La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Conservatorio D. Cimarosa di Avellino INFORMATICA MUSICALE Corso sul Software per la notazione musicale Finale 2005 VI dispensa doc. Susanna Canessa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Conservatorio D. Cimarosa di Avellino INFORMATICA MUSICALE Corso sul Software per la notazione musicale Finale 2005 VI dispensa doc. Susanna Canessa."— Transcript della presentazione:

1 Conservatorio D. Cimarosa di Avellino INFORMATICA MUSICALE Corso sul Software per la notazione musicale Finale 2005 VI dispensa doc. Susanna Canessa

2 Raggruppare le figure a cavallo di due battute Seguire nellordine il seguente procedimento: 1.Inserire alla fine della prima misura anche la figura che dovrà essere raggruppata e che fa parte della seconda battuta anche se il valore complessivo della misura eccede rispetto al tempo. 2. Inserire una pausa dello stesso valore della figura che dovrà essere raggruppata nella seconda battuta. 3.Con lo strumento speciale Posizione note spostare verso la nuova posizione la figura. Si avrà questo effetto:

3 Convertire un file di Finale in formato PDF E possibile convertire un file di Finale in formato PDF in modo da potere inviare il documento anche a chi non possiede il programma specifico. Condizione necessaria per poter fare questo è avere istallato nel proprio computer un programma per convertire in PDF. Menu File – Stampa – Click su Imposta - selez. la stampante virtuale es. Adobe Pdf dal menu a tendina Nome – Click su Ok. Il programma convertirà automaticamente il file in formato Pdf.

4 Strumento Testo Inserimenti – Offset di pagina

5 Inserimenti Dal menu Testo selez. inserimenti. Si accede al sottomenu. Qui è possibile scegliere di visualizzare: Data corrente Data del file Ora Numero di pagina Nome del file Compositore Titolo Copyright Descrizione Diesis Bemolle Bequadro Doppio Diesis Doppio Bemolle Simbolo. Es. Inserire il numero di pagina: Strumento Testo - Doppio-Click sulla pag. 2 – Menu Testo – Inserimenti – Numero di pagina. Appariranno i numeri di pagina in ordine crescente. Se si desidera disporre i numeri delle pag. pari in alto a sinistra ed i numeri delle pag. dispari in alto a destra: Pagine pari: Selez. il numero sulla pag. 2 - dal Menu Testo selez. Attributi della cornice – dal menu a tendina selez. pagine sinistre – scegliere lallineamento e la posizione in alto a sinistra – Click su Ok. Pagine dispari: Selez. il numero sulla pag. 3- dal Menu Testo selez. Attributi della cornice – dal menu a tendina selez. pagine destre – scegliere lallineamento e la posizione: in alto a destra – Click su Ok.

6 Offset di pagina Quando una partitura è divisa in più file, per cominciare la numerazione delle pagine da un numero diverso da 1 sul file successivo: Sul file successivo inserire i numeri di pagina assicurandosi che il numero sia visibile anche sulla prima pagina (Attributi della cornice – selez. tutte le pagine) Click sulla maniglia per selez. il numero – menu testo – offset di pagina – inserire nella finestra di dialogo Aggiungi allattuale numero di pagina il numero dellultima pagina del file precedente – Click su Ok. Il nuovo numero apparirà in partitura.

7 Menu Misure Numeri di battuta (modifica le regioni) Iniziare la numerazione delle battute di un file con un numero diverso da 1: Strumento Misure – Menu misure – Numera le battute – modifica le regioni. Appare la finestra di dialogo Numerazione delle misure. Su prima misura della regione inserire il numero diverso da 1 – deselez. su posizionamento e visualizzazione lopzione Nascondi il numero della prima battuta della regione. Creare più regioni di numeri di battuta: Click su Inserisci nella finestra di dialogo Numerazione delle misure per creare una nuova regione di numeri di battuta – inserire i numeri su Includi dalla misura_alla (numero effettivo di partenza) – inserire il numero (che deve apparire) su prima misura della regione. Click su Ok. Sulla prima regione di battute assicurarsi che su Includi dalla misura_alla siano inseriti i numeri effettivi.

8 Playback Control I controlli per il Playback sono raggruppati in una finestra fluttuante che vi consente di controllare lesecuzione della vostra partitura. I comandi sulla sinistra permettono di svolgere le solite operazioni di un qualsiasi player. Click sul tasto play per ascoltare il file in uso. Click sul tasto stop per interrompere lascolto I tasti indietro e avanti permettono di scorrere lungo le battute del brano. Nella casella di destra potete modificare landamento, ossia più veloce o più lento, a seconda delle esigenze. Click sul tasto a sinistra per saltare alla misura indicata nel campo di testo relativo alla battuta dinizio del playback, e da qui riprenderà il playback. Click sul tasto a destra per saltare allultima battuta del brano.

9 Click sul tasto per accedere alla finestra di dialogo Opzioni per il Playback Il Playback rispetterà tutta la dinamica inserita in partitura, anche i finali dei ritornelli se inseriti tramite il menu Ripetizione. Modo riproduzione: Selez.Scorrimento Inizia sempre a: Inserire il numero della misura di partenza del playback Interrompi a: Selez. Fine del brano o Inserire il numero della misura di arrivo del playback Stile Human Playback: selez. lo stile adatto a quello della partitura sulla quale si sta lavorando.

10 Attributi del rigo Elementi indipendenti Nella finestra di dialogo Attributi del rigo in basso a sinistra ce la sezione dedicata agli elementi indipendenti: Selez. le opzioni Tonalità, Tempo o Teste delle note. Quando selezionate gli Strumenti Tonalità o Indicazione di tempo, appare una maniglia su ogni stanghetta di ogni rigo per il quale avete selezionato Tonalità o Indicazione di tempo. Fate doppio click sulla maniglia per accedere alle finestra di dialogo Armatura di chiave o Indicazione di tempo per quel rigo.

11 Ottimizzazione della partitura Questa operazione viene eseguita quando in partitura vi sono misure vuote per unintera accollatura, la prassi vuole che quello strumento si nasconda temporaneamente per poter guadagnare spazio nellimpaginazione. Click sullo Strumento Configura-pagina – Menu Configura-pagina – Ottimizza le accollature. Appare la finestra di dialogo Ottimizzazione delle accollature Selez. Chiedi prima di rimuovere i righi NON rimuovere uno dei righi del pianoforte. Selez. Rimuovi lottimizzazione dellaccollatura per riportare la partitura allo stato iniziale. Click su Ok per confermare loperazione.

12 Salva come Oltre a salvare un file di Finale come.mus ossia come un documento Standard (notazionale), dalla finestra Salva col nome, è possibile salvare i documenti in altri formati altrettanto utili: Midi: Un File MIDI (. MID) è un documento MIDI standard, che può essere letto da un programma di sequencing. Dopo aver salvato un MIDI file, appare la finestra di dialogo relativa, nella quale potete specificare quale dei tre tipi di File MIDI intendete creare: Selez. Formato 1 (è il formato più usato) – Click su Ok.

13 Salva come file audio: Menu File – Salva formati speciali – Salva come file audio In queste finestra di dialogo potete specificare che tipo di file audio volete creare: un file audio Standard (File wave standard) Questo tipo di file è molto voluminoso in termini di memoria ed è il formato generalmente utilizzato per creare i CD audio. Compresso (File compresso MP3) Questo tipo di file occupa soltanto una frazione dello spazio necessario ad un file audio standard ed è il formato più adatto al salvataggio su computer o alla trasmissione via Internet. Fine del corso


Scaricare ppt "Conservatorio D. Cimarosa di Avellino INFORMATICA MUSICALE Corso sul Software per la notazione musicale Finale 2005 VI dispensa doc. Susanna Canessa."

Presentazioni simili


Annunci Google