La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte Unione Matematica Italiana Dipartimento di Matematica Università di Torino Dipartimento di Matematica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte Unione Matematica Italiana Dipartimento di Matematica Università di Torino Dipartimento di Matematica."— Transcript della presentazione:

1 Progetto Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte Unione Matematica Italiana Dipartimento di Matematica Università di Torino Dipartimento di Matematica Università di Torino Mathesis Subalpina Torino 23 Maggio 2007 Prof. Giuseppe Di Domenico

2 Programma Introduzione prof. Alessandro MILITERNO Dirigente Tecnico USR Piemonte Progetto prof. Giuseppe Di Domenico Docente di Matematica USR La piattaforma ShareDschola prof. Dario ZUCCHINI ITIS Majorana - Grugliasco "Dalla geometria di Euclide alle geometrie dell'Universo". prof Ferdinando Arzarello UNIV TO A partire dalla geometria su Sfera, Cilindro e Cono si analizza criticamente la geometria di Euclide; si introduce il concetto di curvatura di una superficie e di geodetica e si conclude con un cenno alle geometrie non euclidee. Laboratorio di Storia della Matematica del progetto Lauree scientifiche prof.ssa Livia Giacardi UNIV TO La trasformata di Fourier - Una presentazione puramente grafico-qualitativa del suo significato in teoria dei segnali prof. Paolo Boggiatto UNIV TO Lo scopo è quello di illustrare per via grafica (tramite uso di MAPLE) il concetto di frequenze contenute in un segnale e l'azione (ed i limiti) dell'uso della trasformata di Fourier nell'analisi tempo-frequenza dei segnali.

3 Perché questo progetto? Vari motivi inducono a ritenere fondamentale il potenziamento delle conoscenze matematiche, anche attraverso luso delle-learning : La difficoltà nello studio di questa disciplina evidenziata dai nostri studenti La necessità di una formazione di base tale da consentire ai nostri studenti, linserimento in una società sempre più complessa Il recupero di abilità spendibili nelle applicazioni pratiche La necessità di reggere il confronto con altri sistemi scolastici (OCSE), per affrontare adeguatamente la sfida della globalizzazione Le Nuove Tecnologie applicate alla didattica, possono offrire metodi, criteri, e strumenti più adatti alla strutturazione e al trasferimento di informazioni e conoscenze con lausilio dellinformatica, delle telecomunicazioni e della multimedialità

4 Risultati OCSE PISA

5

6

7

8

9

10 Osservazione Secondo i risultati OCSE, che mettono a confronto diversi sistemi scolastici non solo europei, le carenze emerse dalla valutazione degli studenti Italiani, si individua agli estremi della fascia dei risultati. Abbiamo un numero elevato di allievi con preparazione bassa ed un numero esiguo di allievi con preparazione eccellente. Pertanto, il miglioramento lo si può conseguire: 1. facilitando il recupero degli studenti in difficoltà 2. potenziando i livelli più alti.

11 Come aiutare il recupero ? Affiancando alle consuete attività di recupero, già in uso nelle singole scuole, la modalità on-line presente sulla piattaforma. I docenti hanno la possibilità di inserire esercitazioni condivise dalla singola classe e con la supervisione del referente si può sollecitare la partecipazione in modalità collaborativa degli studenti, consentendo anche a quelli più bravi di facilitare il compito del docente_tutor. Gli studenti possono accedervi da casa oppure si possono prevedere attività laboratoriali in scuola.

12 Con quale strumento? Sulla piattaforma ShareDschola, sono presenti due aree di lavoro: La prima area, riservata al singolo Istituto. I referenti potranno personalizzarla sulla base delle necessità della loro scuola ed utilizzarla per il recupero. I contenuti possono essere: –Materiali di studio in forma collaborativa –Esercitazioni online –Forum di classe e/o dIstituto

13 Come migliorare lapprofondimento ? Utilizzando schede di materiali elaborate dallUMI e dal MPI Utilizzando materiali prodotti nellambito del progetto Lauree Scientifiche Con il contributo dei Docenti universitari, si predispongono dei materiali adatti alle varie tipologie di Istituti, negli incontri di formazione previsti allinizio della.s , sui quali gli allievi eserciteranno le proprie abilità risolutive Attraverso la piattaforma si può stimolare la partecipazione collaborativa degli studenti e suscitare in loro curiosità e voglia di approfondire.

14 Sulla piattaforma ShareDschola La seconda, comune a tutti gli Istituti, contenente: - Materiali dellUMI divisi in 2 gruppi, il primo per le classi terze e quarte, il secondo per le classi quinte - Materiali tratti da siti di notevole interesse - Materiali prodotti e validati dal gruppo scientifico del progetto - sportello regionale, con apertura settimanale con turnazione dei referenti - forum regionale - video e audio di eventi significativi

15 Ruoli Docente che aderisce al progetto Referente dIstituto Referente Provinciale scelto tra i referenti della stessa Provincia Gruppo di coordinamento Ufficio Scolastico Regionale: - Dirigente Tecnico, prof. Militerno - Dirigente Scolastico, prof. Lupo - Docente, prof. Di Domenico Gruppo scientifico: - docenti Università di Torino - gruppo di coordinamento USR - referenti provinciali Responsabile piattaforma Share-Dschola: - prof. Zucchini ITIS Majorana - Grugliasco

16 COMPITI Docente che ha aderito al progetto - partecipa agli incontri di formazione ( i primi, previsti nella seconda metà di Settembre 07) - collabora con il proprio referente dIstituto, mettendo a disposizione, sulla piattaforma, i materiali per gli studenti delle proprie classi - fa azione di tutoraggio per le proprie classi

17 COMPITI Referente dIstituto - partecipa agli incontri di formazione ( i primi, previsti nella seconda metà di Settembre 07) e partecipa ad attività di gruppi di lavoro per preparare attività per le classi (9 ore) - coordina le attività di recupero nelle classi del proprio Istituto, con il contributo dei colleghi che hanno aderito al progetto (6 ore) - mette a disposizione 3 ore per lo sportello regionale

18 COMPITI Referente Provinciale - fa parte del gruppo scientifico per la validazione dei materiali prodotti e successivamente inseriti nellarea comune della piattaforma. - si fa portavoce di eventuali necessità dei referenti della propria Provincia - collabora ad azioni di monitoraggio

19 COMPITI Gruppo di coordinamento USR - coordina tutte le attività previste dal progetto - elabora feedback per la migliore riuscita, sia su propria iniziativa, sia su proposta dei referenti provinciali - propone azioni di verifica e di monitoraggio

20 COMPITI Gruppo scientifico - predispone materiali significativi sulla piattaforma - offre consulenza scientifica per richieste dei referenti - valida i materiali prodotti dagli studenti, da inserire nellarea comune della piattaforma. In particolare, i Docenti Universitari coordinano le attività di formazione dei Docenti.

21 Il futuro appartiene alle società che saranno capaci di un continuo apprendimento: quello che conosciamo e che sappiamo fare rappresenta la chiave del progresso economico, proprio come un tempo lo era la ricchezza di materie prime (R. Marshall & M. Tucker, 1992, in U. Margiotta, 1997).


Scaricare ppt "Progetto Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte Unione Matematica Italiana Dipartimento di Matematica Università di Torino Dipartimento di Matematica."

Presentazioni simili


Annunci Google