del progetto oltre ai benefici diretti prodotti in relazione al personale impegnato nella gestione del servizio (10 persone) comporta anche benefici indiretti in relazione alla positiva ricaduta che liniziativa sulle piccole e medie imprese del territorio. I servizi diramati da questa sede sono destinati tanto alle piccole e medie imprese, quanto agli enti locali ed altri enti pubblici come il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi I lavori, iniziati nel maggio 2000, sono stati ultimati nel mese di settembre 2003 DESCRIONE

5 Coltivazione, trasformazione e attività di ricerca nellambito del settore delle piante officinali ad uso erboristico e farmaceutico UBICAZIONE Comuni: Sansepolcro/Citerna Province:Arezzo/Perugia Regioni:Toscana/Umbria Paese: Italia Caso di studio n. 2 P.T.O. Appennino Centrale NOME La Società ABOCA S.p.A. opera con successo nel settore della coltivazione, trasformazione e vendita di erbe medicinali per il canale erboristico e farmaceutico; ha iniziato la sperimentazione nel 1978 ed è praticamente entrata sul mercato nel 19'81. Lazienda opera seguendo proprie politiche in materia ambientale che si prefiggono livelli minimi di impatto ambientale tecnicamente ed economicamente raggiungibili. Obiettivo aziendale è l'utilizzazione di piante officinali per la salute dell'uomo conservandone intatte le proprietà derivate dalla composizione fissata in natura. Da ciò deriva la scelta di processi aziendali biologici e quella di non introdurre nelle fasi di lavorazione e formulazione nessun prodotto di sintesi e/o di emisintesi. Attività parallela dell'azienda è quella di collaborare con Istituti Universitari sia in Italia che all'estero. Le aree di collaborazione sono molteplici ed indirizzate allo scambio di conoscenze tecniche e di esperienze pratiche nei vari settori di attività dell'azienda. La società ha istituito anche delle borse di studio per progetti di ricerca specifici con le Università di Perugia e di Firenze. L'integrazione tra i vari settori produttivi è assicurata da vari comitati che in staff assicurano la funzionalità interne della filiera produttiva e la raccordano con le funzioni di ricerca controllo, qualità e marketing. In questa ottica strategica la società opera un continuo processo di ammodernamento e adeguamento aziendale alle mutazioni del mercato. Linvestimento realizzato e finanziato nellambito del Patto Territoriale per lOccupazione Appennino Centrale riguarda la ristrutturazione/ammodernamento e ampliamento delle due unità produttive ubicate nei comuni limitrofi di Sansepolcro e Citerna nonché la realizzazione di un campo dimostrativo e di ricerca attraverso la costruzione di una serra di riproduzione varietale di piante erbacee ed arbustizie con la finalità di riprodurre le piante più produttive all'interno della stessa specie e quello di acclimatare piante provenienti da altre parti del mondo. L'azienda in questo modo intende creare erbe medicinali sempre più ricche in principi attivi e sperimentare nuove specie da introdurre in coltivazione con conseguente elaborazione di formulazioni per nuovi prodotti. COSTO Gli investimenti in programma hanno determinato sia incrementi di capacità produttiva che di produttività per addetto oltre ad un incremento occupazionale pari a circa 100 nuove unità lavorative. EFFETTI TEMPI Gli investimento realizzati hanno comportato un costo complessivo pari a Euro ,84; a fronte di tale investimento il contributo a valere sul Patto Territoriale dellAppennino Centrale è stato pari a Euro ,17. Gli investimenti iniziati nel corso del 1999 sono stati ultimati a dicembre 2001 DESCRIONE

6 Realizzazione Museo Storico Minerario di Perticara - ex Cantiere Solfureo Certino UBICAZIONE Comune: Novafeltria Provincia :Pesaro Urbano Regione:Marche Paese: Italia Caso di studio n. 3 P.T.O. Appennino Centrale NOME Lintervento si inserisce in un più ampio progetto di riqualificazione del nucleo abitativo di Perticara, attraverso lapertura al turismo del sito minerario e del nucleo del Cantiere Certino, consentendone un utilizzo nuovamente legato ai nuovi processi economici. LItalia, fino al 1912, fu uno dei maggiori produttori mondiale di zolfo; il giacimento solfifero di Perticara fu uno dei più importanti e la miniera omonima raggiunse proporzioni notevoli, paragonabili a quelle delle più grandi miniere siciliane, con un massimo, nel 1938 di ben tonnellate. Le prime e più attendibili fonti documentarie inerenti lo sfruttamento del bacino solfifero di Perticara risalgono al Fanno parte del complesso minerario numerosi pozzi, discenderie e cantieri, tra cui il Cantiere Certino, oggetto di intervento. La sua costruzione risale allinizio del secolo ad opera della Soc. Montecatini e si articola in edifici e impianti nei quali la lavorazione è stata attiva fino al 1964, data di chiusura della miniera. Lintervento ha riguardato la realizzazione di un complesso Museale per la valorizzazione del patrimonio minerario dismesso nellambito del riuso dei siti industriali che hanno concluso il proprio ciclo produttivo e che testimoniano un passaggio epocale verso la società contemporanea, allo scopo di rivitalizzare il tessuto socio economico dellarea di riferimento, attraverso una rete più ampia di rapporti e di offerta allutenza. Il progetto ha rappresentato latto conclusivo di recupero e allestimento del complesso museale attraverso il recupero e la riconversione museale degli edifici minerari del nucleo del Cantiere Certino, per dare idonea sede e consentire il loro pieno utilizzo. COSTO Allinvestimento, realizzato per un costo complessivo pari a euro ,08, è stato destinato un contributo pubblico a valere sul Patto Territoriale per lOccupazione Appennino Centrale pari a euro ,07 EFFETTI TEMPI Associazione Pro Loco Perticara I primi effetti prodotti riguardano un sensibile incremento di visitatori ed una positiva ricaduta economica sul tessuto produttivo e dei servizi turistici locali. Infatti, il complesso museale, concepito come impresa culturale, tende ad incrementare il valore aggiunto della zona in termini di servizi e di occupazione giovanile nei settori del turismo e della cultura nonchè in quelli della ricettività e del commercio. Il complesso museale realizzato, oltre a completare lofferta culturale della Regione Marche, introduce il tema dellarcheologia industriale allinterno del vasto patrimonio storico artistico e naturale dellarea. Linvestimento ha prodotto degli effetti occupazionali pari a 9 nuove unità lavorative. DESCRIONE GESTORE I lavori, iniziati nel maggio 1999, sono stati ultimati nel mese di settembre 2003

7 Sistema integrato di Trasporto merci UBICAZIONE Comune: Bibbiena; Chiusi della Verna; Castel Focognano Provincia:Arezzo Regione:Toscana Paese: Italia Caso di studio n. 4 P.T.O. Appennino Centrale NOME Il Progetto ha come obiettivo primario quello di incentivare lutilizzo del trasporto ferroviario da parte del sistema produttivo nel territorio del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi dove attualmente la principale via di comunicazione utilizzabile dalle imprese è una strada statale. Lintervento è stato promosso da tre Comuni dellarea interessata e dalla Comunità Montana del Casentino. Il rilevante traffico di merci e persone sulla strada in questione, incrementato negli ultimi anni, sta causando disagi alla popolazione residente e aggravi per le imprese localizzate nella vallata. Il fine quindi di questo investimento è duplice: - creare una opportunità per le imprese per ottimizzare i costi dei trasporti che si può tradurre in vantaggio competitivo rispetto alle imprese concorrenti del settore; -alleggerire il traffico sulla strada statale di collegamento a tutto vantaggio della vivibilità della valle e delle popolazioni locali e a beneficio di unaltra attività vitale per leconomia e loccupazione dellarea qual è il turismo. - In particolare, lintervento prevede lottimizzazione delluso della ferrovia per il trasporto merci tramite il completamento delle infrastrutture necessarie per lorganizzazione del servizio, compreso il trasferimento gomma/rotaia e viceversa. Lintervento è così articolato: ampliamento e adeguamento del centro di interscambio merci; creazione di raccordi ferroviari con i tre poli industriali dellarea. COSTO Allinvestimento, realizzato per un costo complessivo pari a euro ,00, è stato destinato un contributo pubblico a valere sul Patto Territoriale per lOccupazione Appennino Centrale pari a euro ,00 EFFETTI TEMPI Società mista pubblico – privata. Dal punto di vista occupazionale linvestimento impiegherà circa 20 addetti nella fase di realizzazione e 10 nuovi addetti per la fase di gestione. Si stima inoltre un incremento di circa 60 nuovi posti di lavoro indotti dallinvestimento nelle aziende dellarea. DESCRIONE GESTORE I lavori, iniziati nel corso del 2003, verranno ultimati nel dicembre 2005.


Scaricare ppt "Patto Territoriale Interregionale per lOccupazione Appennino Centrale P.T.O. Appennino Centrale UBICAZIONE Province: Arezzo, Forlì – Cesena, Perugia, Pesaro."

Presentazioni simili


Annunci Google