La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RIFLESSIONI RIFERITE ALLELABORAZIONE DI STRUMENTI E QUESTIONARI DI VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI IN PERCORSI C.L.I.L. Prof.ssa Marina.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RIFLESSIONI RIFERITE ALLELABORAZIONE DI STRUMENTI E QUESTIONARI DI VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI IN PERCORSI C.L.I.L. Prof.ssa Marina."— Transcript della presentazione:

1 RIFLESSIONI RIFERITE ALLELABORAZIONE DI STRUMENTI E QUESTIONARI DI VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI IN PERCORSI C.L.I.L. Prof.ssa Marina Federici Istituto di Istruzione Superiore Ferrini Verbania CONVEGNO NAZIONALE C.L.I.L. UN NUOVO AMBIENTE DI APPRENDIMENTO

2 Prof.ssa Marina Federici2 VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE Progetto di apprendimento integrato di lingua e contenuti Scheda di Valutazione esperienza per docenti Schede di Autovalutazione esperienza per studenti Valutazione degli apprendimenti Griglia di Valutazione per docenti Griglia di Autovalutazione per studenti

3 Prof.ssa Marina Federici3 La VALUTAZIONE del progetto di apprendimento integrato di lingua e contenuti AB..

4 4 FINALITÁ FINALITÁ C.L.I.L. Promuovere uso di Lingua non nativa come strumento di comunicazione in situazione culturali non linguistiche Facilitare il transfer di competenze Stimolare la motivazione degli alunni Realizzare percorsi didattici finalizzati allacquisizione di un uso consapevole di strategie di pensiero

5 Prof.ssa Marina Federici5 Valutazione di un progetto C.L.I.L. PERCHÉ ? - per valutare la qualità degli interventi didattici attivati -per individuare le linee di forza utili per proseguire e i punti deboli su cui intervenire - per ri-orientare le attività in itinere - per apprendere a partire da unanalisi riflessiva della propria esperienza - per considerare il grado di soddisfazione dei soggetti coinvolti

6 Prof.ssa Marina Federici6 Valutazione di un progetto C.L.I.L. CHI? QUANDO ? SINGOLO ALUNNOSINGOLO DOCENTE ÉQUIPE DI COORDINAMENTO IN ITINERE IN FASE INIZIALE FINALE AL TERMINE DI UNA FASE

7 Prof.ssa Marina Federici7 Valutazione di un progetto C.L.I.L. CHE COSA ? ORGANIZZAZIONE COMUNICAZIONE APPRENDIMENTI E PRESTAZIONI COMPORTAMENTI PRODOTTI PROCESSI RICADUTE RAPPORTI INTERPERSONALI FUNZIONI

8 Prof.ssa Marina Federici8 Valutazione di un progetto C.L.I.L. CON QUALI STRUMENTI ? OSSERVAZIONI IN CLASSE AUTOVALUTAZIONE DOCENTE ALUNNO DIARIO DI BORDO QUESTIONARIO VERBALE GRIGLIA DI OSSERVAZIONE GRIGLIA DI VALUTAZIONE DIBATTITO INTERVISTA

9 Prof.ssa Marina Federici9 Valutazione di un progetto C.L.I.L. COME ? CRITERI DI VALUTAZIONE OGGETTIVITÁ SOGGETTIVITÁ CONSAPEVOLE CRITERI DELLE PROVE ACCETTABILITÁ COMPARABILITÁ VALIDITÁ ECONOMICITÁ

10 Prof.ssa Marina Federici10 SCHEDA DI VALUTAZIONE ESPERIENZA PER DOCENTI Fase burocratica Fase presentazione Fase realizzazione Fase finale

11 Prof.ssa Marina Federici11 FASE BUROCRATICA Chi è stato informato? Collegio dei Docenti Dirigente Scolastico Genitori Consiglio di Classe In che modo? Riunione del Consiglio di Classe Collegio Docenti Colloquio con genitori e alunni Incontri individuali

12 Prof.ssa Marina Federici12 FASE DI PRESENTAZIONE La presentazione del modulo (strutturazione, finalità, obiettivi, modalità, criteri di valutazione) alla classe è avvenuta Durante il Consiglio di Classe Durante la prima ora di lezione in compresenza Durante la lezione di materia Durante la lezione di lingua In questa fase la classe ha mostrato IndifferenzaAbbastanza interesseInteresse e partecipazione

13 Prof.ssa Marina Federici13 FASE DI REALIZZAZIONE Durante la lezione di compresenza il ruolo dei due docenti è stato Attivo per entrambiPrevalentemente per uno dei due insegnanti Il modulo ha incluso momenti di Lezione frontale Attività in coppia Attività di gruppo Risoluzione di problemi Esercitazioni scritte Esercitazioni orali Lezioni di tipo teorico Lezioni di tipo pratico Lezioni in laboratorio Esperimenti

14 Prof.ssa Marina Federici14 Tra il materiale utilizzato Libro di testo Fotocopie Sussidi audio-visivi La partecipazione degli alunni si è manifestata con Materiale autentico Illustrazioni, disegni Tabelle, diagrammi Espressioni di dubbio e perplessità Richieste di chiarimenti in ambito lessicale Richieste di chiarimenti in ambito contenutistico Commenti, osservazioni Richieste di approfondimenti Richieste di ripetizioni di lessico, di concetti contenutistici Gli interventi degli alunni si sono svolti per lo più in l2 per lo più in L1 alternando L1 e L2

15 Prof.ssa Marina Federici15 FASE FINALE La verifica prevista si è svolta nei tempi previsti in tempi inferiori / superiori a quelli previsti La verifica è stata preceduta da momenti formativi di verifica dellacquisizione dei punti chiave in L1 in L2 in entrambe le Lingue La verifica ha tenuto conto solo del contenuto maggiormente del contenuto che dellespressione in L2 in egual misura

16 Prof.ssa Marina Federici16 Al termine del modulo gli studenti hanno Compilato una griglia di valutazione del progetto Espresso un parere favorevole / negativo dellesperienza Il parere favorevole concerne Al termine del modulo gli studenti hanno I contenuti del modulo La procedura La compresenza di due docenti e il loro coinvolgimento nello sviluppo del modulo I contenuti del modulo La procedura La compresenza di due docenti e il loro coinvolgimento nello sviluppo del modulo

17 Prof.ssa Marina Federici17 SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE ESPERIENZA PER ALUNNI FASE DI PREPARAZIONE DEL MODULO FASE DI REALIZZAZIONE DEL MODULO VALUTAZIONE DEL LAVORO DI GRUPPO

18 Prof.ssa Marina Federici18 FASE DI PREPARAZIONE DEL MODULO Ad ogni punto puoi esprimere uno dei seguenti giudizi apponendo una crocetta sulla casella relativa 1.Quando gli insegnanti di L2 e materia ti hanno proposto questo modulo hai pensato che Avresti potuto migliorare la tua competenza in L2 Avresti potuto migliorare le tue conoscenze della materia Avresti migliorato entrambe le discipline Avresti fatto una tremenda confusione

19 Prof.ssa Marina Federici19 MoltissimoMoltoAbbastanzaNon moltoPer niente 2. Allinizio del progetto quanto eri interessato ad imparare la materia attraverso la L2? 3. La proposta del progetto di modulo e relative delucidazioni su metodi e obiettivi sono state presentate in classe in modo OttimoBuonoAccettabileCarenteInsufficiente 4. La proposta del progetto di modulo è stata presentata alle famiglie in modo OttimoBuonoAccettabileCarenteNegativo 5. Latteggiamento della tua famiglia al modulo, dopo lincontro di presentazione è stato OttimoBuonoAccettabileCarenteNegativo

20 Prof.ssa Marina Federici20 FASE DI REALIZZAZIONE DEL MODULO 1. Ritieni che imparare unaltra materia in L2 sia Molto utileUtileNon molto utileUna perdita di tempo 2. Quale o quali altre discipline o quali argomenti ti piacerebbe imparare in L2? ……………………………………………………………………… 3. Esprimi un giudizio sulla gestione del modulo da parte degli insegnanti OttimoBuonoAccettabileCarenteNegativo 4. Complessivamente apprendere i contenuti della materia in L2 è stato Molto più facile del previsto Più facile del previsto Più difficile del previsto Molto più difficile del previsto

21 Prof.ssa Marina Federici21 Molto difficile DifficileAbbastanza facile FacileMolto facile Capire linsegnante di materia che parla in L2 Capire linsegnante di L2 che parla L2 di contenuti Comprendere concetti di base attraverso la lettura di testi Comprendere concetti di base attraverso animazioni e immagini Memorizzare i concetti in L2 Eseguire gli esercizi Esprimere oralmente in L2 quanto appreso Eseguire correttamente i test di verifica Lavorare in gruppo Partecipare alla discussione 5. Cosa è stato più difficile fare in una lezione materia –L2?

22 Prof.ssa Marina Federici22 6. Esprimi un giudizio sulle attività svolte durante il modulo A: Presentazione dei contenuti, spiegazioni Chiare e efficaciTroppo velociAdeguateParzialiDifficiliIncomprensibili B: Attività di problem solving o di applicazione C: Materiali di lavoro C1. Come hai trovato i testi in lingua rispetto al tuo livello di competenze in L2? (puoi dare più di una risposta) FacileStimolanteAdeguataAbbastanza complicataDifficileMolto difficile Troppo semplici Adeguati al mio livello di preparazione InteressantiTroppo difficili Troppo numerosi Troppo noiosi C2. Cosa pensi ti abbia aiutato maggiormente nella comprensione degli argomenti? Gli esercizi di comprensione del testo Le animazioniLe spiegazioni degli insegnanti I test finali Altro ………..

23 Prof.ssa Marina Federici23 D: conclusione dei lavori e presentazione dei risultati del modulo OttimoBuonoAccettabileCarenteNegativo 7. Ritieni che il modulo sia stato Troppo teoricoBen bilanciatoTroppo pratico 8. Esprimi un giudizio sulla spiegazione dei metodi di valutazione OttimoBuonoAccettabileCarenteNegativo 9. Dovendo consigliare a un amico indeciso se affrontare lesperienza del modulo CLIL, esprimeresti un giudizio OttimoBuonoAccettabileCarenteNegativo 10. Al termine del modulo il parere della tua famiglia è stato OttimoBuonoAccettabileCarenteNegativo

24 Prof.ssa Marina Federici24 VALUTAZIONE DEL LAVORO DI GRUPPO 1. Ritieni che il tuo gruppo abbia lavorato in modo EfficaceAdeguatoSuperficialeScarsoControproducente e senza dare risultati 1.a Perché : ……………………………………………………….. 2. Come hai contribuito alla discussione nel gruppo? (Puoi barrare più caselle) Non ho collaborato Ho collaborato solo marginalmente Ho avuto difficoltà a partecipare come gli altri Qualcuno ha partecipato poco alle attività Qualcuno ha perso tempo giocando o scherzando

25 Prof.ssa Marina Federici25 Ascoltando senza intervenire Chiedendo chiarimenti Stimolando la partecipazione degli altri Proponendo idee e suggerimenti Delineando le differenze di opinione Controllando le reazioni degli altri Accettando le reazioni e le proposte degli altri Aiutando il gruppo a raggiungere lobiettivo Assumendo un ruolo preciso (verbalizzatore, leader, controllore, time keeper…) Valutando in modo critico le informazioni Aiutando a identificare lobiettivo e i compiti assegnati Aiutando il gruppo a raggiungere il consenso

26 Prof.ssa Marina Federici26 4. Barra le voci che ti sembrano più appropriate Tutto il materiale occorrente è stato predisposto in modo che il gruppo iniziasse subito a lavorare Il gruppo ha organizzato il proprio lavoro senza creare confusione Il lavoro di gruppo è iniziato con una riflessione generale sul task assegnato Le fasi di esecuzione sono state bene organizzate, i compiti ben distribuiti E stato designato un portavoce Tutti i membri del gruppo hanno partecipato al lavoro di gruppo, nessuno è stato escluso

27 Prof.ssa Marina Federici27 Il gruppo ha trovato autonomamente le soluzioni al problema e ha interpellato linsegnante solo in caso di vera necessità, cioè quando sono sorti dubbi o incertezze nella comprensione della consegna Tutti i membri hanno appreso appunti sui risultati dei lavori, sulle fasi di svolgimento oppure hanno compilato un diario di bordo per favorire la puntualizzazione dellavanzamento lavori I membri del gruppo hanno atteso il proprio turno, il gruppo ha ascoltato con attenzione lesposizione degli elaborati degli altri gruppi

28 Prof.ssa Marina Federici28 Rispondi alle seguenti domande: 1. Come giudichi latmosfera che si è venuta a creare durante la realizzazione del modulo? ………….. 2. Sei stato incoraggiato a porre domande, ti sei sentito soddisfatto, interessato e coinvolto dalle attività o dalle discussioni emerse? ……………………….. 3. Dopo aver effettuato lesperienza del modulo CLIL che ricaduta pensi possa avere questo momento educativo sulla tua formazione in quanto cittadino europeo? 4. In che modo il modulo CLIL ti ha reso consapevole di nuove strategie di apprendimento? E cambiato qualcosa nel tuo metodo di studio?

29 Prof.ssa Marina Federici29 5. Rifaresti questa esperienza di apprendimento? …. 6. Pensi che il modulo CLIL abbia messo in atto dei comportamenti cognitivi diversi che si ripercuoteranno sulla tua vita futura e sulla tua formazione futura (life-long learning)? ……… 7. Commenta su tre aspetti del modulo che ti sono piaciuti: ………………………………… 8. Commenta su tre aspetti del modulo che non hai apprezzato: ………………………………. Grazie per il tuo contributo

30 Prof.ssa Marina Federici30 Interesse degli allievi coinvolti nel progetto Come ti sei sentito nell'attività di progetto? (Scegli il punteggio che ritieni più opportuno, tenendo presente che 1 è il valore più basso e 5 il più alto) 1. Interessato Curioso Coinvolto Attivo Autonomo Collaborativo con i compagni SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE DEL PROGETTO

31 Prof.ssa Marina Federici31 Gli apprendimenti Rileggendo gli obiettivi del progetto 1.Come giudichi il tuo livello di conoscenze? Approfondito / buono / superficiale? 2. Come giudichi il tuo livello di competenze acquisite? Approfondito / buono / superficiale? Le prestazioni 1. Per la realizzazione del progetto credo di aver dato un contributo Notevole – sufficiente – scarso - nullo 2. Ho assunto i compiti previsti Sempre - spesso – talvolta - mai 3. Li ho portati a termine Sempre – spesso – talvolta -mai

32 Prof.ssa Marina Federici32 4. Ho rispettato i tempi Sempre – spesso – talvolta –mai 5. Le difficoltà per realizzare il progetto sono state superate facilmente – difficilmente 6. Queste difficoltà sono sorte perché I compiti erano troppo difficili Non ero motivato Il gruppo non era organizzato I rapporti nel gruppo non erano buoni I rapporti erano disorganici Altro:

33 Prof.ssa Marina Federici33 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI (usata dai docenti per valutare insieme o separatamente) COSA SA FARECOME LO SA FARE INTERAZIONE CON INSEGNANTI E COMPAGNI chiedere spiegazioni allinsegnante chiedere conferma di ciò che ha capito interagire durante le attività di gruppo fare proposte collaborare allo svolgimento dei task In L1 In L2

34 Prof.ssa Marina Federici34 COSA SA FARECOME LO SA FARE ABILITA OPERATIVE comprendere il senso generale di un testo orale o scritto (letterario/scientifico/di indirizzo) comprendere il linguaggio specifico di un testo (letterario/scientifico/di indirizzo) comprendere le informazioni necessarie per lesecuzione dei task individuare parole chiave fornire la definizione di termini/concetti specifici descrivere (avvenimenti,fenomeni,processi, proprietà relazionare sullargomento annotare osservazioni classificare informazioni confrontare (dati, esperienze,testi,fenomeni, processi) individuare relazioni (causa-effetto/temporali), somiglianze, differenze In L1 In L2

35 Prof.ssa Marina Federici35 COSA SA FARECOME LO SA FARE ABILITA OPERATIVE interpretare (dati,esperienze,testi,fenomeni, processi) esprimere concetti trarre conclusioni, valutandole motivare le proprie conclusioni esprimere il proprio punto di vista motivare il proprio punto di vista ricercare informazioni in internet In L1 In L2 Le abilità operative verranno declinate secondo i descrittori relativi agli argomenti specifici del modulo e integrate COSA SA FARECOME LO SA FARE CONOSCENZA ARGOMENTI DEL MODULO comprende il senso generale di un testo sul marketing sa fornire la definizione di marketing In L1 In L2

36 Prof.ssa Marina Federici36 Bibliografia essenziale di riferimento C.M. Coonan La lingua straniera veicolare UTET, Torino, 2002 G. Serragiotto C.L.I.L. Apprendere insieme una lingua e contenuti non linguistici Ed. Guerra, Perugia, 2003 AAVV TIE-CLIL Insegnare e apprendere in Lingua straniera AAVV Luso veicolare della LS in apprendimenti non linguistici Atti convegno, Strumenti per la scuola, Torino 2002 Bertocchi, Langé, Marsh Caratteristiche del CLIL, Modulo 1 Navés, Munoz, Pavesi Acquisizione II Lingua per il CLIL Modulo 2

37 Prof.ssa Marina Federici37 Novotnà, Ceriani, Aspetti pratici dellinsegnamento CLIL Modulo 3 Gilberti,Hofmannovà,Quartapelle Quartapelle,Ceriani, Consapevolezza della lingua nellinsegnamento Gilberti,Hofmannovà,Novotnà,Salvadori bilingue Modulo 4 Bertaux,Andrews, CLIL per lapprendente Modulo 5 Kazianka,Steinhäsler,Andrews IRRE Piemonte Insegnare e apprendere in più lingue: una scommessa per lEuropa Torino, 2002 AAVV Lo scambio interculturale Armando Ed., Roma, 1999 B.M. Varisco Metodi e pratiche della valutazione. Tradizione, attualità e nuove prospettive Guerini, Milano, 2000 P. Romei Autonomia e progettualità LaNuova Italia, Firenze, 1995 M. Pellerey Progettazione didattica SEI, Torino 1998


Scaricare ppt "RIFLESSIONI RIFERITE ALLELABORAZIONE DI STRUMENTI E QUESTIONARI DI VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI IN PERCORSI C.L.I.L. Prof.ssa Marina."

Presentazioni simili


Annunci Google