La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Economia del turismo – G. Candela, P. FiginiCopyright © - The McGraw-Hill Companies srl Analisi microeconomica del turismo Capitolo 4 - Il turista come.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Economia del turismo – G. Candela, P. FiginiCopyright © - The McGraw-Hill Companies srl Analisi microeconomica del turismo Capitolo 4 - Il turista come."— Transcript della presentazione:

1 Economia del turismo – G. Candela, P. FiginiCopyright © - The McGraw-Hill Companies srl Analisi microeconomica del turismo Capitolo 4 - Il turista come consumatore Analisi dei processi di scelta di beni e servizi domandati per soddisfare il bisogno di turismo Tre categorie di beni acquistabili dal turista Beni e servizi del prodotto turistico; Beni e servizi del consumo turistico; Beni per investimenti turistici. Dal punto di vista del comportamento dobbiamo distinguere il turista che acquista un prodotto turistico confezionato da quello che si autoproduce la vacanza Variabili fondamentali nella scelta: Le preferenze per il turismo; Il reddito del turista; Il prezzo relativo del turismo. Necessità di una teoria del turista-consumatore

2 Economia del turismo – G. Candela, P. FiginiCopyright © - The McGraw-Hill Companies srl Il turista come consumatore - Lacquisto del prodotto turistico Matrice del prodotto turistico - ogni riga identifica un paniere turistico; Il vettore T i = T 1, T 2,..., T m identifica il paniere i-mo delle diverse tipologie di vacanza composto dai beni x i con i = 1, 2, …, n. La località r(i) = 1, 2, 3,..., R i identifica quella destinazione in cui la tipologia di turismo T i è presente. R i rappresenta il numero di regioni dove il paniere turistico T i è presente. Ogni paniere è turisticamente definito da una coppia di elementi: il vettore T i che comprende i beni e servizi di un giorno di vacanza, secondo quella tipologia; lo scalare r(i) che individua il numero di località in cui questa vacanza è possibile.

3 Economia del turismo – G. Candela, P. FiginiCopyright © - The McGraw-Hill Companies srl Il turista come consumatore - Lacquisto del prodotto turistico I beni e servizi che compongono il paniere turistico hanno prezzi inclusi nel vettore p r = [p 1,r, p 2,r, …, p n,r ], Il prezzo del paniere del prodotto turistico i nella località r, che indichiamo con v i,r(i), è dato dal valore in moneta dei beni e servizi necessari per un giorno di quella vacanza: v i,r(i) = T i pr Con la coppia (T i ; v i,r(i) ) abbiamo una descrizione economica completa di un prodotto turistico in una località turistica

4 Economia del turismo – G. Candela, P. FiginiCopyright © - The McGraw-Hill Companies srl Il turista come consumatore - Lacquisto del prodotto turistico Analisi aggregata del paniere turistico: 1. Ricerca di v i, il prezzo medio del turismo i: media semplice dei prezzi giornalieri dei turismi regionali; media ponderata degli stessi prezzi, assumendo come variabile di ponderazione le presenze. 2. Ricerca di v m, il prezzo del turismo, cioè il prezzo medio di un giorno di vacanza: media semplice dei prezzi dei turismi; media ponderata per il numero delle località (o regioni) interessate a diversi turismi; media ponderata per le presenze totali dei turismi. In questo modo si può calcolare: (i) il prezzo di un prodotto turistico, v i,r ; (ii) il prezzo del turismo i, v i ; (iii) il prezzo del turismo, v m.

5 Economia del turismo – G. Candela, P. FiginiCopyright © - The McGraw-Hill Companies srl Il turista come consumatore - Lacquisto del prodotto turistico Analisi strutturale del paniere turistico: I diversi beni e servizi che compongono il paniere turistico possono essere in relazioni di: Sostituzione; Complementarietà; Ordinamento lessicografico.

6 Economia del turismo – G. Candela, P. FiginiCopyright © - The McGraw-Hill Companies srl Il turista come consumatore - Le scelte del turista-consumatore Lutilità del turista-consumatore può essere genericamente indicata tramite la seguente funzione: U = U(x 1, x 2,..., x n ; P T ; …, P i, …; …, P i,r, …) con le usuali proprietà U() > 0 e U() < 0. Ipotesi semplificatrici del modello 1. Vale il teorema dellaggregazione (Hicks e Leontief, 1936) Conglobiamo gli n beni non turistici in una merce composita M = p 1 x 1 + p 2 x p n x n M rappresenta la moneta destinata dal nostro soggetto ai consumi diversi dal turismo. 2. Le preferenze sono separabili

7 Economia del turismo – G. Candela, P. FiginiCopyright © - The McGraw-Hill Companies srl Il turista come consumatore - Le scelte del turista-consumatore La funzione di utilità può quindi essere riscritta nella seguente forma equivalenteU = f [u (M, P T ), u° (..., P i,...), u^ (..., P i,r,...)] Possiamo quindi risolvere il problema del turista-consumatore in tre stadi 1. Primo stadio: scelta di quanto spendere per turismo, cioè decidere come spendere il suo reddito fra vacanza e altri consumi; 2. Secondo stadio: scelta di come spendere la quota di reddito destinata al turismo, cioè come spendere fra i vari tipi di turismi; 3. Terzo stadio: scelta di dove spendere il reddito destinato alle varie tipologie di turismo Primo stadio Secondo stadio Terzo stadio (P* T, M* tur ) (P* 1, M* 1 ), (P* 2, M* 2 )... (P* 11,P* 12 ), (P* 21,P* 22 )...

8 Economia del turismo – G. Candela, P. FiginiCopyright © - The McGraw-Hill Companies srl Il turista come consumatore - Lacquisto di un viaggio Esiste un prodotto turistico tutto compreso, di destinazione e durata fissata, ad un dato prezzo: la scelta del turista-consumatore è, max U = U(Y,T) con T = 0, 1 a seconda dellacquisto o no del tour U = U(Y-v, 1) U = U(Y,0) Condizione di indifferenza: U(Y – v*, 1) = U(Y, 0) dove v*è il prezzo di riserva e misura il reddito al quale lindividuo è disposto a rinunciare per divenire viaggiatore. se v* v, il viaggio verrà acquistato; se v* < v, il viaggio verrà rifiutato. Naturalmente v* dipende dalla specificazione della funzione di utilità e dal livello di reddito dellindividuo. Acquista: gode del viaggio ma paga il prezzo Non acquista: moneta da dedicare ad altri consumi

9 Economia del turismo – G. Candela, P. FiginiCopyright © - The McGraw-Hill Companies srl Il turista come consumatore - Il turista autoproduttore Turista che produce da sé la vacanza acquistando direttamente i fattori che fanno parte dellesperienza complessiva di ricreazione. Applicazione del modello economico della household production function, Due casi possibili: (i) nel primo si ipotizza lautoproduzione di un prodotto turistico che non esiste sul mercato (non-market good); (ii) nel secondo il turista deve decidere se autoprodurre piuttosto che ricorrere allacquisto di un prodotto turistico che comunque esiste già sul mercato.

10 Economia del turismo – G. Candela, P. FiginiCopyright © - The McGraw-Hill Companies srl Il turista come consumatore - Il turista autoproduttore Non-market good: produrre la vacanza costa tempo L:P i, r = k(Q) L Il costo della vacanza i nella località r autoprodotta è: C=v i,r P i,r +wL = i,r P i,r dove i,r rappresenta il prezzo ombra della vacanza autoprodotta Lutilità dipende dalla moneta M per il consumo non turistico e dalla lunghezza della vacanza misurata dalle presenze: Max U(M, P i,r )= U(M)+U(P i,r )s.c. M+ i,r P i,r =Y La soluzione del modello: -1 U(P i,r ) = i,r dove è lutilità marginale della moneta. Definisce una condizione che determina la lunghezza della vacanza P * i,,r e lintensità di lavoro L * che lindividuo dedicherà alla sua organizzazione. Il turista produttoreIl turista consumatore

11 Economia del turismo – G. Candela, P. FiginiCopyright © - The McGraw-Hill Companies srl Il turista come consumatore - Il turista autoproduttore Market good: scelta tra lalternativa dellautoproduzione della vacanza o lacquisto di un prodotto turistico, offerto sul mercato al prezzo v i,r, aumentato di una percentuale di intermediazione m: se i, r < v i, r (1 + m), lindividuo autoproduce la vacanza; se i, r > v i, r (1 + m), lindividuo acquista la vacanza; se i, r = v i, r (1 + m), lindividuo è indifferente fra autoproduzione e acquisto. Importante corollario al modello dellautoproduzione: una destinazione che voglia agevolare lautoproduzione deve risolvere due importanti problemi: Tenere in debito conto le relazioni di sostituibilità e complementarietà dei fattori turistici di base; Garantire la circolazione dellinformazione.

12 Economia del turismo – G. Candela, P. FiginiCopyright © - The McGraw-Hill Companies srl Il turista come consumatore - Linvestimento del turista Beni durevoli: continuano i loro servizi per più vacanze dello stesso tipo (come la seconda casa) o o di tipi diversi (come il camper). Applicazione del modello intertemporale di consumo: per esempio un orizzonte di consumo di due periodi, t = 1, 2. Bene in multiproprietà: quota di proprietà 0 S t 365, misurata in giorni (esempio della seconda casa) Il turista determina la distribuzione ottima della spesa massimizzando una funzione di utilità intertemporale definita sulle quote S 1, S 2 e sui consumi dei due anni. In equilibrio la quota di multiproprietà sottoscritta nei due periodi dipende dal prezzo duso (user cost o rental equivalent price) v* del bene di consumo durevole: v* = [v 1 (1 + r) – v 2 ] = [(v 1 – v 2 ) + v 1 r)] = F(r) Il prezzo duso dipende in maniera diretta (F(r) > 0) dal tasso di interesse.

13 Economia del turismo – G. Candela, P. FiginiCopyright © - The McGraw-Hill Companies srl Il turista come consumatore - Linvestimento del turista Se lo stock di beni durevoli non è una variabile continua, lunica scelta è quella fra acquistare o non acquistare il bene: problema di scelta discreta Esempio del camper: il camper è una variabile discreta che assume due valori S = 0, se il bene non è domandato, e S = 1, se il bene è acquistato Peculiarità di questo tipo di investimento: per beni di questo tipo è assai remota lipotesi che il prezzo di vendita dellusato possa essere uguale o perfino superare quello nuovo dacquisto; questi beni sono sottoposti ad un sensibile deterioramento d per luso. Il prezzo duso del camper, v +, può essere indicato nel modo seguente: v + = [v 1 (1 + r) – v 2 (1 – d)] = [(v 1 – v 2 ) + v 1 r + v 2 d)] = G(r, d) > 0 v + > 0, quindi si escludono valori nulli o negativi delluser cost; Tiene conto esplicitamente di un tasso di deperimento, d, computato rispetto allo stock.


Scaricare ppt "Economia del turismo – G. Candela, P. FiginiCopyright © - The McGraw-Hill Companies srl Analisi microeconomica del turismo Capitolo 4 - Il turista come."

Presentazioni simili


Annunci Google