La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’evoluzione delle Pubbliche Amministrazioni in Italia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’evoluzione delle Pubbliche Amministrazioni in Italia."— Transcript della presentazione:

1 L’evoluzione delle Pubbliche Amministrazioni in Italia

2 L’evoluzione delle strutture La riorganizzazione di Cavour dello Stato Sabaudo (1853) Uniformità apparati centrali (ministeri) Verticalizzazione delle responsabilità (ministro) Gerarchia: segretario generale interfaccia tra ministro e apparato

3 L’evoluzione delle strutture 1865: provincia, circondario, mandamento, comune; prefetto 1869: ragioneria generale dello Stato 1877: ministero del Tesoro 1888: istituzione dei sottosegretari Fin dal 1861 si discute dei pochi poteri della Presidenza del Consiglio….si arriva al 1988!

4 L’evoluzione delle strutture Tra il 1900 e il 1930, introduzione di due nuove forme organizzative Azienda autonoma (es. azienda gestione Ferrovie; ISTAT e ACI introdotte da Mussolini) Ente pubblico (INA; ANAS introdotta da Mussolini) FUGA DALLO STATO 1980: enti pubblici

5 L’evoluzione delle strutture Tra il 1930 e il 1970 si consolidano le AMMINISTRAZIONI PARALLELE Espansione Welfare State e dirigismo di Stato Anni ‘30: IMI e IRI; INFAIL (poi INAIL) e INFPS (poi INPS)

6 L’evoluzione delle strutture Il fascismo fondò la struttura del welfare italiano, innalzando anche quei pilastri istituzionali sui quali la Repubblica avrebbe edificato il proprio interventismo sociale

7 L’evoluzione delle strutture Art. 97 Costituzione: concepisce le PA come apparati esecutivi e neutrali Anni 50-60: Cassa per il Mezzogiorno; Eni (1953); Enel (1963) Esplode il PLURALISMO ORGANIZZATIVO e, accanto da esso, vengono istituiti nuovi ministeri (es. Bilancio e Partecipazioni Statali)

8 L’evoluzione delle strutture Anni ‘70: prima regionalizzazione. Tentativo di limitare espansione apparati trami decentramento, fu un FALLIMENTO. 1974: CONSOB, Prima AI 1978: SSN

9 L’evoluzione delle strutture : Riforma permanente Privatizzazione/destatizzazione Decentramento Riforma apparati centrali Riforma del pubblico impiego

10 L’evoluzione delle strutture 1993: abolizione del Ministero delle Partecipazioni Statali e della Cassa per il Mezzogiorno Potenziamento del decentramento amministrativo Enti locali, leggi Bassanini, Titolo V, costi standard

11 L’evoluzione delle funzioni 1.Regolazione 2.Produzione di beni collettivi 3.Controllo, consulenza e funzioni strumentali

12 L’evoluzione delle funzioni Inizialmente lo stato produce quasi soltanto POLITICHE REGOLATIVE Lo Stato costruisce l’ordine sociale tramite diverse regolazioni: 1.Difesa 2.Ordine interno 3.Estrazione di risorse tramite le imposte

13 L’evoluzione delle funzioni : la regolazione si espande per sopperire ad una società e ad una economia deboli. Si espande anche l’interventismo diretto dello Stato Dal 1930 al 1970 si passa direttamente alla gestione e produzione di beni e servizi, cui continua ad affiancarsi la regolazione (fiere, lirica, tutto è disciplinato dalla legge)

14 L’evoluzione delle funzioni Dal 1933 al 1986 l’Alfa Romeo appartiene allo Stato. Dal 1934 alla fine degli anni ’80 l’Ilva/Italsider è pubblica SME (Società Meridionale Finanziaria), anni ‘60. Comprendeva tra l’altro: Cirio, Motta, Supermercati GS, Autogrill

15 L’evoluzione delle funzioni Anni ‘90: espansione della regolazione e produzione diretta entrano in crisi. L’Italia inizia ad abbracciare le nuove tendenze tipiche delle PA contemporanee.

16 L’evoluzione del personale Dipendenti dei Ministeri inclusi insegnanti e militari ( )

17 L’evoluzione del personale Ministeri, agenzie e presidenza Aziende autonome Scuola e AFAM Corpi di polizia Forze Armate Magistrati, diplomatici, prefetti Enti pubblici non economici Regioni e ed enti locali SSN Università Enti di ricerca Totale

18 Percentuale dipendenti pubblici sugli occupati (OCSE, 2008)

19 Carriere, reclutamento, status Fino al ‘900: fine piemontesizzazione, introduzione concorso, requisito laurea per posizione apicali, aumento competenze tecniche : Statuto e riforma De Stefani (gerarchizzazione, 13 gradi e 3 carriere distinte) MERIDIONALIZZAZIONE: solo negli apparati centrali SINDACALIZZAZIONE GIURIDICIZZAZIONE: domina la conformità alla legge

20 Carriere, reclutamento, status : nessuna cesura tra fascismo e Repubblica, se non in termini esteriori e formali : il primo passo verso la contrattualizzazione portò a ben 20 contratti di settore. L. 93/1983: legge-quadro che produce un confusionario mix tra privato e pubblico. Né MOBILITA’ né PRODUTTIVITA’

21 Carriere, reclutamento, status Nei primi anni ‘70 si introdusse anche la dirigenza statale : d.lgs. 29/1993, produce la PRIVATIZZAZIONE DEL PUBBLICO IMPIEGO Omogeneità nel rapporto di lavoro tra i dipendenti Distinzione tra competenze dirigenziali e quelle di indirizzo politico Creazione dell’agenzia negoziale per le PA Contratti hanno modificato in radice il sistema: (es. quota stipendio attribuita in base a valutazione, premi produttività)

22 Carriere, reclutamento, status : la riforma Brunetta tende a limitare la contrattualizzazione, ricentralizzando i rapporti di lavoro. RILEGIFICAZIONE Valutazione performance da parte di un organismo esterno Valutazione annuale da parte dei dirigenti in base a criteri predeterminati Rigida ripartizione del salario aggiuntivo in base alle valutazioni Controllo della contrattazione integrativa (decentrata, ovvero fatta nelle singole PA)

23 L’evoluzione dei processi decisionali Il processo decisionale avanza anche attraverso l’interazione con organismi preposti al rilascio di pareri ed essendo sottoposto a molti controlli. Corte dei Conti (1862): controllo legittimità atti governativi Ragioneria generale (1869): controllo del comportamento finanziario delle PA centrali Consiglio di Stato (1865 e 1889): consulenza per le PA e luogo di tutela degli interessi legittimi dei cittadini

24 L’evoluzione dei processi decisionali Esiti: 1.Pesante sistema di controlli 2.Prevalenza interessa PA su diritti dei cittadini 3.Lentezza complessiva dei processi decisionali Tutto ciò venne rafforzato tra il 1900 e il 1930

25 L’evoluzione dei processi decisionali Fino agli anni ‘90: legalismo persistente che non garantiva responsabilizzazione, trasparenza e neppure tutela del principio di legalità : l.241/1990 Accesso agli atti Responsabilità e trasparenza Tempi processi decisionali Conferenza dei Servizi (utile ad acquisire velocemente atti, nulla osta, permessi)

26 L’evoluzione dei processi decisionali 1994: riforma della Corte dei Conti con una riduzione delle materie oggetto di controllo preventivo Introduzione URP e Carta dei servizi (governo Ciampi ) Contro: in alcuni casi la riduzione dei controlli preventivi e dei controlli esterni di merito ha reso alcune PA quasi indipendenti e, in fin dei conti, irresponsabili


Scaricare ppt "L’evoluzione delle Pubbliche Amministrazioni in Italia."

Presentazioni simili


Annunci Google