La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Mario Rippa La chimica di Rippa primo biennio. F. Fantini, S. Monesi, S. Piazzini – La Terra e il paesaggio - © Italo Bovolenta editore 2011M. Rippa –

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Mario Rippa La chimica di Rippa primo biennio. F. Fantini, S. Monesi, S. Piazzini – La Terra e il paesaggio - © Italo Bovolenta editore 2011M. Rippa –"— Transcript della presentazione:

1 Mario Rippa La chimica di Rippa primo biennio

2 F. Fantini, S. Monesi, S. Piazzini – La Terra e il paesaggio - © Italo Bovolenta editore 2011M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore Capitolo 1 La chimica e la struttura dell’atomo

3 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore §1.1 Una scienza per conoscere la materia dei corpi §1.2 Miscugli, elementi, composti §1.3 La teoria atomica §1.4 Composti e reazioni chimiche §1.5 Le particelle subatomiche §1.6 I costituenti dell’atomo Capitolo 1 La chimica e la struttura dell’atomo

4 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore Capitolo 1 La chimica e la struttura dell’atomo §1.7 L’esperimento di Rutherford §1.8 L’atomo nucleare §1.9 Numero atomico e numero di massa §1.10 Elementi e simboli chimici §1.11 Gli isotopi §1.12 Molecole e formule chimiche

5 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore §1.1 Una scienza per conoscere la materia dei corpi La chimica è la scienza che studia la materia e le sue trasformazioni. La materia è tutto ciò che possiede massa e che occupa spazio.

6 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore La materia può essere classificata in base alla sua composizione in due categorie: miscugli; sostanze pure. §1.2 Miscugli, elementi, composti

7 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore I miscugli vengono classificati in: §1.2 Miscugli, elementi, composti I miscugli sono sistemi formati da più di un componente ed hanno composizione variabile. miscugli omogenei o soluzioni; miscugli eterogenei.

8 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore Le sostanze pure vengono classificate in: §1.2 Miscugli, elementi, composti Le sostanze pure sono sostanze formate da un solo componente ed hanno quindi composizione costante. elementi: sostanze che non possono essere scisse in sostanze più semplici; composti: sono formati da due o più elementi e possono essere scissi negli elementi che li costituiscono tramite metodi chimici.

9 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore È possibile ottenere i componenti di un miscuglio attraverso trasformazioni fisiche. §1.2 Miscugli, elementi, composti È possibile ottenere gli elementi costituenti di un composto attraverso trasformazioni chimiche chiamate decomposizioni.

10 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore Nell’Ottocento si appurò che la materia era costituita da parti piccolissime, formate da atomi. §1.3 La teoria atomica Un atomo è la parte più piccola di un elemento che conserva tutte le proprietà chimiche dell’elemento stesso. Antica rappresentazione degli atomiModerna rappresentazione degli atomi

11 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore la materia è costituita da atomi, particelle di materia indivisibili e indistruttibili; un elemento chimico è formato da atomi tutti uguali tra loro; La teoria atomica di Dalton si articola in quattro punti: elementi diversi sono formati da atomi diversi per volume, massa e proprietà; atomi diversi possono unirsi tra loro per formare i composti chimici. §1.3 La teoria atomica

12 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore L’unione di due o più atomi produce una molecola. §1.4 Composti e reazioni chimiche La molecola è la più piccola parte di un composto che conserva tutte le proprietà chimiche del composto stesso. Le molecole hanno proprietà diverse da quelle degli atomi di cui sono formate.

13 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore §1.4 Composti e reazioni chimiche In una reazione chimica si hanno nuove combinazioni degli atomi, delle molecole e dei composti ionici tra loro, con la produzione di nuove sostanze. Le sostanze di partenza sono dette reagenti. Le sostanze che si formano sono dette prodotti.

14 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore Nel 1897 J.T. Thompson identificò particelle con carica negativa e massa circa duemila volte inferiore dell’atomo di idrogeno. Thompson chiamò queste particelle elettroni. §1.5 Le particelle subatomiche

15 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore Nel 1904 J.T. Thompson propose un modello di atomo in cui si faceva riferimento a particelle subatomiche. §1.5 Le particelle subatomiche L’atomo è elettricamente neutro; l’atomo è una sfera positiva; gli elettroni sono distribuiti uniformemente all’interno in modo da neutralizzare le cariche positive.

16 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore Un’altra particella subatomica, il neutrone, così chiamato perché privo di carica elettrica, fu scoperta nel §1.5 Le particelle subatomiche Nel 1914 venne provata sperimentalmente l’esistenza di una particella subatomica carica positivamente, il protone.

17 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore §1.6 I costituenti dell’atomo La massa degli atomi e delle particelle subatomiche è espressa in unità di massa atomica (simbolo u): 1 u = 1,66 · g

18 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore §1.6 I costituenti dell’atomo Gli ioni sono atomi, o gruppi di atomi dotati di cariche elettriche positive o negative in quanto hanno ceduto o acquistato elettroni.

19 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore Rutherford bombardò una sottile lamina d’oro con particelle α (particelle positive costituite da due protoni e due neutroni) e osservò che: §1.7 L’esperimento di Rutherford La maggior parte delle particelle attraversavano la lamina senza deviare; alcune particelle venivano deviate; poche altre particelle venivano riflesse.

20 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore Rutherford interpretò i risultati dell’esperimento formulando una nuova teoria atomica, chiamata modello dell’atomo nucleare: §1.8 L’atomo nucleare l’atomo è costituito da una parte centrale, chiamata nucleo, in cui è concentrata quasi tutta la massa, e da una parte periferica, molto più grande e quasi vuota, dove ci sono gli elettroni.

21 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore Il nucleo di un atomo contiene protoni e neutroni. Le particelle che risiedono nel nucleo sono chiamate nucleoni. §1.9 Numero atomico e numero di massa I neutroni permettono di tenere unite le particelle nucleari.

22 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore Il numero dei protoni di un atomo si chiama numero atomico Z: §1.9 Numero atomico e numero di massa Il numero di protoni di un atomo è uguale al numero di elettroni.

23 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore Il numero totale dei protoni e dei neutroni è chiamato numero di massa A: §1.9 Numero atomico e numero di massa Il numero di massa A di un atomo si ottiene sommando il numero di protoni al numero atomico.

24 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore Ogni elemento è rappresentato con un simbolo chimico: §1.10 Elementi e simboli chimici il simbolo chimico di un elemento è costituito dalla lettera iniziale del nome latino dell’elemento scritta in stampatello maiuscolo; il numero di massa A di un atomo si scrive prima del simbolo in alto, il numero atomico Z in basso. Un elemento chimico è formato da atomi con lo stesso numero di protoni, cioè con lo stesso numero atomico.

25 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore §1.11 Gli isotopi Tutti gli atomi di uno stesso elemento hanno lo stesso numero di protoni, ma possono avere un numero di neutroni diverso: Atomi che hanno lo stesso numero di protoni, ma differente numero di neutroni sono detti isotopi.

26 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore Gli isotopi di uno stesso elemento hanno: §1.11 Gli isotopi numero atomico uguale; proprietà chimiche identiche; numero di massa diverso.

27 M. Rippa – La chimica di Rippa – versione blu - © Italo Bovolenta editore Le formule molecolari indicano quali e quanti atomi sono presenti nella molecola. Sono formate da: §1.12 Le molecole e le loro formule i simboli chimici degli elementi presenti; La formula chimica di una molecola indica la composizione qualitativa e quantitativa della molecola, utilizzando i simboli chimici degli elementi che ne fanno parte. gli indici, i numeri interi, scritti come pedice dopo il simbolo chimico, che indicano il numero di atomi presenti;


Scaricare ppt "Mario Rippa La chimica di Rippa primo biennio. F. Fantini, S. Monesi, S. Piazzini – La Terra e il paesaggio - © Italo Bovolenta editore 2011M. Rippa –"

Presentazioni simili


Annunci Google