La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

“SEPSI NEONATALE” Journal Club, 05/02/2013 Dott.ssa Martina Casucci.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "“SEPSI NEONATALE” Journal Club, 05/02/2013 Dott.ssa Martina Casucci."— Transcript della presentazione:

1 “SEPSI NEONATALE” Journal Club, 05/02/2013 Dott.ssa Martina Casucci

2 Definizione (tempo di insorgenza) Very early onset: insorgenza nelle prime 12 ore di vita Early onset: insorgenza nelle prime 72 ore di vita Late onset: insorgenza dopo 72 ore di vita Definizione eziologica Batterica Virale Fungina “Neonatology”

3 Sepsi batterica Microbiologica: isolamento del microrganismo da coltura ematica, neonato con segni di infezione e/o alterazione dei parametri laboratoristici Clinica: neonato con evidenti segni di infezione ma emocoltura negativa “Neonatology”

4 Sepsi batterica Gram +: Staphylococco aureus, enterococchi, GBS Gram -: E. Coli, Klesbiella, Serratia, Pseudomonas Anaerobi: Clostridium perfringens, Bacteroides fragilis

5 Sepsi virale Enterovirus, VRS, Rotavirus, CMV, Adenovirus, Parainfluenza virus, HSV, Rhinovirus, Rubella, polio virus, echo virus etc.. Sepsi fungina C. Albicans, C. Parapsilosis, C. Glabrata, Malassezia furfur etc..

6 Modalità di trasmissione EARLY ONSET: trasmissione VERTICALE Corionamniositi Organismi residenti nel tratto genitourinario materno (E. Coli, GBS). Mortalità: 10-50%

7 LATE ONSET: trasmissione ORIZZONTALE o NOSOCOMIALE. Pulizia delle mani del personale e dei genitori Acqua dei circuiti di ventilazione Pulizia di incubatrici Strumenti chirurgici Stetoscopi contaminati Traumatismi ripetuti (intubazione) CVC) Mortalità: 10-20% Modalità di trasmissione

8 Fattori di rischio Materni Estrinseci Intrinseci “Neonatology”

9 Fattori di rischio materni PROM>18 ore Amnionite Colonizzazione del tratto genitourinario Infezioni materne Procedure ostetriche invasive (amnio e villocentesi) Basso livello socio-economico

10 Fattori di rischio estrinseci Colonizzazione delle mucose neonatali (tratto respiratorio e gastrointestinale) Procedure invasive (cateterismi, intubazioni, nutrizione parenterale, drenaggi, aspirazioni) Farmaci (CSC, antibioticoterapie prolungate) Allattamento formulato Scarsa igiene

11 Fattori di rischio intrinseci Peso alla nascita EG Condizioni patologiche (asfissia, ittero, PDA; malformazioni, malattie metaboliche, basso indice di Apgar, sindrome da aspirazione di meconio, immaturi) Immaturità del sistema immunitario neonatale

12 Sistema immunitario neonatale Durante la vita intrauterina ambiente germ free Sistema immunitario neonatale è immaturo!! Ridotta efficienza della barriera meccanica cutanea e mucosa (epidermide sottile e vulnerabile, mucosa intestinale più permeabile ai germi, minore attività delle ciglia vibratili del’apparato respiratorio, carenza di IgA e IgM secretorie

13 Quindi… Maggiore incidenza e gravità delle infezioni da parte di batteri patogeni e saprofiti Aumentata facilità di cronicizzazione delle infezioni virali Ridotta risposta infiammatoria generale con (febbre) e locale, con difficoltà a circoscrivere i focolai d’infezione

14 Manifestazioni Cliniche GENERALI: ipotermia, febbre, difficoltà di alimentazione GASTOINTESTINALI: anoressia, vomito, diarrea, distensione addominale, epatomegalia APP. RESPIRATORIO: cianosi, tachipnea, dispnea, apnea, distress respiratorio APP. CARDIOVASCOLARE: pallore, tachicardia, bradicardia, ipotensione

15 SNC: irritabilità, letargia,tremori, convulsioni, iporeflessia, ipotonia, fontanella pulsante, respirazione irregolare SANGUE: petecchie, porpora, splenomegalia, pallore, ittero, piastrinopenia e sanguinamento TRATTO URINARIO: oliguria Manifestazioni Cliniche

16 Pretermine (≤1500 gr; <33W) Gen 2006/Dic 2011 n=209 Gruppo 1: settici con colture positive e antibioticoterapia (n=20) Gruppo 2:controlli Conclusioni: FC media 24 h prima della presentazione di segni e/o sintomi clinici era di 171 bpm (G1) vs 147 bpm (G2)

17

18 OPS: tecnica di immagine spettrale a polarizzazione ortogonale

19 68% flusso ridotto 24 ore prima del’aumento di PCR vs controlli

20 Diagnosi Indagini microbiologiche: o Emocoltura o Urinocoltura, Tamponi di superficie (faringeo, nasale, rettale, auricolare) o Esame del liquor Indagini ematologiche: o Emocromo con formula leucocitaria o PCR o VES o Procalcitonina Indagini molecolari: o PCR per ricerca virus, batteri, miceti

21

22 Early fase Mid fase Late fase

23 Terapia Terapia antibiotica empirica Ampicillina-Sulbactam Infezioni lievi moderate< 7gg 50 mg/kg/ogni 12h >7 gg 75 mg/kg/ogni 12 h Infezioni gravi <7 giorni mg/kg/ogni 12 h >7 giorni mg/kg/ogni 6-8 h + Gentamicina (4-5 mg/kg/die) Cefalosporine di terza generazione, ceftazidime mg/kg/die Oxacillina (25-50 mg/kg) + aminoglicoside per sepsi late onset Carbapenemici: in caso di resistenza ai betalattamici o in caso di infezioni particolarmente severe o germi come (Pseudomonas, Haemofilus influenzae); Meropenem mg/kg

24 Durata 10 giorni per sepsi da Gram+ 2-6 settimane per sepsi da Gram- In caso di scarsa risposta alla terapia antibiotica: Immunoglobuline ev: 500 mg/kg/die da 1 a 5 giorni

25 Grazie!!


Scaricare ppt "“SEPSI NEONATALE” Journal Club, 05/02/2013 Dott.ssa Martina Casucci."

Presentazioni simili


Annunci Google