La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Lingue comunitarie e tecnologie per la formazione di docenti di discipline scientifiche Programma operativo nazionale La scuola per lo sviluppo 2000-2006.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Lingue comunitarie e tecnologie per la formazione di docenti di discipline scientifiche Programma operativo nazionale La scuola per lo sviluppo 2000-2006."— Transcript della presentazione:

1 1 Lingue comunitarie e tecnologie per la formazione di docenti di discipline scientifiche Programma operativo nazionale La scuola per lo sviluppo Misura 1, azione 1.4L Ist. Magistrale Alfano 1 Salerno I.T.C.G. L. Da Vinci Sapri (SA) Istituto Comprensivo Caselle in Pittari (SA) Scuola Media S.Quasimodo - Salerno Ist. Magistrale Alfano 1 Salerno I.T.C.G. L. Da Vinci Sapri (SA) Istituto Comprensivo Caselle in Pittari (SA) Scuola Media S.Quasimodo - Salerno

2 2 Da dove parte il progetto? Da alcuni anni i docenti di materie scientifiche dellISTITUTO SUPERIORE STATALE Alfano 1 di Salerno sono impegnati nellinnovazione della didattica delle discipline scientifiche, mantenendo anche contatti con gruppi di docenti europei impegnati nella ricerca in didattica delle scienze. Questo lavoro comune ha prodotto una pubblicazione in inglese e tedesco Teaching Science in Europe a cui hanno collaborato docenti di quindici paesi europei. Il progetto intende trasferire e divulgare lesperienza ed avviare un confronto su questa sul territorio provinciale e regionale.

3 3 Che cosa faremo? Formazione di docenti della provincia tenuta dal gruppo di docenti europei su temi inerenti linnovazione nella didattica delle discipline scientifiche, con presentazione e discussione della pubblicazione descritta precedentemente Sperimentazione in alcune classi della provincia e della regione dei contenuti della pubblicazione in lingua inglese e tedesca, utilizzando opportuni protocolli atti a documentare lesperienza, monitorarla e valutarla Confronto in itinere e finale degli esiti della sperimentazione utilizzando le nuove tecnologie della comunicazione (creazione di un sito e relativo forum, tutoring a distanza da parte dei docenti europei produttori dei materiali didattici, videoconferenze tra gli allievi che sperimentano, creazione di blog…) Valutazione e presentazione finale dellesperienza attraverso una manifestazione-evento (mostra dei materiali prodotti, seminario di valutazione…) Raccolta e pubblicazione degli esiti della sperimentazione in parte su materiale cartaceo, in parte in formato multimediale.

4 4 Scansione temporale Sett.Ott.Nov.Genn.Febbr.Mar.Apr. Presentazione della proposta nella propria scuola, eventuale inserimento nel POF Proposta nei consigli di classe, definizione della collaborazion e tra i docenti (mat. Scientifiche, lingue,… Definizione programma zione Sperimentazi one in classe Raccolta esiti, invio materiale Produzione materiale: sito, pubblicazio ne cartacea … Evento o eventi finali

5 5 Chi sarà coinvolto?Che cosa farà? Dirigenti scolastici degli istituti partner Coordinamento, supervisione, organizzazione formazione Direttore servizi amministrativiCurerà gli aspetti amministrativi Un docente coordinatore o anche due per ogni istituto partner Coordinerà lazione didattica e luso della rete, manterrà i contatti con la scuola coordinatrice Esperti in didattica delle scienze e tutor Formazione, ruolo di tutoraggio anche a distanza Docenti di matematica, fisica e scienze (docenti sperimentatori) Si formeranno, sperimenteranno, manterranno contatti con i colleghi europei usando la rete Docenti informaticaSupporto alluso della rete Produzione di materiale multimediale Docenti di lingua inglese e tedesca Supporto alla traduzione, alla sperimentazione, ai contatti con i colleghi europei AlunniSperimenteranno, si manterranno in contatto con studenti europei

6 6 Organigramma

7 7 Che cosa fa il docente sperimentatore? Formazione (studia i materiali, sceglie i temi da sperimentare, definisce il protocollo di sperimentazione) Sperimenta (in ore curricolari il segmento scelto, documenta la sperimentazione, mantiene i contatti con tutor e gli altri colleghi della rete tramite forum) Produce (diario di bordo, schede di osservazione, prove di verifica, riflessioni) Partecipa con gli alunni allevento finale

8 8 Come avviene la sperimentazione? IPOTESI DI SCENEGGIATURA IPOTESI DI SCENEGGIATURA

9 9 Prodotti del progetto I materiali didattici che i docenti produrranno e la documentazione dellattività in classe con gli alunni sarà pubblicata su di un sito dedicato al progetto. Docenti ed alunni produrranno manufatti, poster, materiali multimediali. I rapporti tra le varie componenti che collaboreranno al progetto avverranno attraverso la rete: si creerà un archivio che documenterà le varie fasi di lavoro. I materiali prodotti verranno presentati in un evento finale Chiederemo con la nuova programmazione PON ulteriori fondi per continuare lattività ed in particolare per valutarne gli esiti


Scaricare ppt "1 Lingue comunitarie e tecnologie per la formazione di docenti di discipline scientifiche Programma operativo nazionale La scuola per lo sviluppo 2000-2006."

Presentazioni simili


Annunci Google