La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GLO Politiche dello sviluppoR. Moro POLITICHE SANITARIE 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GLO Politiche dello sviluppoR. Moro POLITICHE SANITARIE 1."— Transcript della presentazione:

1 GLO Politiche dello sviluppoR. Moro POLITICHE SANITARIE 1

2 Sanità pubblica – le origini di unidea Il miglioramento della medicina potrà alla fine prolungare la vita umana, ma il miglioramento delle condizioni sociali può raggiungere questo risultato più in fretta e con maggiore successo Rudolf Virchow ( ) POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro2

3 Sanità pubblica – le origini di unidea la sanità pubblica è la scienza e larte di prevenire le malattie, prolungare la vita, promuovere la salute e lefficienza fisica attraverso limpegno organizzato della comunità per la salubrità dellambiente, il controllo delle infezioni comunitarie, leducazione degli individui sui principi digiene personale, lorganizzazione di servizi medici e infermieristici per la diagnosi precoce e il tempestivo trattamento delle malattie, lo sviluppo di unorganizzazione sociale che possa assicurare ad ogni individuo nella comunità uno standard di vita adeguato al mantenimento della salute Charles Edward Amory Winslow primo corso universitario di sanità pubblica – USA 1920 POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro3

4 OMS La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, e non consiste solo in unassenza di malattia o dinfermità. Il possesso del migliore stato di salute possibile costituisce un diritto fondamentale di ogni essere umano, senza distinzione di razza, di religione, dopinioni politiche, di condizione economica o sociale. La salute di tutti i popoli è una condizione fondamentale della pace del mondo e della sicurezza; essa dipende dalla più stretta cooperazione possibile tra i singoli e tra gli Stati. Definizione di salute contenuta nel Preambolo della Costituzione della Organizzazione Mondiale della Sanità – giugno 1946 POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro4

5 1946 – National Health Service UK Lord Beveridge promuove in Gran Bretagna la nascita del NHS, che attraverso il pagamento delle tasse garantisce assistenza sanitaria universale Il criterio costitutivo del servizio fu la famosa fraseDa ciascuno in base alle sue possibilità, a ciascuno secondo i suoi bisogni Legislazioni sulla tutela della salute erano state avviate per la prima volta nel 1883 da Bismarck che promosse il primo sistema di assicurazione sanitaria. Tuttora i sistemi sanitari nazionali si basano sulle due possibili scelte: assicurazione pagata dai cittadini (del tutto privata o in un quadro disegnato dallo stato) vs. servizio finanziato tramite la raccolta fiscale POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro5

6 Dichiarazione Human Rights Ogni persona ha diritto a un adeguato livello di vita che assicuri a lui e alla sua famiglia la salute e il benessere, inclusi il cibo, il vestiario, labitazione, lassistenza medica e i servizi sociali necessari, e il diritto alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia, disabilità, vedovanza e vecchiaia Dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dellUomo approvata dalle Nazioni Unite nel 1948 POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro6

7 Dal 1948 al 1978 Il legame tra salute e condizioni sociali era tenuto presente soprattutto nei paesi del blocco socialista. Quelli con economie di mercato promuovevano soprattutto politiche sanitarie basate sul modello medico, cioè sullorganizzazione delle cure più che su una politica di tipo olistico che intervenga anche con le politiche sociali per ridurre lincidenza di malattie e la conseguente necessità di cure. Allinizio del periodo molti degli attuali paesi a basso reddito erano colonie, con sistemi sanitari emanazione di quelli dei paesi dominanti, dove tra laltro si formava la classe dirigente locale, in particolare medici e politici incaricati di gestire i servizi e di formare gli operatori sanitari locali. E un periodo di intenso sviluppo scientifico e tecnologico, grazie al quale e si sviluppa la tendenza a ritenere che col progresso farmaci, vaccini ed altre tecnologie diagnostiche e terapeutiche sarebbero stati in grado di sconfiggere le malattie che colpivano lumanità. Nello stesso tempo la crescita economica rende più forte la lobby industriale multinazionale che produce queste tecnologie sanitarie, interessata a mettere in risalto lefficacia dei suoi prodotti per sconfiggere le malattie e migliorare la salute. Di fatto i sistemi sanitari nazionali e locali sono dominati dai medici, che oppongono una quasi naturale resistenza allidea che la salute possa migliorare con interventi sociali e tendono perciò a far pressione affinché gli investimenti per la salute vadano al settore strettamente sanitario. Infine, lOMS punta soprattutto su programmi verticali per il controllo o leradicazione di vaiolo, malaria, tubercolosi, framboesia ed altre malattie, rafforzando lidea che gli interventi medici e di salute pubblica siano prioritari rispetto agli interventi sociali o al rafforzamento orizzontale dei sistemi sanitari. POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro7

8 Gli anni 60 I paesi socialisti e il gruppo dei non allineati, acquistano maggiore influenza nel dibattito sulle politiche sanitarie, grazie ai successi – veri e talvolta solo presunti – ottenuti in patria. Finisce il colonialismo e molti paesi raggiungono lindipendenza, sperimentando un certo grado di autonomia nellelaborazione delle politiche della salute. I programmi verticali dellOMS non raggiungono grandi risultati e vengono progressivamente abbandonati, con leccezione di quello contro il vaiolo, che proseguirà fino al 1980, con lottenimento della scomparsa della malattia dal pianeta. In alcuni paesi – in particolare il Costarica, lo Sri Lanka e lo stato indiano del Kerala - politiche sociali e sanitarie basate sullintegrazione vedono il successo e sono oggetto di attenzione internazionale. Nello stesso tempo comincia ad esercitare influenza la società civile, con associazioni, ong, gruppi ecclesiali e movimenti popolari che controbilanciano, nella pressione politica, il peso della lobby sanitaria. POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro8

9 1978 – Alma Ata Nel 1978 si svolge ad Alma Ata, nellex URSS, la Conferenza ONU sulla salute, che costituisce una nuova tappa nellevoluzione delle politiche sanitarie. Dalla Dichiarazione finale: La salute, come stato di benessere fisico, mentale e sociale e non solo come assenza di malattia o infermità, è un diritto fondamentale delluomo e laccesso ad un livello più alto di salute è un obiettivo sociale estremamente importante, dinteresse mondiale, e presuppone la partecipazione di numerosi settori socio-economici oltre che di quelli sanitari. Le profonde disuguaglianze nello stato di salute tra i paesi più industrializzati e quelli in via di sviluppo, così come allinterno dei paesi stessi, sono politicamente, socialmente ed economicamente inaccettabili e costituiscono motivo di preoccupazione comune per tutti i paesi. Un livello accettabile di salute per tutti i popoli del mondo nellanno 2000 può essere raggiunto mediante un uso pieno e migliore delle risorse globali, una parte considerevole delle quali è attualmente spesa in armi e conflitti militari. POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro9

10 PHC – Primary Health Care Dalla Conferenza di Alma Ata nasce lidea della Primary Health Care – Cura sanitaria di base Essa si basa sui seguenti punti: Educazione riguardo i problemi di salute più importanti e sui metodi per prevenirli e controllarli Promozione di un adeguata alimentazione e del rifornimento di cibo Adeguato rifornimento di acqua pulita e adeguata eliminazione degli escreti Assistenza materno-infantile, compresa la pianificazione familiare Immunizzazione contro le più importanti malattie infettive Prevenzione e controllo delle malattie endemiche locali Trattamento appropriato delle malattie e dei traumi più frequenti Rifornimento di farmaci essenziali POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro10

11 PHC - Le reazioni Dopo i primi entusiasmi, la nascita della PHC suscita reazioni nel mondo dellindustria e nella politica. La Rockfeller Foundation finanzia il lavoro di Walsh e Warren, due ricercatori che propongono di abbandonare una Comprehensive PHC in favore di una Selective PHC, più efficiente in termini di costo/efficacia Di fatto si tratta di un rilancio dei programmi verticali, presentati allinterno dello schema PHC POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro11

12 Selective PHC In particolare si propone il rilancio di quattro grandi programmi Vaccinazioni Allattamento al seno Terapie antimalariche Reidratazione orale In estrema sintesi, la Selective PHC non prende in considerazione le politiche esterne al settore medico, concentrando lazione su programmi che vadano a toccare i gruppi a rischio allinterno della popolazione, con cicli di intervento di breve periodo, facilmente identificabili e misurabili. Rispetto al passato i programmi non sono più uniformi in ogni contesto, ma declinati localmente, tenendo conto delle caratteristiche della popolazione locale. Molto forte è lenfasi riguardo la dimensione economica, col parametro costo/efficacia che diventa determinante per orientare le scelte della politica. In questo modo un parametro tecnico - come è lefficienza - diventa elemento di legittimazione etica e politica, fenomeno che si svilupperà sempre di più negli anni successivi anche negli ambiti non sanitari. POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro12

13 Critiche alla Selective PHC Analisi costo/efficacia. Difficili da realizzare, facilmente imprecise e misurate con metri non universali: costo ed efficacia variano al variare delle situazioni e i calcoli non riescono a tenere conto di attività costose ma con effetti positivi sulla salute, come educazione, alimentazione e approvvigionamento dellacqua. Approccio di rischio (per gruppi di popolazione o problemi sanitari da affrontare). Non sempre assicura la maggiore efficacia: a volte si ottiene una maggiore riduzione del carico di malattia applicando un intervento efficace a tutta una popolazione piuttosto che ad un sottogruppo. Senza contare le conseguenze in termini di stigmatizzazione (ed eventualmente di esclusione sociale) verso il sottogruppo identificato come a rischio Interventi medici efficaci. Enfatizzarli rischia di far dimenticare i determinanti sociali che influenzano le condizioni di salute generale: sradicare la poliomielite senza cambiare le condizioni di igiene, ignoranza e povertà elimina la specifica malattia, ma lascia inalterate le condizioni favorevoli per tutte le altre. Migliorare le condizioni sociali, invece, riduce la possibilità di incidenza di ogni malattia. Sistemi sanitari. Lanalisi empirica mostra che lapproccio selettivo tende a indebolirli riducendone le risorse generali. Lapproccio comprehensive viceversa riesce a far considerare il settore medico prioritario, favorendo lafflusso di risorse. A fronte dei limiti precedenti, la Selective può offrire indubbi vantaggi in particolare in termini di comunicazione politica, visibilità e attrazione di risorse. POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro13

14 Confronto PHC Selective PHC Cicli di programmazione brevi, spesso coincidenti con i cicli finanziari dei donatori (e con i cicli elettorali, in caso di donatori governativi) Raccolta di fondi (pubblici e privati) relativamente facile Rendicontazione relativamente facile (pur se diversa da donatore a donatore) Controllo affidato ad agenzie ed organizzazioni specifiche, o al ministero della salute Possibilità di successi raccontabili a breve termine Grande visibilità attraverso rapporti annuali o specifici ed uso accorto dei media Comprehensive PHC Nessun ciclo di programmazione, o cicli di programmazione lunghi, vaghi e flessibili, in ogni caso non coincidenti con i cicli finanziari dei donatori Non è facile stimare quanti soldi servono e per quanto tempo, donatori poco interessati Non si sa dove vadano a finire esattamente i soldi, spese distribuite nel sistema Non esiste un ministero di controllo (intersettoriale per definizione) Nessun risultato a breve termine, necessità di investimenti sul lungo periodo Scarsa o nessuna visibilità POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro14

15 1982 UNICEF Nel 1982 lUNICEF lancia una iniziativa internazionale per promuovere in tutto il mondo politiche sanitarie in favore dellinfanzia: A Childrens Revolution Vengono riproposti i programmi verticali della Selective PHC, con la sostituzione delle terapie antimalariche con le carte per seguire la crescita dei bambini Reidratazione orale Vaccinazioni Allattamento al seno Carte della crescita E una legittimazione della Selective PHC, frutto anche dellinfluenza delle lobby dellindustria farmaceutica. Daltra parte va considerato che è soprattutto su programmi di questo tipo che può agire più facilmente una istituzione internazionale come UNICEF POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro15

16 La crisi dellOMS Negli anni 80 lOMS è vittima di una forte perdita di autorevolezza e credibilità. Tra le cause: Dirigenza debole Budget sempre più ridotti in favore degli interventi della Banca Mondiale Aumento interventi extra budget e PPP (Public-Private Partnership) POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro16

17 Il recupero di Gro Nel 1998 Gro Harlem Brundtland diventa presidente del WHO Rilancia listituzione Mantiene programmi verticali Ai programmi accompagna la creazione di fondi e iniziative finanziarie ad hoc che li possano finanziare POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro17

18 I global fund Nel 2001, sulle linee promosse dalla Bruntland, WTO, G8 e Nazioni Unite concordano la creazione di The Global Fund to fight AIDS, Tubercolosis and Malaria È un fondo alimentato dai governi e da società private, per finanziare la lotta alle pandemie nelle singole nazioni. È una forma di programma verticale dimensionato localmente (multilaterale è il fondo, nazionale la politica - sulla quale peraltro il fondo può eccepire) che vede collaborazione tra pubblico e privati. Venne annunciato al summit del G8 del 2001 a Genova È costituito e basato presso la sede delle Nazioni Unite È un esempio di strumento fiscale-finanziario sovranazionale, con un meccanismo di governance innovativo rispetto a quello delle IFI (International Financing Institutions) Dopo il Global Fund (che viene chiamato così, senza ulteriori specificazioni) altri fondi globali sono stati creati per finanziare politiche sanitarie specifiche. POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro18

19 Le medicine tradizionali L80% della popolazione nelle zone rurali del sud del mondo viene curata dai terapeuti tradizionali (Banca Mondiale, 2001); a volte per mancanza di risorse, a volte per convinzioni culturali alternative a quelle occidentali. Paradossalmente, mentre alcune medicine tradizionali acquistano credito e si diffondono nei paesi ricchi, molte altre rischiano di scomparire nei paesi di origine, per lesportazione del modello medico-sanitario occidentale. La salute nella medicina tradizionale viene vista in una prospettiva olistica e integrale di benessere degli individui e della collettività nel loro insieme. La salute è cioè indissolubilmente legata alla qualità dell'ambiente nelle sue dimensioni visibili e invisibili; alle condizioni socio-economiche; richiede pace e sicurezza. Molte medicine tradizionali pertanto si ispirano proprio ad un concetto di salute ampio e articolato, come espresso nella dichiarazione dellOMS di Alma Ata nel 1978 Recentemente lOMS ha ribadito limportanza della conservazione delle medicine tradizionali e della loro integrazione con la medicina occidentale, (Piano strategico sulle medicine tradizionali, complementari e alternative dellOMS (2002)), e ha promosso programmi di intervento in tal senso.

20 Il futuro Dialogo tra programmi locali e linee proposte dallOMS (programmi verticali) Dialogo tra programmi locali e global funds Dialogo tra programmi locali e PPP Dialogo tra programmi–istituzioni pubbliche e programmi- istituzioni private profit e non profit Dialogo tra medicina ufficiale e medicina tradizionale I governi cercano di dotarsi di strumenti di programmazione che tengono conto dei diversi attori e delle diverse opportunità in un quadro la cui sintesi è definita nel livello nazionale. Ma… Il coordinamento tra i diversi livelli è impegnativo Linfluenza delle lobby industriali è ancora consistente La mentalità medica e figlia della Selective PHC è vivace POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro20

21 Tra rigore e speranza I rischi di utilizzare in modo non adeguato risorse pubbliche preziose quando si elaborano e si implementano le politiche sanitarie sono sempre molto elevati Va ricordato però che milioni di donne e uomini sono attivi in tutto il mondo nei più diversi ruoli – medici, paramedici, educatori, operatori sociali, tecnici e politici – offrendo un contributo positivo che migliora concretamente la vita di chi abita il pianeta. Il rigore nella ricerca di sempre migliore efficacia non deve sminuire lapprezzamento e la gratitudine per il loro servizio. POLITICHE SANITARIE GLO Politiche dello sviluppo - R. Moro21


Scaricare ppt "GLO Politiche dello sviluppoR. Moro POLITICHE SANITARIE 1."

Presentazioni simili


Annunci Google