La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Relazione annuale 2013 Repubblica Democratica del Congo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Relazione annuale 2013 Repubblica Democratica del Congo."— Transcript della presentazione:

1 Relazione annuale 2013 Repubblica Democratica del Congo

2 Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri sforzi?....Abbiamo il coraggio di verificare quello che stiamo facendo o no? Per noi e per gli altri. Perché con tante energie che si sono poste a disposizione in tanti Paesi, la vostra è una tra i tanti tentativi che si fanno, si è generato più sviluppo? O sono meno in grado di essere se stessi e hanno sempre più bisogno delle briciole che portiamo loro?” (Assemblea AVSI dicembre 2011, Julian Carron, Presidente Fraternità Comunione e Liberazione) Questa sollecitazione di don Carron sta generando una serie di riflessioni sul lavoro che svolgiamo, progetti di sviluppo, e sulla sua utilità. Ci sembra decisivo affrontare queste domande anche rispetto al programma sostegno a distanza. Tanti anni di lavoro e di storie: distribuzione di briciole o cura di soggetti che oggi sono diventati giovani adulti presenti nelle loro comunità? Il pensiero va alle migliaia di bambini, ormai cresciuti, che sono stati sostenuti da famiglie italiane nel tempo. Oltre hanno terminato il percorso, oltre compresi gli attuali e i progetti speciali. Cosa ne è oggi di loro? Quale è stato l’esito del rapporto con loro? Ogni tanto succedono cose sorprendenti che ci fanno scoprire che i semi gettati hanno dato frutto, e che ci sono storie di bambini, ormai adulti che evidenziano come il sostegno a distanza sia stato decisivo. Un aiuto con cifre contenute, ma costanti nel tempo, che ha cambiato la vita di molti, rendendola allora dignitosa e oggi incidente nella realtà di appartenenza. Come quel giovane ugandese che ci ha contattato, perché ora che ha un lavoro stabile e importante in una banca, desidera impegnarsi a sostenere un bambino del suo Paese per dargli la stessa opportunità che a lui ha dato una famiglia Italiana. O i giovani rumeni che in agosto ’13 sono venuti in Italia, al Meeting di Rimini, a presentare le loro abilità nel produrre mosaici dopo una vita così difficile che hanno potuto affrontare con il sostegno di famiglie italiane. Oggi, loro che sembravano destinati alla sopravvivenza nella marginalità, lavorano in una impresa sociale. Per andare a fondo della domanda sull’utilità del nostro lavoro e del sostegno a distanza, abbiamo pensato di fare non analisi, ma di cercare i ragazzi ormai cresciuti e raccontare le loro storie, e vedere insieme a voi se il nostro supporto ha lasciato un segno.

3 La scuola e la formazione professionale Lavoriamo con gli insegnanti e i direttori per migliorare la qualità dell’educazione e con le famiglie per creare un ambiente che valorizzi l’impegno dei bambini. Organizziamo per i ragazzi corsi di formazione professionale, per permettere a tutti di trovare la propria strada, di sviluppare capacità pratiche e costruire con le proprie mani la speranza di un futuro più bello. A volte poi a un bambino basta anche solo un po’ di incoraggiamento, dalla famiglia, dall’assistente sociale, o da un amico in Italia a cui dimostrare che la sua fiducia era proprio ben riposta! Il SAD per…

4 Yvonne ora é una giovane donna e madre di vent’anni, la andiamo spesso a trovare nella scuola dove lavora e incontrarla é sempre un piacere. Quando AVSI ha conosciuto Yvonne per la prima volta, lei aveva soltanto dieci anni e a fatica riusciva a frequentare la scuola. Yvonne era infatti orfana di padre, ucciso durante un’imboscata mentre tornava dalla scuola dove insegnava. Grazie al Sostegno a Distanza e ad un padrino in Italia,ha potuto studiare in serenità e gli assistenti sociali sono stati vicini alla famiglia perché recuperasse un po’ di speranza e di fiducia, nonostante le difficoltà. Yvonne si é dimostrata essere uno’ittima studentessa, motivata e curiosa. Arrivata a metà del suo percorso di studi secondari, tuttavia, la giovane é rimasta incinta. Spesso in Congo le ragazze come Yvonne vengono cacciate da scuola e trovare un’istituto che le accolga é molto difficile. Ma Yvonne non si é lasciata sopraffare. Ha comunicato all’assistente sociale che avrebbe continuato gli studi a non importava a quale costo, ha convinto la madre a darle una mano con il bambino e dimostrato al direttore della scuola che poteva farcela. E Yvonne ce l’ha fatta. Studentessa durante il giorno, madre alla sera, é riuscita con tanta volontà a arrivare in Sesta e a superare, unica della sua classe, il difficile Esame di Stato di fine ciclo secondario. Tutti sono stati davvero stupiti e orgogliosi di lei, al punto che la scuola dove aveva ottenuto il suo diploma le ha proposto un lavoro come insegnante. Yvonne ora è una giovane madre e allo stesso tempo l’insegnante di Matematica, Biologia e Chimica presso la sesta classe dell’Istituto Secondario di Rugari. É bellissimo quello che questa ex bambina SAD è riuscita a fare con tanta volontà, impegno e la giusta dose di sostegno materiale e morale su cui ogni ragazza e ragazzo meriterebbero di poter contare. Yvonne e il suo bambino Yvonne mentre fa lezione Il SAD per… Yvonne

5 Le attività ricreative In un Paese come la RDC l’infanzia dura molto poco e spesso non comincia mai. Lo staff AVSI organizza attività ricreative, centri estivi, gite e tante avventure per i bambini e i ragazzi, perché possano esprimersi nel gioco, conoscersi e imparare in modo alternativo gli uni dagli altri. Il SAD per… Un’escursione sul Lago Tanganika Una partita tra le colline di Uvira Insieme é anche più facile capire cosa sia la condivisione e la solidarietà, quella che possiamo offrire agli altri e quella che ci dimostra chi, anche dall’altra parte del mondo, pensa a noi. E in ogni disegno, ogni fotografia, ogni letterina, c’é tutto l’orgoglio dei bimbi nel sapersi seguiti e la voglia di ringraziare per tutto quello che viene fatto per loro.

6 Lavorare con le famiglie ogni giorno, tutti i giorni Siamo a fianco delle famiglie, nei villaggi e nei quartieri per aiutarle a trovare le risorse e il coraggio per reagire alle difficoltà di ogni giorno. Il SAD organizza momenti di sensibilizzazione e scambio, perché le famiglie si incontrino e possano imparare l’una dalle altre che la strada percorsa insieme é più breve. I genitori e i tutori dei bambini sono coinvolti nelle dimostrazioni sull’igiene e la nutrizione per migliorare la salute delle loro famiglie. Partecipano ai dibattiti, alle attività ricreative, agli incontri con le scuole, ai corsi di alfabetizzazione e di formazione professionale, trovando sempre nuovi modi per crescere, insieme ai loro bambini. Il SAD per…

7 Questa é la mamma di Divine. La donna é rimasta sola con 12 figli, senza nessuna risorsa per sopravvivere. Nel corso di una visita domiciliare ci siamo resi conto che diversi tra i bambini erano malnutriti. Abbiamo cominciato con i piccoli un ciclo di cure specialistiche presso il Centro di Salute Nutrizionale e con la mamma sensibilizzazioni sull’igiene alimentare e un piccolo progetto di supporto a un’attività generatrice di reddito. Ora Divine e i fratellini stanno bene e la mamma riesce a occuparsi della famiglia vendendo arachidi, manioca e coltivando mais. Il SAD per… Divine

8 Alice e Aziza Qui a sinistra invece potete vedere le famiglie di Aziza e di Alice davanti alle loro case. La casa é simbolo della dignità della famiglia, un luogo protetto in cui ogni bambino dovrebbe sentirsi al sicuro, non importa quanto modesta la struttura sia. Lo sanno bene i genitori di Aziza e Alice, le quali proprio in classe non riuscivano a tenere gli occhi aperti, a concentrarsi. Le notti passate dai vicini aspettando che l’acqua smettesse di bagnare i loro sogni erano lunghe e faticose. Grazie al SAD e all’impegno dei genitori ora la casa di queste due famiglie é riabilitata e Aziza e Alice possono dormire sonni tranquilli Alice e la sua famiglia La nuova casa di Aziza

9 Aiutare le comunità ad aiutare sé stesse Gli assistenti sociali lavorano con i direttori scolastici, con le autorità sanitarie, con le parrocchie, con le associazioni dei genitori, con la comunità di base, con i capo villaggio e le autorità amministrative locali. L’obiettivo é di aiutare le comunità a costruire un ambiente positivo, protetto e sereno perché il benessere di ogni bambino é un impegno di ciascuno e di tutti. Anche Il SAD é un bell’esempio di cosa possano fare le persone per le persone e di come sia facile diventare una sola, piccola, ma speciale comunità, anche a migliaia di kilometri di distanza. Il SAD per…

10 Capire insieme a modo nostro In RDC la guerra, la violenza e l’insicurezza hanno spinto e continuano a spingere decine di migliaia di famiglie a fuggire dai propri villaggi, cercando rifugio nei campi sfollati o nei quartieri periferici delle grandi città. Alcune rientrano dopo poche settimane, altre non rientrano mai più. Tutto ciò crea una condizione di sfibramento della struttura sociale tradizionale del villaggio, delle comunità. I bambini devono convivere con una situazione costante di instabilità affettiva, di fluidità dei legami famigliari e di amicizia, di senso di perdita e abbandono, nell’estraneità di un ambiente sociale che cambia in continuazione. La carta di auguri che voi sostenitori riceverete questo Natale é il risultato di un percorso fatto insieme ai bambini, alle scuole e alle comunità, durante tutto l’anno. L’obiettivo era quello di riflettere tutti insieme sul valore della comunità, sull’appoggio che le persone che ci stanno accanto possono darci anche se casa é lontana, o distrutta o abbandonata, anche se nel quartiere i vicini vengono da posti sconosciuti e raccontano la guerra e la sua sofferenza. Abbiamo organizzato sensibilizzazioni con i bambini e i genitori, escursioni per vedere i luoghi più rappresentativi e belli dei villaggi e dei quartieri, invitato a parlare con le famiglie le persone che attraverso il loro impegno ed esempio hanno contribuito a rendere la comunità dei nostri bambini e ragazzi migliore ognuno secondo le proprie possibilità. Nei disegni che vi raggiungeranno in Italia i bambini hanno voluto mostrarvi i loro villaggi di origine o quelli di accoglienza, di come la comunità regola i conflitti perché la pace torni a regnare, di come i vicini e gli amici abbiano sostenuto la famiglia nei momenti più difficili, ma anche quelli più belli. Tanti bambini hanno voluto disegnare per voi i loro amici o compagni di scuola, i posti dove amano andare a giocare, la loro scuola, la loro chiesa o la loro casa. Abbiamo fatto scegliere ai bambini, quando la situazione di sicurezza lo ha permesso, le persone o i luoghi dove avrebbero voluto essere fotografati. Infine, tanti bambini e ragazzi hanno disegnato scene di violenza, villaggi in fiamme, armi, soldati e bombe e sentirli descrivere i loro disegni ai compagni, agli insegnanti e ai genitori presenti é stato un momento toccante e profondo, che non vi vogliamo nascondere. Tuttavia, attraverso questo percorso speriamo di essere riusciti a mostrare ai bambini che non sono soli, che condividono con tanti altri bambini l’alienazione che li circonda, ma anche che non importa dove si trovino o con chi, l’importante é di rapportarsi agli altri con rispetto, comprensione e disponibilità, perché soltanto così potranno trovare una casa ovunque vadano. Lo Staff AVSI RDC vi ringrazia come sempre per il prezioso sostegno che continuate a darci e augura a voi tutti, alla congolese, Joyeux Noel et Bonane! Il SAD per…

11 Fondazione AVSI Telefono AVSI è una FONDAZIONE ONLUS - ONG idonea DM n del 5 luglio Codice Fiscale Contatti Per tutte le vostre lettere, foto, saluti potete scriverci al seguente indirizzo: AVSI CONGO (GOMA RDC) BP 4598 Kigali RWANDA Per tutte le vostre lettere, foto, saluti potete scriverci al seguente indirizzo: AVSI CONGO (GOMA RDC) BP 4598 Kigali RWANDA

12


Scaricare ppt "Relazione annuale 2013 Repubblica Democratica del Congo."

Presentazioni simili


Annunci Google