La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Metodologia PRINCE2 Marco Massarelli 063438 – A.A. 2008/2009 Corso di Gestione di Progetto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Metodologia PRINCE2 Marco Massarelli 063438 – A.A. 2008/2009 Corso di Gestione di Progetto."— Transcript della presentazione:

1 Metodologia PRINCE2 Marco Massarelli – A.A. 2008/2009 Corso di Gestione di Progetto

2 Cenni Storici PRINCE2 (PRoject IN a Controlled Environment) ha origine in Inghilterra evolvendo PROMT, ideato nel 1975 per la gestione dello sviluppo di software. Standard obbligatorio per progetti per enti governativi Dal 1989 è disponibile attraverso una certificazione e dei corsi. La metodologia è diffusa in Gran Bretagna, Olanda, Germania e Australia ed è molto usata nel settore IT

3 La Metodologia (1/4) Metodologia basata sui processi che a loro volta sono contestualizzati in un framework di componenti da applicare durante tutto il progetto Attenzione focalizzata sul prodotto atteso e soprattutto sui benefici attesi Fornisce tecniche di verifica per mantenere il progettomarket oriented Non vengono fornite indicazioni sui tool di pianificazione e sulla gestione delle risorse umane Aspetti strategici di progetto o project management non sono coperti

4 La Metodologia (2/4) La fase di esecuzione è divisa in Stage e la pianificazione dettagliata si fa solo fino allo stage successivo Gestione day-by-day oscura perché i team sono esterni al Project Manager e quindi misurati solo sui risultati, sui prodotti e sui deliverable

5 La Metodologia (3/4) Viene richiesto di giustificare più volte, tramite appositi documenti, la necessità che il progetto prosegua Lo sponsor (o comitato guida) si assume la responsabilità globale del progetto Il Project Manager ha un mandato preciso e la validità di tale mandato viene continuamente controllata dallo sponsor

6 La Metodologia (4/4) PRINCE2 è compatibile con la maggior parte delle tecniche di Project Management e nello specifico descrive le seguenti: – Product Based Planning – Change Control – Quality Reviews

7 Principi Ispiratori (1/1) 1.Manage by Exception – si portano allattenzione del management superiore (lo sponsor) solo gli eventi uscenti da parametri di controllo predefiniti (le tolleranze) 2.Business Case – durante tutto lo sviluppo del progetto si mantiene lattenzione su quanto ha portato alla sua autorizzazione, pesando costantemente costi e benefici

8 Principi Ispiratori (2/2) 3.Default No-Go – al raggiungimento di ogni stage del progetto è sempre richiesta lautorizzazione esplicita alla prosecuzione a fronte di una valutazione dellutilità del progetto da parte del management superiore 4.Product Based Planning – la pianificazione è basata sul prodotto, partendo quindi dalla Product Breakdown Structure (PBS)

9 Schema Processi-Componenti Change Control Business CaseOrganisationPlansControls Management of Risks Quality in a Project Environment Configuration Management Directing a Project Start Up Initiating a Project Controlling a Stage Managing Stage Boundaries Closing a Project Managing Product Delivery Planning Componenti Processi

10 Documenti (1/3) Per i componenti sono prescritti dei living documents da produrre e mantenere durante il progetto Lo standard suggerisce dei template per i documenti Lo standard segue unarchiviazione e unorganizzazione puntigliosa di tutti i documenti associati al progetto

11 Documenti (2/3) Punti di particolare interesse sui documenti: 1.Business Case – Attenzione continua al business case (un documento specifico) e alla misura del rapporto costi/benefici 2.Flessibilità – Tutti i processi sono da svolgere, ma con livelli di profondità modulabile

12 Documenti (3/3) 3.Qualità Tecnica – PRINCE2 è molto adatto alla realizzazione di prodotti tecnici per la sua attenzione costante alladerenza alle specifiche e alla valutazione della qualità 4.Attenzione al Prodotto Tecnico – Si insiste molto sul Configuration Management, ovvero la documentazione e analisi di ogni richiesta/necessità di cambiamento del prodotto

13 Organizzazione del Progetto Corporate or Programme Management Project Assurance Project Board Senior User Project Executive Senior Supplier Project Manager Team Manager Project Support

14 Project Board (1/2) Presenta il Project Executive, che ha il compito fondamentale di garantire il successo del progetto Presenta il Senior User, che possiede il Business Case ed è il suo arbitro fondamentale Presenta il Senior Supplier, che è colui che fornisce le risorse per le porzioni operative (o meglio produttive) del progetto

15 Project Board (2/2) Lavora sul singolo progetto e ha la facoltà di terminarlo qualora il Business Case non risultasse più soddisfatto Può delegare alcune funzioni di Assurance, come la qualità (spesso tecnica, del prodotto) a persone del Project Assurance che NON fanno parte del gruppo di progetto e non rispondo al Project Manager

16 Senior Supplier Il ruolo del Senior Supplier nel Project Board è quello di essere il facilitatore in caso di conflitti sulle risorse operative e produttive essendone il rappresentante e owner Rappresenta un macro-fornitore che fornisce risorse, team produttivi e team leaders Viene sostanzialmente ipotizzato come unico

17 Project Manager Nominato dal Project Executive (PE) Pianifica il progetto insieme al PE Imposta tutta la documentazione iniziale, mantenendola poi aggiornata NOTA: Senior User e Project Executive e Project Manager fanno normalmente parte della società cliente, ovvero quella che fruirà dei deliverable che saranno prodotti dallorganizzazione da cui proviene il Senior Supplier.

18 Il ruolo del Project Manager (1/3) Il PM in PRINCE coordina molto e gestisce poco Controllore di progetto: 1.Prepara i piani di progetto 2.Prepara i numerosi report sul lavoro svolto 3.Autorizza i Work package Aiutato dal Project Support

19 Il ruolo del Project Manager (2/3) Se un evento fa deragliare il progetto il PM produce vari report sullo scenario e genera un Exception Plan, da sottoporre allapprovazione della Project Board Può prendere decisioni entro le tolleranze concordate con il Project Board relative a tempi e costi

20 Il ruolo del Project Manager (3/3) Il PM non è un segretario: ha soltanto minore necessità di capacità politiche Il PM non effettua una gestione economica Il PM non effettua una contrattualistica verso i fornitori, garantisce solo il contenuto tecnico della fornitura Approfondisce e mantiene il Business Case

21 Conclusioni PRINCE2 è adeguato per progetti di qualsiasi dimensione (è completamente scalabile) e soprattutto per quelli di ambito tecnico PRINCE2 è adeguato per progetti per conto di enti governativi (è lo standard obbligatorio nel regno Unito) PRINCE2 è agile nel senso che permette al progetto di virare bruscamente quando non è troppo tardi, mantenendo il progetto on business

22 Materiale di Riferimento GO/NO-GO, questo è il dilemma! di Eugenio Rambaldi (www.xpm.it)www.xpm.it La figura del Project Manager nella metodologia PRINCE2di Andrea Vismara (www.pmlab.it)www.pmlab.it Wikipedia (http://en.wikipedia.org/wiki/Prince2)http://en.wikipedia.org/wiki/Prince2 PRINCE2 (www.prince2.org.uk)www.prince2.org.uk AMP Group (www.ampgroup.co.uk)


Scaricare ppt "Metodologia PRINCE2 Marco Massarelli 063438 – A.A. 2008/2009 Corso di Gestione di Progetto."

Presentazioni simili


Annunci Google