La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DAL CAOS ALLA FORMA CREATIVITÀ E METODO ALLORIGINE DEL VALORE Sessione di studio in onore dei Master 2004 Roma, 14 dicembre 2004.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DAL CAOS ALLA FORMA CREATIVITÀ E METODO ALLORIGINE DEL VALORE Sessione di studio in onore dei Master 2004 Roma, 14 dicembre 2004."— Transcript della presentazione:

1 DAL CAOS ALLA FORMA CREATIVITÀ E METODO ALLORIGINE DEL VALORE Sessione di studio in onore dei Master 2004 Roma, 14 dicembre 2004

2 Innovazione, discontinuità, impresa. I percorsi del pensiero creativo. di Agostino La Bella

3 Sommario Introduzione: lindice di creatività Introduzione: lindice di creatività La dipendenza dal dominio La dipendenza dal dominio Alcuni casi significativi Alcuni casi significativi Leffetto farfalla Leffetto farfalla Lorganizzazione frattale Lorganizzazione frattale Conclusioni Conclusioni

4 Creatività Tecnologia/ Organizzazione Apprendimento Innovazione Prestazione/ Crescita

5 Lindice di creatività Sono state proposte Sono state proposte diverse misure del livello creativo di una organizzazione o di un sistema socio-economico. Molto successo ha avuto Molto successo ha avuto lindice di creatività proposto da R. Florida della Carnegie Mellon University.

6 Questa diapositiva e le tre seguenti sono tratte da: Europe in the Creative Age

7

8 Caratteristiche trasversali Discontinuità Discontinuità Non prevedibilità Non prevedibilità Metodo Metodo Determinazione e Determinazione eimpegno Ordine Ordine Valore Valore

9 CHINDOGU (STRANO OGGETTO) ……non preoccupatevi che qualcuno vi rubi lidea; se vale la pena di essere rubata, non è un chindogu.

10

11

12

13

14

15 1907 Il giovane Pablo Picasso dipinge Les Demoiselles dAvignon

16

17 Organi di governo Divisione 1Divisione 2 Strutture divisionali Divisione 3Divisione n 1923 Alfred Sloan inventa ed applica lorganizzazione divisionale

18 Organi di governo divisionale Sotto - Divisione 1 Sotto- Divisione 2 Strutture organizzative Sotto- Divisione 3 Sotto- Divisione n

19 1953 James D. Watson e Francis Crick formulano il modello del DNA

20 1990 Tim Berners-Lee inventa il World Wide Web

21 1961 Edward Lorenz scopre leffetto farfalla

22 x n+1 = rx n (1-x n ) La curva logistica

23 x n+1 = rx n (1-x n ) La curva logistica

24 x r 3,003,46 1,00

25 Ordine e Caos La migliore descrizione del La migliore descrizione del comportamento caotico è fornita dalla matematica dei frattali Un frattale è un insieme di equazioni, spesso molto semplici, in grado di descrivere forme complesse, frastagliate e irregolari. Un frattale è un insieme di equazioni, spesso molto semplici, in grado di descrivere forme complesse, frastagliate e irregolari. Caratteristiche fondamentali: Caratteristiche fondamentali: Autosomiglianza Autosomiglianza Dimensione frazionaria Dimensione frazionaria

26 Lattrattore di Lorenz Rappresenta il moto di una ruota idraulica Rappresenta il moto di una ruota idraulica Descritto da equazioni deterministiche, ma completamente imprevedibile. Descritto da equazioni deterministiche, ma completamente imprevedibile.

27 1975 Benoit B. Mandelbrot formalizza la geometria frattale Partiamo da un punto P 0 nel piano complesso e applichiamo successivamente le seguenti iterazioni: Ovviamente ad ogni numero Z corrisponde un diverso punto, che ha una determinata distanza dall'origine.

28

29

30

31

32

33 Lorganizzazione frattale Comportamento caotico Comportamento caotico Presenza di attrattori strani Presenza di attrattori strani Autosomiglianza Autosomiglianza

34 Il caos e gli attrattori nel comportamento dimpresa Le imprese eccellenti sono in Le imprese eccellenti sono in grado di far coesistere attributi contrastanti. La coesione è ottenuta con gli strumenti della leadership. La coesione è ottenuta con gli strumenti della leadership. Lorganizzazione oscilla tra comportamenti diversi. Lorganizzazione oscilla tra comportamenti diversi. Le traiettorie nello spazio dei comportamenti sono uniche e caratterizzanti, ma senza vie di fuga. Le traiettorie nello spazio dei comportamenti sono uniche e caratterizzanti, ma senza vie di fuga.

35 Verso decentramento e differenziazione Verso espansione e adattamento Verso posizione competitiva di sistema Verso massimizzazione degli output Verso centralizzazione e integrazione Verso consolidamento e continuità Verso mantenimento e stabilità Verso valorizzazione risorse umane Flessibilità Controllo Focus internoFocus esterno Formazione e incentivi Morale e coesione Information Management e comunicazione Stabilità e controllo Adattatività e velocità Produttività e efficienza Crescita e acquisizione di risorse Obiettivi e pianificazione

36

37

38 Autosomiglianza Leadership diffusa. Leadership diffusa. Simmetria di scala. Simmetria di scala. Il sistema si riflette nel singolo componente. Il sistema si riflette nel singolo componente. Lautosomiglianza genera lattrattore di impresa. Lautosomiglianza genera lattrattore di impresa.

39 Conclusioni Turbolenza strutturale. Turbolenza strutturale. La creatività si accende soprattutto al confine con il caos. La creatività si accende soprattutto al confine con il caos. Convergenza tra saperi. Convergenza tra saperi. Nuovi modelli di apprendimento. Nuovi modelli di apprendimento. Dalla squadra all hot group. Dalla squadra all hot group. Pensare in grande, organizzare in piccolo. Pensare in grande, organizzare in piccolo.

40 Dio ha inserito un'arte segreta nelle forze di natura in modo da consentire a quest'ultima di modellarsi passando dal caos a un perfetto sistema del mondo Immanuel Kant


Scaricare ppt "DAL CAOS ALLA FORMA CREATIVITÀ E METODO ALLORIGINE DEL VALORE Sessione di studio in onore dei Master 2004 Roma, 14 dicembre 2004."

Presentazioni simili


Annunci Google