La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Appunti La relazione operatore sanitario/utente Irmo Carraro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Appunti La relazione operatore sanitario/utente Irmo Carraro."— Transcript della presentazione:

1 Appunti La relazione operatore sanitario/utente Irmo Carraro

2 La comunicazione La non adesione terapeutica La comunicazione operatore sanitario/paziente

3 LA COMUNICAZIONE Varie definizioni possibili, perché la comunicazione è un concetto molto ampio. … È LINSIEME DEI PROCESSI PSICOFISICI ATTRAVERSO I QUALI IL COMPORTAMENTO DI UN INDIVIDUO INFLUISCE SU QUELLO DI UN ALTRO Questa definizione si basa sullidea di unazione che si esercita tra due persone.

4 Nelle relazioni interpersonali non cè occasione in cui, consapevolmente o no, non si comunichi qualcosa e in cui non esista chi invia il messag- gio (trasmittente) e chi lo accoglie (ricevente). Il nostro comportamento, che lo si voglia o meno, procura informazioni, richieste, ordini a qualcuno che li riceve. Anche senza parlare, attraverso la mimica, si possono far pervenire messaggi.

5 Cosa e come comunichiamo? Il contenuto della comunicazione è dato dai messaggi e dalle informazioni. Il modo in cui le persone si mettono in rapporto tra di loro rappre- senta la relazione. I modi con cui comunichiamo sono due e avvengono contempora- neamente, poiché noi parliamo (= comunicazione verbale) e nello stesso tempo atteggiamo il corpo (= comunicazione non verbale). Può succedere che ci sia coerenza tra i due modi di comunicare (= congruenza), oppure incoerenza (= incongruenza).

6 LA COMUNICAZIONE TERAPEUTICA La malattia è per lindividuo unesperienza totale e individuale nello stesso tempo, che ha il poten- ziale significato di cambiamento rispetto ad un precedente modo di essere. Il cambiamento si mette, a sua volta, in rapporto col senso che ciascuno di noi attribuisce alla vita, alla morte, alla sopravvivenza, ed è un processo terapeutico in sé.

7 Lesperienza di malattia è unesperienza di bisogno che richiede una relazione daiuto. I rapporti che instauriano con gli altri definiscono lo stato di malattia e permettono lespressione dei significati che lesperienza di malattia apporta. Nella relazione daiuto il paziente esprime i bisogni che non è in grado di soddisfare, perché la malat- tia è un ostacolo alla loro normale soddisfazione.

8 I bisogni insoddisfatti, cioè i problemi, sono presenti in qualche modo nella comunicazione che avviene attraverso la sfera fisico-psico-sociale in cui il paziente si esprime. Tanto più è efficace la relazione daiuto, tanto più è importante il rapporto. Succede comunemente che i pazienti sentano il rapporto con gli infermieri più importante di quanto non lo sentano questi ultimi che spesso, al contrario, tendono a negarlo. Qualche anno fa, una ricerca condotta in Italia ha dimostrato che gli infermieri considerano molto poco, e alla stregua di quanto potrebbe fare ogni persona, quanto essi fanno per i pazienti da un punto di vista psicologico.

9 L L infermiere cioè tende a sottovalutare limplicazione tera- peutica che ha il dialogo con lutente, considerato più o me- no consapevolmente alla stregua di chiacchere con amici. La comunicazione di chi assiste deve essere orientata a con- tribuire allassistenza: loperatore cioè deve dare un senso terapeutico alla comunicazione con il paziente, finalizzandola al soddisfacimento dei suoi bisogni, come del resto il paziente si attende. A tale scopo la comunicazione deve essere intenzionale: ciò richiede che linfermiere rifletta su quanto dice allammalato, dopo averlo ben ascoltato e accolto nei vari livelli di comuni- cazione.

10 Le domande che ci possiamo porre nel momento di riflessione sono: 1. quali sono i bisogni espressi dal paziente? 2.quali quelli espressi verbalmente, quali quelli non verbalmente? 3. quale potrebbe essere leffetto del mio compor- tamento sul paziente? Mettere in atto una comunicazione terapeutica richiede tempo ed esperienza.

11 LASCOLTO Nelle diverse situazioni che si possono presentare, il modo più efficace di avvicinarsi al malato è quello di accoglierne lansia, rispondendo con lascolto amichevole e con la ra- pida attuazione delle mansioni terapeutiche che il caso ri- chiede. Lascolto non è necessariamente limitato al contenuto dei messaggi verbali del malato, ma è da intendersi rivolto in senso più ampio a tutte le sue comunicazioni, come lespressione del volto, gli atteggiamenti del corpo, i gesti delle mani, il tono della voce, ecc.

12 Attraverso losservazione di questi atti, si cerca di capire il suo grado di ansia, i suoi bisogni, le sue paure e risponder- vi adeguatamente. Ad es. se è poco disposto al dialogo e nasconde la sua ansia nel silenzio, può risultare inutile o addirittura fastidioso stimo- larlo a parlare. Può essere, invece, utile accettarlo nel suo silenzio e rassicurarlo con un atteggiamento comprensivo. E importante in ogni caso che il paziente sia messo a suo agio at- traverso un atteggiamento di disponibilità, autenticità, empatia. Lo stesso contatto corporeo può costituire un elemento assai im- portante di comunicazione, di premura e di rassicurazione. Questultima non dovrà essere generica, ma ben centrata sulle angosce del paziente, non eludendo lobiettiva situazione in cui si trova, in modo da non distorcere lesame di realtà.

13 Come comunichiamo? Gli strumenti della comunicazione sono: - le parole e - latteggiamento non verbale. Linsieme delle parole costituisce il linguaggio e questo si struttura nel tempo sia per lindividuo, sia per le popolazioni, tanto da costituire un contrassegno della loro storia culturale.

14 LADESIONE TERAPEUTICA

15 Uno dei temi cruciali di indagine in psicologia della salute riguarda il fenomeno della compliance (=obbedienza): se e in quale misura i pz svolgono le azioni prescritte dall'equipe curante. Le ricerche mostrano che esiste unampia variabilità fra i pazienti nel: - assumere farmaci - presentarsi regolarmente alle visite di controllo (due comportamenti indici di accettazione del trattamento).

16 un basso grado di compliance sembra legato a: 1.le caratteristiche individuali del paziente (modello HBM che sottolinea il ruolo delle credenze sulla percezione dei benefici e degli ostacoli) 1 buona compliance terapeutica dipende dal fatto che il pz crede: - di essere vulnerabile alla malattia - di avere una grave malattia - di trarre beneficio dalle cure prescritte 2. i fattori legati al sistema sanitario e cioè alcuni aspetti relazionali e strutturali, come: - il comportamento delléquipe, - la comunicazione insoddisfacente medico-paziente, - ladeguatezza della comprensione del pz delle indica- cazioni ricevute

17 Progressivo cambiamento dei termini e del modo di intenderli: COMPLIANCE (obbedienza) indicante lobbedienza del paziente e quindi una sua posizione di passività e di sottomissione, ADHERENCE(adesione) implicante uno sforzo volontario da parte dellindividuo, una sua partecipazione attiva ed impegnata.

18 Nuove concettualizzazioni Atto di Compliance = buona norma Atto di non Compliance = norma cattiva eccetto: - se vi sono dubbi sulla diagnosi e prescrizione - se vi è insoddisfazione per la terapia Con il diffondersi delle patologie croniche, richiedenti trattamenti di lunga durata, il problema della non adesione è diventato il problema più serio a cui la pratica medica deve far fronte

19 Ricerche anglosassoni su patologie cardiovascolari -30% compliance buona -50% compliance parziale -20%-50% non compliance Fenomeno molto risaputo e spiegato in vario modo: -Antropologia medica: scarto legato alla diversa interpretazione della malattia dai pz e dai medici - Psicologia Sociale: diversità delle rappresentazioni della salute profane da quelle della medicina ufficiale

20 Ricerche nordamericane (Chesney e coll, 1992) -30% non compliance di pz sieropositivi asintomatici non avevano abbandonato i protocolli terapeutici per effetti tossici secondari, Bensì perché, partecipando a gruppi A.M.A. o di Comunità, avevano abbracciato protocolli alternativi mutuati da un alto livello di informazione sulla malattia COME MAI SUCCEDE TUTTO QUESTO??

21 COME MAI SUCCEDE TUTTO QUESTO?? Non si sono trovati fattori sociodemografici o tratti di personalità che predicono la compliance !! Ma … Fattori influenzanti la compliance emersi sono stati: -Caratteristiche del regime di trattamento (durata, complessità, effetti) -Qualità dellinformazione -La comprensione del protocollo da parte del pz -La qualità dellinterazione con lequipe curante -Le credenze sulla salute (Percezione di vulnerabilità, di gravità della malattia, dei costi e dei benefici della cura e degli effetti secondari) -Lautopercezione della propria efficacia di azione -Influenza dellambiente sociale (familiari, amici, rete di sostegno sociale) -Aspetti emotivi, relazionali e sociali emergenti nel tempo

22 CRITICHE A TALI MODELLI ESPLICATIVI Propongono di tenere conto anche di questi ulteriori fattori: -I processi di costruzione sociale delle rappresentazioni nella formazio- ne e nella trasformazione dei comportamenti di cura: i sistemi di credenze e rappresentazioni strutturate sulla malattia, morte, guarigione, ruolo medico influenzano i ragionamenti, le decisioni e le pratiche dei pz Fattori di rifiuto o di resistenza a una normatività medica

23 -Impatto dei processi di influenza sociale nella adesione o rifiuto delle direttive mediche: es. linfluenza + o – dei gruppi dei pari o dei gruppi A.M.A. nei sieropositivi rafforza o indebolisce la compliance Ricerca italiana con pz affetti da HIV/AIDS (Pietrantoni 1998) -comportamenti di non adherence tra il 20% e il 40% -importanza di fattori sociodemografici, come letà o la storia delle sostanze assunte (nel caso di td) INOLTRE … -

24 Analizzando gli aspetti cognitivi, emotivi e sociali connessi con il comportamento di compliance, è emerso che losser- vanza delle direttive mediche è influenzata da: 1. stili di coping rispetto alla malattia, 2. significati attribuiti al farmaco e 3. abilità personali a integrare lassunzione dei farmaci nel proprio stile di vita. Le cure continue, lingerenza nella quotidianità e lincer- tezza associata agli esiti a lungo termine, influenzano la motivazione alla regolarità terapeutica.

25 ALTRI RISULTATI EMERSI Le persone con maggiore padronanza nella ge-stione nelle attività quotidiane o con uno stile di vita più regolare, hanno meno difficoltà a seguire le prescrizioni mediche. Importanza delle influenze sociali sui soggetti ad opera delle reti di riferimento: es. i gruppi A.M.A. sono diventati luoghi, non solo di condivisione della malattia e di rottura dellisolamento, ma microstrutture so- ciali di formazione di identità, frutto della elaborazione di idee e conoscenze sulla cura e sulla malattia.

26 COMPORTAMENTO NON VERBALE latteggiamento, la mimica, il movimento, le sensazioni, il tono della voce … tutto il linguaggio non verbale che si esprime attraverso il corpo e le sue funzioni, viene lasciato allassimilazione delle consuetudini compor- tamentali, familiari o sociali. La comunicazione mediante il corpo sembra grossolana ed ele- mentare, paragonata alla raffinatezza del linguaggio verbale, in realtà è semplice, totale e veicolo basilare delle emozioni.

27 LA COMUNICAZIONE CON IL PAZIENTE TERMINALE Uno degli argomenti più temuti come problematico dal punto di vista psicologico è quello che vede loperatore sanitario di fronte allammalato ingua- ribile ( = soggetto affetto da malattia non acuta e mortale. COSA DIRE al malato inguaribile? Sempre la verità o mai? La verità che può essere più utile al paziente.

28 REAZIONI DEL PZ ALLINFORMAZIONE lotteranno meglio contro la malattia e moriranno più sereni Altri possono andare incontro facilmente a stati depressivi Lesperienza insegna che la verità è + accettata di quanto di pensi ! E importante, comunque: - conoscerne la personalità - sapere come la persona reagisce alle difficoltà - qual è la sua situazione familiare, economica, affettiva e di lavoro - quali le convinzioni religiose, ecc.

29 Il problema non dovrebbe essere se dirlo, ma: come posso condividere con lammalato quello che so? Se il problema di dire riguarda più il medico dellinfermiere, è però richiesta ad entrambe le figure una capacità di ascolto che permetta al paziente di esprimere le proprie angosce, senza togliergli la speranza Molte volte, infatti, il paziente mantiene una coscienza ambigua del proprio stato di malattia

30 Ha unintima consapevolezza delle sue condizioni, facilmente rilevabile da alcune allusioni che fa, o dalle sensazioni che riferisce, ma al tempo stesso vuole continuare a sperare e vuole che lo si aiuti a farlo Aiutare l'ammalato non vuol dire ingannarlo con menzogne, vuol dire lasciargli aperta la porta della speranza, ad esempio nei progressi della scienza Aiutarlo vuole anche dire fargli sentire che non verrà lasciato solo nei momenti difficili: con il paziente terminale ci mettiamo in gioco, non per le nostre competenze tecniche, ma per essere buoni operatori.

31 Il paziente può essere incoraggiato a parlare dei momenti più significativi della sua vita e anche il lavoro con i suoi familiari deve procedere in questo senso Abbiamo visto che la comunicazione è molto importante. I contenuti della comunicazione possono essere costituiti dalle "informazioni" sul paziente Se l'informazione è molto importante per i fini terapeutici, dobbiamo essere molto attenti al modo e al luogo dove avviene lo scambio di notizie e di dati sul pz.

32 Per quanto riguarda tutto quello che veniamo a sapere di un paziente abbiamo l'obbligo della riservatezza, non devono esserci nella nostra pratica quotidiana "voci di corridoio e/o confidenze". Rivelare un segreto professionale è indice di mancanza di rispetto nei confronti delle persone, oltre che un reato punito dalla legge.

33 Quello che veniamo a sapere di un paziente deve essere rivelato (trasmesso) solo al personale curante e solo nell'interesse del paziente. La riservatezza deve riguardare: 1.la malattia del paziente e sue possibili conseguenze 2.la situazione del paziente (es. problemi familiari, sociali, ecc.) 3.le sue abitudini particolari (es. abitudini sessuali, tx, alcoldip, ecc.

34 CARATTERISTICHE DELLA COMUNICAZIONE ME CARATTERISTICHE DELLA COMUNICAZIONE MEDICO/PAZIENTE

35 CARATTERISTICHE DELLA COMUNICAZIONE CARATTERISTICHE DELLA COMUNICAZIONE MEDICO/PAZIENTE Molte ricerche hanno mostrato che alcuni aspetti importanti della comunicazione medico-paziente come: A) la soddisfazione del paziente, B) la comprensione e il ricordo delle informazioni ricevute, che si traducono nellosservanza delle prescrizioni mediche, sono correlate alle modalità con cui vengono fornite le informazioni ai pz sulle loro condizioni di salute e di cura

36 2 PROSPETTIVE TEORICHE SULLE RELAZIONI FRA SODDISFAZIONE/INSODDISFAZIONE E COMPLIANCE ASPETTI AFFETTIVI (Korsch, 1989) 800 interviste a md con fg in clinica pediatrica a Los Angeles Soddisfazione per Consultazione medica correlata a: Essere amichevole Mostrare di capire i timori md Avere abilità comunicative Se mancanti, insoddisfazione dei genitori ASPETTI COGNITIVI (Ley, 1989) Comunicazione è efficace, se il msg è compreso e ricordato Il fallimento di ciò dipende: Difficile comprensione del materiale per linguaggio troppo specialistico Mancanza di conoscenza tecnica medica di base dei pz Convinzioni erronee dei pz che disturbano la corretta comprensione Insoddisfazione e mancanza di adesione al trattamento proposto

37 Altri aspetti da considerare: (Rutter, Quine e Chesham, 1993) Tali Autori sostengono che tali posizioni ci dicono cosa succede nellinterazione, ma non rispondano ad alcuni interrogativi: Quali sono le variabili antecedenti allincontro? - precedenti incontri - aspettative reciproche - credenze - atteggiamenti Questi elementi influiscono sulla soddisfazione e sulla compliance tramite la mediazione della comprensione e della memorizzazione Necessità di integrare i due modelli

38 Importante è integrare i 2 modelli: es. MODELLO DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI di Frederikson (1992) 3 livelli di analisi dellinterazione comunicativa medico/paziente: 1.Input - quadro di riferimento - aspettative e conoscenze del medico e del pz 2.Processo - ciò che succede durante la consultazione - lo scambio informativo - le fasi della conversazione 3.Risultato - le percezioni - la diagnosi - lobbedienza - la soddisfazione

39 Un modello della comunicazione medico-paziente (Frederikson, 1992) Input Processo Output PazientePaziente Quadro di riferimento Motivazioni, scopi, bisogni, aspettative Informazioni personali MedicoMedico Quadro di riferimento Motivazioni, scopi, bisogni, aspettative Informazioni personali Inizio Scambio di informazioni Fine Riconoscimento del problema Domande Visita fisica Diagnosi Trattamento Percezione Obbedienza Preoccupazione Comprensione SoddisfazioneSoddisfazione Percezione Diagnosi Prognosi Trattamento/ azione Comprensione Relazione SoddisfazioneSoddisfazione

40 Consultazione = procedura che comprende uno scambio di informazioni con aspetti cognitivi/affettivi/sociali mediante aspetti paralinguistici e cinesici DEFINIZIONE ALLARGATA DI INFORMAZIONE PIÙ ESPLICITO E APERTO È IL DIALOGO MEDICO/PZ E + EFFICACE È LINTERO PROCESSO In ogni fase, infatti, ci possono essere problemi di comunicazione: In Input: differenze che possono rendere difficile il dialogo, legate alle: - conoscenze - quadri di riferimento personale - aspettative degli interlocutori In Processo: durante la consultazione lo scambio di informazioni può essere ostacolato da vari fattori: - le resistenze del pz - lo stile autoritario del medico - la scarsa attenzione agli aspetti impliciti della conversazione In Risultato: ciò si riflette sugli esiti della visita e sul grado di soddisfazione

41 importanza della MUTUALITA E RECIPROCITA DELLA RELAZIONE E responsabilità del medico e del pz il: - Flusso adeguato ed efficace delle informazioni - buon esito della consultazione LA RECIPROCITA NELLE RELAZIONI INTERPERSONALI (Buunk e Schaufeli, 1999) Anche nella relazione asimmetrica pz/operatore la mancanza di reciprocità percepita dall operatore può contribuire a rendere molto impegnativa la relazione dal punto di vista emotivo, tanto da procurare una sensazione di esaurimento emotivo, preludio del burnout correlazione + fra scarsa reciprocità e dimensioni del burn out

42 Comportamenti non verbali nellinterazione pz/operatore Sono considerati dei: - regolatori di conversazione oppure - modi alternativi alle forme verbali convenzionali La capacità delloperatore di decodificare i messaggi non verbali è correlata + con la soddisfazione del pz Sono stati individuati dei comportamenti non verbali caratteristici: -Tendenza ad attirare lattenzione e il contatto visivo del medico mediante luso di pause o di movimenti corporei prima di iniziare le frasi -Il desiderio di controllo, le relazioni di ruolo e le informazioni affettive vengono veicolate tramite modalità non verbali

43 Comportamenti verbali nelle interazioni pz/operatore Ne sono stati studiati 3 tipi: scelta lessicale, fare domande e fornire spiegazioni - SCELTA LESSICALE a) il linguaggio tecnico/specialistico usato spesso per: - stabilire lautorità delloperatore - affermare le sue conoscenze - determinare il suo ruolo vs pz b) linfantilizzazione del pz esprime una posizione di superiorità es. uso di diminutivi come pilloline ecc. uso del dativo etico: Mi faccia questi esami spesso con atteggiamenti rassicuranti su aspetti poco importanti

44 - FARE DOMANDE - esprime la relazione di ruolo pz/operatore: le domande aperte offrono + libertà di espressione - fanno – domande: i pz con bassa istruzione, meno competenti, gli anziani: spesso perché cè una relazione richiesta/offerta di aiuto e non richiesta/ /offerta di conoscenze. Spesso hanno coraggio di porle solo indirettamente senza rivelare il soggetto (es. ho sentito dire che…) - FORNIRE SPIEGAZIONI - gli operatori sanitari tendono a fornire informazioni pratiche più che scienti- fiche o volte a spiegare il funzionamento e gli esiti di malattia o un problema - spiegare/informare influenzerebbe linter-scambio, aumentando il potere di negoziazione del pz e renderebbe più dinamica linterazione, ma…

45 Quali implicazioni operative? Le ricerche hanno seguito angolature diverse: utente e operatore Queste 2 parti interagenti divergenze con conseguenti focus diversi a livello di problemi e di soluzioni NECESSITA DI TENERE CONTO DI QUESTE DIFFERENZE PER INTERVENIRE EFFICACEMENTE PER MIGLIORARE LA COMUNICAZIONE

46 Nella percezione del paziente i problemi riguardano: Carenza quantitativa di informazioni - lamentela diffusa dei pz sulla diagnosi e prognosi - E un diritto, ma va calibrato per la reazione diversa (es. De- pressiva, rifiuto, evitamento, ansiogena ecc.) soprattutto di fronte a malattie gravi - I livelli di ansia sono diversi e possono portare a comprensione memorizzazione parziale o distorta di informazioni o consigli Lacune nella comunicazione - per scarsa comprensione dei termini delloperatore - per paura di chiedere chiarimenti in caso di incomprensione - per timore di far perdere tempo o di essere giudicati incolti

47 Difficoltà di memorizzare le informazioni e le prescrizioni per la loro complessità o poca chiarezza Scarsa partecipazione emotiva delloperatore ai problemi del pz Indifferenza delloperatore può portare a: - scarsa puntualità - svalutazione della competenza delloperatore - omissione di particolari intimi dei propri problemi Ruolo passivo del pz Collegato talora alla tendenza delloperatore a fare doman- de chiuse

48 Nella percezione delloperatore i problemi riguardano: Reazioni controtransferali difficoltà relazionali ed emotive che loperatore può provare nel contatto con i pz (Canestrari e Cipolli, 1991) es. irritazione, riattivazione di problemi personali irrisolti, insofferenza per certi pz Scarsità di informazioni fornite dal pz (per opposizione, sensi di colpa o vergogna) Scarsa adesione del pz alle prescrizioni o consigli terapeutici

49 PER RISOLVERE TALI PROBLEMI OCCORRE VEDERE SE: LOperatore è interessato a usare modi di comunicare + adeguati col pz? LOperatore è disponibile ad apprendere abilità e competenze comunicative specifiche? I pz possono uscire dal ruolo passivo e subalterno per una comunicazione un po + simmetrica ?

50 IL MEDICO VA A PERFEZIONARE LE PROPRIE CAPACITA COMUNICATIVE ? Il corso di studi non lo prevede Nel curriculum formativo non viene richiesto Il medico è considerato ancora lesperto e il pz il destinatario passivo della cura Comunicazione = scambio di informazioni fra medico e pz Linteresse del medico è spesso volto a ciò che non funziona visto da test e analisi e non dalla descrizione dei sintomi fatta dal pz invece…

51 IL CURRICULUM FORMATIVO MEDICO DOVREBBE AVERE: (Canestrari e Cipolli, 1991) Comprensione dei sintomi Interpretare i risultati degli esami di laboratorio Ma anche, Sapere realizzare una comunicazione adeguata con il pz: - capacità di ascolto - chiarezza dellespressione - autoconsapevolezza

52 PER UNA COMUNICAZIONE + EFFICACE IL PZ DOVREBBE AVERE: (Ley, 1989; Pizzini, 1989; ten Have, 1991) Migliore comprensione e capacità di memorizzazione Ma anche, Maggiore osservanza delle prescrizioni e consigli medici Aiutando la consultazione con: - resoconto attento dei sintomi - proprie idee sulla diagnosi, cause e cura della propria malattia - commentando e chiedendo chiarimenti e consigli

53 LE RICERCHE HANNO SCOPERTO CHE: Maggiore attività del pz + libertà di esprimere le proprie idee e attese AUMENTA LA COMPRENSIONE, LA MEMORIZZAZIONE E LA COMPLIANCE

54 LA LETTERATURA SULLO STILE ASIMMETRICO SI E CONCENTRATA SU 2 ASPETTI: Monopolio delliniziative Tenere nascoste le informazioni ten Have (1991) propone una nuova visione del problema: LASSIMETRIA NON E 1 DATO DI FATTO, MA QUALCOSA CHE SI COSTRUISCE NELLA INTERAZIONE DI ENTRAMBI I PARTECIPANTI

55 MOLTE SONO LE MODALITA INTERATTIVE: ASSIMETRICHE, FORMALI, INFORMALI … In genere, cè unoscillazione fra i due poli che dipende dai due interlocutori, di volta in volta … ten Have ha studiato i modi indiretti (nascosti) in cui il pz cerca di influenzare il corso della consultazione: es. Il prendere liniziative nellinterazione

56 Sequenze del prendere le iniziative nellinterazione: il pz decide di fare una consultazione spesso inizia il medico con le sue domande e il pz risponde talora in modo informale il pz può prendere liniziativa: - fornisce informazioni puntuali sullo stato di salute - sulle motivazioni - sulla storia dei sintomi … - spesso però non fa domande e ridà liniziativa al medico Il medico continua con le domande … Tramite le domande il medico controlla le sequenze interattive della consultazione CI SONO ANCORA MOLTI ALTRI TEMI CHE VENGONO INDAGATI E APPROFONDITI NELLA RICERCA …


Scaricare ppt "Appunti La relazione operatore sanitario/utente Irmo Carraro."

Presentazioni simili


Annunci Google