La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I risultati della.s. 2006/2007: I dati significativi del contesto Per la scuola primaria: R imane sempre al di sopra della media provinciale la percentuale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I risultati della.s. 2006/2007: I dati significativi del contesto Per la scuola primaria: R imane sempre al di sopra della media provinciale la percentuale."— Transcript della presentazione:

1 I risultati della.s. 2006/2007: I dati significativi del contesto Per la scuola primaria: R imane sempre al di sopra della media provinciale la percentuale degli alunni in fascia medio alta in entrata in III a classe, considerando litaliano e la matematica. D al confronto con i dati degli scorsi anni ( 9.3% nella.s. 2005/2006 e 6% nell a.s. 2004/2005) si denota un aumento progressivo e significativo di alunni che non sono di lingua madre italiana ( al 10% nellultima rilevazione). A fronte di un calo delle iscrizioni ( meno 9 unità) in classe prima si nota una stabilità complessiva allinterno della scuola primaria. Tali dati dimostrano un aumento di alunni iscritti nelle classi intermedie. Per la scuola secondaria: È soddisfacente il livello di ingresso in classe I a media, sia rispetto alla media provinciale che ai dati degli anni precedenti. A fronte di un calo delle iscrizioni ( meno 6 unità ) in classe I a media si nota una stabilità complessiva allinterno della scuola secondaria di I° grado. Tali dati dimostrano un aumento di alunni iscritti nelle classi successive.

2 I risultati della.s. 2006/2007: I dati significativi delle risorse Per la scuola primaria: S i conferma la stabilità del corpo docente sia per quanto riguarda la percentuale degli insegnanti a tempo determinato sia per la permanenza rispetto allanno precedente. Per la scuola secondaria: I l rapporto alunni/insegnanti è assestato con la media provinciale. D egne di nota, in negativo per la scuola, le percentuali riguardanti la stabilità del personale docente per quanto riguarda la continuità di servizio nella stessa.

3 I risultati della.s. 2006/2007: I dati significativi dei processi Per la scuola primaria: I l numero dei giorni di assenza dei docenti è leggermente, ma non significativamente, superiore alla media provinciale. Il dato confrontato con quello dellanno precedente denota un importante incremento che non preoccupa perché viziato da particolari gravi situazioni individuali. R imane inferiore alla media provinciale il numero di ore di aggiornamento organizzato dalla scuola. Si conferma, però, un trend positivo delle proposte unitarie di aggiornamento dellIstituto (da 10 nella.s. 2003/2004 a 24 del 2004/2005 per arrivare a 27 del 2005/2006). Rimane ancora molto sfruttata dai docenti la possibilità di partecipazione ad attività di formazione e aggiornamento proposte dal territorio spesso scelte perché specifiche per le singole discipline. Per la scuola secondaria: R imane basso il dato riferito al numero dei giorni di assenza dei docenti, inferiore alla media provinciale. P ositivo è il dato riguardante laggiornamento organizzato dalla scuola rivolto a tutto il personale docente. Evidentemente le tematiche individuate dalla commissione preposta sono di grande interesse.

4 I risultati della.s. 2006/2007: I dati significativi dei risultati Per la scuola primaria: I l risultato nella fascia alta si mantiene positivo rispetto alla media provinciale sia in italiano che in matematica. Confrontando con i dati degli anni precedenti e con la media provinciale di quest anno, si nota un incremento negativo della percentuale di alunni nella fascia bassa, soprattutto in italiano. S ono soddisfacenti i risultati dei test IPRASE. È gratificante il dato riferito al grado di soddisfazione dellutenza (96%).

5 I risultati della.s. 2006/2007: I dati significativi dei risultati Per la scuola secondaria: S i nota uninversione di tendenza rispetto agli anni precedenti per quanto riguarda il tasso di promozione; detta percentuale è comunque inferiore alla media provinciale. D al confronto dei dati istituzionali si osserva una spaccatura tra i livelli alti e bassi al termine del percorso scolastico: a fronte del 40% degli alunni licenziati con valutazioni ottimo / distinto si contrappongono alte percentuali di sufficienze e non sufficienze per italiano e matematica. S oddisfacenti i risultati dei test IPRASE perché sostanzialmente in media con il livello provinciale. D egna di osservazione la percentuale, in crescita negativa della riuscita scolastica P ositivo il grado di soddisfazione dellutenza (93,7%)

6 I risultati della.s. 2006/2007: livelli di apprendimento test IPRASE

7 I risultati della.s. 2006/2007: livelli di apprendimento test IPRASE

8 Le proposte del Collegio Docenti da perseguire nella.s. 2007/2008 1° obiettivo Incrementare i risultati istituzionali e dei test in italiano e matematica Strategia di intervento Utilizzo delle ore facoltative (3) previste nei pomeriggi opzionali per potenziare le competenze linguistico espressive e logico matematiche attraverso attività ludiche sia per recupero che approfondimento rispettando i diversi tempi dei singoli bambini, valutazione riuscita Monitoraggio continuo attraverso prove in itinere e finali. Raccolta dati alla fine dellanno scolastico Considerati i risultati dellautovalutazione e stabilite le priorità di intervento vengono concordati i seguenti provvedimenti atti a conseguire un miglioramento dellofferta delle scuole primaria D. Chiesa e F.lli Filzi:

9 2° obiettivo Migliorare la qualità di rapporti e collaborazione con la scuola secondaria di I° grado Strategia di intervento Realizzazione di un giornalino on line sul sito scolastico. Attraverso la programmazione e realizzazione di attività comuni su tematiche di particolare interesse ( es. giornata della memoria, ed. ambientale, etc. ) i docenti dei due ordini scolastici potranno confrontarsi concretamente sulle diverse modalità di lavoro riuscendo a superare taluni preconcetti e diffidenze che ancora persistono. Per una sicura riuscita del giornalino, i docenti organizzatori si riservano di iniziare nel presente anno scolastico la fase di progettazione dellattività e sviluppare negli anni avvenire quanto previsto ( anche in considerazione che una collega ha realizzato il sito scolastico solo questanno). valutazione riuscita Gli ideatori delliniziativa confidano in un miglioramento di rapporti fin dalla fase di progettazione

10 Le proposte del Collegio Docenti da perseguire nella.s. 2007/2008 Considerati i risultati dellautovalutazione e stabilite le priorità di intervento vengono concordati i seguenti provvedimenti atti a conseguire un miglioramento dellofferta della scuola media A. Degasperi: 1° obiettivoIncrementare i risultati istituzionali e dei test in italiano e matematica Strategia di intervento Consolidamento di attività legate al metodo di studio trasversalmente in tutte le discipline. Interventi di supporto e potenziamento specifici per italiano, matematica. Utilizzo delle TIC come strumentazioni atte a favorire linteresse ed il coinvolgimento dei ragazzi nel piano di lavoro personalizzato. valutazione riuscita Monitoraggio continuo attraverso prove in itinere e finali. Raccolta dati alla fine dellanno scolastico

11 2° obiettivo Recuperare comportamento alunni problematici Strategia di intervento Nel piano annuale di studio verranno affrontate specificatamente tre tematiche di ed. alla convivenza civile per ogni anno scolastico ( affettività, ambientale e cittadinanza in prima classe; salute, ambientale e alimentare in seconda; salute, affettività, ed. stradale in terza). In detti percorsi si punterà alla formazione del cittadino consapevole dei propri diritti e responsabile dei doveri. Ogni percorso dura mediamente 11 ore. In tutte le classi è previsto il percorso di ed. alla legalità – diversificato a seconda delle classi - con lintervento di un graduato della polizia di stato. Continuo controllo del clima scolastico e monitoraggio delle situazioni particolari con eventuali interventi mirati a seconda dei casi. Richiesta supporto delle famiglie e, se necessario, enti territoriali ( es. servizio sociale; genitori e personale attivo nella parrocchia o altre agenzie educative). valutazione riuscita Continuo confronto con ragazzi e famiglie.

12 3° obiettivo Abbassare la percentuale di alunni licenziati nel precedente anno scolastico e bocciati nellanno successivo Strategia di intervento Alcune attività di orientamento sono anticipate nella classe seconda; nella classe terza, invece vengono curate con particolare attenzione le situazioni cosiddette a rischio. Tutte le discipline sono coinvolte nel potenziamento del metodo di studio anche con il supporto delle TIC. valutazione riuscita Continui controlli ed eventuali interventi circa lacquisizione e applicazione di un metodo di studio. Raccolta dati alla fine del prossimo anno

13 4° obiettivo Migliorare la qualità di rapporti e collaborazione con la scuola primaria Strategia di intervento Realizzazione di un giornalino on line sul sito scolastico. Attraverso la programmazione e realizzazione di attività comuni su tematiche di particolare interesse ( es. giornata della memoria, ed. ambientale, etc. ) i docenti dei due ordini scolastici potranno confrontarsi concretamente sulle diverse modalità di lavoro riuscendo a superare taluni preconcetti e diffidenze che ancora persistono. Per una sicura riuscita del giornalino, i docenti organizzatori si riservano di iniziare nel presente anno scolastico la fase di progettazione dellattività e sviluppare negli anni avvenire quanto previsto ( anche in considerazione che una collega ha realizzato il sito scolastico solo questanno). valutazione riuscita Gli ideatori delliniziativa confidano in un miglioramento di rapporti fin dalla fase di progettazione


Scaricare ppt "I risultati della.s. 2006/2007: I dati significativi del contesto Per la scuola primaria: R imane sempre al di sopra della media provinciale la percentuale."

Presentazioni simili


Annunci Google