La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LEDUCAZIONE EMOTIVA: RIFERIMENTI TEORICI LA CRESCITA E LO SVILUPPO DELLA MENTE E DELLA PERSONALITA SONO POSSIBILI SOLO ALLINTERNO DI UNA RELAZIONE. Mediante.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LEDUCAZIONE EMOTIVA: RIFERIMENTI TEORICI LA CRESCITA E LO SVILUPPO DELLA MENTE E DELLA PERSONALITA SONO POSSIBILI SOLO ALLINTERNO DI UNA RELAZIONE. Mediante."— Transcript della presentazione:

1

2 LEDUCAZIONE EMOTIVA: RIFERIMENTI TEORICI LA CRESCITA E LO SVILUPPO DELLA MENTE E DELLA PERSONALITA SONO POSSIBILI SOLO ALLINTERNO DI UNA RELAZIONE. Mediante lesplorazione psicoanalitica della relazione neonatale tra madre e bambino si è potuto osservare e scoprire che è solo allinterno di una relazione tra menti che si realizza la crescita della personalità. IL PROCESSO EDUCATIVO E UNINTERAZIONE TRA MENTI CHE SI INFLUENZANO RECIPROCAMENTE.. Ritornando alla relazione madre – bambino, come prototipo delle successive relazioni comprese quelle educative, possiamo osservare che la buona madre è quella che è capace di contenere langoscia del bambino, di fungergli da supporto mentale nel momento in cui cresce, diventa modello di relazione ed aiuta il bambino ad entrare in contatto con le proprie emozioni. La mediazione materna serve dunque a modulare il rapporto tra il bambino ed il mondo esterno così come lattività educativa e formativa deve svolgere una funzione simile, ovvero deve costituire uno spazio fisico e mentale in cui lallievo si può muovere per esprimere la sua ansia ed elaborarla attraverso loperazione di contenimento che farà il docente.

3 LA RELAZIONE CON GLI STUDENTI NON E DUNQUE SOLO UN FATTO COGNITIVO, INTELLETTUALISTICO, MA E SEMPRE ANCHE UN FATTO EMOZIONALE. LA CAPACITA DI PENSARE DIPENDE ALLORA DAL SENTIRE E DAL CAPIRE QUELLO CHE CI ACCADE DENTRO: NOI POSSIAMO PENSARE SOLO SE SIAMO IN CONTATTO CON LE NOSTRE EMOZIONI E SOLO LO SVILUPPO DELLAFFETTIVITA E DELLEMOTIVITA, LA CAPACITA DI CONTENERLE ED ELABORARLE CHE CI PERMETTE DI PENSARE E DI APPRENDERE. da LA DISPONIBILITA AD APPRENDERE di Blandino e Granieri editore Raffaello Cortina ( teorici di riferimento Winnicott,, Klein, Bion )

4 ……..I SENTIMENTI SONO LA CHIAVE DEL SUCCESSO SCOLASTICO: SE IGNORATI O NASCOSTI POSSONO PREGIUDICARE IL PROCESSO DI FORMAZIONE; INVECE SE RICONOSCIUTI COME REALI E CREATA LA CONDIZIONE DI UNA ESPRESSIONE ADEGUATA, QUESTI SENTIMENTI SPIANANO LA STRADA VERSO UN APPRENDIMENTO EFFETTIVO. Un modo per aiutare i bambini ad affrontare lo stress è comprendere il ruolo delle emozioni. Rudolf Steiner ha definito gli anni dai sette ai quattordici come il cuore dellinfanzia perché la vita emotiva predomina sulla mente……… Per dare una solida base alla futura vita emotiva, i bambini di questa fascia di età hanno bisogno di sperimentare i contrasti emotivi, felicità e tristezza, speranza e paura, gelosia e compassione…… Lapprendimento effettivo non può aver luogo in assenza di emozioni insieme positive e negative.

5 Ignorare le emozioni non soltanto è imprudente ma impossibile: negare la loro vita emotiva vuol dire privarli della fonte di energia vitale per lapprendimento……..I bambini devono poter esprimere liberamente gioia, rabbia mentre imparano, cosicchè la vitalità rinchiusa in queste emozioni possa trasformarsi in attività intellettive associate al miglioramento del successo scolastico. E necessario che la spontanea manifestazione delle emozioni venga riconosciuta in tutti i suoi colori, forme..... Lo psichiatra William Gray propone un modello della mente secondo cui le idee sono radicate in codici emotivi che egli chiama toni emotivi i quali sono impressi in processi neuropsicologici e servono da veicoli per i ricordare, associare ed esprimere idee razionali. In altre parole, se consideriamo la vita dei bambini è più probabile che essi imparino dal modo in cui qualcosa viene loro insegnato che da ciò che si insegna o dal contenuto specifico del curricolo. tratto da A MODO LORO di Thomas Armstrong

6 INTELLIGENZE PERSONALI INTERPERSONALI E INTRAPERSONALI Gardenr individua due polarità di tale tipo di intelligenze, uno interno o intrapsichico e uno esterno o interpersonale. …..Il primo sviluppa gli aspetti interni dellindividuo; la capacità centrale qui allopera è laccesso alla propria vita affettiva, alle proprie emozioni. La capacità di discriminare instantaneamente fra questi sentimenti, di classificarli, di prenderli nelle maglie di codici simbolici, di attingere ad essi come mezzo per capire e guidare il proprio comportamento ……..la capacità di esprimere la propria interiorità sia con le parole, sia utilizzando altri mezzi espressivi quali il disegno, il movimento…… Laltro tipo di intelligenza personale, è rivolto allesterno, verso gli altri individui, alla capacità di distinguere i loro stati danimo, temperamenti, intenzioni…..é sapersi comportare in modo da mantenere la relazione con laltro. dalla rivista BAMBINI febbraio 1997 articolo INCONTRI CON HOWARD GARDENR

7 METODOLOGIA (insegnante facilitatore e mediatore dei processi di conoscenza ) MAPPA INDICATORI DI QUALITÀ SENTIRE E PENSARE INSIEME Insegnante facilitatore mediatore dei processi di conoscenza - lavoro in team Centralità e protagonismo dellallievo CURA DEL CLIMA RELAZIONALE Occuparsi dei problemi percepiti rilevanti dai bambini Promozione di processi meta – cognitivi Rapporto organico e continuo con il territorio Famiglia – enti locali – continuità tra scuole Integrazione, trasversalità della metodologia adottata(dialogo)tra i campi di esperienza e gli Ambiti disciplinari Flessibilità del percorso di lavoro Monitoraggio e valutazione Organizzazione partecipata, flessibile e orientata allacquisizione di abilità emotive/relazionali

8 PER NOI INSEGNARE EDUCAZIONE EMOTIVA SIGNIFICA…….. Conoscere se stessi e gli altri Sviluppare le risorse personali Insegnare abilità sociali Imparare a socializzare Lavorare in gruppo Meta riflessione Essere motivato ad apprendere

9 PERCORSI DIDATTICI Laboratorio di psicomotricità Laboratorio teatrale – le fiabe Danza creativa Giochi emotivi Fantasie guidate Philosophy for children

10 DANZA CREATIVA La danza fa parte della vita sociale e ludica del bambino e il suo utilizzo nella scuola mette uno speciale accento sullo sviluppo delle potenzialità espressive e comunicative del movimento come parte integrante di un processo educativo globale che lavora sullunità corpo-mente. La danza creativa ruota attorno ad un centro che non è il linguaggio ma la personalità del bambino. Per uno sviluppo globale della personalità è necessario un approccio che consideri interrelati i vari piani affettivo-emotivo- sensoriale-logico. Il corpo è il primo strumento del conoscere del relazionarsi del conoscere e la danza permette al bambino di esplorare, sperimentarsi, esprimersi e comunicare.

11 Le emozioni animano il movimento del bambino e attraverso la danza si impara a conoscerle, gestirle, e incanalarle in un gioco creativo La danza creativa permette al bambino di mettere in atto processi di ricerca - azione rispetto ai temi proposti, sperimenta un modo nuovo di muoversi, senza condizioni o limitazioni in un clima di libertà privo di giudizio rispetto al suo movimento e al suo sentirecon conseguente sviluppo della sua creatività, immaginazione e individualità. La danza creativa favorisce inoltre un clima affettivo relazionale positivo attraverso la conoscenza di sé, laccettazione delle proprie emozioni e pulsioni, comprese quelle negative. Le tensioni possono essere scaricate, incanalate e riutilizzate a fini creativi. Conoscere il linguaggio del proprio corpo aiuterà i bambini a conoscere i compagni e ad accettarli favorendo il processo di socializzazione e integrazione.

12 OBIETTIVI Prendere coscienza del proprio corpo nella sua globalità in relazione al tempo, allo spazio, agli altri. Conoscere meglio il proprio corpo come sede di sensazioni ed emozioni. Saper riconoscere le emozioni sia quelle positive che negative. Comunicare attraverso il corpo Acquisire autostima e fiducia in sé Stabilire rapporti interpersonali basati sul rispetto della persona riconoscendo la diversità come valore Migliorare le abilità comunicative,di ascolto, negoziazione Stimolare un approccio creativo nei confronti delle situazioni proposte. Attuare lautoregolazione allinterno del gruppo Armonizzare il proprio movimento con la proposta musicale Abbandonare gli stereotipi per sperimentare nuove forme di movimento Essere capaci di elaborare i propri gesti e movimenti in autonomia, arricchendoli con lesperienza dellaltro.

13 TEMI PER ESPLORARE IL MOVIMENTO PARTI DEL CORPO FORME QUALITA DELLA FORZA QUALITA DELLENERGIA DIREZIONE E TEMPO USO DEI MUSCOLI SPAZIO RESPIRO BATTITI DEL CUORE Struttura degli incontri Presentazione dei partecipanti Presentazione dellargomento Fase dellesplorazione Dare forma allesperienza Conclusione finale

14 Metodologia Insegnante facilitatore e mediatore dei processi di conoscenza, problem solving. Lavorare con il problem solving significa favorire la motivazione, la comprensione profonda, la concretezza. Abitua a ragionare, ipotizzare trovare più soluzioni usare capacità trasversali ma soprattutto educare alla creatività. Lapplicazione del problem solving alla danza creativa permette di rivoluzionare la logica delladulto conduttore e del bambino esecutore. Indicatori di qualità: -Alunno protagonista -Organizzazione partecipata -Flessibilità del percorso in base alle esigenze del gruppo -Cura del clima relazionale -Osservazione e valutazione in itinere

15 La tecniche di fantasia guidata possono essere usate con alunni di diverse età con tutti i gradi di abilità e in tutti gli ambiti del curricolo. Lutilizzo della fantasia in ambito emozionale o in quello dellapprendimento aiuta a sviluppare una personalità completa e integrata,accresce la capacità empatica e premette di superare eventuali blocchi nella comunicazione. I metodi tradizionali di insegnamento tendono a privilegiare il pensiero logico, razionale e lineare, trascurando quelle modalità di apprendimento più centrate sulla creatività degli alunni. Il percorso ha lobiettivo di: sperimentare e apprendere principi e metodi per lutilizzo della fantasia e della creatività nelle situazioni di insegnamento- apprendimento; ritrovare il piacere di apprendere attraverso il gioco, la fantasia e la creatività FANTASIE GUIDATE (apprendere la fantasia)

16 PREMESSA TEORICA Tale metodologia, vuole sfruttare e potenziare le capacità immaginative degli alunni. Il giocare con la fantasia, permette: lo sviluppo di abilità di ascolto, attenzione e sintesi labitudine e la capacità di utilizzare tecniche di rilassamento per ridurre lo stress la creazione di un clima cooperativo ed amichevole di accrescere lautostima lo sviluppo di abilità verbali: la capacità di esprimere in modo chiaro aspetti dellesperienza personale e di interpretare questa esperienza in modo significativo e la capacità di dare risposte verbali a domande imprevedibili laumento del pensiero creativo e divergente la crescita dellautoconsapevolezza. Incremento della creatività e delle abilità artistiche Acquisizione di un più ampio repertorio di stili narrativi,lessico più ampio

17 Il vantaggio che la fantasia presenta rispetto ai processi di apprendimento più razionali, è che la sua efficacia non dipende dagli stadi normali di sviluppo intellettivo. La complessità dellesperienza di fantasia si svilupperà di pari passo con la maturazione emozionale oltre che intellettiva. Lutilizzo della fantasia in ambito emozionale o in quello dellapprendimento, può fornire i mezzi per esplorare e sviluppare le possibilità di ottenere una personalità complessa ed integrata. Lavorare con la fantasia, permette agli alunni di scoprire e condividere metafore significative e importanti. Vi è un mondo di esperienze accessibili a tutti e nel quale limmaginazione non ha limiti, che lalunno è libero di esplorare. MODALITA DI SVOLGIMENTO Ogni alunno si corica sulla propria coperta e viene invitato dalladulto a rilassarsi chiudendo gli occhi, ascoltando musica tranquilla……….. Linsegnante legge uno script di fantasia guidata Gli alunni sono invitati a fantasticare sul racconto I bambini si risvegliano e a turno possono riferire verbalmente la loro esperienza, le loro emozioni…… Rielaborazione verbale e disegno. Da APPRENDERE LA FANTASIA di Eric Hall – Carol Hall e Alison Leech Ed. Erickson

18 PHILOSOPHY FOR CHILDREN di Matthew Lipman Creazione di: clima di dialogo socratico nel cui contesto i bambini stessi individuano e approfondiscono i problemi che avvertono come più vicini alle proprie esperienze. La discussione in gruppo consente di superare il punto di vista individuale, di guardare ai problemi da più prospettive pre – conoscenze e pre – abilità che consentano ad ogni soggetto la progressiva e sempre più complessa interpretazione di vari aspetti della realtà che ci circonda dedicare particolare attenzione agli aspetti meta – cognitivi e meta – affettivi: cioè riflettere sul modo di apprendere e di comportarsi.

19 ATTIVITA Lettura e rielaborazione di favole per divertire, per prevenire, educare e curare. Storie di orsetti, scimmiette, castorini…..che permettano al b. di identificarsi con un personaggio di fantasia, e quindi di conoscere, capire e scoprire dei modi alternativi di vedere le cose e risolvere i problemi. I protagonisti delle favole hanno inizialmente un pensiero, un problema, un comportamento negativo o unemozione disturbata. Durante lo svolgimento della storia vengono aiutati a cambiare idea e a mettere in atto emozioni e comportamenti alternativi, in vista di nuove soluzioni. Attraverso le favole quindi il bambino impara a pensare, ad agire diversamente e a stare meglio a livello emotivo. Cambiare pensiero, vedere le cose diversamente si rivela utile infatti per evitare o mitigare o cambiare emozioni negative come rabbia, ansia…….in quanto IL NOSTRO MODO DI PENSARE HA UNA PRIMARIA INFLUENZA SUL NOSTRO MODO DI SENTIRE E DI COMPORTARCI. Non cè niente di buono o di cattivo, ma sono i nostri pensieri che lo rendono tale da Shakespeare, Hamlet,II,ii Bibliografia Insegnare filosofia di E. Ruffaldi ed. La Nuova Italia 1999 Con la testa fra le nuvole di R. Verità ed. Erikson

20 LOSSERVAZIONE A SCUOLA Partendo dalle teorie di Ester Bick losservazione diretta e partecipe è il metodo da privilegiare per osservare nel gruppo le dinamiche comunicative. Si parte dal presupposto che ogni bambino e ogni insegnante sono portatori di un universo di bisogni propri da soddisfare; che linsegnante si rapporta con tutto se stesso alla realtà globale del bambino e del gruppo classe e tale incontro avviene in uno spazio - tempo determinato che è lo spazio – tempo scolastico, cioè allinterno di una istituzione che ha le sue leggi, i suoi bisogni……Losservazione non può prescindere dal tener conto del bambino, del gruppo, dellinsegnante, dellistituzione e dei bisogni di ciascuno. Più dunque di una osservazione di ciascun elemento, è proficuo puntare lattenzione sulla relazione tra le diverse componenti come momento dinamico dellincontro. STRUMENTI UTILIZZATI PER LOSSERVAZIONE: INSEGNANTE/AMICO CRITICO QUADERNO DELLE OSSERVAZIONI QUADERNO DELLE VERBALIZZAZIONI DISCUSSIONI NEL GRUPPO DI LAVORO COME MOMENTI DI RICERC-AZIONE

21 LABORATORIO DI PSICOMOTRICITA ( metodo Acouturier ) Obiettivo generale Sviluppo contemporaneo e correlato delle capacità motorie, affettive e cognitive del bambino, attraverso il percorso: comunicazione – creatività - conoscenza. Area del piacere senso-motorio Attività motorie spontanee finalizzate a esperienze di piacere senso-motorio attraverso stimolazioni di tipo labirintico-vestibolari. Si caratterizzano per l'effetto di piacere che provoca nel bambino. Sono esperienze di: rotolamento, trascinamento, dondolio, caduta, salto Obiettivo dell'area: permettere e favorire l'esperienza di piacere senso-motorio come veicolo di apertura alla comunicazione. Area del gioco simbolico Attività di investimento simbolico su materiale educatore altri bambini Si caratterizzano per il legame (di forma, colore, dimensioni ecc.) esistente tra oggetto simbolizzato e oggetto simbolizzante e sono attività favorite alla presenza di materiale non strutturato. Obiettivo dell'area: sviluppare e dare spazio all'attività simbolica dei bambini come veicolo di espressione creativa della realtà interiore.

22 Area del distanziamento affettivo Attività di presa di distanza come: rappresentazioni plastiche rappresentazioni sonore con l'utilizzo di materiali strutturati come costruzioni, lavagne, tamburi. -In questo tipo di attività le cose e le persone riacquistano le loro caratteristiche fisiche e di ruolo o funzione (l'educatore non è più padre, madre, arbitro, vigile, ma se stesso e il legno è tale e non serpente o spada). -Obiettivo dell'area: aprire al bambino la strada del distanziamento affettivo dagli oggetti e dagli avvenimenti, condizione per l'accesso alla conoscenza

23 CONDIZIONI OPERATIVE Ruolo dell'educatore creatore dell'area attraverso l'accordo empatico col bambino. partner simbolico attraverso il proprio movimento e le proprie posture. riferimento di Legge attraverso l'uso delle regole. Utilizzo delle regole Oltre alle regole iniziali relative alla salvaguardia personale e alle condizioni ambientali (non ci si fa male; non si sale sulla scala... sui caloriferi...) l'introduzione di altre «regole» avviene mediante l'uso del materiale e del movimento ed è coerente con gli scopi del gioco e con l'attività del bambino. Modalità di verifica Registrazione scritta delle sedute con annotazione sia di ciò che si è osservato che di ciò che si è sentito emozionalmente durante l'attività. Confronto con gli altri educatori coinvolti nel lavoro.

24 LE FIABE Italo Calvino definisce la fiaba come una forza di realtà che interamente esplode in fantasia: è in grado quindi di parlare un linguaggio totale e permette ai bambini di documentare, formulare ed esprimere le loro interpretazioni del mondo nei diversi canali conoscitivi che riescono a gestire. Apparentemente inutile secondo Gianni Rodari la fiaba conserva un suo preciso valore di utilità nellesercizio della fantasia, facoltà capace di penetrare direttamente al cuore del reale e di abbattere le barriere convenzionali della comunicazione. E lecito dedicarsi anche al semplice piacere del racconto-ascolto di una fiaba sottraendosi per un attimo al ritmo produzione-consumo che sempre più caratterizza la nostra società e, di conseguenza, la nostra scuola. Sollecita, inoltre, la creatività, capacità tipica dellinfanzia che ha le sue regole, la sua struttura, la sua grammatica. Rodari ci insegna che si può giocare con le fiabe attraverso la costruzione di un ambiente fantastico, ma non per questo meno reale di ciò che ci circonda, parlando un linguaggio umoristico, creando personaggi ed eventi sempre diversi, modificando e, talvolta, stravolgendo la fiaba tradizionale e lasciando sempre aperto il finale di ogni racconto a molteplici soluzioni. Riprendendo uno slogan di Rodari bisogna dare tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo

25 Altro aspetto importante della fiaba è la sua funzione catartica intesa come ristrutturazione dei sentimenti, dei comportamenti e delle emozioni. Il bambino soddisfa così il bisogno di liberarsi dalle ansie e dai conflitti affrontando le paure spesso vissute nelle vicende dei protagonisti e filtrate in modo rassicurante da chi le racconta. La fiaba è in grado di aprire una finestra sul mondo delle emozioni da suscitare,conoscere e vivere anche attraverso la rappresentazione drammatica, da non confondere con le forme teatrali adultistiche e precostituite, come certe recite di fine anno in cui i bambini pronunciano meccanicamente battute imparate a memoria secondo un copione che intende annullare eventuali momenti di spontaneità. Il laboratorio teatrale come espressione corporea e ricerca insieme ai compagni della relazione più giusta è esperienza carica di potenzialità e valenze educative, in grado di parlare un linguaggio che abbraccia globalmente ogni aspetto dellindividuo

26 Bruno Bettelheim raccomanda una rivalutazione delle fiabe. L atemporalità delle fiabe, il loro situarsi nel paese delle fate, in una dimensione trasfigurata dove pericoli spaventosi minacciano leroe ma le difficoltà vengono superate, dove il male viene punito e la virtù riceve la sua ricompensa è uno dei loro massimi pregi. I personaggi che si muovono in questi scenari fantastici, sono figure archetipiche che incarnano le contraddittorie tendenze del bambino, i membri della sua cerchia familiare nei loro opposti aspetti, gli adulti del mondo esterno. Le situazioni delle fiabe, nel rispecchiare la visione magica e animistica che il bambino ha delle cose, i suoi stupori, i suoi terrori, i suoi desideri impossibili, esorcizzano incubi sepolti nellinconscio, placano inquietudini, aiutano a superare insicurezze e crisi esistenziali, ad accettare responsabilità, e mettono il bambino di fronte alle reali difficoltà dellesistenza con un linguaggio non realistico, che è lunico da lui pienamente recepibile a livello profondo.

27 Il laboratorio teatrale è stato pensato per rispondere ai bisogni di: giocare immaginare scoprire e inventare nuovi linguaggi gestire stati conflittuali o ansiosi Ogni fiaba deve dare al bambino la possibilità di esprimere se stesso attraverso: - espressione corporea: movimenti liberi o preordinati, improvvisazione di gruppo con testo o senza testo, con musica o senza musica. - espressione verbale: analisi dei personaggi, del ruolo che hanno nella storia e delle loro emozioni. -espressione grafica-pittorica: rappresentazione grafica libera o guidata (dipingiamo la nostra paura, il mago triste, un nuovo finale per la storia, diamo un colore alle emozioni…

28 GIOCHI EMOTIVI I giochi proposti in questa sessione, vogliono stimolare i bambini a una maggiore consapevolezza di sé, delle proprie sensazioni fisiche come di quelle emotive, e del rapporto stretto che esiste tra di loro. Si tratta di canalizzare energie,sensazioni sia positive(gioia,affetto…) che negative (paura, tristezza aggressività…) in ambito in cui possano essere liberamente sperimentate e riferite agli altri. Questi giochi partono dal vissuto corporeo per giungere ad una maggiore consapevolezza di sé e dellaltro in tutte le sue componenti affettive ed emotive. Sono importanti per sperimentare fiducia nellaltro, imparare a collaborare e a canalizzare laggressività che in questo modo perde il suo carattere distruttivo. E importante, al termine di ogni incontro, verbalizzare lesperienza effettuata, dare spazio a ciascuno per parlare delle proprie emozioni, paure, sentimenti e ampliare il proprio linguaggio emotivo.


Scaricare ppt "LEDUCAZIONE EMOTIVA: RIFERIMENTI TEORICI LA CRESCITA E LO SVILUPPO DELLA MENTE E DELLA PERSONALITA SONO POSSIBILI SOLO ALLINTERNO DI UNA RELAZIONE. Mediante."

Presentazioni simili


Annunci Google