La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Dindue Com. 2 Sessione due Interagire,comunicare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Dindue Com. 2 Sessione due Interagire,comunicare."— Transcript della presentazione:

1 1 Dindue Com

2 2 Sessione due Interagire,comunicare

3 3 Il vuoto

4 4 La musica del silenzio Ho fatto la mia passeggiate quotidiana alle 4 del pomeriggio a -32 gradi. Mi sono fermato ad ascoltare il silenzio. Ecco quello che nasceva dal silenzio: un ritmo pacato, il suono di un accordo perfetto, la musica di sfere superiori. Era il sentimento che trascendeva la ragione, che giungeva al cuore della disperazione umana per scoprirla del tutto infondata. Bird, 1934

5 5 Paura di volare? Paura del vuoto Percezione della discontinuità del pensare Dov’è la concentrazione? Rinvio dell’interiorità Produttività del tempo “perso” Isolamento Angoscia

6 6 ENTRARE IN CONTATTO Il fatto di poter entrare in contatto con i propri pensieri e sentimenti più intimi e di avere il tempo di riorganizzarli in nuove combinazioni e schemi rappresenta un aspetto importante del processo creativo, mentre contribuisce ad alleggerire le tensioni e favorisce la salute psichica. Anthony Storr

7 7 Oltre il caos Perdita di sensibilità nel caos sonoro, visivo, tattile, sensoriale “Il frastuono presente” (Storr) La difficoltà di “superare l’immagine” Cercare l’identità personale?

8 8 IL Narciso sonoro Voci Rumori, flussi, espressioni, calore Colore e soprattutto MUSICA

9 9 POI COMINCI A CAPIRE Poi cominci a capire qualcosa. Il suo silenzio non era una posa. Era il suo modo di essere se stesso. E pensai: Si impara ad essere silenziosi e sorridenti in quel modo quando si hanno milioni di persone che ti guardano con amore e passione, mentre ti prepari da solo a fare qualcosa di grande. M su Joe (e il caso “volley”)

10 10 Comportamenti comunicativi Difesa provocata da Accettazione provocata da 1. Valutazione 1. Descrizione 2. Controllo 2. Orientazione al problema 3. Strategia 3. Spontaneità 4. Neutralità 4. Empatia 5. Superiorità 5. Eguaglianza 6. Certezza 6. Provvisorietà I comportamenti INTER-FERISCONO

11 11 Nella prima lezione ABBIAMO PARLATO DI UN LABORATORIO Dimensioni dell’apprendimento L’attenzione I processi di sviluppo Il caos e gli attrattori Lo specchio La motivazione Individuo gruppale?

12 12 La frantumazione Nel mondo moderno sta lentamente scomparen- do l’abitudine all’argomentazione e alla dimostrazione. Prevale una forma di pensiero fatto di osservazioni puntuali e di conclusioni affrettate: il pensiero frantumato. Francesco Alberoni

13 13 La fatica del comunicare Quando il mondo è morto … il paziente deve trovare il modo di connettere al mondo morto la psiche del sogno e il sentimento, in modo da rianimarlo. Che stress, che fatica vivere in un cimitero! Che terribile forza di volontà ci vuole. Certo che poi casco preda delle ideologie e dei culti che alleggeriscono il peso di questa sog- gettività. James Hillman

14 14 I fattori del quoziente emotivo La consapevolezza emotiva L’autovalutazione La fiducia in se stessi

15 15 Bisogni primari Emulazione: volere almeno quanto gli altri Competizione: concorrere al gioco Istinto sessuale: desiderio di accentuare virilità/femminilità, migliorare il proprio aspetto Istinto sociale: istinto gregario, socievolezza, relazioni, famiglia, amicizie, contatti Istinto di conservazione: vita, salute, paura di invecchiare Curiosità: bisogno di conoscere, sperimentare Comodità: riposo, pigrizia, tempo libero Sicurezza: protezione contro i rischi, dolore, paura

16 16 Curva e fasi di apprendimento Apprendimento FASI 1 2 Introduzione Elaborazione Sviluppo Competenza Expertise

17 17 Il cardine Ecco un paragone: una porta si apre e si chiude intorno a un cardine. Io paragono la tavola della porta all’uomo esteriore e il cardine all’uomo interiore. Ora, secondo che la porta si apra e si chiuda la tavola si muove di qui e di là; tuttavia il cardine permane al suo posto e non cambia mai. Meister Eckhart

18 18 La stella del comunicare (dove sta il cardine?) Scopo Metodi Contenuto Comunicatore (mittente) Comunicante (recettore) Situazione

19 19 Quando? “FACEMO BENE ADESO CH’AVEMO TEMPO” Fra’ Albenzio

20 20 Che farsene del presente? Kairòs rappresenta il momento in corso, in cui accade qualcosa mentre il tempo scorre. Kairòs è un momento in cui si presenta una possibilità in cui gli eventi richiedono e sono favorevoli ad una azione, all’atto, al desiderio, al ricordo. David Stern

21 21 L’immagine al centro Pensare e ricordare vuol dire associare agli automatismi cerebrali un’immagine richiamata dall’Io. L’immagine è al centro del pensiero e della coscienza. Paul Chauchard

22 22

23 23 Il caso Astolfo Ha bisogno di essere descritto……. Chi è Di che mondo e gruppo fa parte Che stile di apprendimento pratica Etc, etc. (Proviamoci)

24 24 La comunicazione sarebbe uno scambio interattivo osservabile fra due o più partecipanti, dotato di un grado di consapevolezza e di intenzionalità reciproca, in grado di far condividere un percorso di significati sulla base di sistemi convenzionali secondo la cultura di riferimento. Luigi Anolli

25 25 Stile di comunicazione Basso Alto Basso Alto Dire Vendere Collaborare Controllo sul contenuto Coinvolgimento interlocutore Consultare

26 26 4 discorsi ad Astolfo Dire: informarlo Vendere: convincerlo Consultare: suggerirgli che… Collaborare: per una sua iniziativa

27 27 Gli stili di apprendimento Esperienza Concreta Osservazione Riflessiva Sperimentazione Attiva Concettualizzazione Astratta

28 28 QUESTIONARIO Descriversi con gli indicatori Compilate il foglio di esercitazioni In OGNI RIGA da 1 a 4 4 vi descrive molto 3 meno 2 ancora meno 1 vi descrive poco o nulla


Scaricare ppt "1 Dindue Com. 2 Sessione due Interagire,comunicare."

Presentazioni simili


Annunci Google